19
Apr 2008
ore 18:34

La costoletta del Savini

< >

savini.jpg

Una costoletta da quattro etti, per due persone, nel menu a 95 euro. Sta diventando un po' la bandiera del nuovo Savini di Cristian Magri, un cuoco giovane ma ormai di lunga esperienza allo Zafferano di Londra, poi da Cracco e da Aimo e Nadia e da ultimo in un locale suo, Il Vicolo, a Corsico, aperto insieme con la moglie Manuela.
Della costoletta ha scritto Paolo Marchi, ha puntualizzato Tommaso Farina, ha interloquito Muccapazza... ero a Milano per il Salone del Mobile, potevo non andare a vedere?
Il Savini era ormai da anni in stato comatoso, ho fatto un paio di anni fa uno dei peggiori pranzi della mia vita, un vero scandalo e quindi la nuova gestione ha sanato una ferita per la Milano gastronomica e fatto rinascere un locale di qualità in più nel cuore della città.

Ma torniamo alla costoletta: splendida, morbida, perfetta e intrigante. Servizio efficente e cortese, sommelier super e vini molto interessanti fanno del nuovo Savini un possibile grande ristorante, bisogna vedere cosa ha intenzione di investire la proprietà. Per ora con Cristian Magri ha iniziato col piede giusto.

Ps
Buoni gli spaghetti al baccalà, meno convincente il millefoglie di lingua.
La prossima visita proveremo anche il risotto alla milanese, per ora a cento metri dalla Galleria e dal Savini ne abbiamo mangiato uno superlativo, il migliore di Milano, in piazza della Scala :-) 

Foto iPhone

commenti 28

237,50 euro chilo?......
mah.....

20 Apr 2008 | ore 01:34

Ma come anche te non hai mangiato la cassoeula?
Almeno come dolce hai assaggiato l'Oro Savini?

Mucca

P.s.
com'è il salone del mobile?

20 Apr 2008 | ore 11:18

Non ho mangiato dessert perché avendomi riconosciuto mi hanno fatto assaggiare sei piatti oltre a quelli ordinati e io ero entrato per provarne uno :-))

20 Apr 2008 | ore 11:32

ed il miglior risotto alla milanese di tutta milano chi l'ha fatto? Dai Bonilli ci aiuti e non faccia :)

20 Apr 2008 | ore 11:58

@curioso.
Se tanto mi dà tanto: Andrea Berton, Trussardi alla Scala.

Comunque anche a me la costoletta, per quanto fatta con un grande taglio e servita impeccabilmente nel locale più nobile di milano, mi sembra un po' cara.
Però va così, liberissimo Magri di applicare il prezzo che ritiene più congruo.

20 Apr 2008 | ore 12:14

meno male ...cominciavo ad avere la sindrome dello straccione.

20 Apr 2008 | ore 12:20

Carla Bruni direbbe che siete dei gourmet "Volgavi"
'anvedi sti morti di fame.
Ah, dimenticavo il dessert l'Oro Savini costa 25,00 euro!

Mucca

20 Apr 2008 | ore 12:59

eh eh eh ......passami la Bruni che le faccio perdere la r rutilante....

20 Apr 2008 | ore 13:15

Mucca, sei il solito adorabile, incorreggibile, immarcescibile viveur.
Noialtre gourmet morti di fame dobbiamo valutare anche il qualità/prezzo.
Però dedica qualche risorsa aggiuntiva della tua liquidità a risolvere il problema del dialer in java (un programmino che ti si installa nel computer se gli dai l'ok e che poi cambia la tua connessione dial-up digitando a tua insaputa riluttanti numeri oltreoceano o siti dedicati al porno-mucca. Chi è collegato via adsl è quasi immune ma le nostre Telecom sono da terzo mondo e molti sono ancora collegati a 56k)) del tuo blog.
E' come avere una calza (a rete) smagliata. Non vorrai anche tu passare per "net-volgave".
Franc

ps: Ti amo.

