14
Giu 2005
ore 10:14

Continuando a mangiare il blog

< >

Ancora sul -blog- e sul -mangiare- e su come unire questi due mondi e creare un circuito utile e virtuoso.
Giuseppe Granieri ci suggerisce questo articolo del Guardian a proposito di aggregatori.
Mi rendo conto che per molti tutto questo assomiglia molto al sanscrito ma lo scopo dell'investigazione è quello di riuscire a fornire strumenti efficaci agli appassionati e ai professionisti.

commenti 5

OT (ma sempre in linea con le 'innovazioni' dei possibili mix dell'intero universo con la cultura del vino e del cibo...). Ho seguito con molto interesse ieri sera la vostra trasmissione cui ha partecipato il prof. Menduni che apprezzo molto... da collaboratrice/assistente presso la stessa Università Roma TRe (ma a Scienze Politiche)e studiosa della comunicazione (sotto tutti i suoi molteplici aspetti) e dei processi di pace, è da un po' di tempo che mi interrogo sulla possibilità (non forzata) di trovare un link, un punto di contatto tra queste diverse realtà... "Comunicare il cibo e il vino" infatti non è necessariamente (o non esclusivamente) un'operazione di marketing... Se il cibo e il vino sono - come sono certa - elementi portanti della cultura, simboli che sono espressione di storie e valori propri, credo che la conoscenza di queste culture possa contribuire notevolmente al dialogo tra i popoli, sostenere quei processi di pace che non devono necessariamente essere implementati quando il conflitto si è mostrato nei suoi aspetti più violenti ma anche nella fase precedente... Mi piacerebbe molto poter approfondire queste tematiche. Gli studenti della cattedra su cui ho un piccolo contratto per Mass Media e processi di pace (la cattedra è Sociologia dei Processi di Pace della prof.ssa Maniscalco) studiano come è possibile riconciliare i popoli attraverso lo sport, attraverso i programmi televisivi, attraverso il teatro... e se pensassimo di farlo attraverso il cibo, le bevande, la tavola momento conviviale e di cultura nel senso più tradizionale del termine? Mi piacerebbe sapere cosa ne pensa?

15 Giu 2005 | ore 10:19

Ho partecipato con molto interesse e curiosità,all'incontro sul tema blog,essendo io un neofita della materia sia informatica che cibaria , mi colpito il tuo intervento finale sulla novelle cusine (si scrive cosi ?) finita da 25 anni! ma che cosa é la novelle o come si chiama.... te ne sarei veramente grato se me lo spighi grazie ciao

16 Giu 2005 | ore 18:40

Io torno su un aspetto, che ho trattato, con i limiti di tempo che indubbiamente avevamo, anche il 9 con estrema "direttezza" e, spero, sintesi, cose di cui non riesco ad emendarmi.
Mi riferisco alla comunità di pratiche.

Una considerazione generale: da parte di un addetto ai lavori lato internet. Una volta stabilito un link, un canale comunicativo, che nel caso dei Blog è facile a mettersi su, ci si comincia a confrontare su vari temi. La informazione "fluisce" ma è chiaro che il livello di profondità/specificità è comunque limitato, anche dalla natura stessa dello strumento. Si accodano opinioni ad un argomento che il gestore del Blog ha ritenuto interessante pubblicare.Quando si entra nell'ambito di una comunità "verticale", con un interesse specifico, lasciam perdere ora il livello di approfondimento se medio o universale, è secondo me inevitabile scoprire che lo strumento non è più adeguato, che manca una infrastruttura, un ambiente in cui l'infirmazione sia aggreagata, combinata, manipolata (non nel senso di artefatta), per fornire una visione maggiore, un cosidetto "valore aggiunto", che chiaramente deve provenire dalle possibilità insite nel "nuovo strumento", che quindi è un insieme di applicazioni, e dalla comunità che queste applicazioni utulizza. Voglio arrivare a dire che ci deve essere una bidirezionalità nel processo di fruizione delle informazioni, con, da un lato, una capacità dello strumento di trattare informazioni in maniera più approfondita, e di integrarle con "robe non strutturate", di varia e diversa natura, e dall'altro l'apporto contenutistico, ed anche innovativo, dei partecipanti alla comunità.
Questo porta, appunto, alla costruzione di una "knowledge base", chiaramente con regole, da stabilire, di validazione, insite tanto nello strumento, quanto nella comunità.

