25
Set 2008
ore 18:01

Il tonno e il cuoco dell'Armata Rossa

< >

tonno1.jpg

Musayev Namig oggi ci ha cucinato un tonno che è il più buono che io abbia mangiato. Lui è di Baku ma noi eravamo a Castellammare del Golfo nel Ristorante del Golfo. A Baku Musayev era un pilota di elicotteri dell'Armata Rossa, qui da noi è un ottimo cuoco.
Come inizio la storia non è per niente male perché in questo ristorante Giorlando Liborio, grande sub, incredibile conoscitore di pesce e da tre anni e mezzo ristoratore, ha pensato bene di aggiungerci una moglie francese di origini polacche.
Insomma, si potrebbe dire che Castellammare del Golfo è un po' un crocevia del mondo, sicuramente è un luogo dove si trova del pesce sbalorditivo per qualità e freschezza.
tonno2.jpg

Certo che quando arrivi in questa cittadina polverosa e devastata dalla speculazione edilizia, tutto pensi meno che di trovare un ottimo ristorante di pesce. Ti fermi lì davanti e un'occhiata attorno ti induce a pensare il peggio e invece, una volta entrati, si passa a un mondo parallelo, di buoni piatti, amore per la cucina, qualità in abbondanza.

tonno3.jpg
Musayev Namig, a sinistra, e Liborio Giorlando

Le alici in carpione sono state spazzolate via in un baleno. La lampuga gratinata al limone si è beccato un applauso. Le triglie con la cipollata idem e poi i busiati, maccheroni di pasta di semola fatti a mano, con uova di Sanpietro fresche che a noi hanno provocato una ola :-)
Si ritorna a San Vito Lo Capo per una serata di grande cous cous... dura è la vita.

Ristorante del Golfo
Castellammare del Golfo
Via Segesta 153
tel 092430257

FOTO SIGRID VERBERT

commenti 20

Che botta d'invidia!
Mangi anche per me, ho tanta nostalgia della mia cucina regionale, un po' meno dei miei conterranei, non di tutti tutti, di alcuni, che fanno tanto danno.

25 Set 2008 | ore 19:08

Cavolo !!!
Per un vecchio bolscevico come me sarà una meta irrinunciabile :-)
Dalla sua descrizione sembra proprio di essere arrivati in uno di quei posticini, irrinunciabili.
Bene, molto bene, me lo sono segnato...quando andare???
Spero presto, anzi prestissimo.

Ciao

25 Set 2008 | ore 19:11

Effettivamente visto da fuori, da tutto, tranne l'impressione di un buon ristorante.., diciamo che l'esterno non rende giustizia alla cucina a quanto pare...., molte volte però, specialmente nella ristorazione, l'abito non fà il monaco, anzi, quando c'è tanto abito molte volte c'è poco monaco...

25 Set 2008 | ore 20:13

Come vorrei tanto essere lì con voi... buona continuazione e teneteci aggiornati... a proposito, piove ancora???

25 Set 2008 | ore 20:57

... governo...

25 Set 2008 | ore 21:33

....ladro !!!


Ciao

25 Set 2008 | ore 21:59

Farei anche un salto alla "Gastronomia" (trattoria?) "Lo Stagnone" a San Vito lo Capo: veramente interessante il concetto della proposta, dal bancone direttamente al tavolo, con piatti della tradizione siciliana ben preparati. Altro esempio di ristorazione sostenibile. :)

26 Set 2008 | ore 09:49

Questi sono i posti che stupiscono e che mi attraggono...soprattutto ora che sono al lavoro a divertirmi con le statistiche sanitarie. Perchè si sceglie un lavoro serio e dopo tanto studio esplode la passione per la cucina, forse a seguito di un po' di disillusione sulla serietà dei "seri" ?

26 Set 2008 | ore 10:28

...ammazza che invidia! Beati!

26 Set 2008 | ore 15:05

Tra l'altro mi sembra di vedere posate belle e lucenti, piatti rettangolari (forse anche neri?)che lasciano intuire anche una certa cura del dettaglio, insospettabile dall'esterno.
E' sempre misteriosa e curiosa la strada per la quale un ristorante riesce ad emergere, a farsi un nome: perchè in quel locale in pochi, senza sapere, senza un aggancio, si entrerebbe. Ma questo è un limite snobistico o i parametri cambiano nelle diverse regioni italiane? Da oggi, forse, per i due simpatici amici, comincia il bello.

