29
Mag 2008
ore 15:06

Il Pastore e i buoni polli

< >

Ma allora esistono! Parlo di quelli che fanno una cucina semplice, buona, del territorio. Esistono, per esempio l'Agriturismo " Il Pastore" a Festà di Marano sul Panaro, in provincia di Modena. Appennino, calanchi, circa 450 metri di altezza, una famiglia, lei in cucina col figlio più giovane, in sala padre e figlio.

Tortelloni ripieni di ricotta che si sciolgono in bocca e polli e faraone alla griglia e anche formaggio alla griglia e Lambrusco Grasparossa. Tigelle e gnocchi fritti. 20 euro più il vino. Tutto buono e naturale, gente semplice e cortese, il papà dalla forte personalità, ma simpatico.

Il Pastore, via Salata 766, Festà di Marano sul Panaro tel. 3393506926 

commenti 35

Ciao a tutti!
Girovagando su internet, ho trovato un sito - aggregatore su argomenti di cucina e ricette. Trovo sia ben fatto, per cui ve lo segnalo: http://cucina.ilbloggatore.com

29 Mag 2008 | ore 15:57

Mi piace la fase "ruspante" che ha assunto questo blog negli ultimi tempi.

29 Mag 2008 | ore 17:48

Rosso ci cova, caro Tommaso.

29 Mag 2008 | ore 18:07

Da vecchio lettore del Gambero, praticamente dalla sua nascita, sono contento di questa volontà di ricercare nella provincia italiana quei posti, se ancora esistono, dove i piatti hanno un loro unico nome e non tutta la sequela degli ingredienti. Sarà nostalgia? A me il gambero rosso piaceva più 6 anni fa di adesso. Prima riuscivo a seguire i vostri consigli, a visitare le vostre scoperte, ora non ci riesco. Era il supplemento del Manifesto, ora sembra la rivista della confindustria.

29 Mag 2008 | ore 19:01

Sei anni fa? Sei sicuro?

29 Mag 2008 | ore 19:07

Hai ragione erano più belli quelli dell'altro secolo!

29 Mag 2008 | ore 19:17

e non c'erano neanche reazionari papalini come Farina! :-O)

29 Mag 2008 | ore 19:58

Sei anni fa il Gambero Rosso era lo stesso, sei anni fa il manifesto non c'entrava nulla già da dieci anni, sei anni fa si parlava di trattorie e quattro anni fa si parlava di polpette :-)

29 Mag 2008 | ore 20:18

Senza presunzione direttore lei il giornale lo fa, noi lo leggiamo. A me sembrava più bello, più interessante, più scopritore quello di 10 anni fa. Comunque condivido appieno l'intenzione e l'attenzione verso i temi dei suoi ultimi interventi.

29 Mag 2008 | ore 21:59

certo che esistono...ce ne siamo accorti ora? la grande maggioranza della gente li adora e va a degustare questa cucina soffocata dalla moda e dalla troppa chimica-fisica applicata agli elementi.
Direttore quale gradisce il suo palato? ci riveli i suoi gusti...ma le piace tanto la cucina fantascientica di molti chef automi e replicanti?
voto a questo mio commento 6-

29 Mag 2008 | ore 22:09

5 :-)

29 Mag 2008 | ore 22:25

ah ah ah!
sei anni fa...
avevamo sei anni in meno!

30 Mag 2008 | ore 08:34

@francesco
ma secondo me la rivista si è aggiornata ed è rimasta di qualità editoriale il dire era meglio.... mi da il senso di quando si dice ai tempi miei!!!Retrologia inutile... che cosa ha la rivista oggi di meno. Forse siamo noi che dieci anni fa essendo più giovani vedevamo il cielo più blu
voto a questo mio commento 5 (ora voglio vedere il leader massimo che voto mette!!!) Certo che ce lo vedo Bonilli su una poltrona di cialda di parmigiano con tre mila bottiglie intorno di famosi cru con una scrivania enorme fatta ad isola con fornelli e forno incorporato dietro la testa un quadro con il volto di chef adria. Sul soffitto appesi salami formaggi di malga e speck e davanti a lui una finestra a vetro immensa che si affaccia sulla roma fluviale
Hasta

30 Mag 2008 | ore 13:03

direttore non ci chiuda Kelablu... Le vogliamo bene..e anche a lei...