Un'altra considerazione: da parte di un addetto ai lavori lato cibo-vino. E di nuovo sulla "pratica".
Io mi interrogo su queste cose, come peraltro ci siamo detti con Stefano Bonilli nel corso delle nostre chiacchierate, da parecchio tempo, e mi pare assodato come, nello specifico caso del "food&wine" la "conoscenza" (knowledge) non si possa considerare solo in forma "teorica", cioè si possa leggere quanto di più avanzato e ben aggreagato sia disponibile, ma si debba necessarimente arrivare ad una "connessione reale", "fisica", ad una bottiglia "aperta", ad un piatto "mangiato", e come queste, che sono banalmente operazioni non surrogabili virtualmente, siano il "collante" che aggreghi ulteriormente una comunità con tale specifico interesse.
Quindi una "implicazione fisica" , forte, presente, ed in cui gli strumenti virtuali siano a supporto, è per me necessaria se si vuol pensare ad uno sviluppo di conoscenza che sia tangibile, percepibile, e concreto.

17 Giu 2005 | ore 15:18

mi interessa molto l'argomento ma faccio una domanda banale banale.
Dove sta la differenza tra blog e Forum??
se il blog deve essere un punto di contatto e di discussione gia' esiste sul gambero rosso un forum che espleta tale funzione.
Vorrei capire la differenza tra forum e blog.
E in quanto al fatto di parlare e poi di bere o provare un piatto puoi fare quanti blog vuoi ma poi come si e' fatto alla citta' del gusto, alla fine Il Bonilli ha dato il segnale e la pizza e' stata sfornata...

18 Giu 2005 | ore 12:24

Di furia, che sto partendo, ma cerco di rispondere.
La tecnologia di base e le funzionalità (aprire un nuovo argomento (topic o thread che di si voglia), rispondere...) sono sotanzialmente analoghe.
Un BLOG però è un mini-forum personale, cioè gli argomenti li immette solo il gestore, quindi è una bacheca personale, aperta agli altri per gli interventi su temi e discussioni che sempre il gestore del BLOG ha pre-determinato. In un BLOG, che è poi anche un mini-sito personale, ci sono altre cosine, dei link a siti ritenuti interessanti o altre rubrichette.
Un forum è invece una bacheca in cui tutti possono pubblicare "nuovi argomenti", in dipendenza del tema del forum stesso (da cui poi l'annosa diatriba OT-non OT). Quindi è una bacheca (più o meno tematica o "general purpose) PUBBLICA, chiaramente amministrata e/o moderata, a seconda dei casi, ma comunque pubblica.

L'ultimo capoverso non lo comprendo bene, ma direi che vieni al mio punto, assai specifico, di una comunità "cibo&vino". La connessione "fisica" è importante.

18 Giu 2005 | ore 13:47

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Risotto_barbera.jpg Risotto alla barbera

Il cielo è più grigio e la temperatura è calata, è tempo di piatti caldi e...


ultimi commenti

  • Matteo M. D. - Le microspie possono installarle tranquillamente anche di giorno, è...
  • Stefano Bonilli - Io non uso mai la logica lombrosiana e quindi...
  • Ambrogio - Perdonate ma davvero credete a queste affermazioni? Non vi...
  • Stefano Bonilli - Sarebbe interessante capire come fanno polizia, carabinieri e guardia...
  • annalisa barbagli - Ma i ristoratori sono d'accordo? Sennò come sarebbe possibile...
  • Tristano - Credo che molti ristoratori romani siano in imbarazzo, penso...

ultimi post

14
Apr
Le vite degli altri, cioè di tutti noi, spiate anche al ristorante - Una scena tratta dal film "le vite...
12
Apr
Assunta Madre, un ristorante di pesce fresco e "cimici" - Assunta Madre, Il ristorante di attricette tv,...
09
Apr
Panino, dove hanno venduto una tonnellata di pane di Matera - Fatti 50 metri, forse meno, dall'ingresso...
02
Apr
Josean Alija, il Guggenheim di Bilbao, il ristorante Nerua e la sua storia - Se non siete mai stati da...
31
Mar
Bonci fa traffico... e anche pane e pizza - Gabriele Bonci è un bravo cuoco...
26
Mar
San Carlo olet? - Non è uno spot pubblicitario ma...
25
Mar
Car sharing alla romana, quasi un'amatriciana - Dal 2008 io non possiedo un'automobile,...
21
Mar
Eataly Smeraldo, Milano vicino all'Europa - Sono stato a visitare Eataly Smeraldo...
Pici_1.jpg Pici con le briciole

Dopo tanto sud torniamo nell'Italia Centrale, in Toscana, per raccontare una bella ricetta semplice e popolare,...


ultime letture

IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


IMG_0522.jpg Gianni Brera, il grande padano

Ho ripreso in mano La pacciada, il...


Twitter
Friendfeed