22
Mar 2007
ore 18:06

In alto le mani...!

< >

L'avvocato Assumma, presidente della Siae, vuole tassare gli abbonamenti a internet. Lo dice tranquillamente in un'intervista alla Stampa. Non stupisce la brama di tassare il tassabile in chi concepiva possibile il copyright sulle ricette.

commenti 8

Punire il download truffaldino di film e musica secondo me è cosa buona e giusta, ma il rispondere "è una possibilità che stiamo valutando" alla prospettiva di mettere tasse di "giusto compenso" a chiavette usb e perfino hard disk non si può proprio sentire.

22 Mar 2007 | ore 20:16

Societa'
Italiana
Antipatici
Esattori

Nico

22 Mar 2007 | ore 22:05

Per la SIAE si dovrebbero pagare i diritti di riproduzione musicale anche se fai una festa privata in garage.

23 Mar 2007 | ore 09:31

Forse a questa gente servirebbe un contatto più ravvicinato con il paese, con la loro terra... insomma, diamogli una zappa e mandiamoli a fare un sano lavoro in camopagna... altro che stipendi d'oro e macchine blu...

23 Mar 2007 | ore 09:38

Se la SIAE distribuisse equamente i proventi della propria azione questo sarebbe meritorio. Da più parti invece giungono richieste di una maggiore trasparenza e democrazia interna.
Si era provato anche a proporre un quesito referendario ma è stato cassato.
Così com'è è un carrozzone retaggio di un nefasto passato ormai remoto.

Sono comunque d'accordo e consapevole che la proprietà del lavoro intellettuale vada tutelata come un bene prezioso....il problema è come farlo.

Ciao

23 Mar 2007 | ore 12:29

La tutela della proprietà intellettuale è sacrosanta, ma questi parlano di ''tassa''... un altro inutile piccolo balzello che si vada ad aggiungere agli altri...
mah...
ciao

23 Mar 2007 | ore 13:28

interessante

30 Mar 2007 | ore 09:31

“Le Possibilità infinite dell’Universo dei Sapori”
Considerazioni veloci e distratte

Il discorso riferito alla tutela del prodotto gastronomico di “nuova” concezione, avendolo affrontato relativamente ai risultati della mia ricerca, non penso che possa essere liquidato con una battuta, Gentilissimo dott. Bonilli.

Credo infatti che l’estensione del diritto di tutela al prodotto gastronomico sia anzi necessaria per una serie di motivi la cui discussione sarebbe troppo lunga per un blog.

Certo io ragiono tenendo presente i risultati del mio lavoro che non ha riguardato solo l’atto, per me creativo, del cucinare.

Attraverso di esso ho riflettuto sulle ragioni del Gusto, soprattutto quelle relative allo "stato di crisi alimentare” delle giovani generazioni, riconoscendo inoltre al “Piacevole”, oltre che al “Buono Giusto e Pulito”, un ruolo centrale nella pedagogia alimentare, arrivando poi a “far esplodere il Sapore in tutte le possibili direzioni.”

Mi sembra necessario a questo punto, per chiarire la mia posizione sul diritto di tutela, dare delle indicazioni dello studio che dal 1998 sto portando avanti all’interno di un piano dal titolo “Tradizioni e Culture in Movimento”.
Inoltre specifico che dal 2002 ho cercato di avere un confronto su quello che stavo facendo per chiarirlo soprattutto a me stesso; questo perché come Lei certamente saprà dottor Bonilli sulle questioni del Gusto non si può “essere” da soli: troppo grandi sono gli incastri delle sue conseguenze.

In tutti questi anni sono riuscito a “comunicare” solamente attraverso un’intervista rilasciata nell’ottobre 2005 e pubblicata su Alias il 29 aprilre 2006.


Utilizzerò allora un sintetico ragionamento contenuto in una delle mie prime istanze del lontano 2004 articolato al professor Bistagnino del Politecnico di Torino Facoltà di Architettura, con il quale cercai di dare inizio a quel confronto sui risultati. Il testo proposto credo che nelle sue linee sia identico a quello contenuto nella mia lettera. Se differenze esistono sono riferite ad aspetti marginali.

