15
Feb 2009
ore 16:31

Massimo Zivieri, 38 anni

< >

Massimo_Zivieri.jpg

Mi telefona Pietro Pompili: "E' morto Massimo Zivieri, aveva 38 anni..."
Sono quelle cose per le quali non c'è commento e ci sono poche parole da spendere.
Era un fantastico artigiano, di quelli che hanno innovato la professione del macellaio.
La macelleria di famiglia era a Monzuno e Massimo è stato uno dei primi a puntare sulla grande qualità e a stringere rapporti con il Consorzio La Granda e poi a allevare in prima persona i suini, sempre per la ricerca della grande qualità.
Un bel racconto su Zivieri lo aveva fatto proprio Pompili nel suo blog, quello di muccapazza, ormai fermo, Il gastronomo riluttante.

commenti 60

Sarà perchè è domenica e quindi la partecipazione ai blog è comprensibilmente bassa però provo un senso di rifiuto nel continuare a postare su qulsiasi altro argomento di fronte ad una morte di un uomo di 38 anni. Dietro le stelle, forchette e cappelli c'è proprio il lavoro e la passione di questi splendidi personaggi. Scusi Bonilli se ho preso io la parola senza averne titolo ma quei commenti O mi faceva un pò brutto. Tante condoglianze alla famiglia. Io per oggi mi fermo qui.

15 Feb 2009 | ore 20:08

Conosco Massimo da settembre scorso, un professionista appassionato, un artigiano della carne, una persona buona e seria. Mi rattrista pensare che la vita possa finire a 38 anni così.Mi ha trasmesso la passione per il suo lavoro e per la qualità. Abbiamo perso un grande macellaio, un grande amico.

15 Feb 2009 | ore 21:36

finisce una giornata di fiera e sono stanchissimo. Si torna alla Tamerice soddisfatti. Penso al derby, e arriva una telefonata. Non solo mi mancherà un vero amico, ma avrò anche una freccia in meno a disposizione del mio arco. Il cuoco è grande in funzione della materia prima che ha. Massimo Zivieri è quella freccia che non c’è più.

15 Feb 2009 | ore 22:08

sono profondamente colpita e non dimenticherò mai la professionalità,la simpatia,la disponibilità di Massimo.

15 Feb 2009 | ore 22:45

Caro Massimo,
sabato sera Arnaldo aveva indosso il grembiule con su scritto: "Macelleria Zivieri" e quando se l'è tolto, essendo in tessuto sintetico ha preso e si è sentita una scarica elettrica che sia io che Arnaldo ci siam messi a ridere ironizzando su di te e sulla qualità del tessuto che avevi scelto.
Invece mi rendo solo adesso conto che quello non è stato altro che il tuo modo per salutarci.
Ci mancherai.
Pietro e Arnaldo.

15 Feb 2009 | ore 23:03

abbiamo finito adesso il servizio, un gran servizio, e questa notizia proprio non ci voleva, non me la sarei mai aspettata, non ci credo. Non c'è giustizia.
E' stato un piacere conoscere lui e la sua passione
Samuele

15 Feb 2009 | ore 23:55

Un grande professionista, innamorato del proprio mestiere. Conosciuto all'ultimo Salone del Gusto, ci eravamo lasciati con una promessa: presto verrò a intervistarti, su a Monzuno. Che ingiustizia, povero Massimo.

Un abbraccio alla famiglia e a chi gli ha voluto bene.

16 Feb 2009 | ore 00:56

Queste sono cose che fanno davvero male. Professionisti appassionati come lui non è facile formarli, non nascono dall'oggi al domani

16 Feb 2009 | ore 10:38

Senza parole.
Lo avevo conosciuto (virtualmente) grazie a muccapazza e nella testa da tanto tempo andavo progettando uno dei miei soliti tour, tra ristoranti e artigiani, per conoscere finalmente il povero Massimo.
Se, come spero, la macelleria continuerà ad esistere, credo che il miglior modo per ricordarlo sia di continuare a frequentarla.

Che la terra ti sia lieve, Massimo.

