18
Ott 2004
ore 13:56

La professione del cuoco

< >

Sono quindici, ragazze e ragazzi tra i 18 e i 28 anni, i nuovi partecipanti al corso di "professione cuoco" alla città del gusto.
Metà sono laureati o iscritti all'università che dopo un passaggio più o meno lungo per le aule universitarie entrano in cucina con l'obiettivo e il sogno di diventare cuochi.
Dieci anni fa tutto questo sarebbe stato impensabile.
Forse, se anche i corsi statali e regionali diventassero vere scuole di preparazione alla professione, la nostra cucina farebbe un grande salto di qualità.

commenti 24

INTERESSANTE, BELLISSIMA IDEA!!!!

ma quanto costano questi corsi????
ma chi potrà permetterseli????

credo, logicamente, solo quei bravi universitari con i papà tanto generosi!!!(che rappresentano il vs. target di "clienti" - i soli a poter permettersi di pagare cifre astronomiche -).
Noi, felici e contenti, continueremo a lavorare come lavapiatti nei ristoranti del centro, sperando di apprendere un po' di segreti nelle cucine per portarceli un domani con noi nelle lande desolate di qualche sperduto paese dell'est!

Dieci anni fa tutto questo sarebbe stato impensabile????
Dieci anni dopo, per me, lo è ancora!!!!!

Grazie

cuoco triste

18 Ott 2004 | ore 14:17

Dimenticavo:
speriamo che l'idea/speranza del direttore ( "se anche i corsi statali e regionali diventassero vere scuole di preparazione alla professione" ) un giorno si concretizzerà davvero!!!
Sarebbe l'unica possibilità per noi poveri (ma felici) "figli di nessuno"........

18 Ott 2004 | ore 14:24

bravi! bravi! bravi!

peccato che per noi, giovani cuochi di professione, non venga mai in mente a nessuno di fare qualcosa di speciale.
io, per farmi un po' di spalle( e di palle) sono dovuta andare all'estero, lavorare con degli chef che mi hanno presa a calci in culo e umiliata fino alle lagrime, ho dovuto studiare per apprendere lingue a me totalmente sconosciute e sono costretta a comprare libri, a volte incomprensibili, per dovermi aggiornare...
lavoro a doppio turno e sogno ancora di finire legge che ho lasciato a otto esami dalla laurea per seguire la passione dei fornelli e di tutto ciò che è legato al cibo e alla sua elaborazione.

ben vengano i corsi" premio", costosi o non per chi non sa che fare della sua vita, nemmeno dopo aver studiato...

cheffina

19 Ott 2004 | ore 21:42

credo di aver postato con un nome non mio...
comunque mi rifirmo
la cheffina

19 Ott 2004 | ore 21:47

Già, cuoco triste e cheffina hanno ragione.
Non è certo colpa del gambero, che essendo un'azienda privata fa i suoi prezzi che comprendono anche la remunerazione del rischio d'impresa.
E poi se uno dà un'occhiata ai prezzi dell'università di Pollenzo (che ha anche i contributi pubblici), quelli del gambero sono tutto sommato convenienti. Ma comunque riservati a pochi eletti.
Se le scuole alberghiere funzionassero, le cose sarebbero diverse. C'è poi chi, come cheffina, ha avuto il coraggio di mollare il certo per l'incerto per seguire i suoi sogni. Brava davvero, io non l'ho avuto.
E così i cuochi si avviliscono. Se questo succede ai giovani, figuriamoci a quelli con i capelli grigi. Un lavoratore scontento lavora male: pensiamoci quando qualcosa non ci convince nel piatto che abbiamo ordinato.

