30
Ago 2006
ore 17:53

Giornalista & Cuoco

< >

cuoco2.gif

Una volta si sognava di fare il giornalista. Oggi ci sono molti giovani laureati che sognano di fare i cuochi. Una volta i giornalisti importanti erano personaggi famosi, oggi i cuochi vengono riconosciuti per strada. Oggi il giornalista è un impiegato che crede di essere un intellettuale. Il cuoco moderno è un artigiano colto che i giornalisti hanno trasformato in maitre a pensée.

commenti 8

Non potevo esimermi dall'intervenire, visto che io ho sognato di fare sia il giornalista che il cuoco.

A me sembra che la chiave della celebrità sia data dall'apparire o meno in tv. Prendiamo i giornalisti: conosciamo benissimo l'esperto di calcio mercato del processo del lunedì, ma quanti hanno mai letto una pagina di Mura o di Clerici? Ci è più familiare il volto di Giorgino o la prosa di Stella?

Stessa cosa per i cuochi. Quali sono quelli che vengono fermati per strada? Vissani, va bene. Ma poi stiamo pur certi che la gente conosce benissimo il Renatone della prova del cuoco ma non sa chi sia Pierangelini.

Certo che la categoria dei giornalisti ultimamente ha ricevuto dei bei colpi, dalle intercettazioni di calciopoli (ma perchè nessuno parla mai delle telefonate tra dirigenti e giornalisti?) a Farina agente segreto.

I cuochi invece si godono il loro quarto d'ora di celebrità, rischiando - come capita con i calciatori più famosi - di essere davvero considerati dei maitre a pensée

31 Ago 2006 | ore 10:27

Sono uno studente universitario in procinto di scrivere la mia tesi un ultimo sforzo prima di affrontare il mondo lavorativo che non mi e' nuovo.La mia tesi sara' sul GamberoRosso .Sono ideciso se fare il cuoco o il giornalista e solo nel primo campo ho esperienza di stagioni dure e sacrificanti ma penso ad una cosa che se facessi il giornalista cercherei un lavoro,invece,se mi affermassi come cuoco cercherei il successo ma non un seccesso fatto di visibilita',immagine e propaganda,sarebbe un successo intimo e personale prima di tutto basato sull'onesta' e la ricerca,basato sui rapporti interpersonali che si creano tra cliente e ristoratore,In centro a Roma o nelle valli sperse della valtellina poco importanza ha purche' attenta e onesta sia la cucina.E' verissimo quello che dice Bonilli ma i tempi cambiano anche un laureato di oggi e' diverso da un laureato di qualche generazione fa.Prima ci si iscriveva all'unversita' per affermare una professine oggi ci si iscrive per valutare meglio quale sia il proprio scopo di vita.La cultura e' sempre piu' alla ricerca di se stessa,colma gli spazzi vuoti e le incertezze della globalizzazione.

31 Ago 2006 | ore 12:56

E' vero, la realtà virtuale filtrata dalla televisione, da ciò che passa in televisione e da ciò che dice la televisione, è diventata "LA REALTA'".
In questo quadro i giornalisti che fanno la televisione "esistono" e gli altri non si sa bene cosa siano.
Idem per i cuochi e, fatte le debite proporzioni, anche il passare sugli schermi di Gambero Rosso Channel è un modo di esistere contrapposto a chi in televisione non appare mai.
Quindi la Tv determina il cambiamento dei giudizi e dei valori anche da parte del pubblico più evoluto. Quanto al grande pubblico, la realtà è quella che vede sul teleschermo e che poi scimmiotta nella vita di tutti i giorni.
Pensate alla gente davanti alla telecamera e a un microfono, sembra che abbiano sempre fatto gli opinionisti ma se fate caso a come parlano, nella maggior parte dei casi si esprimono in un italiano che è la somma di una telecronaca di calcio, l'arrivo di una corsa ciclistica e il telegiornale.