20 Apr 2008 | ore 13:30

Sono francamente contento dei pareri di Paolo Marchi e di Stefano. Io sono stato il primo ad avere il coraggio di andare al Savini riaperto, circa due o tre giorni dopo la riapertura. Alcuni mi dissero che avrei fatto meglio a dargli un po' di tempo. Io ho voluto andare lo stesso, ne ho scritto e sono contento di averci azzeccato.

Aggiungo una cosa a chi parla di prezzi. Certo che sono alti. Però il Savini della precedente gestione, che semplicemente ammanniva una cucina classica più o meno onesta e professionalissima (almeno, negli ultimissimi tempi), faceva pagare le stesse cifre. In più, metteva in conto un servizio del 12% (credo, domani al giornale controllo) e un coperto di 8 euro (credo anche questo, controllo anche questo e semmai rettifico). Francamente penso che al Savini di adesso 130 euro si possano pure spendere, una volta ogni tanto.

20 Apr 2008 | ore 13:52

In buona sostanza: al vecchio Savini, nonostante l'arrivo di un direttore molto capace meno di due anni fa (dopo che Stefano si trovò male), non era il caso di andare a spendere simili cifre per un pranzo. Oggi sì.

20 Apr 2008 | ore 13:57

direttore mi scusi ma quell'osso infilato di traverso....è per far ricordare che stiamo parlando di costoletta o serve per rifarsi i denti dopo il taglio della morbida carne...;))))

20 Apr 2008 | ore 15:07

Beh, la costoletta la portano intera, poi la dividono in due porzioni e l'osso, minimamente spolpabile, è un trofeo.
E poi vorrei vedere che per 95 euro non mi dessero tutto :-))

20 Apr 2008 | ore 15:17

Spero che almeno poi lo impacchettino: a casa si può sempre dare un'ultima ciucciata prima di addormentarsi..

20 Apr 2008 | ore 15:45

Francvino,
Una calza a vete smagliata: Volgave!
Ho chiamato il mio “pevsonal tecnico pc (che fa molto chic)” ma in questo momento è ricovevato all’ospedale quindi visolverò quel pvoblemino quando savà fuori (se non ci lascia le penne nell’ospedale, ma una clinica pvivata no?).

Tornando invece al discorso del Savini non preoccuparti, c’è un menù degustazione della tradizione proposto a 90,00€ (quindi ci aggiriamo come spesa al Trussardi alla Scala) e un menù creativo a 130,00 (come da Cracco).
La costoletta e il dolce L’Oro Savini (dessert tra l’altro ottimo) sono i piatti più cari quindi si è liberi di sceglierli oppure no a me la curiosità ho stimolato quella scelta. Le altre proposte hanno un prezzo comunque proporzionati al genere di locale e alla location.
Per quanto sia ancora presto poter valutare il Savini l’istinto mi dice che non sarà un ristorante frequentato dai Voialtvi goumevt movti di fame e ti dico anche pevché. Valutato alla moda del gambero rosso: Cucina:47, Cantina 15, servizio 7, ambiente 7 bonus 0 Totale: 76 punti (poi, può valere anche 2 punti in più) e nella guida dell’Espresso potrebbe valere un 15/20 ecco, a parità di prezzo ma di fronte a un punteggio più alto il Goumevt movto di fame sceglie un altro locale.
Ciò non toglie che il Savini rispetto a prima sia rinato ma per il gourmet questa è un'altra storia.
Volgavi!

Mucca

20 Apr 2008 | ore 16:10

@ muccapazza

Tu l hai provato l 'oro Savini ???

Com' è ???

20 Apr 2008 | ore 16:13

Io osservo con piacere questi cuochi come Cristian Magri che hanno alle spalle un percorso di qualità, un po' di estero e poi cucine di livello come Cracco e Aimo, un'esperienza in proprio e infine un esordio da primo chef, con tutto quello che comporta, nel cuore di Milano.
L'osso, caro francvino, l'ho conservato per lei così si toglie questa ossessione e può andare a letto tranquillo :-))

20 Apr 2008 | ore 17:59

Bene, bravo a questo chef e interessante la rivisitazione di un piatto, buono, senza fine! Non vedo tuttavia novità "nostrane" e forse, arriverà qualcosa dalla valle del Reno (come afferma qualche critico spagnolo)..
ciao!

