24
Nov 2005
ore 13:11

Non conoscete i tortellini???

< >

tortellini5.gif


La ricetta ufficiale dei tortellini bolognesi
Il 7 dicembre 1974 la Confraternita del Tortellino e l'Accademia Italiana della Cucina, depositarono presso la Camera Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Bologna la ricetta del ripieno dei tortellini, che prescrive una sfoglia di farina e uova di 6/10 di mm ed un ripiendo preparato come segue:

Ingredienti per sei persone
300 g di lombo di maiale
300 g di prosciutto crudo
300 g di vera mortadella di Bologna
450 g di Parmigiano Reggiano con 3 anni di stagionatura
3 uova di gallina
noce moscata

Preparazione
Far riposare il lombo di maiale in sale, pepe, rosmarino e aglio, poi cuocere a fuoco lento con un po' di burro. Dopo aver eliminato le spezie tritare il lombo, il prosciutto e la mortadella e impastare con il parmigiano, l'uovo e la noce moscata. Far riposare il ripeno 24 ore prima di utilizzarlo per farcire i tortellini. I tortellini vanno cotti e mangiati con un buon brodo di carne di cappone o gallina. Questo testo è preso da Wikipedia e chiarisce meglio di qualunque spiegazione l'importanza del piatto in questione.

commenti 24

vera mortadella bologna nel Devon, la vedo difficile da trovare, qui non abbiamo nemmeno l'imitazione. per non parlare del formaggio stagionato tre anni. idem come sopra. un po' pignola come ricetta, ma per alcuni prodotti ci vorrebbe il marchio doc ed é giusto che sia cosí.

mi piace molto wikipedia che uso anche nella versione english. nessuna delle due pero' mi ha svelato il segreto della zuppa inglese. quali siano le origini resta un mistero. :)

24 Nov 2005 | ore 14:24

La ricetta che aveva riportato precedentemente ha delle varianti rispetto a questa.
E qui la domanda sorge spontanea.
Siccome tutte le famiglie a Bologna custodiscono una propria ricetta per i tortellini mi chiedevo se la ricetta precedentemente postata fosse quella della famiglia Bonilli.....

Mucca

24 Nov 2005 | ore 15:40

Ogni famiglia bolognese nel rispetto della tradizione custodisce gelosamente la propria ricetta, pure nella mia famiglia ne esiste una ereditata da generazioni. Gli ingredienti sono quelli sopra menzionati : Prosciutto, mortadella, lombo di maiale, tantissimo parmigiano,noce moscata, uova. Si differenzia soltanto nel metodo di preparazione del ripieno: il lombo non viene cotto, ma macinato crudo insieme a tutti gli altri ingredienti. Rimane tutto più morbido. Poi logicamente, la cottura in un buon brodo di cappone.

24 Nov 2005 | ore 18:04

Amme non piacciono i tortellini :-P

24 Nov 2005 | ore 19:02

La notizia è drammatica, ma ce ne faremo una ragione :)

24 Nov 2005 | ore 19:15

Meno male :-) E che da brava criticona anoressica devo pure cercare di mantenere una certa coerenza a livello degli interventi che faccio in giro, giusto??

24 Nov 2005 | ore 20:50

a me piacciono molto invece e stasera al ristorante re enzo ho mangiato un piatto da urlo di tortellini.w il tortellino, abbasso tamburini e w Atti.

25 Nov 2005 | ore 00:41

Che peccato Direttore...inizia a dare ricette proprio adesso che ho deciso di abdicare dalla mia carriera di cuoca.
p.s.A proposito su wikipedia non c'è nemmeno la ricetta del ragù napoletano. Devo creare una confraternita delle spuntature?

25 Nov 2005 | ore 09:14

Adoro la pasta ripiena, farla.
Ricordo che esattamente tre anni fa, in un momento di tristezza infinita, di vuoto artistico nel scrivere la tesi, per esattamente tre giorni, ho pensato di buttar via il lavoro di due anni, per riniziare una tesi di laurea sul valore semiotico della pasta ripiena come unione di tre realtà separate ma non separanti, la sfoglia, il ripieno ed il condimento o brodo che sia.
Forse ci sono ancora le prime cinque pagine, di questo progetto, nascoste nei meandri di qualche mio vecchio hard disk.
L'argomento si prestava.
Appena laureato avevo anche pensato di girare l'Europa per iniziare ristoranti locali alla sacra arte dell'impasto e del ripieno.
Detto questo non so aiutare il direttore nella sua richiesta di indirizzi.
Sono curioso di una cosa però, i prezzi correnti del tortellino fatto a mano. Nel '99, se non sbaglio, erano già arrivati alle vecchie 50.000 lire al kilo. Adesso? qual'è il prezzo alla borsa di Bologna?

