25
Mag 2007
ore 12:51

Partito Democratico... della Gastronomia

< >

Ma come, si fa un "nuovo" partito, il PD, che vorrebbe dire Partito Democratico, e si inizia con una discriminazione? Eh si, cari miei, perchè Petrini dello Slow Food non può certo esaurire il pluralismo che c'è nel pianeta enogastronomico: e il Gambero Rosso? Chi rappresenta i suoi militanti e iscritti? E i nuovi di Identità Golose? E quelli dell'Ais capitanati dal plutocrate-organizzatore Franco (M?) Ricci? E Marchesi, 77 anni, il senatore a vita della cucina italiana? E Vissani, solo perchè sta con D'Alema viene escluso a favore di Petrini cocco di Fassino? E poi quelli dei Jeunes Restaurateurs dove li mettiamo? Insomma, un bel pasticcio splendidamente fotografato da Maria Laura Rodotà a pag. 11 del Corriere della sera.

PS Poichè ho visto che lo scherzo spesso non è ben compreso dichiaro davanti al notaio che QUESTO 3d E' SCHERZOSO!!!!!!... ma anche serio, purtroppo :-(

commenti 28

fai bene, il riso fa buon sangue....

25 Mag 2007 | ore 13:21

Mi sono accorto di avere dato per scontato che tutti leggano i giornali e quindi sappiano che è stato formato un comitato di 45 persone del nuovo PD e in questo comitato non c'è il sindaco di Torino, Chiamparino, e c'è Petrini di Slow Food.

25 Mag 2007 | ore 14:02

allora ti ha rubato il posto?....
:-O)

25 Mag 2007 | ore 14:05

Riguardo al PD nell’ultima settimana ho letto nell’ordine:
Mancano i giovani (solo 3 sotto i 50 anni)
Troppo poche le donne (solo 16 su 45)
Troppo poca società civile
Poco rappresentati i cattolici (non c’è traccia di Paola Binetti osserva Buttiglione)
Il nord non è proporzionalmente rappresentato
Un solo calabrese (??)

Quindi direi che il fatto che 1 su 45 (ben il 2,22%) dei saggi appartenga alla categoria dei mangioni più o meno edonisti, ci deve far contenti.


Glue Nic

25 Mag 2007 | ore 18:25

Ma se i mangioni devono stare al posto di Chiamparino mi sembra che ci sia qualche cosa che non va... comunque stiamo diventando troppo seri e se non si continua con lo scherzo si rischia di mettersi a piangere :(

25 Mag 2007 | ore 19:00

A proposito di Carlo Petrini nel Partito democratico, andate un po' a vedere cosa scrivono sul Corriere:intervista a Vissani che risulta estremamente scontento.. tanto da accusarlo di essere pro OGM!!! Questo vuol dire proprio spararle grosse!

http://213.215.144.81/public_html/articolo_index_31971.html

25 Mag 2007 | ore 23:51

Vissani spesso straparla. E' un fantastico cuoco, con la politica ha un rapporto ambiguo e spesso opportunistico ma soprattutto quando parla non valuta il peso delle parole. Le cose dette su Carlo Petrini sono delle assolute cazzate che non stanno ne in cielo ne in terra anche perchè per come conosco io Petrini di fare il ministro dell'agricoltura credo non gliene importi nulla e che sia l'ultima cosa che gli passa per la testa.
Vissani è da sempre molto affascinato dal potere, chiama per nome i potenti e tu devi capire chi è Massimo, chi è Gianni, chi è Pier e quella di far vedere che lui è in confidenza è una debolezza da corte medioevale.
E' affascinato dallo share cioè dai risultati degli ascolti televisivi ed è riuscito, unico cuoco ad essere su Rai 1 da una decina d'anni, a diventare anche il più antipatico.
E non è invidia da parte della gente ma insofferenza per dei modi che spesso scivolano nel volgare.
Dopo questa intervista fa anche la figura dell'idiota.
E mi dispiace perchè se facesse solo il cuoco ne guadagnerebbero tutti.

26 Mag 2007 | ore 00:53

E comunque passando dallo scherzo alle cose serie leggete questo appello
http://www.wittgenstein.it/

26 Mag 2007 | ore 01:08

Appello sacrosanto. Forse in Italia si comincia a percepire il problema

26 Mag 2007 | ore 13:48

Direttore, peccato passare dallo scherzo alle cose serie, ci tocca stare male..Senza entrare nel merito delle persone citate, lo condivido appieno. Stanno lavorando per affossare ancora una volta tutti i buoni propositi di chi li ha votati...non vado avanti, non è questa la sede. Tornando a fagiolo su Vissani, ma le ha lette, almeno una volta, le dichiarazioni di Petrini contro gli OGM? E poi, sono d'accordo sulla falsa confidenza con i potenti di turno..tutti amici a parole ma nei fatti vuol dire stare accanto fino a che hanno potere,il dopo non interessa..

