24
Ott 2008
ore 00:10

Curiosando al Salone del gusto 2

< >

Serata Lavazza a Eataly, cioè dall'altra parte della strada rispetto al Salone.
Ci sono tutti ma interessante è passare la serata con Adrià a chiacchierare un po' di tutto, sempre all'insegna dell'intelligenza distillata in modo cristallino.
Lui arrivava dall'Australia, ultima tappa del tour per presentare il nuovo libro di Phaidon "Un giorno al Bulli".
Prima Londra, poi New York, Ottawa, Los Angeles e sempre sale piene e successo da star per questo cuoco che continua a pensare e pensare anche la crisi e come tutto cambierà nei prossimi anni.
I cuochi presenti si salutano, si raccontano come va, quali difficoltà ci sono, si danno appuntamento alla prossima presentazione.
Ormai la compagnia di giro è sempre in movimento.
Adesso vediamo cosa succede dentro il Salone.

commenti 5

> Ormai la compagnia di giro è sempre in movimento.

Per dirla col Premier, ma quand'è che lavorano!?

PG

24 Ott 2008 | ore 14:41

Ma siete tutti al salone??

24 Ott 2008 | ore 16:01

E allora? Curiosando, ma niente raccontando!?

24 Ott 2008 | ore 22:10


Complimenti a Scabin, uno dei pochi in crescita in tutte le guide...lo vorrei provare presto...un saluto...

26 Ott 2008 | ore 17:19

A SUA ALTEZZA REALE, IL PRINCIPE CARLO D'INGHILTERRA--- Altezza reale, nel Suo autorevole messaggio a Terra Madre, registrato a Palazzo St James, Londra, il 9 settembre 2008, ha espresso il Suo compiacimento per i contadini che stanno “facendo così tanto per sfidare le imponenti forze dell’agricoltura industrializzata e dell’omogeneizzazione del cibo”. Sono un produttore piemontese di mais che usa macchine innovative per arare, seminare e raccogliere: faccio parte delle "imponenti forze dell’ agricoltura industrializzata" oppure no? I miei amici allevatori che producono latte e carne in stalle modernamente attrezzate possono continuare a far parte della comunità degli agricoltori "buoni" oppure sono dei reprobi da cacciare? Attendo da Sua Altezza Reale una definizione più precisa su che cosa si debba intendere per agricoltura industrializzata. La Sua illuminata opinione potrebbe chiarirmi le idee.

Nell'attesa mi permetto di farLe rispettosamente notare che le differenze tra le varie forme di agricoltura sono meno grandi di quanto Sua Altezza possa pensare. Negli ultimi anni si è assistito a un grande cambiamento, ad una presa di coscienza che orienta sempre più tutti gli agricoltori verso forme di coltivazione e di allevamento ecocompatibili.

E’ giusto difendere le tipologie locali di fronte alla crescente omogeneizzazione delle moderne filiere di produzione, distribuzione e di economia di scala in campo alimentare. E’ importante sostenere i piccoli produttori, per dare voce e visibilità ai contadini, ai pescatori e agli allevatori del mondo, che sono la cassaforte di conoscenze, sensibilità, tradizioni di cui non si potrà fare a meno in un pianeta sostenibile e capace di futuro. Non sono solo folklore o fonte di curiosità, ma un patrimonio importante ed irrinunciabile (anche se poi, chiedendo ai consumatori di non comprare prodotti dall'estero, si danneggiano le economie dei paesi in via di sviluppo).

Ma è altrettanto importante sapere che l'abbandono di tante varietà e la selezione di poche, altamente produttive, è stata la condizione per fornire una maggiore quantità di cibo a una popolazione crescente: un sacrificio della qualità a favore della quantità, come è avvenuto ad esempio con l'abbandono del mais "ottofile" per i più produttivi ibridi americani. Senza alcune scelte varietali ora non ci sarebbe cibo per tutti, neppure nella ricca Europa. Di fronte ad uno scenario globale che stima la presenza sul pianeta di 9,1 miliardi di persone nel 2050, il dovere dell'agricoltura è anche quello di produrre di più. Oltre tutto, l'efficienza tecnica e la produttività sono necessarie alle aziende agricole per realizzare reddito e restare sul mercato. Diversamente scomparirebbero.

