19
Ago 2006
ore 16:54

A Capalbio? Nooo!!!!

< >

Capalbio.jpg


Non c'ero mai stato in vacanza. Un po' perchè venti anni di Bolgheri han voluto dire sfrecciarle davanti ogni sabato all'andata e ogni domenica sera al ritorno, un po' perchè il nome è francamente logorato. E invece una vacanza a Capalbio può essere molto bella. il pane che compro a Orbetello è buono, la bottarga della Cooperativa dei pescatori è buonissima (e rara), lo Spumante Brut Caerite della Cantine Sociale di Cerveteri è un gran bel bere a 4,60 euro la bottiglia. Poi ci sono i pelati di Gerardo di Nola e la sua pasta che hanno viaggiato nel baule dell'auto come "bagaglio appresso". La carne a Capalbio Scalo, i salumi dell'Agave di Fulvietto Pierangelini, l'olio... ognuno ti porta il suo da assaggiare, qua producono tutti olio. In autunno ci saranno i funghi. Bisogna tornare. Macchiatonda sarà deserta.

commenti 21

Qualche settimana fa mi è capitato di leggere sul Corriere un articolo di Maria Laura Rodotà che diceva peste e corna di Capalbio.
Noi eravamo appena tornati da quelle zone e ci siamo chiesti: "Ma...che film ha visto? C'è stata veramente o se l'è inventato? Eravamo nello stesso posto oppure siamo entrati noi in una dimensione parallela?". Tutti che dicono "La Toscana è carissima". Un sacco di gente che conosco va in posti tristissimi, schiacciati sulla spiaggia senza poter allungare un piede se no finisce in faccia al vicino, oppure parte per faticosissimi viaggi low cost; e poi ci dice "Beati voi che vi potete permettere posti come quelli". Confrontiamo quanto abbiamo speso e si scopre che noi mangiando benissimo, visitando posti bellissimi, mare stupendo e spiagge con 1 km quadrato a testa...abbiamo sborsato più o meno lo stesso. Con un minimo di raccolta informazioni e organizzazione preventiva, un po' di testa e evitando quei due o tre posti vipposi si sta alla stragrande. Quando racconto le vacanze gli amici dicono che sono l'unica persona che fa venir voglia di fare le ferie in Italia.
Boh. Eppure non ho mica fatto niente di così strano. Siamo noi incredibilmente furbi o è la media della gente a essere un po' tonta quando si tratta di andare in vacanza? :-))

19 Ago 2006 | ore 21:19

scusa Stefano,
ma credevi che i ricchi e le palombelle fossero dei coglioni che scelgono un posto di merda per le loro vacanze?
un ciao salentino
oloap

20 Ago 2006 | ore 12:48

Non so cosa pensi il Bonilli, ma stando a quello che scrive la Rodotà, la risposta alla domanda di "oloap" sarebbe: SI'!!

20 Ago 2006 | ore 12:56

Rientrato all'ovile, ovvero a Roma, confermo in toto quanto detto: il posto è bellissimo e richiede per raggiungerlo lo stesso tempo che ci si impiega per andare da Ponte Milvio all'Eur in una gioranta di traffico. Detto questo io non pensavo che fosse così bello il territorio e poichè i radar aumentano e la voglia di guidare diminuisce può diventare una mia meta abituale (bisogna però avere amici con casa perchè se affitti o compri il discorso si complica e... ). E non è detto che i ricchi e famosi ci azzecchino sempre, Cetona docet se non hai una tua villa con giardino e piscina. Ma ormai anche Langa docet e Lago di Como e Franciacorta e tutte le località vicino alle grandi città. Bisogna riprendere la ricerca: alberghetti veri e belli, agriturismi non un sacco alternativi, trattorie familiari (non in senso mafiosetto di furbetti della padella) spiagge deserte, boschi con funghi (pensiamo all'autunno), salumi veri e formaggi idem, quanto ai vini, abbiamo già dato la guida 2007 :-)
E un blog come questo dovrebbe servire agli amici che lo frequentano.

