20
Mar 2005
ore 00:17

Le cose viste dall'America

< >

New York ore 6,20 pm di sabato 19 marzo
Parlando per una settimana con molti produttori italiani in trasferta negli Usa e con molti ristoratori italiani d'America emerge un problema gravissimo: gli importatori di vini italiani in america stanno facendo unicamente i loro affari a scapito dei produttori. La mancanza di una politica dei prezzi adeguata a contrastare la concorrenza aggressiva di francesi, australiani, cileni ecc...è unicamente colpa degli importatori i quali stanno facendo una politica assolutamente dannosa.
Su questo punto bisognerà ritornare perchè il made in Italy ha ancora enormi potenzialità ma è gestito in modo vecchio mentre i nuovi, gli spagnoli, e i classici, i francesi, stanno muovendosi molto bene.

commenti 4

Sono d'accordo con quanto da lei sostenuto in linea generale. Vorrei solo poter dire che negli anni è anche stato fatto un gran lavoro dagli importatori, per portare il vino italiano alla conoscenza e alla distribuzione della importanza che si è riusciti ad avere oggi. Non tutte le aziende italiane hanno investito risorse e gli importatori si sono dovuti muovere da soli e con le proprie risorse. Se ora quindi hanno un vantaggio, non tutti ma qualcuno se lo è anche meritato. Se è tutta colpa degli importatori non so? magari qualche mia culpa dai produttori ci può anche essere? Le aziende che lei per lo più conosce sono quelle top, le migliori fatte da imprenditori illuminati, ma rappresentano una percentuale bassa. Occorre una nuova gestione del made in italy sono d'accordo e una politica dei prezzi, seduti intorno ad un tavolo produttori e anche importatori, ma sembra un sogno, personalemnte faccio difficolta ad avere referenti all'interno di un consorzio, dove non c'è uno che la pensa lo stesso modo. Ma credo che alla sua iniziativa gli importatoti potranno rispondere favorevolmente. anche se abbiamo diversi ruoli è importante che il vino italiano mantenga se non aumenti la sua quota di mercato, non solo nelgi usa.

20 Mar 2005 | ore 16:13

E' vero, non tutti gli importatori sono uguali e non tutti i produttori sono delle povere vittime.
Se però vogliamo fare qualcosa di concreto sarà il caso di mettersi attorno a un tavolo molto presto perchè i prezzi di molti, troppi vini italiani sono fuori mercato. Se un vino venduto all'importatore a 2,50$ va sullo scaffale americano a 10,50$ qualche cosa che non va ci deve essere sicuramente.
Ma poi è tutto il rapporto tra importatori e produttori che va rivisto perchè così come è mi sembra molto, troppo vessatorio.
Le rare eccezioni non fanno altro che confermare l'impianto generale del discorso.

20 Mar 2005 | ore 16:44

Oltre agli importatori, un fattore importante sono i distributori. Infatti la maggior parte degli importatori rivende il prodotto a dei distributori, anche a causa della legislazione USA che è comunque diversa da stato a stato e rappresenta sicuramente un fattore di costo maggiore rendendo necessario il doppio passaggio di mano del prodotto ed evidentemente doppio ricarico.
Il fatto importante è che è attualmente in corso una concentrazione dei distributori USA con uno o due gruppi giganti che stanno assorbendo sempre di più gli indipendenti.

Per questo motivo anche gli importatori che ad es. lavoravano nei diversi stati USA con diversi distributori si stanno piano piano trovando a dover trattare con uno o pochi grandi distributori nazionali che hanno inglobato quelli di taglia piccola. Questo comporta com'e' ovvio una enorme esposizione nei confronti di uno o pochi grandi clienti, e com'e' ovvio anche un ridotto potere contrattuale dell'importatore. Questa è una preoccupazione che ho sentito spesso e che in effetti mi sembra piuttosto consistente.

21 Mar 2005 | ore 15:09

intervenire sui prezzi e sul mercato non è cosa facile, proprio perchè come dice gianpaolo la concentrazione che sta avvenendo negli Usa, pone gli importatori e le aziende stesse a non avere molto potere contrattuale.
solo attraverso una comune strategia che inglobi anche le aziende più forti e se ci si muove con una politica di prezzo comune a tutte le aziende si può dare un valido contributo. Io stesso che esporto limoncello per esempio da Euri 2/3 lo trovo in vendita a 10/12 in alcuni casi anche 18 euri!!!!!!!

30 Mar 2005 | ore 23:29

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Pasta_sarde_1.jpg Pasta con le sarde

Eccola qui la pasta con le sarde, una di quelle ricette che tutti conoscono e nessuno...


ultimi commenti

ultimi post

29
Apr
Le formiche del Noma, i tortellini di Bottura, The50 Best e l'Italia che gufa - Renè RedzepiIn questo post si parlerà di...
28
Apr
Il gelato da F1 di Carapina è sbarcato a Roma - Carapina ha aperto la sua sede...
23
Apr
Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie - Con Gaetano Cappelli ci siamo visti...
14
Apr
Le vite degli altri, cioè di tutti noi, spiate anche al ristorante - Una scena tratta dal film "le vite...
12
Apr
Assunta Madre, un ristorante di pesce fresco e "cimici" - Assunta Madre, Il ristorante di attricette tv,...
09
Apr
Panino, dove hanno venduto una tonnellata di pane di Matera - Fatti 50 metri, forse meno, dall'ingresso...
02
Apr
Josean Alija, il Guggenheim di Bilbao, il ristorante Nerua e la sua storia - Se non siete mai stati da...
31
Mar
Bonci fa traffico... e anche pane e pizza - Gabriele Bonci è un bravo cuoco...
Pollo_arrosto_erbe.jpg Pollo arrosto alle erbe aromatiche

In momenti di crisi il pollo è un'ancora di salvezza perché anche i polli buoni esistono...


ultime letture

IMG_3446.jpg Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie

Con Gaetano Cappelli ci siamo visti da...


IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


Twitter
Friendfeed