16 Feb 2009 | ore 10:51

Che storia lunga, lunghissima quella che per certi versi mi legava a Massimo Zivieri. Mio Zio aveva lavorato con la sua famiglia, nella loro macelleria quando ancora erano lì a calderara di reno (ragazzi, é storia!!) E lui quando quasi non ci conoscevamo era venuto al mio evento DEGUSTA 2005 a darmi supporto e aiuto e a dirmi" continua così". Era un ragazzo buono come il pane, educato, bravo e proprio in questi giorni ci siamo sentiti al telefono più volte perché lo avevamo intervistato. Si stavano molto intensificando i rapporti lavorativi fra di noi, abbiamo quasi la stessa età, ci impegnamo praticamente per gli stessi obiettivi, Massimo mi stimava, io lo stimavo. Adesso c'è un grande, grandissimo vuoto, chi lo conosceva non può che essere d'accordo, abbiamo perso un grande personaggio. Massimo, ti lascio il mio abbraccio nel web, forse ti arriverà...

16 Feb 2009 | ore 11:06

massimo, ieri come tante mille volte ho dato le brochure del tuo negozio a due ospiti, ti ho descritto per la bellezza del tuo animo e la tua grande passione. Erano felici e non vedevano l'ora di organizzarsi per fare un viaggio e conoscerti. due persone in meno che soffriranno davvero per la tua mancanza.
ti voglio bene, fatti sentire..

16 Feb 2009 | ore 12:51

Mi incuriosiva da anni, mi dicevo sempre "Quando avrò tempo, riuscirò a fare una scappata a Monzuno". Non sono mai riuscito a fare quella scappata a Monzuno. Mi dispiace molto, ma molto molto.

16 Feb 2009 | ore 14:44

Leggo solo adesso.
Sono stati contatti veloci, a S.Patrignano.
Ma la gentilezza e l'amore per il proprio lavoro erano evidenti.
Un saluto.

16 Feb 2009 | ore 15:37

Non era soltanto il nostro macellaio, di cui avevamo una stima profonda, era un'amico e ci mancherà tantissimo.

16 Feb 2009 | ore 16:13

...siamo rimasti orfani , di un grande ambasciatore del mondo della carne...perdere un collega-amico , è un pò come perdere una parte della propria storia e delle proprie radici...perchè la grande famiglia dei "macellai" è legata da tante singole storie e da tanti singoli convincimenti..sono sinceramente dispiaciuto e rattristito ...

16 Feb 2009 | ore 17:04

I miei sono di Monzuno e ogni estate vado su nei fine settimana e con le miei figlie siamo sempre felici di passare da Massimo per farci consigliare "che cosa mangiare oggi" ..
Un piacere vederlo ed ascoltarlo parlare in modo esperto di carni e ricette, sorridendo anche con gli occhi, con due bambine che lo guardano in adorazione.
Un persona incantevole, che le mie piccole hanno apprezzato da subito e che non posso credere sia morto a soli 38 anni!
Non so cosa dire, l'ho appena saputo e sono rimasta senza parole e piena di emozione.
Come mi dispiace!!!!
Un saluto a te Massimo...

16 Feb 2009 | ore 18:42

Mi associo al cordoglio. Grande rispetto a quello che senz'altro è stato un grande ricercatore (direi cultore) della massima qualità delle carni. L'auspicio è che il suo lavoro possa continuare e che qualcuno raccolga la sua eredità.

16 Feb 2009 | ore 19:48


dispiace tantissimo a me e tutta la mia famiglia . Per quel pò che parlammo a casa di sergio capimmo subito che era una persona eccezzionale ed un gran lavoratore con una elevata professionalità ciao di cuore a te MASSIMO.

16 Feb 2009 | ore 20:55

Ciao Massimo,
ho la mente affollata di bei momenti trascorsi in quel di Bologna. Affiancavamo al duro lavoro di progettazzione squisiti piaceri culinari. Sono contenta di aver avuto l'occasione di pranzare con te e di riabbracciarti per l'ultima volta martedì. Da lassù dacci una mano a portare avanti il "progetto Granda". Grazie della tua umiltà e trasparenza.
Arrivederci caro Massimo.

16 Feb 2009 | ore 21:12

Io timida,lui forse ancora più di me,non siamo mai andati come dialogo oltre al necessario,però la sua carne parlava per lui.
Mancherà davvero.

16 Feb 2009 | ore 22:57

Mi ricordo e sento come se fosse ieri quando ti ho visto a lavorare. Ero alla fermata di autobus,ti osservavo un po.
Perche` e` stata un'immagine molto bella.
E' stata una figura vera di artigiano.

La tua figura a lavorare in silenzio della mattina di nebbia densa, commuoveva il mio animo.

Massimo, ti conosco poco pero so che sei l'artigiano per sempre.

