12
Set 2007
ore 19:45

Si mangia il blog?

< >

Ve lo ricordate Il blog si mangia? La manifestazione si è svolta alla Città del gusto il 9 giugno 2005, due anni fa o, guardando la realtà con un'altra ottica, un mucchio di tempo fa. Allora erano accorsi in molti e la riunione era stata ricca di entusiasmo e di idee. Oggi di manifestazioni se ne fanno a decine e di raduni dedicati a blog e cibo ce ne sarà, per esempio, una a fine mese a Squisito, con uno spazio blogcafé gestito da muccapazza e con molti blogger in arrivo.

Avevo scritto che volevo fare Il blog si mangia 2? ma mi chiedo quali potrebbero essere i temi concreti su cui c'è attenzione da parte delle centinaia di appassionati e per questo apro questo post ai suggerimenti, compreso quello di lasciar perdere :-) 

commenti 32

Mi piacerebbe aiutarla direttore.... io sono patito perso per la carne sopratutto quella bovini....e per questo mi piacerebbe parteciparre con lei in un futuro a progettare questa manifestazione anche se ho solo 18 anni.... cmq se gli fa piacere in questi giorni penserò a qualcosa ....
la saluto direttore, lei è proprio un grande si può dire anche con uno spirito giovanile.

12 Set 2007 | ore 22:23

Intanto direi che si potrebbe tranquillamente fare a meno dei technicismi della prima edizione (le quali francamente non interessavano a nessuno). Io, modestamente, 'il blog si mangia' lo immagino sopratutto come una grande festa, una possibilità di incontro gioioso fra chi scrive e chi legge, l'occasione di uscire dalle eteree disquisizioni internettiano, l'opportunità di mettere in pratica, edonisticamente, ciò di cui voi e noi dissertiamo quotidianamento, quindi mangiando, bevendo, chiacchierando, semmai cucinando. E non aggiungerei tentativi di astrazione e pseuo-scientificismi al già tanto astratto mondo bloggoroico. Proprio a voler esagerare, fate parlare chi il blog di food ce l'ha, magari stuzzicato dal provocatore di turno spiegateci l'impegno, spiegateci linea editoriale, il lavoro dietro le quinte, confrontate i blogger, ma che sia sopratutto divertente. Almeno questo augurerei per una seconda edizione, a me e a voi, e spero davvero ci sarà.

13 Set 2007 | ore 01:24

Giusto. Se qui tutto è virtuale. Lì tutto deve essere fisico e realmente piacevole.
Si mangi, si beva, si parli, si ascolti la musica il canto la poesia.
Si banchetti, insomma, con allegria e gioia intorno al tavolo.
Si parli di che cosa? anche di quello che si mangia e si beve.
E' questo, no?, che si legge ogni giorno sul blog.
Le idee nascono a tavola come sul blog. L'importante è che non diventi un gran casino e che tutti se ne tornino a casa e sul blog contenti.

13 Set 2007 | ore 09:02

Beh, l'idea di festa e fisicità, cioè qui si scrive e pensa e al "Blog si mangia 2" si cucina e ci si diverte mi sembra un'impostazione di fondo da condividere.
Avanti con altri suggerimenti...

13 Set 2007 | ore 09:15

Perchè questo nuovo modo di comunicare, con tutti i limiti e le azioni scomposte che oggettivamente si vedono, è considerato fumo negli occhi per molti addetti ai lavori? E' una nuova forma di giornalismo o no ? Il futuro della critica gastronomica passa SOLO o ANCHE attraverso questo media ?
Provocazioni per stimolare il dibattito ...

13 Set 2007 | ore 10:26

E poi, Guide on-line, c'è futuro ?
Ne avrei altri 1000 ma incominciamo da questi.