23 Ago 2006 | ore 18:08

Confermo, Capalbio è davvero interessante...ho la fortuna di avere amici che vi abitano. Ciao e grazie di avermelo ricordato, Barbara. :o)

24 Ago 2006 | ore 10:06

Ma quali sarebbero gli "agriturismi un sacco alternativi"?

24 Ago 2006 | ore 14:32

Il mondo è pieno di agruturismi fatti per fregare l'Iva che agriturismi non sono.
PS
Una persona che ha un livore sorprendente nei confronti di un cuoco (si può leggere nel forum a firma sgnucco il suo ennesimo attacco a Pierangelini) critica i "contenuti" di questo post. Per esempio che la Cantina di Cerveteri non è in zona, come se io non lo sapessi e come se lo spumante in questione non meritasse i pochi chilometri di Aurelia andata e ritorno proprio per i 4,60 euro la bottiglia, il tempo per acquistarne dei cartoni di questo e di quel buon rosso che è Viniae Grande, due bicchieri della guida e 6,40 euro di prezzo, con i quali sbevazzare in numerosa compagnia al fresco. Certo, c'erano anche altri vini ma questo era citato, guarda un po', per il q/p. Orbetello nel mio breve racconto non esiste perchè non amo ingorgarmi per 45 minuti, è bastata una volta. Il buffo è che questa avvocato - la sgnucco in questione - amante dei cavalli, invece che intervenire qui è andata sul forum a farmi la lezioncina sulla Maremma.

24 Ago 2006 | ore 15:53

popcorn...subito!:-O)

24 Ago 2006 | ore 17:05

Ah sì ho presente quel genere di agriturismi, ma non avevo colto la definizione.

p.s. Ahhhrgh!...le diatribe su Pierangelini anche qui nooooo!!

24 Ago 2006 | ore 20:24

Scusa Stefano,
perché ti sorprendi se uno che per nomignolo sceglie (s)gnucco non capisce Fulvio?

24 Ago 2006 | ore 21:33

Caro Direttore,
a proposito dell'"esimia"(?) "sgucco" si vada a vedere l'ultimo post sul forum in cui la "accusa" di essere il cognato di Pierangelini e di fargli pubblicità.
Il livore va bene,( io però qui mi ricordo sempre di essere in casa d'altri) ma dire cose false mi sembra un'altra cosa.
Cari saluti.
Giuseppe Grammauta.

25 Ago 2006 | ore 10:51

Sono maremmano, di Orbetello, paese che è cresciuto tantissimo negli ultimi 5 anni - non so da quanto non ci va Bonilli - e migliorato in tante cose, specie nei parcheggi, tant'e' che a differenza di quando ero giovanetto è diventato ormai il paese di riferimento dell'Argentario, più vivo e vivibile di Porto Ercole e Santo Stefano.
Peccato che non sia cresciuta anche la ristorazione, con la mirabile eccezione dei Pescatori di Orbetello, che però mi piacerebbe vedere abbinato anche ad una scelta un po più "alta". Molti si lamentano, e mi scuseranno gli interessati per il luogo comune trito, che i romani sono clienti difficili (e rappresentano il 90 % dei turisti in loco), più attenti alla quantità che c'e' nel piatto che ad altro.
Per quanto riguarda Capalbio, mi ricordo di 20 anni fa, quando abitare a Capalbio era un po sinonimo di abitare in Siberia, ti regalavano la casa se ci volevi andare ad abitare. Per un po di anni la luce dei riflettori ha forse prodotto un po di quegli effetti collaterali associati al posto di moda, ma la maremma è bella e val la pena di essere visitata, sopratutto fuori stagione.
Sugli agriturismi, è vero che ormai molti sono una farsa, così come molte aziende agricole che hanno piantato ettari di vigna solo perché danno luogo ad ore di lavoro (nelle tabelle) che permettono di costruire la casa dell'agricoltore, che in molti casi è l'avvocato di Milano. Forse, parlando di agricoltura, delle sue ricorrenti crisi e problematiche, bisognerebbe che chi di dovere stesse molto più attento a queste forme di truffe legalizzate che finiscono per danneggiare chi di agricoltura vive davvero.

