30
Ago 2007
ore 12:39

Local è bello

< >

Global... global... global e a furia di sentirlo e leggerlo a me italiano, interessato al buon cibo, con un reddito buono e una grande curiosità viene voglia di local inteso come cibo locale, italiano, regionale, dalla provincia. In fondo vivo in un paese dove c'è tutto, mi dico, e se la maggior parte dei consumatori ormai si muove sul cibo global perchè costa meno (?!) io penso che si debba studiare il modo per essere sempre più dei local, compatibilmente col proprio reddito.

Vediamo un po': quando faccio la spesa la frutta e la verdura le acquisto molto local ma spendo sempre un mucchio di soldi per avere aglio italiano e non cinese, pomodori veri e non olandesi, arance italiane e non spagnole - sembra incredibile ma loro distibuiscono meglio di noi - la pasta è local però con grano global, i formaggi local, il vino local più che mai. 

La carne? piemontese, toscana, buona, i polli dal modenese, ma a 12 euro e non 2 euro, il pesce del Tirreno, o da Civitavecchia o da Fiumicino, e l'elenco potrebbe continuare con i funghi porcini, i carciofi romaneschi, l'olio della Sabina, Umbro o Ligure e poi i fagioli, i peperoni e la bottarga e via via con un elenco infinito che ti conferma che se compri estero è perchè vai nei supermercati Auchan o Carrefour.

E l'Europa? Mi sa che sull'alimentare i paesi del Mediterraneo c'abbiano perso e comunque lo Champagne ci piace e è francese :-) mica siamo sciovinisti. 

commenti 10

Mica detto Direttore. In estate ho girato tutte le macellerie più famose di Valtellina, quelle che si definiscono “boutique del gusto”. A parte la storia delle bresaole di Zebù che è arcinota queste oreficerie del gusto, in tutti i sensi, sono frequentate dai cumenda brianzoli e milanesi che con il Cayenne, tutti i santi mesi, vanno a prendere la carne in Valtellina perchè "là si che l'è bùna". Salvo poi scoprire che nessuno, dico nessuno, ha carne italiana e men che meno, non lo pretendo per carità, Valtellinese. Tutta robetta Olandese e Tedesca (non bavarese) o robaccia Polacca.
Una cosa buona hanno fatto in Europa. Imporre l’obbligo ai somministratori di carne di esporre luogo di nascita, crescita e macellazione delle bestie, anche se molti lo fanno con cartelli in corpo 5 esposti in basso a sinistra, dove nessuno va mai a leggere :-)

30 Ago 2007 | ore 18:49

Per me prodotti assolutamente local con qualche giusta deroga :), dato che a mio parere molti italiani conoscono molto poco dei prodotti italiani di nicchia difficili da reperire, assolutamente di qualità superiore e fortunatamente ben lontani dai supermercati, loro si davvero global, dove la maggioranza fa la spesa senza neanche preoccuparsi da dove vengono i prodotti. Ovviamente sono di parte perché li vendo, però molti miei avventori son rimasti piacevolmente esterrefatti dei sapori veri e naturali di molti prodotti italiani che hanno gustato via www.fattoriaitaliana.com. Saluti

30 Ago 2007 | ore 19:48

Anche a me il vino piace local/territoriale, e non internazionale/industriale. Ma local/territoriale di tutto il mondo, non solo italiano.

Sarà che vivo vicino al confine, ma per me è molto facile percepire un vino della Savoia o del Canton Ticino altrettanto "local" di un vino della Valle d'Aosta o del Novarese. Di conseguenza un vino di Loira o di Mosella non è più lontano di un vino di Sicilia o di Puglia.

Nel campo della gastronomia invece la realtà è diversa? L'Italia può vantare una maggiore qualità media dei prodotti dell'agroalimentare, e una cultura "local" che difficilmente si trova negli altri Paesi?

31 Ago 2007 | ore 02:02

Ad esempio, Cernilli l'ultima volta che sono stato a Roma mi ha portato a mangiare da Roscioli, e lì mi ha fatto assaggiare un Pata Negra che lui ha definito "il Romanée-Conti dei prosciutti".

All'assaggio sono rimasto ammaliato. Straordinario, mai sentito nulla del genere fra i pur buoni ed ottimi prosciutti italiani, anche se non sono uno specialista.

E' un caso isolato, questo? L'eccezione che conferma la regola?

31 Ago 2007 | ore 02:05

il fatto ke si trovano pochi prodotti local e costano molto èanche dato dal fatto che la gente è ignorante in materia e vive in una società dove si devono rispettare certi orari e quindi si tende a comprare prodotti precotti, da riscaldare con il microonde(squallidi!!!).con quasto vorrei dire che allla gente non può fregar di meno della provenienza di un prodotto, basta che costa poco,perchè molte persone non hanno un reddito alto ma spesso hanno difficoltà ad arrivare alla fine del mese e tendono a risparmiare su tutto!!!

