21
Nov 2005
ore 18:14

Le meglio trattorie...

< >

Sono undici, da nord a sud della penisola, e questa sera cucinano per trecento persone alla Città del gusto.
Hanno ricevuto il premio dei Tre Gamberi nella guida Ristoranti d'Italia 2006.

Boccondivino.gif

Boccondivino-Bra

Osteria_villetta.gif

Osteria della Villetta-Palazzolo sull'Oglio

Amerigo a Savigno, La Brinca a Ne, il Caffè La Crepa di Isola Dovarese, Cibus di Ceglie Messapico, la Locanda del Gambero Rosso di Bagno di Romagna, Gostlina Devetak di Savogna d'Isonzo, Nangalarruni di Castelbuono, l'Osteria di San Cesario a San Cesareo e la Ragnatela di Mirano.
C'è una cooperativa, delle gestioni familiari, il locale storico di Slow Food, tutti hanno fatto della qualità e del prezzo le loro bandiere.
Sono i locali che rappresentano la vera anima italiana, da sempre contrapposti ai ristoranti di alta gamma.
Come se una cosa escludesse l'altra.
Ma così va il mondo di questi tempi, molta demagogia e poco ragionamento.

commenti 8

Serata GRANDIOSA e piatti di grande "livello", livello misurato con la grande bontà delle materie prime.

22 Nov 2005 | ore 10:04

Eccezionale la lasagna di Amerigo, la polpettina di Nangalarruni e il gelato della Ragnatela. Ottimo tutto il resto. Bravi e, cosa che non guasta mai, molto simpatici e alla mano.
E penso che ogni ristorante in Italia che non fa il ragù come si deve, che serve la pasta scotta, che offre salumi industriali, che fa finta di proporre la nostra grande tradizione, è un offesa a loro e a tutti quelli che fanno questo lavoro con passione e serietà. Oltre a provocare un danno non indifferente alla nostra immagine. Quindi penso che oltre a premiare i bravi bisognerebbe iniziare a punire i furbi.

22 Nov 2005 | ore 11:00

Qualcuno si è divertito a fare una classifica "combinata" tra i piatti presentati lo scorso anno e quelli di ieri. Nel doppio impegno, il podio secondo molti era appannaggio di Brinca, Caffè La Crepa e Osteria della Villetta. Dal molto buono in su, comunque, tutti i piatti.

22 Nov 2005 | ore 11:12

Oggi mi è capitato di leggere un articolo di qualche anno fa, che partiva da una dibattito sui prezzi troppo alti, ma poi si spostava su un tema che forse si adatta alla discussione ristoranti tradizionali vs ristoranti di alta gamma: "In Francia è tradizione, anche tra i lavoratori, regalarsi alcune volte all'anno il pranzo nel ristorante importante, bevendo dell'ottimo vino in bottiglia e non in caraffa, vino che là costa molto più che da noi. In Italia il grande pranzo si fa a casa. E c'è un perchè. Oltr'alpe i ristoranti sono nati con la rivoluzione francese, quando i grandi cuochi dei nobili si sono trovati senza lavoro dalla sera alla mattina. Hanno cioè duecento anni di storia. Da noi i primi ristoranti sono nati negli anni sessanta. Manca insomma una tradizione consolidata e ancora oggi molti seguono le mode (...)"
A una prima occhiata, a questo punto, sembra che non cambi mai niente! Facendo un rapido calcolo, probabilmente se ne potrà riparlare intorno al 2160.
p.s. piccola sfida ai gastronomi: da dove ho copiato quel paragrafo? :)

23 Nov 2005 | ore 00:54

Ho seguito il link postato da Fabio Piccoli.
Qualcuno è riuscito a trovare gli interventi a cui fa riferimento la Rodotà? Il Forum del corriere è organizzato malissimo!

Pensando alle persone che conosco, comunque, è vero che mediamente gli italiani in fatto di cibo sono piuttosto abitudinari, schizzinosi e restii alle novità. Certo che se si continua a dar corda a quelli che ridicolizzano tutto salvo lo spago aglio e olio...mi sa che rimarremo sempre un po' indietro.

23 Nov 2005 | ore 13:54

sono d'accordo che gli italiani in media siano piuttosto tradizionalisti e restii alle novità e questo dipende dal fatto che la nostra tradizione gastronomica è molto forte e ben radicata, però a poco a poco i gusti si evolvono e anche la cucina creativa mi sembra stia crescendo parecchio

personalmente spero che i due tipi di cucina possano crescere l'uno accanto all'altro, arricchendosi e integrandosi a vicenda; non vedo antagonismo!

tutta questa moda della cucina mi sembra che non sia un fenomeno "deteriore", ma anzi da un lato aiuti nella riscoperta di sapori e prodotti perduti, e dall'altro contribuisca alla crescita delle novità e delle sperimentazioni

spesso comunque mi sembra più difficile trovare una buona trattoria che non un ristorante particolare; non perchè le trattorie soccombono ai ristoranti creativi, ma perchè a volte cedono alla tentazione di trasformarsi in ristoranti medi (in realtà ....mediocri) che non sono caratterizzati in nessun modo e perdono la loro identità

pesonalmente spero in un grande ritorno delle trattorie tradizionali, che affianchi la crescita della cucina creativa; basta solo alla mediocrità!

24 Nov 2005 | ore 11:59

In effetti, concordo con lo slogan di Caterina!

p.s. così per curiosità; non dico i lettori, ma bonilli si ricorderà di aver scritto, nell'ormai lontano 1987, il paragrafo che ho citato nel commento più sopra? :)

24 Nov 2005 | ore 22:22

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Pasta_sarde_1.jpg Pasta con le sarde

Eccola qui la pasta con le sarde, una di quelle ricette che tutti conoscono e nessuno...


ultimi commenti

ultimi post

29
Apr
Le formiche del Noma, i tortellini di Bottura, The50 Best e l'Italia che gufa - Renè RedzepiIn questo post si parlerà di...
28
Apr
Il gelato da F1 di Carapina è sbarcato a Roma - Carapina ha aperto la sua sede...
23
Apr
Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie - Con Gaetano Cappelli ci siamo visti...
14
Apr
Le vite degli altri, cioè di tutti noi, spiate anche al ristorante - Una scena tratta dal film "le vite...
12
Apr
Assunta Madre, un ristorante di pesce fresco e "cimici" - Assunta Madre, Il ristorante di attricette tv,...
09
Apr
Panino, dove hanno venduto una tonnellata di pane di Matera - Fatti 50 metri, forse meno, dall'ingresso...
02
Apr
Josean Alija, il Guggenheim di Bilbao, il ristorante Nerua e la sua storia - Se non siete mai stati da...
31
Mar
Bonci fa traffico... e anche pane e pizza - Gabriele Bonci è un bravo cuoco...
Pollo_arrosto_erbe.jpg Pollo arrosto alle erbe aromatiche

In momenti di crisi il pollo è un'ancora di salvezza perché anche i polli buoni esistono...


ultime letture

IMG_3446.jpg Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie

Con Gaetano Cappelli ci siamo visti da...


IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


Twitter
Friendfeed