28
Mar 2005
ore 17:34

Quando andavamo al Vinitaly

< >

Il 7 aprile si apre il Vinitaly 2005. E' un appuntamento ormai burocratico e per nulla gioioso.
Io vado a Verona dal 1987 e, salvo un paio di volte nelle quali mi sono dato, fanno diciotto anni di fiera del vino.
Ma una volta l'appuntamento era bello e emozionante, era ancora il tempo delle scoperte e degli entusiasmi, erano gli anni delle novità, dei nuovi produttori ma anche di un diverso modo di stare insieme, un po' "Amici miei", un po' gita scolastica. La sera poi si facevano chilometri per trovarsi a cena al Volto sul lago d'Iseo o ai Quattro Venti a Curtatone per non dire delle grandi cene al Pescatore, all'Ambasciata o al Desco.
Leggendo il libro di Colonna c'è il racconto del primo viaggio al Vinitaly "Eravamo in quattro: Rizzi, Sandro Sangiorgi, Daniele Cernilli e io (cioè Colonna)".
C'è il racconto dell'emozione di conoscere i vari Gaja, Bologna, Boscaini, De Gresy, Walter Filipputti, Bepi Mongiardino, gli appuntamenti per le visite in cantina, l'inizio di una strada di ricerche, prove, e formazione delle cantine.
Oggi tutto è scontato, c'è una grande ripetitività, tutto è cambiato, è meno spontaneo. Veronelli non c'è più, Maroni è lì con la sua piccola setta, Slow Food occupa il solito spazio sterminato ma sembra tanto una multinazionale dei buoni propositi, i piemontesi che erano "i nuovi", hanno fatto i miliardi, si sono montati la testa e i prezzi e oggi hanno le cantine piene.
Probabilmente pioverà, Cazzola che doveva fare a Roma il contro Vinitaly ha già passato la mano.
Noi abbiamo il solito stand, qualche libro in più ma anche qualche anno in più e molto meno entusiasmo.
Chissà che non sia l'anno che si fanno belli incontri, facce nuove, qualche vino giusto. Chissà.

commenti 11

chissa'......

29 Mar 2005 | ore 00:20

chissa'......

29 Mar 2005 | ore 00:20

condivido quando dice sul vinitaly, ho avuto la fortuna di lavorare per un associazione di produttori di vino e vissuto le edizioni del vinitaly dal 1995 fino al 2001. Ho vissuto l'attesa della presentazione per la fiera, l'emozione della presentazione dei nuovi vini, la possibilita di parlare con altri colleghi, parlare con gli enologi, c'era un aria non so che di particolare, un momento d'incontro, un punto di riferimento per tutto il settore. Sono momenti che ricordo con grande emozione, tutti erano molto disponibili e cordiali. Mi trovavo a Verona lo scorso anno e ho provato a tornarci. Ho scoperto un nuovo vinitaly aperto più al pubblico che agli operatori, molti produttori magari anche piccoli ma di ottima qualità che conoscevo non erano presenti e quanti intenditori di vino! Mi dava tutta l'idea un po' del circo barnum, tanta gente che una volta neanche ci si poteva aspettare,ho trovato un nuovo mondo e obiettivamente mi auguro che tutto questo aiuta a incrementare le vendite di vino. Unico mio dubbio, ma parlo oramai da persona al di fuori del settore, per collegarmi al ritiro di Cazzola, sono fiorite tante fiere sul vino a torino, milano ecc ecc, aiutano il settore? oggi la scoperta di nuovi prodotti passa solo attraverso il vinitaly come avveniva un tempo o si sono moltiplicate le possibilità? i piccoli produttori ma di qualità vi trovano spazio? o è solo per le grandi aziende?

29 Mar 2005 | ore 00:52

... Vinitaly? No grazie ...

29 Mar 2005 | ore 08:14

Credo che il vero nemico del vinitaly sia la confusione. Troppa gente assembrata in spazi ampi ma comunque non suffcienti. Come è possibile assaggiare un vino quando al naso arrivano sempre prima il sudore o i deodoranti dei visitatori? Come è possibile stringere la mano a quel produttore che quando capisce che sei un semplice appassionato e non un enotecaro ti volta le spalle?
Non conosco le ragioni che abbiano portato alla rinuncia al contro-vinitaly, nè quali sarebbero state le caratteristiche di tale manifestazione. Credo però che se invece di esserci un'unica manifestazione annuale ce ne fossero due o tre - magari anche al centro a al meridione - le cose andrebbero diversamente.
Per chi andrà, comunque, ricordo che negli stessi spazi si svolge anche il sol - salone dell'olio. Lì di produttori che ti fanno assaggiare le loro cose controvoglia non ne ho mai visti.