13 Set 2007 | ore 10:27

Direttore, io sono tentatio di chiederle di organizzare un appuntamento che insegni a noi dilettanti cuochi per passione e interessati lettori del suo blog, i segreti della cucina, i fondamentali, i rudimenti, l'ABC per potersi districare meglio davanti ai fornelli.
Posso ipotizzare che per ogni appuntamento annuale venga trattato un tema specifico.
Cordialmente

13 Set 2007 | ore 10:30

Fotocamere, palmari, registratori..: quale è il limite da non attraversare seduti a tavola, per raccontare una esperienza senza scivolare nel cattivo gusto o nell'invadenza?
Il critico moderno dovrà appropriarsi di questi strumenti o è solo una moda passeggera?

13 Set 2007 | ore 12:06

Nuovi temi interessantissimi quelli proposti in questi interventi, così interessanti che bisognerà fare una selezione.

13 Set 2007 | ore 12:43

Idee finite... :-((

13 Set 2007 | ore 17:22

Concordo con la "fisicità" di Tommaso, ma un momento dedicato a creare una diretta online non sarebbe male.
Tipo: 10 minuti per degustare un cibo ed un vino e poi massimo 20 minuti per pubblicare il post sul proprio blog (connessioni presenti permettendo) e poi passare i 60 minuti successivi a rispondere ai post però dal vivo, parlandosi uno di fronte all'altro. Mischiare ancora una volta reale e virtuale.

13 Set 2007 | ore 23:34

andrei più sul cattivo ovvero farei degustare un vino da un sommelier e gli farei fare un post in cui descrive il vino che ha appena bevuto. Poi uno "spettatore" presente deve riconoscere il vino di cui ha appena letto il post tra 3 bicchieri "alla cieca".
Così si capisce se scrivere di un vino su internet serve a qualcosa...(a me terrorizza pensare che tutto quello che scrivo nei post possa valere solo per me!)

14 Set 2007 | ore 00:17

l'Idea di fare un blog si mangia 2 , mi pare ottima , me deve essere l'occasione per far incontrare gli appassionati,per scambiarsi pareri e idee.Su quanto sia
efficace questo tipo di comunicazione , e quale futuro può avere .
Non sono d'accordo con chi propone gare , o prove di qualsivolgia abilità.

14 Set 2007 | ore 02:35

Se lo organizzate, ci vengo di sicuro, e per dei motivi molto semplici: l'incontro, la convivialità, le festa. In fin dei conti parliamo tutti, alle volte fin all'eccesso, di cibo, e cosa sono il cibo e il vino se non incontro, convivialità, festa?
Io però, sarà mia deformazione, lo amplierei: lanciamolo aperto al MONDO, aperto a tutti i food blogger. Sarebbe favoloso poter incontrare persone come Clotilde o altre blogger di vecchia data! Ieri sera a Londra ne ho conosciute due tra le prime (2004), The passionate cook e Cook sister: è stato un incontro stupendo!
Le gare lasciamole agli altri...
Cuciniamo tutti insieme, chiacchieriamo, confrontiamoci... E soprattutto confrontiamoci con il resto dle mondo: non rimaniamo sempre la solita italietta...

14 Set 2007 | ore 09:58

ricordo con piacere l'anno dopo quando lei caro bonilli ci invitò a cena per conoscerci e per consocere la nostra esperienza...
eravamo in pochi, ma buoni. Alla fine ci conoscevamo già tutti, ma per me e mio marito (sì, c'era già anche mia figlia) è stata un'esperienza da rifare. Magari quest'anno qualcosa di più concreto, qualcosa che metta in gara i foodblogger. Si potrebbero votare le ricette dei blogger suddividendole in cinque categorie: antipasti, primi piatti, pesce, carne, dolci.
se ne scelgono un po' (magari 5)per ogni categoria e si vota. I vincitori, i primi due per ogni categoria, saranno cucinati (!) la sera del raduno!!!!
se l'idea piace io mi candido per dare una mano!

14 Set 2007 | ore 10:43

"Le gare lasciamole agli altri...". rispettabilissimo (davvero, senza ironia)
una curiosità però Piperita: e allora perché chiedi di essere votata per i blogger's choice awards?
grazie grazie
oloap

14 Set 2007 | ore 16:42

Bello! L'idea sta prendendo "corpo" è il caso di dirlo.
Chissà se qualche temerario blogger-cuoco avrà il coraggio di cimentarsi foco-live e di sottoporsi allo spietato giudizio on-line dei bloggers assaggiatori.

