27
Set 2007
ore 17:36

Cous cous fatto a mano

< >

Sono il presidente della decima edizione del Cous Cous Fest di San Vito Lo Capo. Della gara tra otto paesi non dirò ovviamente nulla, se non a gara finita venerdì 28 alle 22,30. Qui voglio dire cosa dimostra una manifestazione come questa: dieci anni fa è stata una scelta lungimirante. Ha unificato i paesi del Mediterraneo tanto che dalla prima edizione qui cucinano i cuochi palestinesi e quelli israeliani, i tunisini e i marocchini, e poi della Costa D'Avorio, del Senegal e quest'anno del Brasile. Ha permesso al Comune di triplicare le presenze turistiche. E' una manifestazione vera che per cinque giorni coinvolge un'intera città e porta, in fine stagione, migliaia di turisti. E' la dimostrazione che chi ha usato le tradizioni enogastronomiche vere come leva turistica senza snaturarle ne è stato ripagato con gli interessi. Il posto è bellissimo e circondato da una fantastica riserva naturale e il mare e la spiaggia sono belli e puliti. 
couscousfest_2007.jpg

Quanto al cous cous, quello vero, fatto a mano e non industriale, è un cibo fantastico perchè si abbina con pesce, carne, verdure, spezie e perchè se anche a Roma e Milano si cominciasse a farlo fresco, come la pasta fresca, sarebbe un successo dieci volte superiore a quello che ha già. E' il piatto nazionale dei paesi del Nord Africa ma anche di molta parte della Sicilia.

Qui a San Vito sto mangiando degli incredibili cous cous cotti in una pentola speciale e accompagnati da brodi di condimento - tradizione trapanese -  e ho lo stesso atteggiamento, io bolognese, di chi scopre la sfoglia, le tagliatalle ecc... dopo non può farne a meno e io, mangiandolo a Roma, mi ero dimenticato cosa era il vero cous cous. 

commenti 9

Eh, il cous-cous. Chi è abituato a quello precotto, non sa cosa significhi.

Per me è un piatto della tradizione, visto che il ramo materno della mia famiglia era tra i coloni italiani a Tripoli ed ha vissuto lì per oltre vent'anni, fino all'avvento di Gheddafi.

Devo dire che la preparazione della semola, la cosiddetta incocciatura, non è un'operazione difficile come sembra. Basta un po' di pazienza e qualche prova, poi il movimento viene naturale. A quel punto ogni condimento è buono. Quello tradizionale (della mia famiglia, intendo) è condito con sugo di castrato abbastanza piccante e servito con la stessa carne e - come vegetali - ceci, zucca, carote e patate.

Ad ogni modo, se proprio non si ha voglia di incocciare, il precotto di Marchesi (non Gualtiero, come sa chi ha letto il servizio sul gambero di qualche mese fa) è secondo me un buon prodotto.

27 Set 2007 | ore 18:46

A me il Cous Cous piace molto.
Ne ho mangiati in diversi Paesi europei, Francia, Inghilterra, Germania, Belgio. Preferisco quelli a base di montone, appunto a Parigi ne ho mangiati di eccezionali. Tre, di pesce, molto buoni li ho mangiati anche in Italia, uno a Trapani nell'attesa di un imbarco sul traghetto per Pantelleria, e due a Pantelleria.

Ciao

27 Set 2007 | ore 19:22

Ho mio padre che Ericino e ovviamente sono stata "educata" pur essendo nata in Puglia alla cottura del CousCous, con tanto di incocciatura e riposo nella Mafaradda... anche a Trapani in agosto abbiamo avuto la fortuna di beccare una manifestazione che si chiama COUSCOUS Day e ho avuto modo di assaggiare prodotti decisamente sublimi, quello che mi è rimasto più impresso è stato quello di Spada e Melanzane... Buon divertimento a te in quel di San Vito

27 Set 2007 | ore 19:41

BUONO IL COUSCOUS!!!
ne vado letteralmente pazza, peccato che l'ho assaggiato solo 1 anno fa!!! =( che tristezza
comunque io conoscevo una signora di origini libanesi che viveva qui a roma e lei faceva un couscous (a detta di mia mamma e non solo) eccezionale.lei iniziava la mattina a prepararlo per la sera..quindi non è una preparazione veoce come dice pino.