26 Mag 2007 | ore 14:11

E dopo la lettura dei giornali di oggi la situazione è ancora, se possibile, peggiore con il presidente della Confindustria che attacca i politici e la politica e purtroppo su molte cose ha ragione anche se dovrebbe spiegare dove stava quando è successo lo scandalo Parmalat e prima quello Cirio... no, perchè se no sembra che gli industriali siano solo brave persone che pensano al bene del paese, il che mi sembra molto una presa in giro se uno pensa a Cragnotti, Tanzi ma anche a Ricucci, Coppola a Zunino... altrettanto stupido pensare che sia un peccato il profitto.
Il fatto è che questa Unione è al di sotto della più bassa aspettativa e Prodi un democristiano ma della peggior specie ( ce n'è stata anche una buona) che come tale si comporta, il potere per il potere.

26 Mag 2007 | ore 15:07

Direttore, allora mi stimoli..Un anno al governo, quanto è stato realizzato di quanto promesso? Abbiamo ancora un Mastella che mette il suo veto dappertutto. Di un dibattito sul conflitto di interessi nemmeno a parlarne. Le leve del comando alle stesse persone. Un elettore di sinistra si chiede:perchè li ho votati? Amo molto la disamina che fa della situazione politica attuale Curzio Maltese uno dei pochi commentatori che riesce a criticare senza porsi problemi di ideologia.Ma servirà a qualcosa?

26 Mag 2007 | ore 15:16

Bah, diciamo che questo 3d diventa il lacrimatoio dell'Unione e perchè non sia sterile bisogna cominciare a rompere gli schemi, gli schieramenti e gli schematismi anche perchè la barca sta andando male... parlando dei settori che conosciamo meglio, cioè turismo, export, salvaguardia dei marchi e delle bio identità..

26 Mag 2007 | ore 15:33

Farinetti for president?...:-O)

26 Mag 2007 | ore 15:43

ma che c'entra farinetti?

26 Mag 2007 | ore 16:55

si era sullo scherzo o no?....visto che mi hanno detto privatamente che lo stavo attaccando!!!...figurati!
allora un altro nome :
Marco Bolasco!
ciao

26 Mag 2007 | ore 17:07

capisco lo stupore di tanti per come è stata composta la lista dei 45, però perché stupirsi? che un certo modo di concepire e vivere la politica da noi si avvicini allo stadio di metastasi è indubbio, ma siamo così ingenui da credere che un gruppo di potere da gerontocomio sovietico abbia in sé la forza e la brillantezza per partorire qualcosa di realmente nuovo e di poco disciplinato e organico alla vecchia politica? ma quando mai un cancro ha generato una forma di vita
oloapmarchi
orgoglioso che si parli dei "nuovi di Identità Golose". Grazie Stefano

26 Mag 2007 | ore 19:33

Appello o no, bisogna tener conto che ci sono molti, molti giovani che nelle posizioni del PD (e della sinistra in genere) non si riconoscono. Io sono uno di questi. Francamente, da giovane, mi sembra sempre qualunquista e demagogico il "largo ai giovani" che piace tanto alla gente che piace, guardacaso gli stessi che amano addure l'esempio (ma guarda!) di Zapatero. Siamo sicuri che i giovani siano davvero questa bella cosa che i "vecchi" pensano? Saranno pure il sale della terra, come disse il Papa, ma a me, se posso, sembra un sale alquanto scipito, per non dire anodino.

26 Mag 2007 | ore 22:54

comunque ammetterai che un paese dove viene considerato giovane Casini, 52 anni e normale che il settantenne Berlusconi pensi a un nuovo incarico e con un presidente di 82 anni come Napolitano assomiglia tanto al Pcus brezneviano e fa orrore

26 Mag 2007 | ore 23:13

Se ci fossi io a capo del governo (come sarebbe giusto che sia) di certo ci sarebbero più passatine di ceci per tutti a cominciare dalle mense delle scuole. Bisognerà pur tirar su i riluttanti gourmet di domani. E poi abolirei pure l’ora di religione (tanto le classi ormai son tutte di religioni miste) ed inserirei una nuova materia: Gastronomia Italiana dalle tradizioni locali alla cucina contemporanea.
Nominerei vice premier Valdimira Luxuria e sono certo che in parlamento ci sarebbero più lustrini e paillettes per tutti gli italiani.
Dio solo sa quanto sarei un leader super actual.

