23
Dic 2006
ore 18:24

Natale al ristorante

< >

Dopo decenni di pranzi di Natale a casa, prima con i genitori, obbligatorio, poi con moglie e genitori più suoceri, poi senza moglie ma vuoi non venire almeno a Natale? poi con la nuova famiglia acquisita e quindi pranzo di Natale a Bologna con madre sorella, cognato e nipoti, poi in treno a Roma e cena di Natale bis, dopo tutto questo io sogno di pranzare il 25 dicembre in un bel ristorante tranquillo con gli amici, quelli come me esausti per i pranzi di Natale in famiglia.

L'anno prossimo organizzo, lo giuro! 

commenti 5

Il Natale va fatto in famiglia, anche se la rottura di palle é inevitabile..e se la suocera non la sopporti il godimento, si fa per dire, é doppio...se fossi in Italia andrei io a fare la spesa per la mamma, incominciando dal Serprino e dalla mitica sopressa senza conservanti che si puó comprare all'agriturismo il Feudo sui Colli Euganei...i tortellini in casa li preparerebbe lei (con la sfolgia tirata a mano é imbattibile, la potrei persino bendare...)poi bollito misto a base di gallina padovana, comprato nell'unic posto in tutta la provincia dove si puó conseguire (che spreco di risorse...il simbolo della cittá é diventato pressoché irreperibile e ha persino rischiato l'estinzione) puré di quelli veri, minuscole lenticchie di castelluccio, zampone artigianale del tipo di quelli consigliati da Tommaso Farina nel suo blog e panettone, ma non di quelli che piacciono al signor Facci...peró la mamma mi ha appena detto che i tortellini quest'anno li ha preparati con 3 giorni di anticipo per non trovarsi ad aprire i pacchetti con le mani infarinati..peró non so se abbia fatto bene. C'è chi sta peggio, direttore...e poi se le rompono le palle troppo puó sempre uscire di casa e farsi una bella passeggiata sotto i portici, per le vie addobbte...lo spettacolo e il profumo di bologna vestita a festa vale il biglietto di treno...Buone feste

23 Dic 2006 | ore 18:58

direttore
si faccia vivo che dopo il cenone andiamo a farci una bevuta in un pub..
saluti
voice bologna

24 Dic 2006 | ore 19:39

Che idea infelice. Così sembra registrando i non-interventi.
Eppure dopo una certa età la famiglia è bella ma la famiglia è troppa e a Natale si può cercare una soluzione alternativa, per esempio con gli amici single (non quelli che lo sono da poco e vivono la cosa con tristezza).

29 Dic 2006 | ore 20:00

Il natale andrebbe fatto in casa con la propria famiglia, e quando non si puo ci siamo noi lavoratori dei ristoranti che non neghiamo un sorriso a nessuno, neanchenei giorni in cui preferiremo stare a casa con la famiglia e magari con il figlio appena nato...ma si sa il nostro lavoro è fatto anche di questo, di feste passate tra le 4 mura di una cucina (cercando, per quello che si può)di rendere felice qualcun'altro; ecco, forse noi cuochi siamo abbastanza altruisti......
Tanti auguri a tutta la redazione, a lei gentile direttore e a chiunque legga questo messaggio!

05 Gen 2007 | ore 13:34

Secondo me in famiglia ci va passato tutto l'anno.. il Natale è un giorno come un altro, la famiglia non c'entra niente. In famiglia ci si sta con piacere sennò è ipocrisia. Non mi sento obbligata da una data, xchè il 25 dicembre non è altro che una data.

20 Dic 2007 | ore 09:51

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Risotto_barbera.jpg Risotto alla barbera

Il cielo è più grigio e la temperatura è calata, è tempo di piatti caldi e...


ultimi commenti

  • Alessandro - Lo stato italiano dovrebbe finanziare le banche ancor piu'...
  • piermiga - Quando Antonella entrò nel camerino lui era seduto e...
  • Raffaele - Mi tocca essere d'accordo con Gumbo Chicken!!!...
  • Roberto Bentivegna - :( Non più tardi di qualche mese fa ti...
  • gumbo chicken - Vista l'insensibilità del commento di Tristano - che condanna...
  • Tristano - Che strana gente è quella che si occupa di...

ultimi post

20
Gen
Una rosa bianca per il Maestro Abbado - Foto ANSAE' morto alle 8,30 del...
18
Gen
Prendere esempio da Ducasse? No, l'esempio sono i fratelli Roca - Avevano già le tre stelle Michelin...
16
Gen
Fool racconta l'Italia del cibo. Un po' come te l'aspetti, ma anche no - E' uscito Fool n. 4 dedicato...
14
Gen
La grande bellezza di Roma che piace agli stranieri e non agli italiani - La grande bellezza è un bel...
09
Gen
Aprire è un po' morire - Lo sai che Piripicchio ha aperto...
07
Gen
Spaghetti alla bolognese made in New Zealand - Venti giorni senza cucina italiana a...
04
Gen
15 giorni da Valerio M. Visintin senza passamontagna, occhiali e guanti neri - Lo sognavo da tempo ma in Italia...
04
Gen
Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina - Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli...
Pici_1.jpg Pici con le briciole

Dopo tanto sud torniamo nell'Italia Centrale, in Toscana, per raccontare una bella ricetta semplice e popolare,...


ultime letture

IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


IMG_0522.jpg Gianni Brera, il grande padano

Ho ripreso in mano La pacciada, il...


Twitter
Friendfeed