Le mie piu' sincere condoglianze alla famiglia e ai tutti che gli vogliono bene.
Ako

17 Feb 2009 | ore 05:29

Persona seria, appassionata, discreta. Grande persona, grande artigiano.
Condoglianze alla famiglia.

17 Feb 2009 | ore 10:01

Grazie Massimo,
non abbiamo più parole...vogliamo ringraziarti di tutto cuore per tutto quello che hai fatto e dato,
sei sempre stato in prima linea a fianco di noi allevatori, hai fatto della serietà e della disponibilità il tuo cavallo di battaglia. Avevamo un sacco di progetti con te...e tu ci hai fatto un bruttissimo scherzo..oltre che a un grande artigiano hai dimostrato di essere un grande uomo...Ci mancherai a noi della GRANDA!!
Grazie ancora di tutto e stai sicuro che ti ricorderemo per sempre.

17 Feb 2009 | ore 12:23

Ho avuto la fortuna di conoscere Massimo in quel luogo magico che è il salottino del Gambero Rosso ... una persona timida ma sicura di sé, modesta e allo stesso tempo curiosa e gentile.
Questa notizia mi lascia una profonda tristezza nel cuore ...

17 Feb 2009 | ore 17:19

carissimo amico e collega, noi tutti abbiamo collaborato e imparato molte cose da te, ci mancherai tantissimo, con affetto stima e ammirazione sarai sempre nei nostri cuori.
Macelleria Savigni

17 Feb 2009 | ore 17:22

ciao a tutti, sono Elena la sorella di Massimo.volevo ringraziare tutte le persone che in questo momento ci stanno comunicando la grande umanità che Massimo aveva anche al di fuori della nostra meravigliosa famiglia. ricordiamocelo con il suo sorriso e la sua grande voglia di vivere. riusciva a trascinare tutti nella sua grande passione per il lavoro, trasformandolo in una filosofia di vita che era interminabile ricerca del 'meglio' in fatto di sapore, incontri, estetica, condivisione......per tutta la giornata di ogni giornata della sua vita.
permettetemi di ringraziare i miei genitori di avermelo dato come fratello. Fabrizio Aldo Stefano ed io Elena rimaniamo per loro e per noi 'i cinque fratelli'. un grande e speciale GRAZIE a Federica per avercelo amato, supportato, curato nel suo ruolo di 'uomo'. infine ringrazio i familiari e gli amici che nel quotidiano sono con noi: Elisa, Gianfranco, Clelia, Enrico, Francesco, Luca, Elisa, Federico, Stefano, Bengj.....
grazie elena

18 Feb 2009 | ore 11:26

Siamo i genitori di Elisa, moglie di Aldo, uno dei "5 fratelli" come li identifica Elena.
Abbiamo conosciuto Massimo in poche occasioni, ma tutte di grande importanza per apprezzare il professionista che era in lui, stemperato in un carattere schivo, cordiale ed educato.
Speriamo che la sua opera possa continuare nel tempo, a memoria concreta della sua passione e dedizione.
Non ci mancherai, xche' sarai sempre vivo nei nostri cuori. Rosy & Giancarlo

18 Feb 2009 | ore 12:50

La famiglia di Massimo in questi giorni è colpita da un dolore grande, ancora di più perché vedere morire a 38 anni una persona che ami è tremendo per chi resta.
Sono contento che anche attraverso questo blog sia arrivato ai familiari di Massimo tutto il nostro affetto e la nostra vicinanza.

18 Feb 2009 | ore 12:58

Caro Massimo,
Sei stato un vero fratello e un grande amico per nostro figlio Stefano. L'hai lasciato affranto di dolore perchè fisicamente non ci sei più qui. Non ti troveremo più durante le grigliate in giardino da noi. Ti abbiamo voluto bene. Un forte abbraccio di addio con la speranza che nell'altra vita tu possa essere felice.