Mucca

27 Mag 2007 | ore 01:14

Finito il servizio e chiuso il ristorante muccapazza si dedica ai programmi di governo... :-)

27 Mag 2007 | ore 03:25

mi meraviglio che non abbia proposto un corso di approccio alla mutanda al posto dell'ora di religione.Certo dopo cicciolina e vladimir luxuria ci mancherebbe solo mucca pazza per completare un bel trio.
Io invece rispolverei l'idea gia' lanciata anni fa dei menu' under 24 di coppia cioe' in certi ristoranti selezionati proporre menu' degustazione a prezzi ragionvoli alle portate delle tasche di giovani under 24.Fare educazione a scuola non serve se poi come al salone del gusto vedi queste orde di studentelli che si aggirano per il salone alla ricerca dello stand con la birra gratis.
Io farei vedere super size me a scuola. in tute le scuole e perche no divulgare in accordo con il ministero della pubblica istruzione i dvd della guida dello scorso anno con i venti tristellati che magari potrebbero aderire al progetto menu' under 24 a 50 euro a persona bevande incluse.

27 Mag 2007 | ore 07:30

Mi sono già da tempo arreso a veder rappresentati i nostri interessi dalla triade Clerici - Bigazzi - Moroni.

27 Mag 2007 | ore 18:27

La politica come la gastronomia a volte è l'arte della sintesi mirabile. Il problema non è Petrini "da solo" nel comitato dei 45. Porla così è riduttivo, non sintetico. Tutti nel comitato PD non ci possono stare (democrazia rappresentativa). E allora parlate fuori dai politicismi: volete dire che il Grande Comunicatore Petrini non può rappresentare tutti gli altri? Io ho il sospetto che alla conta dei voti del popolo vincerebbe lui. E non a caso, forse...

28 Mag 2007 | ore 12:56

Ma perché proprio under 24?

28 Mag 2007 | ore 14:16

@Vinocchio
La parte seria di questo 3d scherzoso parte dall'esclusione di Chiamparino e l'inserimento di Petrini. Ho il sospetto che se si facesse la conta dei voti popolari il sindaco di Torino stravincerebbe.
Nella parte scherzosa si diceva perchè no al Gambero Rosso o a Identità golose o all'Ais... ma appunto era la parte scherzosa perchè a me Petrini nel comitato va benissimo.

28 Mag 2007 | ore 14:26

Il vino non spaventa. Solo che c'è qualche problema nella pagina. Non riesco a trovare la finestra dei commenti in fondo al post Grazie vino

28 Mag 2007 | ore 21:25

Il giornalista romano ha rinunciato in extremis alla candidatura

Antonello De Pierro non correrà più per la guida del Partito Democratico

Il direttore di Italymedia.it e storico conduttore di Radio Roma, oltre che leader del movimento “L’Italia dei diritti”, aveva deciso di candidarsi, ma come si apprende dal coordinatore nazionale del movimento stesso Dario Domenici, è stato costretto a ritirarsi per motivi personali