20 Apr 2008 | ore 19:08

L’Oro Savini è una sorta di budino dalla forma sferica preparato con farina di riso, a “guavnire” il tutto: “ ‘na foia d’Ovo” come quella che Mavchesi mette nel suo visotto.

Mucca

20 Apr 2008 | ore 21:11

mp ti vedo in forma..... sferica.
:-0)

20 Apr 2008 | ore 22:43

se mi vedi in fovma sfevica è pevché evidentemente hai alzato tvoppo il gomito.
Com'è volgave la gente che beve e non sovseggia.

mucca

20 Apr 2008 | ore 23:32

eh eh vedo che sei in forma mentale splendida....

21 Apr 2008 | ore 14:00

Mah francamente visto il trattamento che Cristian Magri mi ha riservato al Vicolo le ultime due volte che ci sono andato direi che il Savini può aspettare...

21 Apr 2008 | ore 19:58

Lasciata così la frase ha un sapore corleonese :-)

22 Apr 2008 | ore 17:00

La sera del compleanno della mia ragazza mi ha lasciato......senza ristorante, ha chiuso i battenti per un problema alla cucina. Senza avvisare (pur avendo lasciato il numero di telefono). Un mese più tardi ci sono tornato e mi ha bastonato sul conto e ho pure mangiato male. A quel punto mi son un po' sentito cornuto e mazziato (e anche un bel po' incazzato)!!! Da qui il corleonese "non mi rivede più". ;-)

22 Apr 2008 | ore 19:20

Buongiorno a tutti, mi piacerebbe informare un pò tutti i commentatori e non solo, che il vicolo a cambiato la sua gestione da circa un anno.

Oggi proponiamo solo pesce, freschissimo e pescato (non allevato), creativo, attento all'estetica e ......diverso.

Grazie a tutti . Lo Chef Remo

16 Gen 2009 | ore 15:57

Devo dire che questa opinione ha fatto venire una discreta curiosità....bisogna provare!

11 Feb 2011 | ore 16:59

Non è più così, lì è cambiato tutto, io non ci andrei, è un consiglio :-))

13 Feb 2011 | ore 19:36

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Pasta_sarde_1.jpg Pasta con le sarde

Eccola qui la pasta con le sarde, una di quelle ricette che tutti conoscono e nessuno...


ultimi commenti

ultimi post

29
Apr
Le formiche del Noma, i tortellini di Bottura, The50 Best e l'Italia che gufa - Renè RedzepiIn questo post si parlerà di...
28
Apr
Il gelato da F1 di Carapina è sbarcato a Roma - Carapina ha aperto la sua sede...
23
Apr
Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie - Con Gaetano Cappelli ci siamo visti...
14
Apr
Le vite degli altri, cioè di tutti noi, spiate anche al ristorante - Una scena tratta dal film "le vite...
12
Apr
Assunta Madre, un ristorante di pesce fresco e "cimici" - Assunta Madre, Il ristorante di attricette tv,...
09
Apr
Panino, dove hanno venduto una tonnellata di pane di Matera - Fatti 50 metri, forse meno, dall'ingresso...
02
Apr
Josean Alija, il Guggenheim di Bilbao, il ristorante Nerua e la sua storia - Se non siete mai stati da...
31
Mar
Bonci fa traffico... e anche pane e pizza - Gabriele Bonci è un bravo cuoco...
Pollo_arrosto_erbe.jpg Pollo arrosto alle erbe aromatiche

In momenti di crisi il pollo è un'ancora di salvezza perché anche i polli buoni esistono...


ultime letture

IMG_3446.jpg Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie

Con Gaetano Cappelli ci siamo visti da...


IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


Twitter
Friendfeed