21
Feb 2006
ore 18:19

Fantascienza...?

< >

pollo_arosto1.jpg


Una volta se un bambino vedeva questa scena gli veniva l'acquolina in bocca pregustando il piatto dei suoi sogni: pollo e patatine.  Il tempo passa, chi l'avrebbe detto che questa sarebbe diventata una foto dell'orrore?

commenti 12

Ma cosa sono, degli enormi rospi? :-))

Comunque a me l'acquolino in bocca viene anche adesso

21 Feb 2006 | ore 19:19

Ieri sera al ristorante Il Canto della Certosa di Maggiano ho mangiato un eccezionale Pollo del Valdarno con mais e rosmarino....da svenimento!

Mucca

21 Feb 2006 | ore 19:28

ma il virus dell'aviaria non muore con il pollo cotto?
e allora perchè tante paure?

22 Feb 2006 | ore 00:06

Antonio...sembrano degli enormi rospi e ti viene l'acquolina in bocca..!? :-))

22 Feb 2006 | ore 00:19

antonio e' un po' strano.....e' un incrocio fra un luccio ed un pellicano....
:-o)

22 Feb 2006 | ore 02:54

i sovversivi del gusto....sara' una realta'....
:-))

22 Feb 2006 | ore 04:32

Gira voce che Bush abbia già messo gli occhi guerrafondai sui pollivendoli...hanno armi di distruzione di massa...
Tanto per gradire, domani galletto arrosto e sabato gallina ripiena in brodo di terza...

22 Feb 2006 | ore 09:51

Polli messi al forno, prima di "impazzire"
Che cos'è oggi il pollo da carne? Stiamo parlando di broiler.

Tutti i polli che compriamo e mangiamo, in tutto il mondo, sono oramai solo di un paio di razze ibride (denominate COBB 500, i cui brevetti sono in mano alla The Cobb Breeding Company LTD), nate nei segreti laboratori di genetica applicata, selezionate esclusivamente per l'ingrassaggio. Il risultato di queste selezioni è una vera macchina biologica ad elevatissimo "indice di conversione": un broiler mangia un chilo e mezzo di mangime e ne "produce" uno di carne. Lo fanno vivere solo 35 giorni (non ha neanche il tempo per diventare pazzo).
Questi polli denominati "galletti" quando arrivano a "maturazione" pesano vivi in media sui 2,3 chili e preparati a busto circa 1,2. Per avere queste rese così elevate e cicli biologici così accelerati servono allevamenti e mangimi adatti. Come vengono allevati Si chiama allevamento integrato. Assoggettato, cioè, alla filiera industriale della produzione di carne, le cui principali fasi sono: produzione della gallina ovaiola, incubatoi delle uova, produzione dei pulcini, magnifici, macelli, industria di lavorazione, logistica, commercializzazione nella rete della grande distribuzione organizzata.
Nel nostro paese due aziende controllano oltre il 70% del mercato. Una è l'AIA del gruppo Veronesi e l'altra è del gruppo Amadori. L'allevamento viene svolto in grandi capannoni dove possono stare decine di migliaia di volatili: con una densità di 10-15 per metroquadro, sino a 30 chili di "carne" a mq. (I regolamenti Ue per gli allevamenti biologici stabiliscono in tre polli per metro quadrato la densità massima ammissibile). Beccano tutto ciò che ha colore paglierino, giorno e notte, grazie all'illuminazione artificiale. Le temperature sono sempre elevate (anche a causa della luce e delle deiezioni, che vengono raccolte con una ruspa per la produzione della pollina, sottoprodotto usato come concime agricolo o combustibile; e fino a 10 anni fa come mangime per bovini da ingrasso). Le condizioni igieniche sono terribili. Gli animali vivono dal primo all'ultimo giorno della loro brevissima vita calpestando e dormendo sulle loro deiezioni. Le infezioni batteriologiche sono contrastate dal primo all'ultimo giorno di vita con gli antibiotici contenuti nei mangimi; ma per i virus - come si sa - non ci sono farmaci.
Da qui l'uso di vaccini che, come è noto, creano una quantità di anticorpi che contrastano l'estrinsecazione delle manifestazioni patologiche del virus, ma impediscono la eradicazione dello stesso, consentendo che animali solo apparentemente sani siano commercializzati: con il rischio che il virus si trasferisca dall'animale all'uomo. A questo si aggiunge il rumore spaventoso provocato dal pigolare di 50.000 -100.000 animali spaventati, tenuti in quelle condizioni. L'organismo del broiler, che è pur sempr e un animale diurno, viene messo a dura prova, l'apparato digerente stressato, la sua capacità di resistenza agli agenti patogeni fortemente indebolita. Nel territorio dove sono inseriti, senza un minimo di criterio di biosicurezza, questi allevamenti sono delle vere e proprie bombe batteriologiche, pericolose e costose per tutta la collettività. Pericolose. in quanto incubatoi di possibili virus trasmissibili agli uomini, come salmonelle e influenze; costose, come il caso dell'ultima peste aviaria costata alla sola regione veneta 110 miliardi, e altri 500 allo Stato.
Cosa mangiano I polli dovrebbero mangiare mais, soia e fibre. Trasformano proteine vegetali in proteine nobili. I broiler, che rapresentano il 99% dei 520 milioni di polli e dei 22 milioni di tacchini che mangiamo ogni anno, mangiano esclusivamente mangimi industriali, prodotti in larghissima misura da due o tre aziende. Le formule di questi mangimi sono top secret; possono in questo modo metterci dentro di tutto e di più. Il mais e la soia, che sono i componenti principali (fino al 60/70%), sono in grandissima parte di importazione e di produzione transgenetica, perché costano meno. Contrariamente alle normative per i bovini, i mangimi per pollame e tacchini possono contenere farine di carne e di pesce, pannelli di olio esausto, grassi di origine animale. La vicenda di due anni fa dei polli belgi alla diossina è dovuta a un "eccesso" di PCB, ma se sta nei limiti tollerati si può dare da mangiare ai polli anche oli esausti di motori. Ma i risultati migliori si ottengono con le proteine animali derivati dalle interiora, dalle teste, dalle zampe, dalle piume derivate dai loro fratelli morti in precedenza; oltre alle proteine animali acquistate dove costano meno (farine di sangue e di pesce). Ai polli ed ai tacchini ne vengono somministrante una quantità fino al 30% nel tacchino, un po' meno per il polli. Cosa si ottiene Si ottengono dei pulcinotti venduti come galletti o tacchini, con una carne senza gusto ne qualità organolettiche, e di dubbia salubrità.
I polli cosi allevati se li cucini due minuti di più letteralmente si sbriciolano, se li lasci raffreddare rilasciano il classico odore di pesce con cui sono stati allevati. Oggi la carne di pollo non viene offerta da nessun ristorante degno di questo nome, viene data solo nelle mense delle fabbriche, delle scuole o per le mense delle famiglie sotto i due milioni al mese. Per i tacchini è ancora peggio: la carne è letteralmente immangiabile. Amadori la tritura, aggiunge un po' di manzo e propone in questi giorni con la pubblicità i rotoloni di carne "per una buona domenica da passare in famiglia".
Questi rotoli sono fatti con la carne di tacchini con aggiunta di carne di manzo e - come si dice in gergo - con la giusta quantità di aromatizzanti. Nessuno, ad esclusione dei pochi NAS, protegge i consumatori. Nessuno controlla, e i nostri 7000 veterinari pubblici, come da precise istruzioni, guardano, registrano, e alla fine non possono fare altro.. Consulente aziendale settore zootecnico e agroalimentare