20 Ott 2004 | ore 16:15

ragazzi io ho una proposta per noi cuochi , in capitale e non ...
perchè non fare degli incontri tra noi per discutere dei nuovi piatti, delle nuove tecnologie, di tutto ciò che riguarda questo bellissimo spazio in cui lavoriamo???
sarebbe come fare dei mini stage in cui ognuno di noi può mettere del suo, visitare i ristoranti e magari berci un buon vino insieme.
potrebbe essere uno spunto di crescita per tutti.

cheffina sempre entusiasta e fiduciosa e contenta di fare questo lavoro.

buon lavoro cheffina

21 Ott 2004 | ore 15:13

Ragazzi, quanto mi piacerebbe...... credo che sia un corso favoloso!!!!! Sono stata all'evento di agosto della cena degli allievi.....era bellissimo, ragazzi emozionati ed entustasti allo stesso tempo!!!!!
Io ho già un lavoro e partecipare ad un corso del genere sarebbe per me un grande salto nel buio!!!!
Faccio una domanda....possibilità di occupazione, rapida ovviamente, quante ce ne sono una volta usciti da lì????

22 Ott 2004 | ore 12:29

Griffon, non ti rispondono. Chissà perché...

25 Ott 2004 | ore 13:29

Non trovo corretto parlare di costo alto o basso in termini assoluti, senza mettere in relazione quanto si paga con ciò che si ottiene.
Professione Cuoco, 1° livello, costa 6500 euro, dura circa 3 mesi (per 70 giornate effettive di lezione, ciascuna di 8 ore), ai quali fanno seguito 3 mesi di stage presso alcuni ristoranti importanti (intendendo per importante luoghi dove gli stagisti sono seguiti e non messi a sbucciare patate). Con una semplice divisione si deduce che, considerando le sole lezioni e non lo stage (che è comunque parte fondamentale della formazione), queste costano circa 11 euro e rotti all'ora, e sinceramente non mi sembra uno sproposito, considerando la qualità degli insegnanti, l'ambiente in cui le lezioni si svolgono e gli ingredienti che gli allievi lavorano.
Il corso non è esente da difetti (tutto è perfettibile), ma non è un caso se, e lo dico con cognizione di causa, la maggior parte degli allievi ne esce con un livello di preparazione e di abilità manuale nettamente superiore a quello di chi ha fatto percorsi anche più lunghi (e meno costosi).
La maggior parte degli allievi che ha frequentato le lezioni delle edizioni passate lavora.
E' un investimento indubbiamente molto impegnativo ma velocemente ripagato dalle opportunità di lavoro, che sono praticamente immediate, almeno per quegli allievi che affrontano il mestiere di cuoco sapendo a cosa vanno incontro.
Chi è motivato solo dalla passione per gli aspetti creativi della cucina rischia di non reggere il ritmo di un lavoro molto pesante (ma questa non è responsabilità della scuola).

28 Ott 2004 | ore 14:44

Ringrazio Pia della risposta, non ero a conoscenza dell'ulteriore periodo come stagista presso ristoranti importanti. Mi dispiace aver suscitato polemiche per quanto riguarda il prezzo del corso, non era assolutamente mia intenzione anche perchè conosco i prezzi.
Non credo che partecipino solo "personaggi importanti".
Sono stata alla cena degli allievi, nei tavoli intorno al mio non c'erano personaggi politici o altro, ma famiglie emozionate tanto quanto i loro figli e i docenti del corso.

28 Ott 2004 | ore 21:20

Ciao Griffon, è un piacere ritrovarti anche da questa parte.
Hai ragione, i ragazzi che hanno frequentato le varie edizioni sono ragazzi "normali", come quelli delle altre scuole del resto (almeno credo). Dovendo segnalare una particolarità che mi ha colpito, anzi due, è che molti di loro sono laureati o studenti vicini alla laurea (moltissimi di giurisprudenza), qualcuno ha lasciato lavoro ben consolidato in altri campi, pochissimi sono figli di papà o figli d'arte. La seconda cosa curiosa, o meglio significativa, è che le famiglie li hanno assecondati, magari con un po' di comprensibile riluttanza iniziale, ma con grande orgoglio poi.
Credo che tra non molto avrete modo di conoscere meglio il loro percorso. :-)

29 Ott 2004 | ore 00:27

Ancora per Griffon:
Se la mia risposta è sembrata un po' "secca" ... non era rivolta a te. Avevo fretta e ho trovato irritante l'illazione di Stefano.
Non ha nessun motivo per dire che bisogna essere figli illustri per essere annoverati nello staff del Gambero.
Per quanto ne so io, 4 o 5 allievi (su un totale di circa 45 a oggi) hanno fatto lo stage alla Città del Gusto e un paio sono stati assunti. Nessuno di loro aveva nomi illustri (del resto i figli dei VIP difficilmente accetterebbero una vita così dura). Qualcuno è stato/è da me (anche in questo caso, nessuna "raccomandazione", contano solo la determinazione e la volontà di crescere).
Per finire, e ancora una volta non è rivolto a te, Griffon, vi segnalo che corsi di questa lunghezza non sono mai redditizi per chi li organizza, tant'è vero che, per quanto ne so, nessun privato, privo di finanziamenti pubblici, li inserisce in catalogo.