30 Mag 2008 | ore 14:17

ma di che nazionalità (o comunque ceppo linguistico) è marco? è una nuova forma di linguaggio? :-)

30 Mag 2008 | ore 15:03

chiedo scusa ho scritto tutto molto velocemenete
marco...mi perdonate?di solito non scrivo così f perdonami altrimenti non ci dormo

30 Mag 2008 | ore 15:09

io rimango un appassionato di questo mondo bello strano e incattivito... :-))

31 Mag 2008 | ore 15:18

ma va' la'...non e' vero.

31 Mag 2008 | ore 15:47

beato LEI che è un'ottimista...che visione ha del mondo? e che visione ha dell'uomo? intendo come dimensione ultima e totale dell'uomo sia soggettivamente come esperienza e forza e principi.

31 Mag 2008 | ore 18:26

si parte da un agriturismo e si finisce a Spinoza, Kant e Sartre, io ritorno al pollo ruspante se non vi dispiace :-)

31 Mag 2008 | ore 19:45

per non smentirti...L’uomo è ciò che mangia “der Mensch ist was er isst” Ludwig Feuerbach :-)

31 Mag 2008 | ore 19:59

gia e che mangia? se l'uomo è ciò che mangia...siamo messi male.
L'alimentazione ha sempre avuto una valenza culturale, etica, sociale, soggettiva altresì che psichica. Oggi questo patrimonio viene sempre più a mancare, il processo di globalizzazione cerca di convincerci della bontà dei cibi manipolati geneticamente adducendo essere anche, in termini sociali: l'unica soluzione al problema della fame nel mondo.

31 Mag 2008 | ore 21:03

vi sarete accorti che se si parla di trattorie sembra che uno detesti i ristoranti da corsa come se l'una cosa escluda l'altra. E invece come per i libri si possono amare i gialli i classici russi e alcuni di stile libero :-)

31 Mag 2008 | ore 23:26

marco anche se stavo giocando sul filo dell'affermazione di Stefano sul si parte dall'agriturismo e si arriva a Kant, quanto di vero c'è in quello che dici, non posso fare a meno ultimamente di ripensare a "mi fido di te" di Carlotto...

01 Giu 2008 | ore 00:25

Vero Bonilli, concordo con la tua disamina. Forse, qualcuno non realizza che, contesto a parte, il vero protagonista della tavola è sempre il cibo.
Riscoprirsi cacciatori del gusto diventa ancor più che stimolante così; altra cosa che sottolineo (e presto dedicherò un pezzo) è un pensiero a tutti coloro che CUCINANO per se stessi senza ottenere alcun premio o pagella!
ciao ciao

01 Giu 2008 | ore 09:46

Scrivo da Modena, tutti vanno al Pastore, per la qualità l'abbondanza e il prezzo. Qualcuno poi va anche anche dal mitico Bottura, incluso il sottoscritto...Cosa c'è di meglio che averli entrambi?

01 Giu 2008 | ore 18:54

Quelli del Pastore mi sono piaciuti perché modesti ma con un'idea e per nulla sprovveduti. I due figli hanno studiato e sono in gamba, la mamma è il solito perno di tutto ma in cucina ha già il giovane figlio che lavora con lei e il padre è quel tanto tosto, cocciuto, da risultare simpatico. E poi ho mangiato un pollo quasi commovente e io per i polli buoni, si sa, ho un debole :-))

01 Giu 2008 | ore 19:02

domanda d'esame
quale sono gli elementi che fanno il pollo buono?direttore ci sveli il dilemma

01 Giu 2008 | ore 19:54

un solo elemento: il mangime di qualità.
Come dice il filosofo " il pollo è ció che mangia"
:-))

02 Giu 2008 | ore 10:35

Mi sembra di sentire i gossip che giravano ieri a San Patrignano tra i blogger presenti: Papero Giallo ha strambato a 180° e si è portato dietro anche la flottiglia che corre sulla sua scia.