Aveva accettato di candidarsi per le Primarie del 14 ottobre 2007, per concorrere alla carica di segretario nazionale del Partito Democratico, dopo che da più parti gli erano giunte richieste in tal senso, e, sostenuto da più associazioni e gruppi, oltre naturalmente che dal movimento per i diritti dei cittadini “L’Italia dei diritti”, di cui è presidente, aveva avviato in tutta la penisola la raccolta delle firme necessarie da consegnare entro il termine fissato, per accedere all’elenco degli aspiranti. In extremis però il popolare giornalista Antonello De Pierro, direttore di Italymedia.it http://www.italymedia.it e voce storica dell’emittente radiofonica Radio Roma, giannizzero di tante battaglie in campo sociale, sempre per tutelare i diritti dei più deboli, schierato contro l’arroganza dei potenti e la corruzione dilagante di settori deviati delle istituzioni, per motivi personali ha rinunciato a candidarsi. E’ quanto è stato reso noto dal coordinatore nazionale del movimento “L’Italia dei diritti” Dario Domenici, che non ha specificato il motivo della defezione, che come già accennato risalirebbe a motivi prettamente personali. Sembra che la decisione di De Pierro di concorrere alla carica per cui sono candidati Walter Veltroni, Furio Colombo, Enrico Letta, Rosy Bindi, Mario Adinolfi ed altri, sia scaturita dalla necessità soggettiva di apportare una ventata di forte coinvolgimento sociale in una classe politica ormai impopolare, e sempre fedele al suo motto, ripescato nell’archivio geniale di Cesare Pavese “Non bisogna andare incontro al popolo, ma essere popolo”. Ed è proprio ciò che il giornalista romano ha da sempre fatto, dalle pagine dei giornali diretti, dalle frequenze radiofoniche, ma soprattutto grazie all’indole solidale che lo caratterizza, facendosi carico di problemi che nella maggior parte dei casi, con l’impegno, la caparbietà e la forza mediatica ha brillantemente risolto, rivendicando la sua indipendenza e non preoccupandosi giammai di potersi mettere contro i cosiddetti potenti. Spesso ha pagato anche sulla propria pelle le omissioni e le falsificazioni clamorose a livello istituzionale, e successivamente le ritorsioni, solo, in virtù del suo innato senso di giustizia, per aver tentato di far rispettare dei sacrosanti diritti, che nelle circostanze erano stati spudoratamente calpestati. Italymedia.it è da sempre un portale di informazione libera che denuncia tutto il marcio che riesce a smascherare, in maniera politicamente trasversale, la giustizia e i diritti non hanno colore, anche perché è pura retorica, peraltro piuttosto patetica la convinzione che le ingiustizie e i soprusi siano peculiarità di questa o di quella classe politica. Dove esiste l’uomo c’è il pericolo di degenerazione morale, ed è dovere sacrosanto di chi si muove nella legalità denunciarlo, anche se ciò non sempre avviene, ed è un dato di fatto che spesso il delinquente è più forte dell’onesto, e muoversi nell’illecito è più agevole che addentrarsi nei vincoli che la codificazione legale impone.

Tra l’altro il giornalista e conduttore era considerato l’unico che avesse qualche improbabile e comunque inutile chance in più, di fronte a Superwalter, che dopo il grande consenso conquistato meritatamente alla guida dell’amministrazione capitolina, ha già in tasca la leadership del nascente Partito Democratico. I candidati Rosy Bindi ed Enrico Letta, facenti parte di un governo che ha fortemente deluso anche il suo stesso elettorato, non hanno alcuna speranza a cui aggrapparsi per ottenere l’ambita posizione di vertice. Il leader de “L’Italia dei diritti” comunque sosterrà Walter Veltroni, persona che ha dichiarato in più occasioni di stimare umanamente e politicamente da sempre e in cui ripone grande fiducia, ed ha annunciato che presto, “viste le pressioni della gente e dei fedeli lettori, ascoltatori e sostenitori, non potrà esimersi dall’affacciarsi sulla scena politica romana e nazionale, per ottenere uno strumento in più al fine di tutelare gli interessi di chi spesso non ha voce, in quanto soffocata dal potere e dall’arroganza di pochi eletti”, priorità diventata ormai una missione ed una ragione di vita.

30 Lug 2007 | ore 21:35

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Pasta_sarde_1.jpg Pasta con le sarde

Eccola qui la pasta con le sarde, una di quelle ricette che tutti conoscono e nessuno...


ultimi commenti

ultimi post

29
Apr
Le formiche del Noma, i tortellini di Bottura, The50 Best e l'Italia che gufa - Renè RedzepiIn questo post si parlerà di...
28
Apr
Il gelato da F1 di Carapina è sbarcato a Roma - Carapina ha aperto la sua sede...
23
Apr
Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie - Con Gaetano Cappelli ci siamo visti...
14
Apr
Le vite degli altri, cioè di tutti noi, spiate anche al ristorante - Una scena tratta dal film "le vite...
12
Apr
Assunta Madre, un ristorante di pesce fresco e "cimici" - Assunta Madre, Il ristorante di attricette tv,...
09
Apr
Panino, dove hanno venduto una tonnellata di pane di Matera - Fatti 50 metri, forse meno, dall'ingresso...
02
Apr
Josean Alija, il Guggenheim di Bilbao, il ristorante Nerua e la sua storia - Se non siete mai stati da...
31
Mar
Bonci fa traffico... e anche pane e pizza - Gabriele Bonci è un bravo cuoco...
Pollo_arrosto_erbe.jpg Pollo arrosto alle erbe aromatiche

In momenti di crisi il pollo è un'ancora di salvezza perché anche i polli buoni esistono...


ultime letture

IMG_3446.jpg Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie

Con Gaetano Cappelli ci siamo visti da...


IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


Twitter
Friendfeed