14 Set 2007 | ore 18:20

Dimenticavo. Tutti disponibili a dare una mano come Veronica?
Io sì.

14 Set 2007 | ore 18:23

Volevate un blogger-cuoco ...... Io mi propongo come primo cuoco foco-live, sempre senon ce ne sono altri; sono sicuro anche se ho ancora la mia tenera età, potrei far mangiare polvere a professionisti. Epoi in ogni caso vorrei partecipare alla creazione e parteciparci una volta competata.
Salutia tutti e anche al nostro direttore

14 Set 2007 | ore 20:24

Senza voler fare il guastafeste, pero' non mi pare che ci sia un senso nel passare dal virtuale al reale. I bloggers dal vivo non sono piu' bloggers, sono persone. Il che non e' affatto una critica o uno svantaggio, anzi e' il punto di forza dei blog, che come diceva tempo fa Lupi non sono media, sono persone. Il che rende i blogs vivi e vitali.
Mi piace far festa e conoscere gente, specialmente attorno al tavolo, ma quello lo si puo' fare comunque. Pero' tutte le volte che si fanno queste cose dal virtuale al reale non mi pare che escano fuori cose interessanti.

14 Set 2007 | ore 21:17

solo un aggiunta: l'equivoco maggiore e' i bloggers non sono una categoria. Come dice J.Schwartz, che e' un blogger e accidentalmente il CEO di Sun (java), il blogger e' l'utilizzatore di una tecnologia, e li' finisce la similarita' con gli altri utilizzatori. Cosi' come non ci sogneremmo di chiamare email-er gli utlizzatori di posta elettronica, o cell-phon-er quelli che parlano con i telefonini, arrivera' anche il momento in cui non si definira' qualcuno come blogger. L'importante e' l'utilizzo della comunicazione e ovviamente quello che uno comunica.
link:http://blogs.sun.com/jonathan/entry/the_end_of_ceo_blogging

14 Set 2007 | ore 21:38

Penso che tutti quelli che si scambiano email di tenore gastronomico siano interessati alla materia e così per chi ha un blog che parla di ricette, fa vedere ricette, recensisce ristoranti e così via penso siano appassionati di cibo & vino e quindi il trovarsi non è in quanto si usa movable type ma una pentola di rame, Wordpress ma l'induzione e così via...

14 Set 2007 | ore 23:18

Vero. Quindi l'interesse è nell'argomento e non nel mezzo di comunicazione.
Dal senso della domanda ("il blog si mangia?"), l'accento sembra più che altro sul blog, e poi sul "mangia".
Parliamo del "mangia", nei suoi vari aspetti, compresa la sua diffusione attraverso il blog, e forse la cosa prende un senso più compiuto, almeno per me.
Il realtà forse si vuol parlare di come si comunica questo "mangia", e come i blogs influiscono, se influiscono, sulla sua comunicazione. E allora si può parlare di guide online, di blog di ricette sui prossimi gadgets, comel' iPhone (che è proprio un oggettino sfizioso, visto l'altro ieri dal vivo. Con un prezzo di 250 dollari, contratto di due anni con AT&T, è molto appetibile). Si può parlare dell'interesse, o meno, dei cuochi a comunicare direttamente col pubblico, dei critici che diventano lettori, dei lettori che diventano critici, dei lettori che rimangono lettori e basta, e non vanno a provare quello che leggono, e tutti questi intrecci inediti nel mondo pre-blog e pre-internet.
Insomma di cose ce ne sono da dire a guardar bene, è solo che se si mette il carretto (il blog) prima del bue (arrosto) si rischia di fare confusione e parlare di widgets (yawn!) invece che di kitchens.

