28
Mar 2009
ore 20:41

Di cucina di cuochi dell'ora legale e di una festa

< >

KeithRichards.jpg
Foto: Annie Leibovitz/Louis Vuitton

Tocca all'ora legale e ogni anno penso che mi piacerebbe ricordare questi momenti perché il tempo corre e mi sono accorto che mi piacciono i fermi immagine, mi piace ricordare i particolari, le atmosfere, le piccole cose fatte.
Forse è per questo che adoro la fotografia perché, come ha detto Annie Leibovitz, la fotografia non morirà mai perché ferma le cose e fa riflettere. In questi tempi frenetici è fondamentale.

Gualtiero_Marchesi10.jpgOggi ho discusso il progetto di una festa per Gualtiero, la faremo a metà maggio, probabilmente.
Si, è vero, il suo compleanno è già stato ma 79 anni si festeggiano varie volte, per il piacere di stare insieme, perché è un piacere parlare con lui e ascoltarlo e perché una festa per l'amico Gualtiero a Roma mi sembra un bell'avvenimento, anche dal punto di vista culturale.
La prossima settimana lo vado a intervistare a Milano e così discutiamo il progetto.

marco_pierre_white.jpgDi cucina e di cuochi si parla molto ma credo che tranne poche eccezioni il linguaggio che si usa sia stanco, ripetitivo, in sostanza un linguaggio vecchio che contribuisce all'appiattimento di una materia in sè bella, piacevole e sempre nuova.
Chi non pubblica oggi ricette? Chi non le fotografa? Chi non parla di cuochi?
Però gli esempi di bei libri sono veramente pochi, purtroppo.
Verrebbe da pensare che anche in tempi di crisi ci sarebbe uno spazio per chi lavora bene.
ora_legale.jpg

C'è l'ora legale e cambiano le giornate e il tramonto a Roma diventa bello e struggente anche se oggi è nuvolo ma della primavera sentiamo l'aria e vediamo i colori.

commenti 26

come drammaticamente succede da un po' il primo intervento è il mio: pero' se voi dormite sempre... senta Bonilli io saro' un visionario sicuro pero' secondo me è un po' che trita su 'sta faccenda del libro . non si capisce se è gia pronto da dare alle stampe o sta facendo sondaggi. beh si dia una mossa: io glielo compro a scatola chiusa perchè sicuramente sarà spendido. lei ha tanti difetti ma sicuramente non quello di produrre una ciofeca. pero' lo voglio con dedica : al surreal-maffi , con affetto nonostante tutto...

29 Mar 2009 | ore 09:01

Giancarlo, Giancarlo... qui non dorme nessuno... è che quando si è alle prese con fornelli e libri di cucina per un pranzo domenicale con 14 coperti si arriva inevitabilmente secondi... ;-)

29 Mar 2009 | ore 09:12

com'è crepuscolare oggi sig. Bonilli......

29 Mar 2009 | ore 11:18

Concordo con il post...
per collegare libri, talenti, sveglie:
troppo spesso, chi ha energia e voglia di farsi spazio non ha intelligenza né profondità, e chi ha intelligenza e profondità non ha energia.
Se qualcuno avesse il dono delle due cose...

29 Mar 2009 | ore 12:06

Che bello leggere queste parole sulla della fotografia alla quale io e mio marito Marco abbiamo dedicato una parte importante delle nostre vite! oltre a essere il nostro mestiere e anche la nostra passione! poi mi piacerebbe capire perchè i libri veramente interessanti sono pochi! problemi di contenuti o di immagini senza fascino? troppo a volte banali o troppo complicare
comunque in Italia è difficile lavorare per bravura e stle, solo per inciucci!!!!!!
bello anche festeggiare il compleanno del Sig. Marchesi rendendo onore al
suo operato senza polemiche ))))) mi piace!!!!!
patty

29 Mar 2009 | ore 13:13

I bei libri sono pochi perché, contrariamente all'editoria straniera, da noi i grandi editori non hanno mai fatto collane importanti e qualitativamente alte dedicate al cibo, alle ricette, con fotografie di standard internazionale e una scrittura nuova, stimolante, vera e leggibile.
Anche il pubblico, i lettori-consumatori sono colpevoli perché premiano con l'acquisto libri e riviste mediocri.
In particolare la fotografia del settore in Italia fatica e se si devono cercare esempi importanti questi parlano quasi tutti inglese.