26 Set 2008 | ore 16:17

Ok, ma how much?:-)

26 Set 2008 | ore 16:23

stanno facendo una strage co sti tonni ;)) comunque è un due tre anni che vanno tanto alla moda cucinato in tremila modi...la taratara poi!!! te la schiaffono ovunque...direttore ogni tanto la vengo a trovare spero che la lusinga... in bocca al tonno Lei rimane un mito...forse ho esagerato un po mito

26 Set 2008 | ore 16:49

domanda morbosamente interessata.. come era cucinato? con l'abusato sesamo non sembra... ciao

26 Set 2008 | ore 18:48

eh sì me lo ricordo pari pari alla sua descrizione: perplessita fuori e stupore a tavola. quanto mi sono divertita a quel pranzo!

27 Set 2008 | ore 12:25

direttore nell'ultimo numero del gambero rosso non c'è il suo articolo ma è rimasto come direttore nel colophon...è dura per loro dimenticarla ;))
hasta

27 Set 2008 | ore 17:40

mi fa piacere vedere un post intero dedicato in esclusiva a uno dei ristoranti che avevo segnalato nel post guida 2.0 sul suo blog e prima ancora nel forum gr... Liborio Giorlando è il suo ristorante sono fanatastici, ma non li ha mangiati i suoi gamberi rossi crudi (per non parlare del prezzo a cui li "vende", mi sembra una decina di gamberi a 6 euro:-D)? Già che è in zona si faccia un giro alla Cantina siciliana a Trapani a provare la zuppa di gamberi rossi (o aragosta) con pasta spezzata... buon divertimento

28 Set 2008 | ore 17:57

buonissimo il tonno da liborio. comunque in zona il tonno buono si trova anche al ristorante il bavaglino di terrasini ciao e buon appetito

03 Ott 2008 | ore 22:47

Ho mangiato in questo posto a Castellamare incuriosito dal post, ma ne sono rimasto totalmente deluso. Il tonno era buonissimo, ma mortificato su un letto "scomposto" di radicchio scondito:perchè? anche l'occhio vuole la sua parte, ancora di più in questo ristorante che abilmente si è rifatto il look ed è pure convincente. Gli antipasti erano buoni ma non esaltanti, i busiati eccessivamente sapidi, il parfait di mandorle (mio dessert preferito in Sicilia), alla fine, stantio e con "aura" di stazionamento prolungato in freezer.
Perchè allora tanto clamore? In Sicilia si mangia molto bene un pò dappertutto, in alcuni posti (pochi) eccezionalmente: il pesce e la maniera di cucinarlo lo si trova quindi anche altrove convincente come e più che da Liborio (per altro gentilissimo e accomodante padrone di casa).

12 Ago 2009 | ore 17:15

Direttore,
Mi giunge notizia che la crisi ha fatto chiudere anche questo posto fantastico, che avevo conosciuto proprio grazie al suo Blog.

Un vero peccato, speriamo che Liborio trovi presto un altro luogo dove deliziarci..

Un saluto da un suo lettore affezionato.

07 Giu 2012 | ore 15:09

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Risotto_barbera.jpg Risotto alla barbera

Il cielo è più grigio e la temperatura è calata, è tempo di piatti caldi e...


ultimi commenti

  • Alessandro - Lo stato italiano dovrebbe finanziare le banche ancor piu'...
  • piermiga - Quando Antonella entrò nel camerino lui era seduto e...
  • Raffaele - Mi tocca essere d'accordo con Gumbo Chicken!!!...
  • Roberto Bentivegna - :( Non più tardi di qualche mese fa ti...
  • gumbo chicken - Vista l'insensibilità del commento di Tristano - che condanna...
  • Tristano - Che strana gente è quella che si occupa di...

ultimi post

20
Gen
Una rosa bianca per il Maestro Abbado - Foto ANSAE' morto alle 8,30 del...
18
Gen
Prendere esempio da Ducasse? No, l'esempio sono i fratelli Roca - Avevano già le tre stelle Michelin...
16
Gen
Fool racconta l'Italia del cibo. Un po' come te l'aspetti, ma anche no - E' uscito Fool n. 4 dedicato...
14
Gen
La grande bellezza di Roma che piace agli stranieri e non agli italiani - La grande bellezza è un bel...
09
Gen
Aprire è un po' morire - Lo sai che Piripicchio ha aperto...
07
Gen
Spaghetti alla bolognese made in New Zealand - Venti giorni senza cucina italiana a...
04
Gen
15 giorni da Valerio M. Visintin senza passamontagna, occhiali e guanti neri - Lo sognavo da tempo ma in Italia...
04
Gen
Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina - Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli...
Pici_1.jpg Pici con le briciole

Dopo tanto sud torniamo nell'Italia Centrale, in Toscana, per raccontare una bella ricetta semplice e popolare,...


ultime letture

IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


IMG_0522.jpg Gianni Brera, il grande padano

Ho ripreso in mano La pacciada, il...


Twitter
Friendfeed