18
Giu 2007
ore 19:04

Cracco non più Peck

< >

peck.jpg

Il cane che morde l'uomo non fa notizia, l'uomo che morde il cane è una notizia.

All'inizio di luglio si scioglie formalmente la società tra Carlo Cracco e la famiglia Peck, quest'ultima  titolare del più importante negozio di gastronomia d'Italia - 3300 metri quadri su tre piani -  con succursale in Giappone. Il ristorante CraccoPeck diventerà solo Cracco. Stesso luogo, stessa cucina, diversa proprietà ma, questa è la notizia già ripresa con rilievo dagli osservatori attenti, non se ne è andato il cuoco ma il grande e potente socio.

Nella foto le cucine di Peck di via Spadari

commenti 10

Su Cracco, incredibilmente, non ci sono commenti.
Ho messo subito dopo il 3d sulle ricette per verificare la reattività e infatti...

19 Giu 2007 | ore 16:21

tira più una ricetta che un pelo di ....

:)

19 Giu 2007 | ore 18:48

in realtà, Direttore, commentare questa notizia è difficile a meno che non si sappiano i retroscena ed i risvolti economici dell'operazione..

20 Giu 2007 | ore 17:17

Non pensavo fosse difficile perchè non voleva essere un'analisi economica ma un ragionamento sul percorso di un cuoco e su cosa sta ad indicare.
Se guardiamo le cose da un altro punto di vista, infatti, scopriamo che i nostri cuochi sono tutti imprenditori: Pierangelini, Vissani, Santini, Alajmo, Iaccarino, Scabin, Alciati, Uliassi, Cedroni, Esposito, Sultano e a questo punto restano solo Beck come cuoco-prestatore d'opera insieme con Barbieri e il cuoco di Pinchiorri, Italo Bassi... magari mi sbaglio ma credo che sia questo l'elenco.

21 Giu 2007 | ore 13:54

"Il cane che morde l'uomo non fa notizia, l'uomo che morde il cane è una notizia."


il suo articolo, Direttore, mi è sembrato più virato verso la meraviglia che ha destato l'addio degli Stoppani dal "loro" ristorante, piuttosto che la discesa in campo nel mondo imprenditoriale di Cracco.

Per questo motivo, visto in questa ottica, cioè di quanto fosse strano che l'imprenditore-Stoppani lasciasse campo libero allo chef-Cracco nel prendere il timone della sua creatura, ritengo che l'operazione debba essere valutata conoscendo i retroscena, soprattutto economici.

21 Giu 2007 | ore 17:41

Peraltro credo che ad un cuoco, giunto all'apice della sua carriera, e giunto, perchè no, all'apice della critica nazionale ed internazionale, stia un po' stretto il ruolo di dipendente (seppur molto ben pagato).

Ritengo, proprio perchè ha dinanzi a sè le fortunate (e ricche) esperienze imprenditoriali dei suoi altrettanto famosi colleghi, che Cracco abbia fatto una scelta naturale, quasi ovvia.

Probabilmente gli Stoppani, da ottimi imprenditori, hanno capito che il "loro" ristorante era molto più legato alla classe cristallina di Cracco piuttosto che alla celebre gastronomia, ed hanno preferito farsi da parte, magari verso un cospicuo ritorno economico che, ribadisco, ha certamente avuto un ruolo preponderante nell'avvicendamento.

21 Giu 2007 | ore 17:49

Andrò a Milano a chiederglielo.

21 Giu 2007 | ore 19:03

se non erro si parla di circa 2 mln. di Euro

Ad Majora

22 Giu 2007 | ore 13:51

Una finanziaria svizzera è subentrata agli Stoppani che hanno da tempo messo sul mercato Peck ma chiedono molto, almeno secondo il mercato.

24 Giu 2007 | ore 19:46

quindi la gastronomia è in vendita?

27 Giu 2007 | ore 14:23

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Risotto_barbera.jpg Risotto alla barbera

Il cielo è più grigio e la temperatura è calata, è tempo di piatti caldi e...


ultimi commenti

  • Matteo M. D. - Le microspie possono installarle tranquillamente anche di giorno, è...
  • Stefano Bonilli - Io non uso mai la logica lombrosiana e quindi...
  • Ambrogio - Perdonate ma davvero credete a queste affermazioni? Non vi...
  • Stefano Bonilli - Sarebbe interessante capire come fanno polizia, carabinieri e guardia...
  • annalisa barbagli - Ma i ristoratori sono d'accordo? Sennò come sarebbe possibile...
  • Tristano - Credo che molti ristoratori romani siano in imbarazzo, penso...

ultimi post

14
Apr
Le vite degli altri, cioè di tutti noi, spiate anche al ristorante - Una scena tratta dal film "le vite...
12
Apr
Assunta Madre, un ristorante di pesce fresco e "cimici" - Assunta Madre, Il ristorante di attricette tv,...
09
Apr
Panino, dove hanno venduto una tonnellata di pane di Matera - Fatti 50 metri, forse meno, dall'ingresso...
02
Apr
Josean Alija, il Guggenheim di Bilbao, il ristorante Nerua e la sua storia - Se non siete mai stati da...
31
Mar
Bonci fa traffico... e anche pane e pizza - Gabriele Bonci è un bravo cuoco...
26
Mar
San Carlo olet? - Non è uno spot pubblicitario ma...
25
Mar
Car sharing alla romana, quasi un'amatriciana - Dal 2008 io non possiedo un'automobile,...
21
Mar
Eataly Smeraldo, Milano vicino all'Europa - Sono stato a visitare Eataly Smeraldo...
Pici_1.jpg Pici con le briciole

Dopo tanto sud torniamo nell'Italia Centrale, in Toscana, per raccontare una bella ricetta semplice e popolare,...


ultime letture

IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


IMG_0522.jpg Gianni Brera, il grande padano

Ho ripreso in mano La pacciada, il...


Twitter
Friendfeed