29 Ott 2004 | ore 00:38

Penso che per frequentare il corso non c'è bisogno di essere figli di papà o altro...i prezzi delle università (vedi "scienze gastronomiche" a collegno) sono ben più alti..si parla di 19.000 €..preferisco intraprendere ul corso del G.R.

Simone

01 Nov 2004 | ore 19:03

Leggo e mi identifico. Io nicola faccio il cuoco seriamente da pochi anni, quasi tutti passati all'estero perchè qui in Italia non c'era nulla di simile. Ho studiato al Cordon Bleu di Londra e mi è costato una quasi follia per il tempo...
e per imparare di piu e allargare gli orizzonti ho viaggiato in lungo e in largo per il mondo senza mai chiedermi a che cosa sarebbe servito...
lo sapevo già. Avevo uno scopo e lo volevo raggiungere.. oggi a 32 anni con qualche conoscenza in più e moltissimo da imparare ((senza contare che ancora da poco ho finito di pagare i debiti contratti per frequentare le cordon bleu e vivere in una città non proprio semplice come Londra), ancora mi confronto ogni giorno con me stesso e molti dei miei colleghi su ogni cosa che possa rendere migliore la mia professione ma soprattutto la cucina di AMA (milano). Non so da dove venga, ma c'è e non mi fa sentire la fatica, c'è e mi fa svegliare anche dopo poche ore. La voglia di migliorare di crescere e di dare un contributo a questo mondo che per me è quasi tutto.

02 Nov 2004 | ore 17:53

Leggo e mi identifico. Io nicola faccio il cuoco seriamente da pochi anni, quasi tutti passati all'estero perchè qui in Italia non c'era nulla di simile. Ho studiato al Cordon Bleu di Londra e mi è costato una quasi follia per il tempo...
e per imparare di piu e allargare gli orizzonti ho viaggiato in lungo e in largo per il mondo senza mai chiedermi a che cosa sarebbe servito...
lo sapevo già. Avevo uno scopo e lo volevo raggiungere.. oggi a 32 anni con qualche conoscenza in più e moltissimo da imparare ((senza contare che ancora da poco ho finito di pagare i debiti contratti per frequentare le cordon bleu e vivere in una città non proprio semplice come Londra), ancora mi confronto ogni giorno con me stesso e molti dei miei colleghi su ogni cosa che possa rendere migliore la mia professione ma soprattutto la cucina di AMA (milano). Non so da dove venga, ma c'è e non mi fa sentire la fatica, c'è e mi fa svegliare anche dopo poche ore. La voglia di migliorare di crescere e di dare un contributo a questo mondo che per me è quasi tutto.

02 Nov 2004 | ore 17:53

Ho deciso di frequentare il corso del Gambero Rosso di professione cuoco e sono già emozionato...c'è qualcuno che l'ha già frequentato e può fornirmi qualche consiglio?...anche chi non l'ha frequentato...

04 Feb 2005 | ore 11:37

una curiosità, da quanto tempo il gambero rosso organizza questo corso? e quanti corsi sono stati fatti sino ad oggi?