Contestare l'agricoltura più produttiva chiamandola industriale ed accusarla di essere solamente distruttrice della realtà vivente è un errore. Tutte le forme di agricoltura hanno una funzione importante e tutte, in questi anni, sono impegnate a cambiare, a fornire prodotti di qualità, sani e sicuri, rispettando l’ambiente.

Ogni azienda ha poi una vocazione specifica e produce per la fetta di mercato che le interessa di più. C’è chi produce per la vendita diretta, chi per la grande distribuzione, chi per il mercato nazionale e chi per l’esportazione, chi per una clientela scelta e danarosa, chi per il “popolo lavoratore”, ma tutte le forme di agricoltura sono necessarie ed insieme fanno sistema. Non si può rinunciare a nessuna di esse. Prodotti di nicchia e commodities non sono alternativi, ma complementari. Ogni agricoltore, ogni territorio fa poi le sue scelte e decide quale agricoltura praticare, sulla base della propria storia, delle proprie competenze e delle proprie convenienze.

L’agricoltura piemontese ad esempio è caratterizzata da produzioni di qualità derivate da antiche tradizioni locali di scelta varietale, di trasformazione dei prodotti, di utilizzo enogastronomico, ma anche da rilevanti investimenti per le grandi produzioni vegetali e zootecniche. Apparentemente antitetici, questi due aspetti si integrano e si affiancano nella volontà di tutela e valorizzazione del territorio.

Insistere, come Sua Altezza sta facendo, sulla divisione tra agricoltori buoni e cattivi serve solo ad indebolire il fronte degli agricoltori che in questo momento deve fare i conti con i costi di produzione in aumento, con i prezzi dei prodotti agricoli in picchiata, con i redditi in calo e con la crisi che produce una forte contrazione della domanda. La soluzione della crisi non è l’impossibile ritorno ad un’economia di sussistenza, ma una rinnovata politica agraria a livello europeo e, per quel che ci riguarda, a livello nazionale.

Suo Devotissimo

LODOVICO ACTIS PERINETTO, vice presidente regionale Cia

01 Nov 2008 | ore 19:12

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Pasta_sarde_1.jpg Pasta con le sarde

Eccola qui la pasta con le sarde, una di quelle ricette che tutti conoscono e nessuno...


ultimi commenti

ultimi post

29
Apr
Le formiche del Noma, i tortellini di Bottura, The50 Best e l'Italia che gufa - Renè RedzepiIn questo post si parlerà di...
28
Apr
Il gelato da F1 di Carapina è sbarcato a Roma - Carapina ha aperto la sua sede...
23
Apr
Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie - Con Gaetano Cappelli ci siamo visti...
14
Apr
Le vite degli altri, cioè di tutti noi, spiate anche al ristorante - Una scena tratta dal film "le vite...
12
Apr
Assunta Madre, un ristorante di pesce fresco e "cimici" - Assunta Madre, Il ristorante di attricette tv,...
09
Apr
Panino, dove hanno venduto una tonnellata di pane di Matera - Fatti 50 metri, forse meno, dall'ingresso...
02
Apr
Josean Alija, il Guggenheim di Bilbao, il ristorante Nerua e la sua storia - Se non siete mai stati da...
31
Mar
Bonci fa traffico... e anche pane e pizza - Gabriele Bonci è un bravo cuoco...
Pollo_arrosto_erbe.jpg Pollo arrosto alle erbe aromatiche

In momenti di crisi il pollo è un'ancora di salvezza perché anche i polli buoni esistono...


ultime letture

IMG_3446.jpg Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie

Con Gaetano Cappelli ci siamo visti da...


IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


Twitter
Friendfeed