02 Giu 2008 | ore 17:51

direttore oltre al mangime credo che entri in gioco il rispetto delle regole naturali del suo vivere animale quindi ambiente luogo microclima ecc

02 Giu 2008 | ore 20:20

Papero Giallo è curioso e innovatore e la ricerca delle trattorie è uno dei tanti terreni sui quali si muove.
E' vero, il pollo è buono se vive nel suo habitat e infatti quello che ho gustato razzolava felice insieme con le faraone e doveva solo stare attento ai lupi e alle volpi che in zona si danno molto da fare.
Ne sanno qualcosa i sei pavoni che i tre lupi del territorio hanno sbranato in una notte.
Natura vera.

02 Giu 2008 | ore 23:05

Questa dimensione più "ruspante" mi piace molto di più

03 Giu 2008 | ore 08:41

comunque direttore tutto questo è bello e fa ambient...la campagna,il lupo ezechiele,le galline...e tutto è a misura d'uomo e da valutare ....ma quando si sconfina e si parla della massa di affamati che popolano il mondo o si parla delle mense o di grandi ristorazioni... il pricipio cambia e si torna alla batteria mangimi lampade alogene di riscaldamento gabbie...siamo tanti e non basterebbe la materia prima che razzola felice per il campo del contadino....e allora il compromesso come si trova? Quindi alle massaie come me come fare a riconoscere il buon pollo industriale (di batteria)??? il meglio ci sarà per questa diffusa categoria...

03 Giu 2008 | ore 13:17

Credo che questo tipo di ristorazione rappresenti una nuova tendenza, che si rappresenta scegliendo cibi rassicuranti che danno un senso di benessere, sicurezza e gratificazione, che affonda le sue radici nella memoria del gusto di ogni individuo. Dopo anni di cibo complicato, aggressivo, etnico, si sente un bisogno di ritorno alla semplicità, a un cibo che ricorda un po' l’infanzia, un alimentazione semplice ma che sapeva creare atmosfera e calore. Un alimentazione che fa bene alla mente e al corpo senza essere un prodotto salutistico, ma semplicemente un cino sano e gustoso. Un opportunità per ristorazione, si tratta di prodotti semplici, ma che richiedono una adeguata scelta e selezione degli acquisti e che permettono di potere controllare meglio i costi di gestione.

03 Giu 2008 | ore 13:32

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Pasta_sarde_1.jpg Pasta con le sarde

Eccola qui la pasta con le sarde, una di quelle ricette che tutti conoscono e nessuno...


ultimi commenti

ultimi post

29
Apr
Le formiche del Noma, i tortellini di Bottura, The50 Best e l'Italia che gufa - Renè RedzepiIn questo post si parlerà di...
28
Apr
Il gelato da F1 di Carapina è sbarcato a Roma - Carapina ha aperto la sua sede...
23
Apr
Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie - Con Gaetano Cappelli ci siamo visti...
14
Apr
Le vite degli altri, cioè di tutti noi, spiate anche al ristorante - Una scena tratta dal film "le vite...
12
Apr
Assunta Madre, un ristorante di pesce fresco e "cimici" - Assunta Madre, Il ristorante di attricette tv,...
09
Apr
Panino, dove hanno venduto una tonnellata di pane di Matera - Fatti 50 metri, forse meno, dall'ingresso...
02
Apr
Josean Alija, il Guggenheim di Bilbao, il ristorante Nerua e la sua storia - Se non siete mai stati da...
31
Mar
Bonci fa traffico... e anche pane e pizza - Gabriele Bonci è un bravo cuoco...
Pollo_arrosto_erbe.jpg Pollo arrosto alle erbe aromatiche

In momenti di crisi il pollo è un'ancora di salvezza perché anche i polli buoni esistono...


ultime letture

IMG_3446.jpg Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie

Con Gaetano Cappelli ci siamo visti da...


IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


Twitter
Friendfeed