29 Mar 2005 | ore 12:39

Caro Bonilli, ci sarebbe un modo di trovare ancora qualcosa da scoprire, qualcosa di cui scrivere, da assaggiare. Qualcosa per cui emozionarsi e , magari, combattere ancora qualche piccola "battaglia".
Venga da noi, figli di un dio minore.
Venga al Sol (lo so che è triste, vero) però venga a provare gli oli.(sapesse quanto c'è da fare...)
Lo sà? Noi abbiamo ancora tanto da raccontare e nessuno che voglia ascoltare.
Certo non potremo offrirle un bicchiere di olio, però , forse...
Venga, Bonilli, non serve lo smoking da noi.
Magari si faccia accompagnare dall'amico Stefano Polacchi che è sempre venuto a ficcare il naso da noi (e si è sempre emozionato, mi creda).
Io l'aspetto volentieri.

Lorenzo Piccione di Pianogrillo

(Pino, bravo vieni da noi)

29 Mar 2005 | ore 18:28

Caro Lorenzo, verrò sicuramente a visitare Sol anche se è una tristezza mortale e il modo con cui siete marginalizzati. Sol, lo sappiamo tutti, si fa per intercettare contributi europei, e va bene, ma dal momento che lo si fa bisognerebbe farlo bene.
Ma, si sa, il Vinitaly non brilla per inventiva.

29 Mar 2005 | ore 18:48

quest'anno sarò al mio ventiseiesimo vinitaly e chiaramente l'entusiasmo non sarà più quello dei primi anni eroici(nel 1975 avevamo un'osteria in via del pratello)! mi dispiace solo di non poter visitare quei piccoli produttori che cercano di trovare vie nuove per la produzione( vedi eiswine in lombardia),perchè non si possono permettere lo stand,visti i costi. sarebbe bello creare un fondo di supporto a chi,realmente,prova a dare una scossa a questo mondo,forse un pò troppo condizionato da mode,flussi di pensiero,film e quantaltro. un carissimo saluto da bologna,da parte di chi ha fatto parte di una generazione che tanto ha dato al vino e tanto ne ha goduto,facendolo ancora! Massimo Sturani(socio slow food N.11604)

01 Apr 2005 | ore 11:04

volevo segnalare per chi eventualmente fosse a parigi allo spazio Espace Champerret - Paris XVIIe. l' 8, 9,10, 11 aprile 10 alle 20 heures il salone dei piccoli produttori di vino, è un esempio di come viene affrontato il Francia il problema dei piccoli produttori di vino, che non possono permettersi le grandi fiere e i grandi spazi. E' un occasione per conoscere i piccoli produttori di qualità! spero che anche in italia si copi l'esempio.

06 Apr 2005 | ore 22:19

Caro Carmine, ci credo così tanto a quello che dici che penso quando noi, casa editrice alle prime armi, andavamo alla Bookmesse di Francoforte, la più grande fiera del libro del mondo.
Per noi lo stand costava pochissimo perchè eravamo piccoli, più crescevi di dimensione e più pagavi. Grazie alla partecipazione alla fiera abbiamo trovato il nostro editore tedesco per la guida dei vini.
Il Vinitaly aumenta i prezzi ad ogni edizione e probabilmente una fiera per i piccoli e piccolissimi produttori fatta con le logiche della Bookmesse potrebbe avere grande successo. Infatti i francesi la fanno.

07 Apr 2005 | ore 08:50

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Pasta_sarde_1.jpg Pasta con le sarde

Eccola qui la pasta con le sarde, una di quelle ricette che tutti conoscono e nessuno...


ultimi commenti

ultimi post

29
Apr
Le formiche del Noma, i tortellini di Bottura, The50 Best e l'Italia che gufa - Renè RedzepiIn questo post si parlerà di...
28
Apr
Il gelato da F1 di Carapina è sbarcato a Roma - Carapina ha aperto la sua sede...
23
Apr
Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie - Con Gaetano Cappelli ci siamo visti...
14
Apr
Le vite degli altri, cioè di tutti noi, spiate anche al ristorante - Una scena tratta dal film "le vite...
12
Apr
Assunta Madre, un ristorante di pesce fresco e "cimici" - Assunta Madre, Il ristorante di attricette tv,...
09
Apr
Panino, dove hanno venduto una tonnellata di pane di Matera - Fatti 50 metri, forse meno, dall'ingresso...
02
Apr
Josean Alija, il Guggenheim di Bilbao, il ristorante Nerua e la sua storia - Se non siete mai stati da...
31
Mar
Bonci fa traffico... e anche pane e pizza - Gabriele Bonci è un bravo cuoco...
Pollo_arrosto_erbe.jpg Pollo arrosto alle erbe aromatiche

In momenti di crisi il pollo è un'ancora di salvezza perché anche i polli buoni esistono...


ultime letture

IMG_3446.jpg Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie

Con Gaetano Cappelli ci siamo visti da...


IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


Twitter
Friendfeed