15 Set 2007 | ore 00:23

Si mangia il blog?
Chi cucina nel blog?
Pentole, fornelli e blog

15 Set 2007 | ore 00:51

io so fare il sugo al pollo scappato che faceva mia nonna e alla bisogna pure dei bei crostini neri di fegato toscano

15 Set 2007 | ore 01:06

Beh quando si farà vedremo il tempo la stagione e la bottega che cosa ci permetteranno di cucinare foco-live. Io ci sto.

15 Set 2007 | ore 02:30

a Squisito, sabato 29, i blogger cucineranno, per fortuna non solo io
oloap

15 Set 2007 | ore 10:35

ci sono ..... perchè nn cucinare in diretta via webcam..... chi ha un ristorante lo farà dalla cucina professionale chi non cel ha come me cucinera dai fornelli di casa ..... che ve ne pare??? saluti

15 Set 2007 | ore 13:50

@Marchi, anche se un po' in ritardo: a quanto pare la mia ironia è incomprensibile al pubblico italiano! Ti pare che un blog come il mio possa vincere contro certi giganti??? Partecipavo per divertimento, non mi interessa competere... Il blogger choice award è "mondiale", senza confini... I confini mi rendono claustrofobica...

18 Set 2007 | ore 18:36

caro direttore ma nel log si parla comunque di cucina, almeno in questo....si ttrattano tanti argomenti su questo fantastico mondo!!ci si scambiano idee e ci si confronta xò si parla sempre di mangiare!!
trovo 1 figata la cosa della cucina via webcam!!!
come si dice....GUARDANDO SI IMPARA magari iopotrei imparare molte cose gurdando degli esperti come voi sbizzarrirsi tra i fornelli!
1 saluto a tutti

19 Set 2007 | ore 16:08

mifa piacere kaipos che la mia idea ti sia piaciuta.... ma mi sa che non è la stessa cosa per il direttore, anche se di questi tempi gli stanno proprio facendo girare le p... . Mi dispiace che una persona di tale animo e tale professionalità debba subire tale ingistizzie; cmq ne so qalche cosa ancheio.
vi saluto

19 Set 2007 | ore 22:07

bè questo mondo è fattodi ingiustizie!!! e di persone che arrivano alla meta facendo magheggi!!! non ci si deve abbattere!!

20 Set 2007 | ore 13:11

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Risotto_barbera.jpg Risotto alla barbera

Il cielo è più grigio e la temperatura è calata, è tempo di piatti caldi e...


ultimi commenti

  • Alessandro - Lo stato italiano dovrebbe finanziare le banche ancor piu'...
  • piermiga - Quando Antonella entrò nel camerino lui era seduto e...
  • Raffaele - Mi tocca essere d'accordo con Gumbo Chicken!!!...
  • Roberto Bentivegna - :( Non più tardi di qualche mese fa ti...
  • gumbo chicken - Vista l'insensibilità del commento di Tristano - che condanna...
  • Tristano - Che strana gente è quella che si occupa di...

ultimi post

20
Gen
Una rosa bianca per il Maestro Abbado - Foto ANSAE' morto alle 8,30 del...
18
Gen
Prendere esempio da Ducasse? No, l'esempio sono i fratelli Roca - Avevano già le tre stelle Michelin...
16
Gen
Fool racconta l'Italia del cibo. Un po' come te l'aspetti, ma anche no - E' uscito Fool n. 4 dedicato...
14
Gen
La grande bellezza di Roma che piace agli stranieri e non agli italiani - La grande bellezza è un bel...
09
Gen
Aprire è un po' morire - Lo sai che Piripicchio ha aperto...
07
Gen
Spaghetti alla bolognese made in New Zealand - Venti giorni senza cucina italiana a...
04
Gen
15 giorni da Valerio M. Visintin senza passamontagna, occhiali e guanti neri - Lo sognavo da tempo ma in Italia...
04
Gen
Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina - Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli...
Pici_1.jpg Pici con le briciole

Dopo tanto sud torniamo nell'Italia Centrale, in Toscana, per raccontare una bella ricetta semplice e popolare,...


ultime letture

IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


IMG_0522.jpg Gianni Brera, il grande padano

Ho ripreso in mano La pacciada, il...


Twitter
Friendfeed