18 Feb 2009 | ore 14:58

Caro Massimo, ci siamo visti pochi giorni alla riunione a Vado, a parlare delle "solite cose" che in qualche modo ci accomunavano: di Monzuno, delle prospettive economiche, della crisi economica, delle opportunità.. e tu come solito hai trasmesso a tutti la passione per la tua attività che hai saputo rendere speciale. Mai avrei pensato che sarebbe stata l'ultima volta che ti avrei visto. Hai dimostrato a tutti che anche a Monzuno le cose si possono fare e fare bene. Lasci un grande vuoto, oltre che alle tue persone care anche a tutta la comunità che silenziosamente era orgogliosa di avere a Monzuno come concittadino IL MIGLIOR MACELLAIO D'ITALIA .. un esempio e un vanto per tutti. Mi mancheranno i tuoi commenti e i tuoi consigli dati con voce bassa ed educata quando ci incontravamo per strada. Sono sicuro che il Signore ti accoglierà come meriti. Un abbraccio a Te a ai tuoi famigliari. Marco Mastacchi

18 Feb 2009 | ore 15:52

E' da ieri mattina che mi manca il tuo sorriso verso le 06.20 quando ci incontravamo per le scale per andare a lavoro
vedere la tua macchina quì fuori mi fa tanto male
ciao Massimo, so che lassù c'è una stella che brilla più di tutte, e quella sei tu!

18 Feb 2009 | ore 19:27

Ciao Massimo,
sono passati ormai 15anni dalla prima volta che ti ho visto davanti alla macelleria insieme a tuo fratello Fabrizio.Grandi cose hai fatto e sopratutto grandi cose ci hai insegnato.
Ti porteremo sempre nel cuore.
Ci mancherai tantissimo, un abbraccio a te grande Massimo

18 Feb 2009 | ore 22:16

"sto bussando alla porta della morte
dove troverò riposo tra i benedetti
madre mi stai aspettando
padre stai camminando avanti e indietro
sto tornando a casa

sto bussando alla porta della morte
dove troverò riposo nella mia domenica migliore
madre stai pregando
padre ti sto dicendo:
sto tornando a casa"
..................
m. gore/DM

buon viaggio massimo, uomo gentile.

19 Feb 2009 | ore 09:24

Ciao Massimo,
fra due giorni sara' sabato, giorno di grigliate, ma tu non ci sei piu, non potro' venire piu nel tuo negozio tenendo Sara per mano a scegliere la carne da cuocere alla sera.
Scherzavi sempre nel farmi notare che nonostante la neve di questo lungo inverno la mia griglia era sempre accesa per cuocere la tua carne...
mi mancherai tanto e il mio sabato non sara' piu' speciale come prima.
Un abbraccio anche dalla piccola Sara che diceva che la tua ciccia era proprio buona.

19 Feb 2009 | ore 10:08

otto anni fa sono entrata a far parte del "clan" zivieri fidanzandomi e poi sposandomi con uno dei "cinque fratelli" il mio adorato felipe/aldo e così sono entrata a far parte di questa meravigliosa famiglia unita e davvero speciale.ognuno ha una sua peculiarità le donne zivieri sono forti come roccie e pacate e gentili nei modi e tra queste spicca Federica, la mia "pazzoide", che ha dimostrato una prontezza e un coraggio incommensurabili, la pazienza di stare vicino a un compagno molto impegnato ma che stava costruendo qualcosa di importante e tu hai saputo capirlo e sostenerlo nei migliori dei modi. gli uomini sono dei lavoratori indefessi degli apparenti "duri" dal cuore però immensamente GRANDE e tenero. Massimo era proprio così un ragazzone instancabile, un vulcano sempre attivo con un sorriso meraviglioso, la battuta pronta che lo accompagnavano sempre qualasiasi cosa facesse. è così che me lo voglio ricordare con il suo grembuilone bianco sorridente e felice dietro al bancone. ciao massimo ti voglio bene.

19 Feb 2009 | ore 12:31

VORREI SPENDERE SOLO DUE PAROLE VERSO L'UOMO E LA FAMIGLIA IN UN MOMENTO DI GRANDE SOFFERENZA.VI RINGRAZIO DI AVERVI CONOSCIUTO E DI AVERMI DATO LA POSSIBILITA' DI LAVORARE CON VOI,VI STIMO MOLTO E VI SONO VICINO IN QUESTO MOMENTO CON TUTTO IL MIO CUORE.CON AFFETTO STEFANO

19 Feb 2009 | ore 12:42

Eccoci qui, dopo questi giorni di incredulità, a ricordare quale splendito uomo eri.
Sì, perchè oltre al grande professionista, tu eri prima di tutto un grande uomo.
Sempre allegro, disponibile e con una parola buona verso tutti.
Sperando che questo messaggio di affetto arrivi in primo luoo a Federica, così come a tutta la tua famiglia, ti abbracciamo forte.
Ciao Massi.
Laura e Nico

19 Feb 2009 | ore 15:00

Amica mia, ti abbraccio forte!
Non ho mai avuto l'onore e il piacere di incontrare personalmente Massimo ma attraverso il filtro affettuoso dei tuoi racconti di sorella sull'evoluzione ed il trionfo di una immensa passione era quasi come se lo conoscessi.
E la storia di questa passione mi accompagnerà sempre come un faro nella notte.