25 Nov 2005 | ore 10:34

Per apprezzare al meglio i tortellini secondo me bisogna assaggiarli prima di tutto crudi.
Chi altri condivide?

27 Nov 2005 | ore 12:53

Buongiorno, volevo ricordare alla signorina "cavoletto", chiunque ella sia, che l'anoressia è una cosa seria. Non è mia abitudine intervenire nei vari blog o forum, ma il suo modo di trattare con superficialità qualcosa di molto grave e doloroso mi ha fatto innervosire. Pertanto la pregherei di evitare di farsi bella e spiritosa utilizzando espressioni o battute riguardanti una malattia che può portare alla morte.
Quanto al Gambero Rosso va tutta la mia stima per l'impegno nel trattare e valorizzare la cultura alimentare sulle varie pubblicazioni e tv, ma non condivido i toni spesso volgari visti in questo blog e nel forum.
Grazie e arrivederci.
Vittoria Rossini

28 Nov 2005 | ore 12:56


Una voce fuori dal coro che scrive nel post per riprendere qualcun altro, lamentarsi dei toni utilizzati, ma sviolinare per il Gambero! Aggiungere qualcosa oltre ai complimenti e alle invettive?
Forse un espediente per muovere le acque un po’ stagnanti del blog?


andare da troiani per la matriciana è uno snobismo ridicolo per un piatto di verità!
p. s.
e poi basta con le "critiche" della belga anoressica
Posted by: sora lella at 11.11.05 21:06

Sora lella: io non ho criticato niente, e non 'vado' da troiani per la matriciana, dico giusto che mi piace molto come la fa (e a quanto pare non sono l'unica).
nb: anoressica sarà tua sorella
Posted by: il cavoletto at 14.11.05 16:10


Sopra riporto gli unici accenni all’anoressia presenti nei commenti.
“Anoressica belga”
è un epiteto utilizzato contro Cavoletto da Sora Lella;
Cavoletto reagisce rispedendo al mittente l’accusa.
La parola anoressia non è una volgarità, ma volgare continua ad essere l’uso del blog per attaccare pubblicamente alcuni suoi partecipanti un po’ meno allineati con le idee del Gambero . Per conoscere l’identità di Cavoletto e contattarla basta andare sul suo Blog che è anche linkato su quello del Direttore.
Un tempo Mucca è stato additato come il peggior frequentatore del blog e del forum, da poco è stato pubblicamente riconosciuto come valido apporto nei contenuti dello stesso.
Basta avere pazienza e magari i facinorosi di oggi saranno i collaboratori di domani e viceversa.
Un saluto a tutti…

28 Nov 2005 | ore 14:13

Fabio chi avrebbe detto che sono stato il peggior frequentatore del blog e del forum?

Mucca

28 Nov 2005 | ore 20:25

Certamente non io, ma basta risalire nella lettura dei post a qualche mese addietro per evidenziare un attegiamento certo più ostile da parte di alcuni addetti ai lavori. Per quanto mi riguarda penso che un apporto critico, ma costruttivo come quello dato da te e da Cavoletto sia da rispettare e da contrastare con argomentazioni che esulano dal personale. Ci si può stare più o meno simpatici e condividere più o meno i diversi pensieri, ma bisognerebbe parlare proprio di questi e non delle persone che li espongono. Se io critico il Gambero, dico su cosa e perché lo critico. Mi si risponde che sono un "rosicone". Se Sigrid dice la sua diventa "anoressica belga" e via fino all'ego ipertrofico. Sarebbe meglio che la polemica rimanesse sui temi,ma così va in questo paese dalla politica fino a scendere giù fino in fondo in fondo...
Un saluto

29 Nov 2005 | ore 09:20

beh fuor di ogni polemica...io da macrobiotica convinta ho passato questo lunedì a lezione di tortellini e sfoglia da due vere bolognesi, una faticaccia farli secondo le regole, ma gran soddisfazione: io non li ho manco assaggiati, ma chi lo ha fatto per me li ha prenotati per Natale ;-)) di certo proverò a fare il tutto in versione macro, fra le grida orripilate dei puristi!