29 Mar 2009 | ore 13:30

questo succede anche in altri settori, abbiamo tante risorse in Italia ma non riusciamo a valorizzarle purtroppo, vede anche la foto di Annie Leibovitz che
lei ha usato per l'esempio parla inglese, dovremmo anche noi cercare di
investire di più sui nostri talenti dando un'immagine più internazionale e meno scontata, la qualità unite alle idee ripagano sempre!

29 Mar 2009 | ore 13:55

bonilli ammazza che romanticismo...e che belle foto!! vedo che qualcosa di rocchettaro in te esiste...comunque... la sento innamorato...primavera testosteroni alti?
alla festa con marchesi mi invita...non facciamo come per i carciofi che sono stati tra i primi e manco mi hai cacato
cordialmente simpaticamente e pacatamente saluto
...non mi quereli per l'ultima parola

29 Mar 2009 | ore 15:50

Se l'istinto non mi faglia questa volta si paga.

29 Mar 2009 | ore 15:55

faglia è un termine che mi mancava ;)) se si paga pagheremo per una volta se po fa quanto po costà 25 35 euro e vai il gaualtiero faccia l'uomo de sinistra solidarietà magnareccia altrimenti vengo io a cucina e famo una faesta tutte donne e tre quattro maschi

29 Mar 2009 | ore 16:02

Gualtiero è di destra perchè se fosse di sinistra avrebbe le tre stelle Michelin, 97 sul Gambero e 19 sull'Espresso.

29 Mar 2009 | ore 16:19

E gli sciocchi stanno tanto a destra che a sinistra :-))

29 Mar 2009 | ore 16:30

E no caro Bonilli, finchè avrete Veltroni che sa parlare solo di Berlusconi e Franceschini che sa parlare solo di Berluschini gli sciocchi siete voi e Berluskoni continuerà ad essere un male necessario...idee Bonilli! ci sarà un piccolo grande Obama dalle parti vostre non telecomandato da D'Alema?

29 Mar 2009 | ore 16:45

25- 30 euro mi pare un po' poco:-))

29 Mar 2009 | ore 16:57

io certe persone che mi sembrano notevoli, amanti di Mussolini con cravatte di marinella e codazzo di gente che non sapeva cosa fare nei bar lombardi per tirar sera , non le capisco....

29 Mar 2009 | ore 17:13

Bella lettura, sentita, quasi il Bonilli volesse governare il tempo...
Direttore, porta pazienza per alcuni commenti, sono come la varicella:)
Oramai siamo oltre la fase esantematica...

29 Mar 2009 | ore 17:47

Nostalgica lettura... fa venir voglia di stare sul divano a guardare foto e leggere un bel libro. Di libri di cucina come il "White Heat" se ne vedono pochi in Italia, verissimo. Per fortuna che c'è amazon.

29 Mar 2009 | ore 18:05

Wim Wenders scrisse che una fotografia è leggibile davanti e dietro: un'immagine racconta di sé, ma anche dell'autore, che riflette nelle foto il suo stato d'animo. Shooting, sparare foto: come il cacciatore, il fotografo spara e riceve un contraccolpo, scatta e in ciò che scatta c'è un fatto, un soggetto ma anche il controscatto, cioè la sua immagine, il suo stato d'animo. Wenders la chiama "disposizione" (einstellung): dell'immagine, dello spazio, del fotografo e del suo stato d'animo.
Fotografare cibi e cucina dovrebbe richiamare lo stesso sentimento: la scarsità di lavori che lei denuncia, potrebbe significare anche una scarsa o non matura "disposizione" di molti fotografi per questo tema. Un percorso da fare, da raccontare.
In tal senso rendono l'idea i baffoni di Giaccone ritratto dalla Verbert o le scarpe e le mani dei contadini di Ibleide fissati da Dutto, scatti che sono un chiaro esempio di partecipazione e bidirezionalità soggetto-autore.

29 Mar 2009 | ore 23:00

Bonilli, ha già trovato chi le puo' scrivere la prefazione al libro!! se Scarpato amplia un po' il concetto ad un paio di paginette( dalle nostre parti si dice allungare il brodo) lei sta a posto ,senza nemmeno chiedere ad altri. inutile scommettere un nichelino su chi farà le fotografie:-)) per Scarpato:forse non le puo' fregà de meno ma trattasi di complimento, neh. :-)))

30 Mar 2009 | ore 07:22

si è vero dott buso lei ha ragione alcuni commenti sono insulsi inutili molto proletari non sono all'altezza di tanta cultura espressa...fa bene a ricondurci all'ordine costituito...grazie per la benedizione...scherzo buso scherzo
saluto pacatamente...Lei lo sa che mi è simpatico..però spero che in questo bel blog del grande bonilli (e vai che ho dato la leccata) si puo fare anche buonumore forse sciocco da osteria
voto a questo mio commento 5+