01 Set 2006 | ore 11:30

Io ho fatto entrambe le professioni (non da amatore). Sarei contento che i giornalisti enogastronomici fossero stati cuochi e i cuochi celebrita´abbiano fatto una scuola di giornalismo o comunicazioni. Suona troppo maoista? (Mao mandava gli intellettuali a lavorare nei campi periodicamente)

05 Set 2006 | ore 00:32

Sarebbe stato meglio vista la consecutio!!!...da amatore

05 Set 2006 | ore 09:09

La consecutio e´corretta. Il congiuntivo passato si riferisce ai cuochi e il presente ai giornalisti. Rivedi le regole di sintassi e tira fuori il tuo nome, caro anonimo .

05 Set 2006 | ore 13:26

a Bonilli
Sto scrivendo la tesi sulla storia del Gambero Rosso channel ed e' molto appagante perche' in universita' c'e' una nuova attenzione per la cucina in genere e tutte le forme d'arte che si possono fondere.Si va dal cinema al "teatro cucinante"e via discorrendo.La mia tesi e' seguita dal prof.Favari che ha cattedra a Bologna in teoria e tecnica del linguaggio radiotelevisivo e dalla dott.ssa veronica Innocenti che si occupa di semiotica dei media.In tutta franchezza le dico che il materiale bibbliografico e' praticamente inesistente e questa potrebbe essere l'occasine per scrivere una buona base partendo dai dati che solo l'archivio del Gambero Rosso Channel possiede.Una sua visione e la sua esperienza sarebbe fondamentale per questa opportunita' che l'universita' mi affida. Quindi le chiedo,sapendo che non e' il luogo adatta,e me ne scuso, se accetta un intervista.So dei suoi mille impegni e quindi se decidera' sono a sua disposizione.Se non potesse l'accesso ai dati sara' piu' che sufficente.
Grazie per il suo impegno televisivo
Mi firmo con una piccola provocazione che vuole essere solo pura autoironia
il cuoco invisibile :-)

07 Set 2006 | ore 19:00

A proposito di tesi e interesse per la gastronomia.. Proprio a Bologna ho duùiscusso la mia tesi in Sociologia dei processi culturali su "Il campo culturale della cucina: un'analisi della risatorazione nelle Marche". E scrivo questo post da un corso Ifts in provincia di Ascoli Piuceno su ristorazione, turismo e rpodotti tipici.
Eppur si muove..

16 Ott 2006 | ore 12:27

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Risotto_barbera.jpg Risotto alla barbera

Il cielo è più grigio e la temperatura è calata, è tempo di piatti caldi e...


ultimi commenti

  • Matteo M. D. - Le microspie possono installarle tranquillamente anche di giorno, è...
  • Stefano Bonilli - Io non uso mai la logica lombrosiana e quindi...
  • Ambrogio - Perdonate ma davvero credete a queste affermazioni? Non vi...
  • Stefano Bonilli - Sarebbe interessante capire come fanno polizia, carabinieri e guardia...
  • annalisa barbagli - Ma i ristoratori sono d'accordo? Sennò come sarebbe possibile...
  • Tristano - Credo che molti ristoratori romani siano in imbarazzo, penso...

ultimi post

14
Apr
Le vite degli altri, cioè di tutti noi, spiate anche al ristorante - Una scena tratta dal film "le vite...
12
Apr
Assunta Madre, un ristorante di pesce fresco e "cimici" - Assunta Madre, Il ristorante di attricette tv,...
09
Apr
Panino, dove hanno venduto una tonnellata di pane di Matera - Fatti 50 metri, forse meno, dall'ingresso...
02
Apr
Josean Alija, il Guggenheim di Bilbao, il ristorante Nerua e la sua storia - Se non siete mai stati da...
31
Mar
Bonci fa traffico... e anche pane e pizza - Gabriele Bonci è un bravo cuoco...
26
Mar
San Carlo olet? - Non è uno spot pubblicitario ma...
25
Mar
Car sharing alla romana, quasi un'amatriciana - Dal 2008 io non possiedo un'automobile,...
21
Mar
Eataly Smeraldo, Milano vicino all'Europa - Sono stato a visitare Eataly Smeraldo...
Pici_1.jpg Pici con le briciole

Dopo tanto sud torniamo nell'Italia Centrale, in Toscana, per raccontare una bella ricetta semplice e popolare,...


ultime letture

IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


IMG_0522.jpg Gianni Brera, il grande padano

Ho ripreso in mano La pacciada, il...


Twitter
Friendfeed