29 Nov 2005 | ore 10:46

Gentile sig. fabio piccoli, forse sono stata fraintesa, io non volevo riprendere qualcuno e sviolinare qualcun'altro. Ero solo infastidita dal fatto che si usasse l'anoressia come termine insultante. Come dire "scema o deficiente sarà tua sorella", ecc. E mi ha dato fastidio che lo si facesse o lo si lasciasse fare sul blog di un'istituzione in materia alimentare come il gambero rosso (dove cioè ci si aspetta che tutte le "sfaccettature" positive e negative del cibo - e l'anoressia purtroppo è una di queste - vengano prese in considerazione e rispettate). Insomma ha mai sentito parlare di politically correct? Non crede che sarebbe meglio evitare di offendere, anche senza malizia o intenzione, persone che ogni giorno fanno veramente i conti con la sofferenza? Senza rancore e buon lavoro.
Vittoria Rossini

29 Nov 2005 | ore 12:45

Caro Fabio, io non parlerei di ostilità ma semplicemente di punti di vista differenti. Sia io che la Cavoletta di Bruxelles abbiamo esposto le nostre opinioni quando le ritenevamo opportune; punti di vista che certe volte potevano coincidere con il Bonilli pensiero mentre altre potevano essere completamente differenti. Non so se anche Sigrid condivide il mio pensiero ma per lo meno io non ho mai badato a quello che si mi diceva e tanto meno al tono con il quale venivano esposte le argomentazioni.
Io da Bonilli mi son preso dei bei due picche e di certo non gli ho risposto con dei fiori; Mi sembra che ciò sia capitato anche alla Cavoletta, fa parte del gioco e come tale trovo che sia molto divertente e vivace, tant’è vero che la famosa frase sull’ego ipertrofico “appioppatami” da Bonilli l’ho usata come firma per descrivermi nel mio blog. Ma da qui a dire che da parte di molti (ma dal tuo intervento mi pare di aver capito che ti riferissi solo a Bonilli) sono stato ritenuto il peggior frequentatore di questo blog e forum del GR, ce ne passa. Bonilli di me direbbe di tutto e di più ma non certo che sia il peggior frequentatore di questo blog o del forum. Di questo ne sono sicuro e sarei pronto a mettere la mano sul fuoco.
Ora credo che sia il caso di tornare a parlare di tortellini piuttosto che di presunte anoressiche od ego ipertrofico che fa gonfiare le mutande…..
Tu Fabio, hai un pensiero o un punto di vista sui tortellini?

A presto,
Mucca

29 Nov 2005 | ore 14:18

Tiriamo un po' le fila.
Per Vittoria: forse ho frainteso il suo intervento, ma credo comunque che il suo appunto avesse investito la persona sbagliata. Forse citando Sora Lella, invece di Cavoletto, lei avrebbe avuto più ragione di quanto io le abbia riconosciuto. Sono conscio del problema dell'anoressia e credo che il termine non dovrebbe essere citato a sproposito, ne usato a mo' di insulto. Da parte mia cerco, pur nei miei intenti polemici, di non offendere mai nessuno, proprio per non sentirmi responsabile dei toni che lei considera volgari. Anche per me vale un saluto senza rancore (come sempre).

Per Mucca: capisco perfettamente quello che hai scritto, ma il mio riferimento non era tanto per il Direttore, quanto per una schiera di non precisati scudieri, pronti a saltare su in difesa del Gambero, certi evidentemente di farsi belli agli occhi di qualcuno.
Per quanto riguarda Bonilli da quello che posso leggere intendo la sua stima per te quanto per Cavoletto.

Ora tornando al motivo per cui siamo qui:
- I TORTELLINI -
dico: no, non ho una mia idea.Difficile averne.Non ho cultura in merito e non credo che si possa fare l'ennesima classifica anche dei tortellini. Mi piacciono, questo si. Conosco delle ricette,ma mi sembra avere poco senso aggiungerne alla già lunga lista presente.Pari dignità per tutte, quindi che ognuno li faccia e li compri dove aggrada. Non saprei indicare più il pastificio di una signora che li faceva secondo il mio gusto, qui a Roma:ingoiata dalla crisi!
Un saluto a chi legge.

