18
Apr 2006
ore 18:47

Gastronomia e...politica

< >

gamberi.jpg

La politica c'entra con la gastronomia? Si deve vivere tra le nuvole parlando solo di cru, cucina creativa, vitigni autoctoni ecc... ma mai di chi fa le leggi e di chi amministra, dei partiti? Non è che stiamo tornando a posizioni tipo "la politica è una cosa sporca", "tutti i partiti sono uguali", "destra o sinistra è sempre un magna magna" e altre amenità simili?

Per esempio, Alemanno è stato un buon ministro dell'agricoltura (si, non c'è dubbio!) o invece se si è di sinistra (e neo integralisti) bisogna dire di no? In realtà sta affiorando un integralismo, da una parte e dall'altra, preoccupante: chi la pensa in modo diverso, la pensa in modo diverso su tutto. Ci si deve schierare. Ma poi bisogna inventarsi delle zone franche dove "qui non si parla di politica", molto simile a "qui non si fuma" e la gastronomia dovrebbe essere una di queste zone.

Ma se il mensile Gambero Rosso è logico che dedichi tutto il suo spazio alle tematiche eno-gastronomiche, perchè è letto da "appassionati" di tutte le posizioni, e collezionato, un blog è rapidità, diversità, sempre in mutazione, luogo del confronto per eccellenza, dove si può entrare e uscire in un attimo, senza impegno e senza acquisto. E qui c'è posto anche per parlare della realtà che ci circonda, tra un vitigno e un ristorante. E senza moralismo.

commenti 7

E' la cosa migliore che possa fare, caro Bonilli. Per quanto mi riguarda ritengo che il blog debba poter esprimere in libertà i temi che l'autore predilige, senza limiti se non quelli che l'autore stesso pone.

18 Apr 2006 | ore 23:42

Alemanno è stato bravo almeno quanto i suoi sottosegretari, ricorda il reportage di report Direttore?

19 Apr 2006 | ore 12:37

A dimenticavo il finanziamento del gruppo Parmalat ad Area...come dire un ministro sempre al "fresco"!

19 Apr 2006 | ore 12:39

Se è per questo ricordo anche il reportage di Report sul vino e come si sono comportati con noi, ed era uno che conoscevamo "un amico".
La scena di Report, con Alemanno che se ne va, non me la dimentico ma non si giudica un'azione di governo di cinque anni da un gesto. E lo dico io che mi ricordo Alemanno picchiatore, Alemanno che nel '92 è ripreso davanti al Senato mentre tira le monetine insieme con i suoi camerati. Ma che vuol dire? Alla domanda se è stato un buon ministro delle politiche agricole, qui e a bruxelles, la risposta è si. Per non essere settari o integralisti. Io giudico sempre le persone per quello che fanno e dicono, non per il loro passato.

19 Apr 2006 | ore 12:44

:-)) La gastronomia come aerea "politics-free"? Ah, ah... Ma se la politica viene dalla gastronomia o dalla a-gastronomia...

19 Apr 2006 | ore 13:59

E' probabile che Alemanno sia ricordato come un buon ministro tutto sommato.
A parere mio lo spingere in modo cosi' deciso sui controlli "erga omnes" dei consorzi è sbagliato. Altre prese di posizione piuttosto facili e populistiche che non mi sono piaciute sono state quelle contro gli OGM "a priori", il sostegno al prezzo delle uve in alcune zone del sud trasformato in "prezzo politico".
Insomma, forse a Bruxelles si è fatto valere di più di altri, ma la sensazione che non si riesca ad uscire da una certa visione dell'agricoltura - sussudiata, debole, perdente perché rinuncia alle sfide e preferisce le protezioni (che saranno dighe di carta) - c'e' e rimane. Anche se in questo campo non ho ancora visto chi si distingua in modo netto in positivo.

20 Apr 2006 | ore 18:05

Alemanno è stato un buon ministro delle politiche agricole, qui e a Bruxelles? Perchè?

21 Apr 2006 | ore 02:51

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Pasta_sarde_1.jpg Pasta con le sarde

Eccola qui la pasta con le sarde, una di quelle ricette che tutti conoscono e nessuno...


ultimi commenti

ultimi post

29
Apr
Le formiche del Noma, i tortellini di Bottura, The50 Best e l'Italia che gufa - Renè RedzepiIn questo post si parlerà di...
28
Apr
Il gelato da F1 di Carapina è sbarcato a Roma - Carapina ha aperto la sua sede...
23
Apr
Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie - Con Gaetano Cappelli ci siamo visti...
14
Apr
Le vite degli altri, cioè di tutti noi, spiate anche al ristorante - Una scena tratta dal film "le vite...
12
Apr
Assunta Madre, un ristorante di pesce fresco e "cimici" - Assunta Madre, Il ristorante di attricette tv,...
09
Apr
Panino, dove hanno venduto una tonnellata di pane di Matera - Fatti 50 metri, forse meno, dall'ingresso...
02
Apr
Josean Alija, il Guggenheim di Bilbao, il ristorante Nerua e la sua storia - Se non siete mai stati da...
31
Mar
Bonci fa traffico... e anche pane e pizza - Gabriele Bonci è un bravo cuoco...
Pollo_arrosto_erbe.jpg Pollo arrosto alle erbe aromatiche

In momenti di crisi il pollo è un'ancora di salvezza perché anche i polli buoni esistono...


ultime letture

IMG_3446.jpg Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie

Con Gaetano Cappelli ci siamo visti da...


IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


Twitter
Friendfeed