30 Mar 2009 | ore 07:57

Premetto che non sono un cuoco,ma mi entusiasma tutto quello che è cucina,leggo molto. Un mondo immenso,tradizione e innovazione,dove non si finisce mai di imparare,sempre in continua evoluzione.Dove ci sono basi e tecniche da imparare,questo mi diceva un cuoco mio amico.Basi e tecniche dove ci vogliono anni per raggiungere il top,e poi la conoscenza di tutte le partite. Senza le basi,non si cistruisce niente è come costruire una casa dal tetto.Ma ieri leggendo qua e la su internet,mi sono trovato di fronte a una dichiarazione dello Chef di un tre stelle michelin(ristorante SORRISO)dove dice:Si era dimesso il nostro chef,allora io che di cucina non sapevo nulla,mi sono immersa sui libri e dopo 6 mesi è arrivata la prima stelle michelin.Allora mi domando io da profano,c'è qualcosa che non quadra.Colro che giudicano per conto della guida rossa,SONO POI CAPACI E PREPARATI A GIUDICARE L'OPERATO DI UN PROFESSIONISTA??? A TUTTI GLI CHEF DI CUCINA CHE NON SONO DIVENTATI GRANDI IN 6 MESI.

30 Mar 2009 | ore 10:32

Sinceramente il riferimento alle cravatte di Marinella non l'ho proprio capito.

Ad Majora

30 Mar 2009 | ore 11:02

Adoro l'idea di una festa a Roma per Gualtiero Marchesi. Evviva!

30 Mar 2009 | ore 15:51

Ci è o ci fa gagliardi: B. come M. ma con Marinella.

30 Mar 2009 | ore 18:03

Il tributo minimo a un grande Chef! Bell'idea

30 Mar 2009 | ore 18:32

@(21-Giovanni)Ci sono chef che pur di avere una stella Michelin andrebbero a piedi in Francia strisciando l'asfalto con la lingua.Per la serietà dei giudicanti,il caso del Sorriso parla da solo,senza basi,senza esperienza,senza conoscenza della materia prima,solo guardando libri in 6 mesi si prende una stella!!!FENOMENI!!!Se poi gli dai un pollo da dissossare non sanno neanche da dove iniziare,e se la salsa bernese,o olandese è sparita e per incapacità,e non perchè e passata di moda.

31 Mar 2009 | ore 08:53

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Risotto_barbera.jpg Risotto alla barbera

Il cielo è più grigio e la temperatura è calata, è tempo di piatti caldi e...


ultimi commenti

  • Matteo M. D. - Le microspie possono installarle tranquillamente anche di giorno, è...
  • Stefano Bonilli - Io non uso mai la logica lombrosiana e quindi...
  • Ambrogio - Perdonate ma davvero credete a queste affermazioni? Non vi...
  • Stefano Bonilli - Sarebbe interessante capire come fanno polizia, carabinieri e guardia...
  • annalisa barbagli - Ma i ristoratori sono d'accordo? Sennò come sarebbe possibile...
  • Tristano - Credo che molti ristoratori romani siano in imbarazzo, penso...

ultimi post

14
Apr
Le vite degli altri, cioè di tutti noi, spiate anche al ristorante - Una scena tratta dal film "le vite...
12
Apr
Assunta Madre, un ristorante di pesce fresco e "cimici" - Assunta Madre, Il ristorante di attricette tv,...
09
Apr
Panino, dove hanno venduto una tonnellata di pane di Matera - Fatti 50 metri, forse meno, dall'ingresso...
02
Apr
Josean Alija, il Guggenheim di Bilbao, il ristorante Nerua e la sua storia - Se non siete mai stati da...
31
Mar
Bonci fa traffico... e anche pane e pizza - Gabriele Bonci è un bravo cuoco...
26
Mar
San Carlo olet? - Non è uno spot pubblicitario ma...
25
Mar
Car sharing alla romana, quasi un'amatriciana - Dal 2008 io non possiedo un'automobile,...
21
Mar
Eataly Smeraldo, Milano vicino all'Europa - Sono stato a visitare Eataly Smeraldo...
Pici_1.jpg Pici con le briciole

Dopo tanto sud torniamo nell'Italia Centrale, in Toscana, per raccontare una bella ricetta semplice e popolare,...


ultime letture

IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


IMG_0522.jpg Gianni Brera, il grande padano

Ho ripreso in mano La pacciada, il...


Twitter
Friendfeed