19 Feb 2009 | ore 20:59

Massimo: un giorno sarai Sindaco. Sindaco di Bologna. Quante volte te l'ho detto e l'ho detto in giro, sicuro di quello che dicevo. Anche quella sera meravigliosa di due settimane fa, o poco piu' quando ci siamo ritrovati tutti quanti insieme a cena a Modena. I due rami della famiglia. E come al solito, con umilta', pazienza, serenita' ma con la determinazione di una goccia d'acqua che scava la roccia mi hai parlato dei tuoi programmi futuri..delle cento nuove idee che ormai mi ero abituato a vedere trasformarsi in fatti al mio prossimo rientro in Italia. E sono ripartito per l'America gia' pensando di rivederti la prossima estate calato nel tuo prossimo, grande progetto.
E non mi sbagliavo: leggendo queste righe bellissime delle tante persone che ti hanno conosciuto e quindi apprezzato, stimato e amato ti posso solo abbracciare da lontano dicendoti: "Ciao Sindaco di tutti".

20 Feb 2009 | ore 02:23

Grazie a tutti di cuore.
Vi riporto le parole di Andrea, 8 anni, figlio della mia migliore amica e naturalmente grande fan di Massimo, che domenica ha seguitato tutto il giorno così:
Andrea:"Mamma, ma la Federica come sta?"
Chiara:"....."
Andrea: "Mamma, ma Massimo dov'è?"
Chiara:"E' in cielo, insieme agli angeli!"
Andrea:"Ma DOV'E'?"
Chiara:"E' in cielo!"
Andrea: "Mamma, andiamo fuori, andiamo a vedere il cielo!"

Dopo un giro in giardino:
Andrea: "Mamma! ma allora non c'è problema! IL CIELO E'DAPPERTUTTO!!!!!"

Ricordiamoci sempre dei bambini, straodinarie creature da amare e rispettare, che saranno i Massimo di domani!
Massimo, il mio angelo!
Federica

20 Feb 2009 | ore 09:26

Ciao Federica,
ti scrivo due righe, perchè in precedenza l' ho fatto per Massimo, lui lo conoscevo, a te invece ho pensato molto.
Ho pensato a come sara' ora, a tutte le volte che ti svegli e lui non cè, a quello che avete costruito e che ora rimane in sospeso.
Ti auguro di avere la forza di guardare in alto nel cielo tutti i giorni e trovare la felicità in tutto quello che di bello tu e lui avete costruito insieme. Sarai forte e orgogliosa di essere stata la sua metà e io ti auguro tutta la serenità di questo mondo.

20 Feb 2009 | ore 09:45

La Piazza di Monzuno è buia...e non solo di notte, ma anche e soprattutto di giorno...
E’ improvvisamente mancata la luce che la illuminava...
Quella luce eri Tu Massimo...
Ora invece sono i cieli che brillano ancora di più...
E sai perché???...Perchè lassù sei arrivato Tu...
Ciao Massimo,

Emanuela e Rosanna

20 Feb 2009 | ore 13:30

Ci siamo conosciuti 15 anni fa e siamo subito diventati amici.
Con te ho passato tanti momenti felici e ho fatto le più belle vacanze della mia vita.
Ti ho sempre stimato moltissimo, sia come uomo che come professionista.
Eri una bella persona e ho sempre vissuto la tua amicizia come un grande privilegio.
Grazie a te ho conosciuto anche tutte le persone che ti stavano intorno e che, come me, ti volevano bene. Persone spledide, alle quali sono vicino in questi giorni così tristi.
Mi mancherai tantissimo.
Ciao e grazie di tutto.
Andrea

20 Feb 2009 | ore 17:25

E' davvero commovente leggere i pensieri che sono stati lasciati qui sopra per Massimo. Io non l'ho conosciuto se non attraverso le parole di Pietro Pompili nella mia unica visita al suo ristorante. Già in quella sua presentazione avevo capito che persona era e quanta passione e amore metteva nel suo lavoro. Mi associo al dolore dei familiari e degli amici di Massimo.
Alessandro Meo, Roma