25 Ago 2006 | ore 16:24

Caro direttore, non ti metterai adesso a spargere la voce, vero? Mi fa piacere che finalmente anche tu abbia scoperto Macchiatonda, ma per favore, zitto, lasciamo che di Capalbio si coltivi solo il mito – milanesissimo e levigato – dell’Ultima Spiaggia. Macchiatonda deserta in autunno? Ma per fortuna la era anche ad agosto. Niente doppie o triple file di ombrelloni, niente paparazzi a spiare il chicco o il nando di turno, solo pochi e motivati fedelissimi che non hanno abbandonato questa amata striscia di spiaggia a costo ormai di abbarbicarsi sulle dune. Ma dove lo trovi un altro posto così? I tavolini del Carmen Bay sono magici, il mare sotto il naso, le alicette marinate, gli spaghetti vongole e bottarga (sì, proprio quella di Orbetello…), la Tenutella fresca di madame Andreini ( a proposito di vino, senza troppo correre sull’Aurelia, magari questa Ansonica te la sei persa….e lei fa anche olio eccellente), Monica, Paolo, Paola, Elisabetta e tutti gli altri fantastici ragazzi dello staff, gentili veloci premurosi, niente ressa, niente stress, niente attese neppure a Ferragosto… Diciamocelo, complice l’erosione, Macchiatonda è un paradiso. Da noi (sì, da noi, perché dopo 2O anni di fedeltà posso dirlo) circola questa battuta: “Uno o va in vacanza o va a lavorare: all’Ultima Spiaggia si va a lavorare”. E forse che sotto i loro tendoni ultra chic arriverà mai una sontuosa scodella di trippa (una delle cose più sublimi mai assaggiate!) come quella cucinata dal nostro bagnino Roberto (anzi, dalla sua mamma) e allungata sotto l’ombrellone come aperitivo? Non per dire, ma un altro aperitivino sur la plage sono stati i porcini fritti, senza troppo aspettare l’autunno. Se interessa la ricetta della trippa posso procurarmela: a Macchiatonda per tenersi i clienti fanno questo ed altro.

28 Ago 2006 | ore 15:32

Ho cenato una sera a Macchiatonda, non ho mai messo piede a Macchiatonda di giorno, stavo 15 minuti (a piedi) più a nord, dove non c'è nessuno e quello che mangi e bevi te lo porti da casa. Ognuno ha il suo paradiso ed è giusto sia così, io sono un viaggiatore più che uno stanziale e in futuro proverò Ansonica, olio e salumi della zona se ritornerò da quelle parti.

28 Ago 2006 | ore 18:12

Dato che ormai il segreto è stato divulgato...domando: Macchiatonda è quella che i "locali" chiamano "la VERA spiaggia di Capalbio"?

Chiunque capiti da quelle parti per la prima volta e sia sano/a di mente capisce al volo quali sono i pochi luoghi da evitare accuratamente (l'Ultima Spiaggia, ovvio, ma non solo quella).
Poi, senza sminuire Macchiatonda...di posti belli e semideserti ce ne sono diversi. O è stata una mia impressione?

29 Ago 2006 | ore 12:58

La "sindrome di Capalbio" dimostra come sia frequente procedere per luoghi comuni. Se ne parla perchè ci vanno alcune centinaia di famosi ma, non bisogna dimenticarlo, i famosi di solito vanno in luoghi belli. Se poi i famosi vanno in certe spiagge, ci sono chilometri di spiagge alternative e un bellissimo entroterra dove "rifugiarsi"