“Mi presento
dal 1998 sto lavorando all’indagine delle qualità della forma del sapore.
Il mio lavoro sui sapori spero possa essere paragonato a quello di altri "ricercatori" che nei diversi ambiti dell'espressione (cinema, teatro, musica, arte figurativa, etc.) tracciano nuovi confini rinnovando il linguaggio. Potrei essere definito un Food-designer, se questa espressione "segnasse" non solo il progetto dell'organizzazione delle linee e dei volumi da dare ad un piatto, ma anche il progetto della relazione necessaria tra queste e il sapore che dovrebbero "rappresentare". Un lavoro sul rapporto tra cucina e comunicazione - anche nella sua forma più alta: l’arte - quindi.”

Questo - il rapporto tra cucina e comunicazione - lungi dall’essere il frutto di una volontà estetizzante rappresentava lo spazio in cui ricercare soprattutto il valore della “Cucina”.

In un altro passo di un’altra istanza per chiarire la mia idea di cucina, riflettendo su di un mio testo”: “E’ chiaro che i ragionamenti in esso contenuti sono organizzati all’interno di un’idea della storia che individua il soggetto come elemento di trasformazione e di cambiamento della realtà che ci circonda, e la Cucina come atto estremamente politico sottraendola in questo modo ai processi che la marginalizzano nell’angusto ambito di segno distintivo che marca l’appartenenza e quindi la differenza tra gli uomini.”.

Già la mia idea di Cucina.

In un incontro non casuale in una delle case del gusto che raramente frequento ad un intellettuale raffinato articolai il mio ragionamento sulle dinamiche prodotte all’interno del processo di trasformazione degli alimenti; quel processo che io invece quotidianamente frequento: “Cucinare è per me come scrivere con il vento smerigliato dal suo trascorrere”.

Questo, Gentilissimo dott. Bonilli apre, dal mio punto di vista, spazi interessanti alla discussioni sul “estetica gastronomica”. Tali spazi forse per la mia incapacità a comunicare, ho attraversato in assoluta solitudine.
Spero ancora di non aver sbagliato strada.
Ma questa è un’altra Storia per gli uomini futuri senza naso, parafrasando Italo Calvino: uno che di Gusto se ne intendeva.

Roccacerro sempre

Mario Iacomini
di professione “Ovviocoltore”
“Sto coltivando l’Ovvio di domani attraverso di oggi il mio non Ovvio”

30 Mar 2007 | ore 11:47

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Pasta_sarde_1.jpg Pasta con le sarde

Eccola qui la pasta con le sarde, una di quelle ricette che tutti conoscono e nessuno...


ultimi commenti

ultimi post

29
Apr
Le formiche del Noma, i tortellini di Bottura, The50 Best e l'Italia che gufa - Renè RedzepiIn questo post si parlerà di...
28
Apr
Il gelato da F1 di Carapina è sbarcato a Roma - Carapina ha aperto la sua sede...
23
Apr
Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie - Con Gaetano Cappelli ci siamo visti...
14
Apr
Le vite degli altri, cioè di tutti noi, spiate anche al ristorante - Una scena tratta dal film "le vite...
12
Apr
Assunta Madre, un ristorante di pesce fresco e "cimici" - Assunta Madre, Il ristorante di attricette tv,...
09
Apr
Panino, dove hanno venduto una tonnellata di pane di Matera - Fatti 50 metri, forse meno, dall'ingresso...
02
Apr
Josean Alija, il Guggenheim di Bilbao, il ristorante Nerua e la sua storia - Se non siete mai stati da...
31
Mar
Bonci fa traffico... e anche pane e pizza - Gabriele Bonci è un bravo cuoco...
Pollo_arrosto_erbe.jpg Pollo arrosto alle erbe aromatiche

In momenti di crisi il pollo è un'ancora di salvezza perché anche i polli buoni esistono...


ultime letture

IMG_3446.jpg Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie

Con Gaetano Cappelli ci siamo visti da...


IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


Twitter
Friendfeed