20 Feb 2009 | ore 17:33

ciao massimo,
ti ho visto sabato sera, mi hai fatto gli auguri per il mio compleanno quando sei entrato nel mio negozio di fianco al tuo... il regalo è stato condividere con te tanti anni di lavoro, e anche tante cose banali ma utili tipo cartare e verniciare le panchine pubbliche davanti ai nostri negozi perchè ci pareva brutto che nella piazza non fosse tutto in ordine..
a tutti coloro che leggono dico che ci si incontrava tutte le mattine alle 6.30 già al lavoro entrambi, io decisamente meno sorridente di lui.
ciao Massimo, è strano non incontrarti più, ed è triste sapere che "il mio collega intraprendente" ha deciso di aprire la sua nuova macelleria sulla via lattea.
un abbraccio a federica
claudia

20 Feb 2009 | ore 19:40

Che incredibile post è questo.
Via via gli amici vicini e lontani passano per lasciare un messaggio a Massimo.
Che bello, semplice e spontaneo è tutto questo.
Che grande affetto e senso della comunità si sente e si vive.

20 Feb 2009 | ore 22:09

Non conoscevo Massimo se non attraverso la carissima amica Ivanna.
Ho appena perso la mamma e questo nuovo lutto così inaspettato e per una persona, che si capisce dai commenti di chi lo conosceva, così cara a tutti mi colpisce profondamente. Desidero trasmttere ai suoi cari le mie più sentite condoglianze. Giuliana

21 Feb 2009 | ore 13:13

e' incredibile ma fa davvero più rumore la mancanza di qualcuno che nella piazza di Monzuno ci è sempre stato in punta di piedi, che quella di chi ci ha sempre vissuto urlando.
questa è una lezione di cui farò tesoro.
claudia

21 Feb 2009 | ore 14:59

Ciao a tutti, siamo assolutamente colpiti e frastornati da questo incredibile affetto che tutti voi ( amici, parenti,conoscenti ) ci avete e ci state dimostrando in questo terribile momento. Sapevamo di avere la fortuna di poter vivere a fianco di una Persona Speciale, le vostre testimonianze ci stanno portando molto oltre.
Scusateci per "l'intrusione", ma abbiamo ritenuto giusto utilizzare questo incredibile mezzo di comunicazione per far sapere anche agli amici piu' lontani o piu' difficilmente contattabili, che il funerale del Nostro Caro Massimo si svolgerà lunedì 23 fabbraio alle ore 14.30 nella chiesa di S.Pietro a Sasso Marconi ( nella piazza principale ).
Commossi e per sempre riconoscenti vi abbracciamo tutti.
Ciao

21 Feb 2009 | ore 20:39

Vorrei principalmente dare un grande abbraccio alle persone della famiglia che conosco, Elena e la mamma di Massimo. Purtroppo non ho avuto la fortuna di conoscere bene Massimo, ma ho sempre stimato molto le sue scelte di qualità ed era ormai diventato il mio unico riferimento anche se non andavo al negozio, il tramite era mia madre che abita a Monzuno. Io, Paolo e Giulia vi siamo vicini in questo momento.

22 Feb 2009 | ore 22:11

Ciao Massimo.
E' stato un onore conoscerti!

23 Feb 2009 | ore 18:50

Ciao Max......e' quello che ti dicevo tutte le volte che ci incontravamo in piazza a Monzuno, e ora che non ci sei piu', purtroppo vivo di ricordi.....mi ricordo quando andavamo a sciare a San Vigilio con i nostri amici, quando giocavi a calcio e ti facevo da allenatore, quando uscivamo in servizio con i Vigili del Fuoco oppure al palazzo a impazzire per la Fortitudo.....forse il nostro unico "vizio", perdo un vero amico, non ci sono parole per commentare il vuoto che lasci.....
Ciao Max.....