vale

18 Mar 2005 | ore 15:04

salve

06 Apr 2005 | ore 18:02

Salve tutti , felice di aver trovato questo blog, dove sono sicura ci accomuna la passione per la cucine e la voglia di crescere professionalmente.
Spero che in virtu' di questo qualcuno mi aiuti dando una risposta alle mie domande.
Ho 32 anni diplomata, ho fatto tantissime esperienze lavorative, di cui non mi pento assolutamente ma se c'e' una costante nella mia vita e' proprio la passione per la cucina, purtroppo non ho mai frequentato l'alberghiero per cui tutto quello che so fare l'ho imparato da me, leggendo libri guardando trasmissioni a tema , video...a volta semplicemente per intuito, sta di fatto che tutto (o quasi) cio' che cucino mi riesce alla perfeezione si tratti di un piatto classico o di un elaborato piatto della novelle cousine, dunque la domanda e' ora voglio fare sul serio,voglio perfezionarmi e sopratutto ottenere una qualificazione scritta, ma non so assolutamente da dove cominciare, nella mia citta, Napoli ci sono tanta scuole e corsi di cucina, ma non voglio buttare ne i miei soldi ne il mio tempo provando qua e la, cosi' vorrei chiedere a chi e' del settore..da dove posso cominciare???
Aspetto con ansia risposta e premetto che sono una che i sacrifici li sa fare li ha fatti e non ha paura di farne ancora!!!!!

06 Apr 2005 | ore 18:11

hey ma che succede, possibile che non ci sia nessuno che si degni di dare una risposta al mio quesito????
Aspetto con ansia

19 Apr 2005 | ore 22:58

ciao a tutti io sono ancora piccolino e sto studiando ancora.
Ma volevo dirvi che questo mestiere anche se difficile mi piace un casino!!!!!!!! é molto difficile a trovare gente che ha un ristorante ristorante che ti prenda anche solo per gli stage;figuriamoci poi se dopo gli studi non ci prenderanno a lavorare!
il mio sogno è di andare sulle navi da crociera.
ci riuscirò?

03 Giu 2005 | ore 21:52

x piccolo Cheffone, per le navi da crociera ad esmpio la costa, vengono fatti dei corsi con prova preselettiva e esame finale.
Se superi il tutto hai il 60% di possibilita' di assunzione il corso e' gratuito sono a tuo carico vitto e alloggio.
Mio figlio sta realizzando il suo sogno a bordo di Costa Pacifica, per adesso è in prova..poi si vedra'....sappi che è molto dura..lavori 13 ore al giorno per 7 gioni su sette il tutto per cinque mesi.

16 Set 2009 | ore 19:05

Ciao a tutti volevo consigli perchè vorrei frequentare i corsi di cordon bleu a londra
ho un po di risparmi da parte ma volevo sapere se c è bisogno di un diploma di maturità o una licenza oppure basta pagare per iscriverti e frequentare

Grazie in anticipo per le risposte

05 Lug 2011 | ore 14:20

ma c'è qualcuno di voi che ha frequentato il corso "professione cuoco" di gambero rosso?

17 Dic 2012 | ore 16:45
Pasta_sarde_1.jpg Pasta con le sarde

Eccola qui la pasta con le sarde, una di quelle ricette che tutti conoscono e nessuno...


ultimi commenti

ultimi post

29
Apr
Le formiche del Noma, i tortellini di Bottura, The50 Best e l'Italia che gufa - Renè RedzepiIn questo post si parlerà di...
28
Apr
Il gelato da F1 di Carapina è sbarcato a Roma - Carapina ha aperto la sua sede...
23
Apr
Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie - Con Gaetano Cappelli ci siamo visti...
14
Apr
Le vite degli altri, cioè di tutti noi, spiate anche al ristorante - Una scena tratta dal film "le vite...
12
Apr
Assunta Madre, un ristorante di pesce fresco e "cimici" - Assunta Madre, Il ristorante di attricette tv,...
09
Apr
Panino, dove hanno venduto una tonnellata di pane di Matera - Fatti 50 metri, forse meno, dall'ingresso...
02
Apr
Josean Alija, il Guggenheim di Bilbao, il ristorante Nerua e la sua storia - Se non siete mai stati da...
31
Mar
Bonci fa traffico... e anche pane e pizza - Gabriele Bonci è un bravo cuoco...
Pollo_arrosto_erbe.jpg Pollo arrosto alle erbe aromatiche

In momenti di crisi il pollo è un'ancora di salvezza perché anche i polli buoni esistono...


ultime letture

IMG_3446.jpg Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie

Con Gaetano Cappelli ci siamo visti da...


IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


Twitter
Friendfeed