25
Mar 2008
ore 12:52

Stress da troppa informazione

< >

ROMA - ANSA: Per prevedere dove potrebbe scoppiare la prossima epidemia di influenza aviaria non bisogna guardare agli allevamenti di polli ma alle risaie. Lo hanno scoperto i ricercatori dell'università di Bruxelles: secondo il loro studio pubblicato dalla rivista Proceedings of the national Academy of Science (Pnas) i fattori determinanti nello scatenare le epidemie del virus sono infatti la presenza di coltivazioni di riso e di anatre selvatiche, oltre ovviamente alla popolazione umana.

E adesso che dovremmo fare? Chiudere le risaie? Uccidere tutte le anatre? Vaccinare tutta la popolazione della Pianura Padana? 

commenti 11

Forse, più semplicemente, evitare di intasare i telegiornali per ogni pollo che muore in Tagikistan

25 Mar 2008 | ore 13:44

In quel periodo vidi personaggi amanti del pollo [pranzo e cena] improvvisamente convertirsi a robuste scaloppe di noce di vitello..
Saludos
Sb

25 Mar 2008 | ore 14:22

In quel periodo furono spesi centinaia di milioni di euro per vaccini che hanno rimesso in salute le aziende farmaceutiche coinvolte.

25 Mar 2008 | ore 14:57

Se i fattori determinanti sono presenza di coltivazioni di riso, anatre selvatiche e popolazione umana - oltre a distruggere il riso e uccidere le anatre suppongo che per un'efficace prevenzione convenga far trasferire (o al limite sterminare) anche tutti gli abitanti. ;-)

Tanto ormai, delirio più delirio meno...

25 Mar 2008 | ore 15:01

Beh negli anni Sessanta mi sembra che l'esperimento sia stato fatto nel Sud Est Asiatico :-)) con napalm e defolianti

25 Mar 2008 | ore 15:11

Non per fare il saccentino, ma il rischio di una "influenza aviaria" è concreto. Non mi sembra poi assurdo che si mantenga un livello di controllo

In alternativa si può sospendere la ricerca e cominciare a sotterrare cubi di giada nelle notti di plenilunio in giorni con la R.

25 Mar 2008 | ore 15:46

Anche il rischio di cancro da fumo è concreto e muoiono di cancro ai polmoni varie decine di migliaia di persone eppure il tabacco si vende ed è monopolio dello stato.
Rispetto alla aviaria due anni fa è stato fatto terrorismo visto che in Asia i morti non sono stati centinaia e in Europa meno di dieci.
Come per mucca pazza dove in Italia i morti sono stati 2 o 3.
Adesso è il turno della mozzarella e della diossina.
Mai una comunicazione lucida e precisa, sempre strillata e minacciosa.

25 Mar 2008 | ore 15:58

Sono d'accordo.

Ma il problema è di chi fa informazione, non di chi fa ricerca.

25 Mar 2008 | ore 16:34

Su questo con me si sfonda una porta aperta. I colleghi dei giornali e delle Tv che parlano di cibo e vino lo fanno ormai quasi scusandosi perché il caporedattore di turno dice "che palle con sti' cuochi... trovami quello che fa da mangiare più caro, oppure quello che costa di meno oppure alla gente non frega nulla dei soliti racconta la storia del panino da 1000$ così i lettori si incazzano" e quindi gli articoli hanno spazio quando la mozzarella è alla diossina, quando i Nas chiudono un ristorante per una mattonella sbeccata, hanno spazio solo per mostri e mostruosità.
L'informazione del settore FA PENA!
Ci sono alcune eccezioni ma, appunto, eccezioni sono.
Amen

25 Mar 2008 | ore 17:33

Direttore, non e' solo l'informazione "del settore" che fa pena, se posso permettermi.... (sempre con le dovute eccezioni)

26 Mar 2008 | ore 11:26

I Am doing a fiverr gig myself i'm selling 1000 auto-aprove blogs for only a fiver! its amazing

31 Gen 2011 | ore 20:44

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Pasta_sarde_1.jpg Pasta con le sarde

Eccola qui la pasta con le sarde, una di quelle ricette che tutti conoscono e nessuno...


ultimi commenti

ultimi post

29
Apr
Le formiche del Noma, i tortellini di Bottura, The50 Best e l'Italia che gufa - Renè RedzepiIn questo post si parlerà di...
28
Apr
Il gelato da F1 di Carapina è sbarcato a Roma - Carapina ha aperto la sua sede...
23
Apr
Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie - Con Gaetano Cappelli ci siamo visti...
14
Apr
Le vite degli altri, cioè di tutti noi, spiate anche al ristorante - Una scena tratta dal film "le vite...
12
Apr
Assunta Madre, un ristorante di pesce fresco e "cimici" - Assunta Madre, Il ristorante di attricette tv,...
09
Apr
Panino, dove hanno venduto una tonnellata di pane di Matera - Fatti 50 metri, forse meno, dall'ingresso...
02
Apr
Josean Alija, il Guggenheim di Bilbao, il ristorante Nerua e la sua storia - Se non siete mai stati da...
31
Mar
Bonci fa traffico... e anche pane e pizza - Gabriele Bonci è un bravo cuoco...
Pollo_arrosto_erbe.jpg Pollo arrosto alle erbe aromatiche

In momenti di crisi il pollo è un'ancora di salvezza perché anche i polli buoni esistono...


ultime letture

IMG_3446.jpg Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie

Con Gaetano Cappelli ci siamo visti da...


IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


Twitter
Friendfeed