24
Gen 2008
ore 17:58

Il miglior blog di Francia

< >

Francois_Simon.jpg

E' bravo, certo ha un ego sviluppato, tendente all'ipertrofico... :-) un po' come quello della maggior parte dei cuochi che giudica. Parlo di Francois Simon, il critico gastronomico del Figaro, il cui blog, Simon - Says, è stato premiato come il migliore blog dell'anno in Francia. Lo conosco e sono andato a mangiare alcune volte con lui per ristoranti in giro per Parigi. Lui era lì per fare schede per il Figaro, armato di una piccola cinepresa e invisibile. Di Francois Simon non ci sono fotografie e non va in televisione. E' bravo e scrive molto, anche romanzi, è influente, aiuta i giovani cuochi e i giovani giornalisti. Quando è al ristorante filma, se può, ogni piatto senza farsi vedere e lo recensisce a voce, e potete vedere nel suo blog i filmati, magari non qualitativamente belli ma divertenti e utili dal punto di vista critico. Ama molto la cucina italiana e giudica Pierangelini uno dei migliori cuochi d'Europa.

Un bell'esempio e anche un bell'esempio lo spazio che il Figaro destina alla critica gastronomica. 

commenti 6

Vogliamo parlare dei critici gastronomici del Corriere della Sera?

Ad Majora

25 Gen 2008 | ore 09:41

Un po' troppo prezzemoloso ultimamente il Pierangelini, non trova?

VB

25 Gen 2008 | ore 10:22

Ho letto dal link con Le Figaro una recensione di Simon, in cui distingue tra una ristorazione del "miam" (termine da fumetto, in italiano "gnam") e una dell' "oh": nella prima si mangia, non ha tempi morti e si esce sazi, la seconda è invece definita anarchica e circense ( il cliente sta di fronte ad un piatto come di fronte alla pista di un circo), lenta e autoreferenziale. Inutile dire che Simon parteggia apertamente, e con una certa prosopopea, per il "miam", ritenendo la cucina dell' "oh" asservita ai capricci di chef narcisisti adorati da clienti obbedienti. E lui, Simon, è e sarà sempre un disobbediente, voilà. Nei giorni scorsi, sui blog del Gambero Rosso si è discusso di ristorazione, di nuovi standard, di prezzi, di comunicazione, dimostrando, come da post finale del moderatore, quanto questo mondo sia complesso e variegato. Non conosco Simon, né posso conoscerlo per aver letto una recensione, mi fido di quanto detto dal Direttore, ma perdinci ci avrebbe messo bene tutti in riga, alla francese. Et voilà.

25 Gen 2008 | ore 18:20

scusi direttore ma nn si potrebbe fare come il sig. Simon? nel senso.. sarebbe davvero costruttivo andare per ristoranti e criticare i piati ke ci vengono serviti e poi mettere il tutto sul blog. sarebbe davvero una bella idea!!!! poi per lei ke stà sempre in giro!!! farebbe conoscere a chi non può la vera cucina italiana e internazionale!!! =D

26 Gen 2008 | ore 08:31

Basterebbe che il critico di turno - prima di alzarsi da tavola - dicesse al patron o allo chef cosa non va, come ha fatto con me la Guida dell'Espresso.
In questa maniera uno si sa regolare e, se vuole, può migliorare. Se nessuno glielo dice, come fa a capire cosa bisogna cambiare?

27 Gen 2008 | ore 23:40

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Risotto_barbera.jpg Risotto alla barbera

Il cielo è più grigio e la temperatura è calata, è tempo di piatti caldi e...


ultimi commenti

  • Alessandro - Lo stato italiano dovrebbe finanziare le banche ancor piu'...
  • piermiga - Quando Antonella entrò nel camerino lui era seduto e...
  • Raffaele - Mi tocca essere d'accordo con Gumbo Chicken!!!...
  • Roberto Bentivegna - :( Non più tardi di qualche mese fa ti...
  • gumbo chicken - Vista l'insensibilità del commento di Tristano - che condanna...
  • Tristano - Che strana gente è quella che si occupa di...

ultimi post

20
Gen
Una rosa bianca per il Maestro Abbado - Foto ANSAE' morto alle 8,30 del...
18
Gen
Prendere esempio da Ducasse? No, l'esempio sono i fratelli Roca - Avevano già le tre stelle Michelin...
16
Gen
Fool racconta l'Italia del cibo. Un po' come te l'aspetti, ma anche no - E' uscito Fool n. 4 dedicato...
14
Gen
La grande bellezza di Roma che piace agli stranieri e non agli italiani - La grande bellezza è un bel...
09
Gen
Aprire è un po' morire - Lo sai che Piripicchio ha aperto...
07
Gen
Spaghetti alla bolognese made in New Zealand - Venti giorni senza cucina italiana a...
04
Gen
15 giorni da Valerio M. Visintin senza passamontagna, occhiali e guanti neri - Lo sognavo da tempo ma in Italia...
04
Gen
Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina - Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli...
Pici_1.jpg Pici con le briciole

Dopo tanto sud torniamo nell'Italia Centrale, in Toscana, per raccontare una bella ricetta semplice e popolare,...


ultime letture

IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


IMG_0522.jpg Gianni Brera, il grande padano

Ho ripreso in mano La pacciada, il...


Twitter
Friendfeed