31 Ago 2007 | ore 10:55

A proposito di local,
ieri sera a cena, mezzi paccheri Faella di Gragnano e pomodorini pachino POMILLA di Nocera Superiore, basilico del vaso sul balcone e pecorino romano appena grattuggiato.
L'estasi.

31 Ago 2007 | ore 10:57

Assaggiare il prosciutto spagnolo Joselito 5 stelle è come bere Champagne Krug Clos Du Mesnil 1988. Sono cose che non c'entrano con questo ragionamento. Da Roscioli c'è questo prosciutto ma ci sono anche prosciutti italiani di piccoli produttori di grande qualità. Così per i formaggi, i capperi, la bottarga ecc... il vero problema è che molti negozi sono trappole per ricchi, gente che acquista per l'apparenza e non per la sostanza perchè della sostanza non gliene frega nulla. E forse in parte è colpa nostra che non siamo riusciti a creare dei veri miti italici dopo il mito pompato del Lardo di Colonnata.

31 Ago 2007 | ore 11:29

E' vero che ci sono prodotti carissimi e negozi che sembrano gioiellerie alimentari (mettono pure un po' in soggezione).
Però qualità non significa necessariamente mangiare aragoste, caviale e Pata Negra. Noi abbiamo fatto un po' di prove e confronti: una cenona che sazia anche i più mangioni, in stile trattoria o agriturismo qualunque, MA scegliendo tutti gli ingredienti di qualità e cucinandoli a casa raramente è costata più di 5 euro a testa.
Tra l'altro alcuni surgelati e prodotti pronti in realtà non sono mica regalati!

Se vuoi mangiare meglio senza spendere un patrimonio quello che paghi è in termini di tempo: per scoprire i prodotti, capire le differenze, cercare i posti migliori in cui acquistare, fare la spesa più volte alla settimana, prepararli, cucinarli e poi lavare un sacco di piatti e pentole.
Però il gusto e la salute credo ne guadagnino..

Poi ci sono cose che vale la pena mangiare cucinate da chi è molto più bravo (fosse anche un merluzzo!), però...anche lì meglio uscire più raramente ma solo dove merita!

31 Ago 2007 | ore 12:05

Il gusto peculiare conferito a un pasto dalla tradizione e dalla terra di provenienza, è impagabile. La globalizzazione, invece, ci porta in casa molti prodotti che non avremmo assaggiato mai, ma che spesso e volentieri sono privati di quel di più che offre il gustarli nel loro ambiente.
Certo, essere locali nello scegliere i cibi più genuini costa di più. Essere invece glocal nello scegliere, per esempio, cibi della tradizione italica ma prodotti secondo standard qualitativi elevati dagli italici nel mondo, probabilmente costa un po’ di meno...

Ho segnalato questa interessante discussione sul mio blog (www.globusetlocus.org/blog) e fatto qualche commento.

05 Set 2007 | ore 16:37

l'ho chiesto piu volte. Ma nessuno ha mai saputo spiegarmi perché in Italia, il paese del sole, nei supermercati troviamo pomodori prodotti in olanda!!!

ma com'e' possibile?
E' assurdo, sarebbe come se in padania si producessero le banane e si esportassero in ecuador

15 Set 2007 | ore 08:38

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Pasta_sarde_1.jpg Pasta con le sarde

Eccola qui la pasta con le sarde, una di quelle ricette che tutti conoscono e nessuno...


ultimi commenti

ultimi post

29
Apr
Le formiche del Noma, i tortellini di Bottura, The50 Best e l'Italia che gufa - Renè RedzepiIn questo post si parlerà di...
28
Apr
Il gelato da F1 di Carapina è sbarcato a Roma - Carapina ha aperto la sua sede...
23
Apr
Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie - Con Gaetano Cappelli ci siamo visti...
14
Apr
Le vite degli altri, cioè di tutti noi, spiate anche al ristorante - Una scena tratta dal film "le vite...
12
Apr
Assunta Madre, un ristorante di pesce fresco e "cimici" - Assunta Madre, Il ristorante di attricette tv,...
09
Apr
Panino, dove hanno venduto una tonnellata di pane di Matera - Fatti 50 metri, forse meno, dall'ingresso...
02
Apr
Josean Alija, il Guggenheim di Bilbao, il ristorante Nerua e la sua storia - Se non siete mai stati da...
31
Mar
Bonci fa traffico... e anche pane e pizza - Gabriele Bonci è un bravo cuoco...
Pollo_arrosto_erbe.jpg Pollo arrosto alle erbe aromatiche

In momenti di crisi il pollo è un'ancora di salvezza perché anche i polli buoni esistono...


ultime letture

IMG_3446.jpg Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie

Con Gaetano Cappelli ci siamo visti da...


IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


Twitter
Friendfeed