23 Feb 2009 | ore 23:08

cugina di federica badiali.
Volevo salutare tutti e poter dire che massimo sarà sempre vicino a tutti e poterle dire che ha una famiglia stupedenda a partire da Adua la sua mamma, Graziano il suo papà e i suoi fratelli, Elena Stefano Aldo e Fabrizio ragazzi veramente di grande educazione di valori UNA FAMIGLIA VERAMENTE UNITA E SPECIALE complimenti e affetto a voi che la rappresentate. Con affetto frida

24 Feb 2009 | ore 11:33

Non so trascrivere le emozioni che ho dentro... prendo in prestito una canzone di Celentano per salutarti...Ciao Massimo

"...Io son partito poi così d'improvviso
Che non ho avuto il tempo di salutare
Istante breve, ancora più breve
Se c'è una luce che trafigge il tuo cuore
L'arcobaleno è il mio messaggio d'amore
Può darsi un giorno ti riesca a toccare
Con i colori si può cancellare
Il più evidente e desolante squallore

Son diventato sai il tramonto di sera
E parlo come le foglie d'aprile
E vibro dentro ad ogni voce sincera
E con gli uccelli vivo il canto sottile
E il mio discorso più bello e più denso
Esprime con il silenzio il suo senso

Io quante cose non avevo capito
Che sono chiare come stelle cadenti
E devo dirti che è un piacere infinito
Portare queste mie valigie pesanti

Mi manchi tanto amico caro davvero
E tante cose son rimaste da dire
Ascolta sempre solo musica vera
E cerca sempre se puoi di capire ....."

...

25 Feb 2009 | ore 11:16

Ciao,mi chiamo Patrizia e ho conosciuto Massimo tramite un amico comune, Andrea. Era una persona veramente splendida e lo ricordero' con molto affetto. Un abbraccio fortissimo a Federica, Aldo e a tutta la splendida famiglia Zivieri.

25 Feb 2009 | ore 16:51

Ho appreso con immenso dolore della scomparsa di Massimo. Amo andare "per botteghe" e cercare i prodotti di qualità, per deliziare il palato dei miei amici (ed il mio). Il suo negozio, il suoi prodotti mi sono sempre piaciuti, fin dagli inizi.
Ci mancherai Massimo...
Un abbraccio forte a tutta la famiglia.

25 Feb 2009 | ore 19:31

Non credo che basterebbero 1000 fogli per immortalare tutti i ricordi che mi passano per la mente in questi giorni. Quando Lunedì mia mamma è arrivata da me per dirmi cosa era successo non ho avuto parole, ho solo cominciato a tremare…e sono andata avanti così per ore. È passata una settimana, in cui forse neanche mi sono resa conto…fino a Lunedì, quando arrivando davanti alla chiesa ho purtroppo realizzato che l’incubo è una realtà. Una realtà assurda, inspiegabile, che ha portato via un Amico con la A maiuscola! Eh si, perché per me sei e sarai sempre un vero amico, di quelli che tutti vorrebbero avere. Ho avuto la fortuna di conoscerti, in macelleria, il tuo regno, nel lontano 1991, quando ancora non avevo compiuto 16 anni. Due battute, una cartolina spedita dalla Sardegna, e, al mio ritorno a Monzuno nasce un’ amicizia sincera che cresce giorno dopo giorno. E condividiamo una passione, il Bologna, entrambi portiamo i colori rossoblu nel cuore, e insieme a te faccio il mio primo abbonamento in curva1991/92. E grazie a te comincio a seguire anche la Fortitudo, quante partite, quante trasferte, quanti ricordi. In questi giorni mi sta tornando in mente tutto. Gli anni dell’adolescenza li ho passati tutti insieme a te. Grazie anche alla tua amicizia oggi sono cresciuta e diventata la donna che sono oggi. Tante risate, tante cene in pizzeria al rifugio, tutti insieme(perché eravamo un bel gruppo). Quando il morale era giù, tu c’eri a consolarmi, sempre pronto con un sorriso a farmi sentire importante. Quel sorriso rimarrà sempre nel mio cuore. E come non ricordare le settimane sulla neve, a S. Vigilio, dove io continuo ancora ad andare. Settimana bianca tutti insieme, ed eravamo proprio tutti, all’ Onarmo, sciate di giorno e partite a carte la sera. Poi siamo cresciuti, e come spesso accade, ci siamo per un periodo allontanati, continuando però sempre a volerci un grande bene. Negli ultimi anni per fortuna ci siamo riavvicinati, dimenticando ogni dissapore e ritrovando il dialogo di un tempo. Hai conosciuto il mio piccolino, e come facevo io anni prima,anche lui ogni estate arrivava in negozio e mentre si faceva la spesa, tu gli davi un cubetto di mortadella o un po’ di salsiccia. Potrei andare avanti ore a scrivere…ma credo che sia arrivato il momento di salutarti. Saluto ti tuoi genitori, i tuoi fratelli e Federica, una famiglia davvero unica. Li abbraccio forte forte, così come ho fatto Lunedì, ricordandogli che io e la mia famiglia ci saremo sempre. E saluto te Massimo, ti porterò sempre nel cuore, un cuore felice per averti conosciuto ma triste per averti perso troppo presto. Sarai sempre nei miei pensieri, come l’amico che tutti nella vita dovrebbero avere. Ricorderò sempre il sorriso con cui a Dicembre mi hai mostrato la targa vinta come miglior macelleria d’ Italia. Sono certa che un giorno ci rivedremo e da lassù continueremo insieme a tifare rossoblu e biancoblu. Ti voglio bene. Ciao Massimo.
Stefania