29 Nov 2005 | ore 16:31


Cara Vittoria Rossini,

Eh vabbe', intervengo anch'io (visto che di me si parla, cioè, no, si parla d una qualche ipotetica anoressica quindi non proprio di me, comunque): come dal riepilogo di Fabio, l'anoressica l'hanno data a me - ed era inteso come insulto - proprio in questi luoghi (senza che del resto nessuno si sia sconvolto per quanto la cosa potesse risultare politically incorrect o meno - nemmeno il padrone di casa quindi semmai se la può prendere con lui), per cui semplicemente ho reso il complimento.
Del resto sono perfettamente conscia della gravità della malattia, forse anche del fatto che tale malattia comunque non dovrebbe riguardare chi frequenta questi luoghi (beh ché, masochista oltre che anoressica?). Meno convinta però sulla necessità di farsi politically correct, anzì, per me un nano è un nano, non un diversamente alto così come un anoressico non è un diversamente gourmet, spiacente.

29 Nov 2005 | ore 17:58

Cavoletto quando può aggiungere una puntina di acido non si risparmia: ma cosa c'entro io sul linguaggio corretto o politicamente scorretto? Siete tutti adulti e "conosciuti" e quindi vi prendete le vostre responsabilità.
Io non dirigo il traffico.

29 Nov 2005 | ore 18:32


Se fossimo davvero tutti conosciuti avrei volentierissimo risposto a sora lella in privato.

ps: per i regali di fine anno al direttore consiglierei un bel dizionario dei sinonimi ( chebarbachenoia, sempre sto 'acido': aspro, brusco, agro, amaro, forte, acre, inacidito, acidulo, asprigno, malevolo, maligno, pungente, bisbetico, sferzante
...)

29 Nov 2005 | ore 19:40

Cara Sigrid, sei acidina spesso e volentieri e immotivatamente, come in questo caso.

29 Nov 2005 | ore 20:30

su cavoletto non si scaldi tanto, cos'è questa smania di prendere le distanze; essere additata o confusa come anoressica le dà così fastidio? e perché mai? non è mica la peste bubbonica. E poi cosa significa che chi soffre di queste malattie non può essere frequentatore di blog dove si parla "de magnà" o è "diversamente gourmet". Lei si sbaglia di grosso, mi creda. Talvolta un'anoressica, come una bulimica, un'alcolista o una dipendente da qualsiasi cosa può condurre una vita normalissima e passare inosservata, essere insospettabile o addirittura ottenere successi incredibili. Ci pensi un attimo a mente serena, liberandosi dall'ansia e dall'acidità che il direttore Bonilli ingiustamente le affibia. E pensateci un po' tutti voi presi da guide rosse, chi sale e chi scende, porte a porte e circo barnum del gastromondo. La gente è "fomidable" diceva Truffaut, IL MONDO è STRANO E VARIO. Per fortuna.
Saluti dalla notte.
Vittoria Rossini

30 Nov 2005 | ore 23:15

Cara Vittoria, il mondo è bello perché strano, vario ed avariato....

Mucca

30 Nov 2005 | ore 23:37

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Pasta_sarde_1.jpg Pasta con le sarde

Eccola qui la pasta con le sarde, una di quelle ricette che tutti conoscono e nessuno...


ultimi commenti

ultimi post

29
Apr
Le formiche del Noma, i tortellini di Bottura, The50 Best e l'Italia che gufa - Renè RedzepiIn questo post si parlerà di...
28
Apr
Il gelato da F1 di Carapina è sbarcato a Roma - Carapina ha aperto la sua sede...
23
Apr
Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie - Con Gaetano Cappelli ci siamo visti...
14
Apr
Le vite degli altri, cioè di tutti noi, spiate anche al ristorante - Una scena tratta dal film "le vite...
12
Apr
Assunta Madre, un ristorante di pesce fresco e "cimici" - Assunta Madre, Il ristorante di attricette tv,...
09
Apr
Panino, dove hanno venduto una tonnellata di pane di Matera - Fatti 50 metri, forse meno, dall'ingresso...
02
Apr
Josean Alija, il Guggenheim di Bilbao, il ristorante Nerua e la sua storia - Se non siete mai stati da...
31
Mar
Bonci fa traffico... e anche pane e pizza - Gabriele Bonci è un bravo cuoco...
Pollo_arrosto_erbe.jpg Pollo arrosto alle erbe aromatiche

In momenti di crisi il pollo è un'ancora di salvezza perché anche i polli buoni esistono...


ultime letture

IMG_3446.jpg Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie

Con Gaetano Cappelli ci siamo visti da...


IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


Twitter
Friendfeed