27
Mar 2005
ore 00:12

Mi domando: perchè?

< >

Mi piace il vino ma ho sempre maggiori difficoltà a frequentare il mondo del vino.
Il vino ha una tale capacità di immagine che riesce a trainare il made in Italy anche in questi momenti di difficoltà, confusione, prezzi sbagliati e crisi economica europea. A New York e a San Francisco ne abbiamo avuto la prova con le due degustazioni dei tre bicchieri. Circa 150 vini, molti meno di quelli che avrebbero potuto e dovuto essere, non c'è dubbio. I barolisti erano quasi del tutto assenti, tanto per fare un esempio. E comunque un bel pubblico di addetti ai lavori e molti buoni affari. Oltre ad un grande ritorno di immagine.
Ma è il circo barnum cresciuto attorno al vino che fa un po' impressione perchè si ha la netta sensazione che una parte delle polemiche feroci, delle insinuazioni, delle divisioni in bande che dividono il mondo in buoni e cattivi, sia determinata dalla ricerca di uno spazio al sole e relativi soldi, sia che si faccia una rivista alternativa, una rubrica su internet, corsi di degustazione o altro.
Il clima è di delegittimazione degli avversari, che sono tutti quelli che non fanno parte del piccolo gruppo, comunità, associazione.
Gambero rosso, ovviamente, è al centro del fuoco perchè sul campo da molto tempo, da molto prima di quasi tutti quelli che adesso si agitano, perchè fa una guida dei vini che conta, perchè gli si vorrebbe togliere un po' di spazio. Tutto legittimo se ci limitasse a un confronto serrato. E invece tutto molto vecchio, già visto in politica negli anni Settanta, se si ricorre alla calunnia, al dileggio, alle insinuazioni, agli attacchi personali.
Queste sono solo delle brevi osservazioni ad usum di chi legge.
Nulla cambierà, anzi, se possibile il clima sta peggiorando.
Quello che mi chiedo è: ma cosa ci si guadagna a stroncare un vino per delegittimare chi lo ha valutato bene? Perchè chi ha successo è colpevole del reato medesimo? La pubblicità è sempre e solo corruttiva? E chi non riesce ad averne è uno sfigato o un puro? Cotarella è il diavolo, il simbolo del male? I biodinamici sono il bene? Ma veramente gli stranieri, spagnoli o Mosella tanto per fare esempi, sono la qualità e i nostri "noti" la squalità?
Tutta colpa dei tre bicchieri?

commenti 1

le critiche fanno parte del successo, si può generare odio per molto meno dei tre bicchieri. In un settore dove tutti si sentono iper bravi, qualcuno che classifichi e che li metta in terzo piano, avvelena il fegato. In genere non piace essere criticati e giudicati, ma è interessante cogliere l'occasione per offrire agli esclusi una replica, credo che si possano sentire delle cose interessanti. Il clima peggiorà perchè il mercato si stringe, tanti competitor, la competizione si fa sempre più alta, si vende meno, si guadagna meno e ci si arrabbia sempre di più....

29 Mar 2005 | ore 12:44

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Risotto_barbera.jpg Risotto alla barbera

Il cielo è più grigio e la temperatura è calata, è tempo di piatti caldi e...


ultimi commenti

  • Matteo M. D. - Le microspie possono installarle tranquillamente anche di giorno, è...
  • Stefano Bonilli - Io non uso mai la logica lombrosiana e quindi...
  • Ambrogio - Perdonate ma davvero credete a queste affermazioni? Non vi...
  • Stefano Bonilli - Sarebbe interessante capire come fanno polizia, carabinieri e guardia...
  • annalisa barbagli - Ma i ristoratori sono d'accordo? Sennò come sarebbe possibile...
  • Tristano - Credo che molti ristoratori romani siano in imbarazzo, penso...

ultimi post

14
Apr
Le vite degli altri, cioè di tutti noi, spiate anche al ristorante - Una scena tratta dal film "le vite...
12
Apr
Assunta Madre, un ristorante di pesce fresco e "cimici" - Assunta Madre, Il ristorante di attricette tv,...
09
Apr
Panino, dove hanno venduto una tonnellata di pane di Matera - Fatti 50 metri, forse meno, dall'ingresso...
02
Apr
Josean Alija, il Guggenheim di Bilbao, il ristorante Nerua e la sua storia - Se non siete mai stati da...
31
Mar
Bonci fa traffico... e anche pane e pizza - Gabriele Bonci è un bravo cuoco...
26
Mar
San Carlo olet? - Non è uno spot pubblicitario ma...
25
Mar
Car sharing alla romana, quasi un'amatriciana - Dal 2008 io non possiedo un'automobile,...
21
Mar
Eataly Smeraldo, Milano vicino all'Europa - Sono stato a visitare Eataly Smeraldo...
Pici_1.jpg Pici con le briciole

Dopo tanto sud torniamo nell'Italia Centrale, in Toscana, per raccontare una bella ricetta semplice e popolare,...


ultime letture

IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


IMG_0522.jpg Gianni Brera, il grande padano

Ho ripreso in mano La pacciada, il...


Twitter
Friendfeed