28 Set 2007 | ore 09:08

Direttore,
se permetti, ti consiglio una pasticceria a San Vito Lo Capo, sita in una traversina del corso principale, andando verso il mare a sinistra; si chiama Randazzo, fà dei cannolli espressi veramente unici.
Beato te!

28 Set 2007 | ore 10:52

Nei dintorni di San Vito Lo capo il cous cous migliore a mio giudizio (e anche tutto il resto della cucina) e' quello del 'Pocho'.

http://www.pocho.it/ristorante.html

L'eccezionale Signora Marilu' alla Domenica offre un menu tutto a base di cous cous, e alla mattina chi non ha avuto la fortuna di averlo imparato da piccolo, puo' andare nelle cucine a scoprire come si fa e si cuoce.

28 Set 2007 | ore 11:31

Già, condivido quello che hai detto... io sono appena stato a Trapani e ho mangiato dell'ottimo cous cous con brodo di pesce, ovviamente cucinato dalla nonna della mia ragazza, tutto fatto in casa e tutto un altro mondo e sapore.

28 Set 2007 | ore 22:21

e mentre gliene dai di cous cous, ecco che il Papero sbanca Squisito Blog Cafe´, complimenti direttore!
http://www.x-ics.it/squisito/?p=97

29 Set 2007 | ore 23:53

La manifestazione è eccezionale! Ci vado ogni anno! Ho visto che si sta già lavorando alla prossima edizione, in programma dal 23 al 28 settembre: la linea grafica è nuova ed il sito rinnovato (www.couscousfest.it).
Speriamo in tante belle novità enogastronomiche..
Ci si rivede a San Vito Lo Capo?

29 Feb 2008 | ore 00:46

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Risotto_barbera.jpg Risotto alla barbera

Il cielo è più grigio e la temperatura è calata, è tempo di piatti caldi e...


ultimi commenti

  • Alessandro - Lo stato italiano dovrebbe finanziare le banche ancor piu'...
  • piermiga - Quando Antonella entrò nel camerino lui era seduto e...
  • Raffaele - Mi tocca essere d'accordo con Gumbo Chicken!!!...
  • Roberto Bentivegna - :( Non più tardi di qualche mese fa ti...
  • gumbo chicken - Vista l'insensibilità del commento di Tristano - che condanna...
  • Tristano - Che strana gente è quella che si occupa di...

ultimi post

20
Gen
Una rosa bianca per il Maestro Abbado - Foto ANSAE' morto alle 8,30 del...
18
Gen
Prendere esempio da Ducasse? No, l'esempio sono i fratelli Roca - Avevano già le tre stelle Michelin...
16
Gen
Fool racconta l'Italia del cibo. Un po' come te l'aspetti, ma anche no - E' uscito Fool n. 4 dedicato...
14
Gen
La grande bellezza di Roma che piace agli stranieri e non agli italiani - La grande bellezza è un bel...
09
Gen
Aprire è un po' morire - Lo sai che Piripicchio ha aperto...
07
Gen
Spaghetti alla bolognese made in New Zealand - Venti giorni senza cucina italiana a...
04
Gen
15 giorni da Valerio M. Visintin senza passamontagna, occhiali e guanti neri - Lo sognavo da tempo ma in Italia...
04
Gen
Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina - Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli...
Pici_1.jpg Pici con le briciole

Dopo tanto sud torniamo nell'Italia Centrale, in Toscana, per raccontare una bella ricetta semplice e popolare,...


ultime letture

IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


IMG_0522.jpg Gianni Brera, il grande padano

Ho ripreso in mano La pacciada, il...


Twitter
Friendfeed