25 Feb 2009 | ore 21:55

L'ho saputo ieri sera e sono rimasto di sale. Ancora non ci voglio credere; di lui ricordo la sua gentilezza e la sua disponibilità. Avevo saputo delle sue tante belle iniziative con la sua attività e un giorno ascoltando radio24 era intervenuto come ospite ad una trasmissione di gastronomia dimostrando tutta la sua competenza in materia. Ogni tanto andavo a trovarlo in negozio per acquistare i suoi prodotti e si finiva sempre per parlare delle passioni comuni: bologna e pallacanestro. Un abbraccio fortissimo a tutta la sua famiglia.

26 Feb 2009 | ore 14:25

ciao MASSIMO..è proprio vero che sono sempre i migliori ad andar via x primi e tu eri fra questi....non ci sono parole eri e resterai per tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerti un RAGAZZO D'ORO!!! ho un piccolo rimpianto: qualche settimana fa ero in negozio da te e mi avevi consegnato con il tuo solito garbo e timidezza un dvd (pan di legna vin di nuvole)da vedere, facendomi capire che ci tenevi molto visto che anche tu facevi un'apparizione in cui narravi del tuo allevamento di maialini di cui mi avevi gia' parlato...ecco il rimpianto è che,vuoi x i bimbi da seguire o altro motivo, l'ho guardato solo il 16 febbraio dopo aver appreso la tristissima notizia della tua prematura scomparsa..mi dispiace tantissimo!Che tristezza le tendine chiuse del tuo negozio..ciao Massimo!!!Raffaella

27 Feb 2009 | ore 16:02

ciao, sono la zia di federica badiali,sono ancora incredula e tanto triste per cio' che è avvenuto, massimo se n'e'andato cosi', senza fare rumore come credo fosse nel suo stile, provo tanta tenerezza quando guardo i suoi occhi il suo sgardo,ciao massimo sei stato veramente grande.

28 Feb 2009 | ore 21:34

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Risotto_barbera.jpg Risotto alla barbera

Il cielo è più grigio e la temperatura è calata, è tempo di piatti caldi e...


ultimi commenti

  • Alessandro - Lo stato italiano dovrebbe finanziare le banche ancor piu'...
  • piermiga - Quando Antonella entrò nel camerino lui era seduto e...
  • Raffaele - Mi tocca essere d'accordo con Gumbo Chicken!!!...
  • Roberto Bentivegna - :( Non più tardi di qualche mese fa ti...
  • gumbo chicken - Vista l'insensibilità del commento di Tristano - che condanna...
  • Tristano - Che strana gente è quella che si occupa di...

ultimi post

20
Gen
Una rosa bianca per il Maestro Abbado - Foto ANSAE' morto alle 8,30 del...
18
Gen
Prendere esempio da Ducasse? No, l'esempio sono i fratelli Roca - Avevano già le tre stelle Michelin...
16
Gen
Fool racconta l'Italia del cibo. Un po' come te l'aspetti, ma anche no - E' uscito Fool n. 4 dedicato...
14
Gen
La grande bellezza di Roma che piace agli stranieri e non agli italiani - La grande bellezza è un bel...
09
Gen
Aprire è un po' morire - Lo sai che Piripicchio ha aperto...
07
Gen
Spaghetti alla bolognese made in New Zealand - Venti giorni senza cucina italiana a...
04
Gen
15 giorni da Valerio M. Visintin senza passamontagna, occhiali e guanti neri - Lo sognavo da tempo ma in Italia...
04
Gen
Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina - Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli...
Pici_1.jpg Pici con le briciole

Dopo tanto sud torniamo nell'Italia Centrale, in Toscana, per raccontare una bella ricetta semplice e popolare,...


ultime letture

IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


IMG_0522.jpg Gianni Brera, il grande padano

Ho ripreso in mano La pacciada, il...


Twitter
Friendfeed