29 Ago 2006 | ore 13:16

Effettivamente, l'ultima spiaggia non è che sia diventata brutta perché è diventata famosa. Tra l'altro questa spiaggia ha contribuito non poco a creare il mito Capalbio. Ma quando i 4 che l'hanno creata, Adalberto, Riccardo, Valerio e Marcello, hanno cominciato, nessuno avrebbe scommesso una lira sul posto, che all'epoca non era certo di moda. Quindi bravi loro, che mi ricordo con moltà umiltà chiedere consigli a mia madre che all'epoca gestiva un bagno ad Ansedonia.
Poi è vero anche che per fortuna in tutta la zona, tra l'Argentario (con la bellissima spiaggia della Feniglia, la spiaggia di Orbetello, che anche di ferragosto ti lascia degli spazi ed un acqua incredibili, se hai voglia di camminare) e Macchiatonda, gli spazi per tutti, VIP e non, non mancano.

29 Ago 2006 | ore 15:08

Contrariamente a quanto indicato nel blog .... il ristorante di macchiatonda:
- E' CARO COME "L'ULTIMA SPIAGGIA";
- NON SI MANGIA BENE (CI SIAMO SENTITI MALE CON L'INTESTINO...!)

Sieti pregati di dare consigli non interessati quindi...

Fabio

29 Ago 2007 | ore 14:31

ottima invece la trattoria al pozzo nel centro storico, piccolo locale personale molto gentile, la pasta fatta a mano, buonissimo il cinghiale alla cacciatora e da non credere a capalbio prezzi onestissimi

07 Ott 2007 | ore 18:32

Sono stato a Capalbio, e ci torno quest'anno. La spiaggia della Dogana è libera e tranquilla. Conviene mangiare a Macchiatonda?
A Capalbio paese c'è un parcheggio oltre a quello coperto?

09 Ago 2010 | ore 12:08

Ciao a voi tutti esperti conoscitori della zona di capalbio... dal momento che tra poco partirò e per la prima volta... dovrei essere in spiaggia nella zona del Frigidaire... qualcuno lo conosce? in quale zona si troverebbe? è lo stabilimento consigliato dal villaggio dove alloggerò...
grazie

27 Lug 2012 | ore 14:27

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Risotto_barbera.jpg Risotto alla barbera

Il cielo è più grigio e la temperatura è calata, è tempo di piatti caldi e...


ultimi commenti

  • Alessandro - Lo stato italiano dovrebbe finanziare le banche ancor piu'...
  • piermiga - Quando Antonella entrò nel camerino lui era seduto e...
  • Raffaele - Mi tocca essere d'accordo con Gumbo Chicken!!!...
  • Roberto Bentivegna - :( Non più tardi di qualche mese fa ti...
  • gumbo chicken - Vista l'insensibilità del commento di Tristano - che condanna...
  • Tristano - Che strana gente è quella che si occupa di...

ultimi post

20
Gen
Una rosa bianca per il Maestro Abbado - Foto ANSAE' morto alle 8,30 del...
18
Gen
Prendere esempio da Ducasse? No, l'esempio sono i fratelli Roca - Avevano già le tre stelle Michelin...
16
Gen
Fool racconta l'Italia del cibo. Un po' come te l'aspetti, ma anche no - E' uscito Fool n. 4 dedicato...
14
Gen
La grande bellezza di Roma che piace agli stranieri e non agli italiani - La grande bellezza è un bel...
09
Gen
Aprire è un po' morire - Lo sai che Piripicchio ha aperto...
07
Gen
Spaghetti alla bolognese made in New Zealand - Venti giorni senza cucina italiana a...
04
Gen
15 giorni da Valerio M. Visintin senza passamontagna, occhiali e guanti neri - Lo sognavo da tempo ma in Italia...
04
Gen
Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina - Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli...
Pici_1.jpg Pici con le briciole

Dopo tanto sud torniamo nell'Italia Centrale, in Toscana, per raccontare una bella ricetta semplice e popolare,...


ultime letture

IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


IMG_0522.jpg Gianni Brera, il grande padano

Ho ripreso in mano La pacciada, il...


Twitter
Friendfeed