25 Feb 2006 | ore 04:33

veronica non so chi tu sia ma sei una donna da sposare!....
a parte scherzi !...stavo cercando, ingannando il fratello, che lavora in questi lager avicoli, di una mia conoscente di fare una cronostoria fotografica di un allevamento intensivo descritto cosi' bene da veronica...credo che se vedessero un piccolo filmato il 99 per cento degli italiani(si anche quelli che assomigliano tanto ai simpson) diventerebbero vegetariani....
mi piacerebbe sapere in quei 35 giorni di "vita" che quantita' di antibiotici somministrano a questi polli....
grazie veronica....

25 Feb 2006 | ore 09:06

Veronica dice il giusto e infatti noi lanciavamo l'appello in favore degli allevamenti biologici e non degli allevamenti intesi genericamente. Ne sono stati segnalati alcuni ma ce ne sono molti altri e proprio in virtù di quanto denunciato da Veronica andrebbero difesi e valorizzati coloro che hanno 3 polli per metro quadro e stanno subendo un danno se possibile superiore a coloro che sono organizzati in struttura industriale e avranno accesso alla cassa integrazione per i dipendenti.

25 Feb 2006 | ore 18:40

"i sovversivi del gusto" segnaleranno anche cose migliori....

:-o))

26 Feb 2006 | ore 01:26

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Pasta_sarde_1.jpg Pasta con le sarde

Eccola qui la pasta con le sarde, una di quelle ricette che tutti conoscono e nessuno...


ultimi commenti

ultimi post

29
Apr
Le formiche del Noma, i tortellini di Bottura, The50 Best e l'Italia che gufa - Renè RedzepiIn questo post si parlerà di...
28
Apr
Il gelato da F1 di Carapina è sbarcato a Roma - Carapina ha aperto la sua sede...
23
Apr
Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie - Con Gaetano Cappelli ci siamo visti...
14
Apr
Le vite degli altri, cioè di tutti noi, spiate anche al ristorante - Una scena tratta dal film "le vite...
12
Apr
Assunta Madre, un ristorante di pesce fresco e "cimici" - Assunta Madre, Il ristorante di attricette tv,...
09
Apr
Panino, dove hanno venduto una tonnellata di pane di Matera - Fatti 50 metri, forse meno, dall'ingresso...
02
Apr
Josean Alija, il Guggenheim di Bilbao, il ristorante Nerua e la sua storia - Se non siete mai stati da...
31
Mar
Bonci fa traffico... e anche pane e pizza - Gabriele Bonci è un bravo cuoco...
Pollo_arrosto_erbe.jpg Pollo arrosto alle erbe aromatiche

In momenti di crisi il pollo è un'ancora di salvezza perché anche i polli buoni esistono...


ultime letture

IMG_3446.jpg Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie

Con Gaetano Cappelli ci siamo visti da...


IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


Twitter
Friendfeed