13
Dic 2009
ore 16:00

Libri di cucina e di vino per i regali di Natale

< >

IMG_1908.JPG

Avete ragione a chiedere "E i libri in italiano???"
Il fatto è che per averli in italiano o sono libri tradotti, e allora si deve attendere un annetto per vederli sul nostro mercato, oppure, salvo eccezioni, non sono belli come quelli che si vedono sul mercato internazionale e si acquistano con un click su Amazon.
Comunque iniziamo con le recensioni e, con libri di Marabout, la casa editrice francese che di libri di cucina belli ne fa tanti ( esempio illustre Ripailles) e che in Italia pubblica l'editore Guido Tommasi.
Il post precedente era dedicato all'editoria straniera, questo in prevalenza a quella italiana con incursioni in tematiche diverse dal cibo
.

Trish Deseine
I love torte
Guido Tommasi Editore
pp 320
€ 29,90

Trish Deseine è una irlandese  del '64 che si è trasferita a Parigi e lì ha cominciato a pubblicare nel 2000 libri di cucina per l'editore Marabout, alcuni di enorme successo come Je veux du chocolat! del 2002 che ha vinto il World Gourmand Cookbook Award e venduto 500.000 copie.
Non è una di quelle signore che cucinano e fanno libri e basta e lo si comprende leggendo nella biografia che ha quattro figli e si dedica alla loro educazione.
Questo libro fa la gioia dei golosi perché inizia con la foto dell'attrezzatura necessaria per cimentarsi in cucina e poi è tutto un dolce, pagina dopo pagina, con foto e ricetta, tanto da soddisfare appassionato e neofita. Tre ricette base per la torta di cioccolato? Ecco i consigli per farla leggera, molto leggera ecc...
Per chi inizia a cucinare e vuole essere seguito passo passo

Jody Vassallo
Pasta & Sughi
Guido Tommasi Editore
pp 160
€ 24,00

Un libro sulla pasta fatto da un'australiana può essere una provocazione ma Jody Vassallo è una con le carte piuttosto in regola avendo iniziato a lavorare per quattro anni con Donna Hay per poi passare a Murdoch Books. Dal suo sito si vede che ha una produzione di libri impressionante e questo è uno dei titoli che l'autrice ha scritto per Marabout. Belle foto di Deirdre Rooney.
Per chi è curioso

Vini d'Italia 2010
Le Guidell'Espresso
pp 750
€ 22,00

Segnalo questa guida perché ogni anno migliora, è sempre più puntuale, è capace di scoperte e anche perché i curatori sono due tra i migliori degustatori a livello internazionale, Ernesto Gentili e Fabio Rizzari. Nella guida sono segnalati circa 10.000 vini e 2500 aziende con una grande attenzione per i vini con un ottimo rapporto qualità-prezzo. Ormai sono tempi duri, il mondo del vino è diventato terreno di scorribande e trovare una guida dei vini affidabile è difficile. I due curatori e la piccola squadra che collabora con loro è una garanzia di serietà e pulizia.
Per chi cerca una guida sicura

Le Guide Hachette des Vins 2010
Hachette
pp 1402
€ 28,60

Il vero appassionato di vini va con lo sguardo, la conoscenza e gli assaggi anche oltre confine e quindi la Francia con i suoi vini è la prima meta obbligata. La Guida Hachette è quello che per i ristoranti è la Michelin Francia, un'istituzione, lenta nel cambiare le scelte, autorevole ma imprescindibile. Una storia che dura da 25 anni e racconta e giudica ogni anno circa 10.000 vini e seleziona tra questi i preferiti della redazione, i cosiddetti coups de coeur, quest'anno sono 450, caratterizzati dalla pubblicazione della scheda con l'etichetta del vino
Per chi vuole bere bene francese

9781862058330.jpg

Mitch Tonks
Fish
Pavillon
pp 320
€ 40,00

Tonks è cuoco, scrittore, esperto massimo di pesce, protagonista televisivo ecc.. e in questo libro pieno di foto belle e di informazioni imprescindibili si pone anche il problema della sostenibilità e già per questo motivo il libro è atipico e da acquistare. Di ogni pesce e crostaceo c'è la foto, il nome nelle varie lingue, per esempio, se vai a Atlantic mackerel, nome Usa, vedi che è il nostro maccarello o sgombro, il macquereau francese, la caballa spagnola e così via, c'è la stagione in cui va consumato, nel caso del maccarello tra marzo e luglio e le ricette. Libro bello e imperdibile.
Per chi vuole conoscere e cucinare il pesce

Food for Thought
Richard Hamilthon - Vincente Todoli
Actar
pp 346
£ 23,96

La recensione su queste pagine è di poco tempo fa ma vale la pena segnalare nuovamente questo libro perché in tempi di regali è un bel pensiero se fatto a chi ama Adrià e a chi piacciono le belle fotografie perché l'inizio del volume è impressionante: in 38 pagine sono rappresentate le foto dei 1461 piatti fatti al Bulli dal 1987 al 2008.
Per chi ama i bei libri e i piatti di Adrià

Donna Hay
Ricevere in un istante
Guido Tommasi Editore
pp 190
€ 28,00

L'ultimo di una lunga serie di libri della più famosa food writer internazionale, l'australiana Donna Hay, che suggerisce una serie di menù semplici e che permettono di fare pranzi e cene formali e tra amici senza dover passare ore e ore in cucina. Le foto come al solito sono molto belle e hanno la firma di Con Poulus, tra i migliori fotografi di food del mondo che con Donna ha firmato alcuni dei suoi più famosi libri e molti dei servizi del magazine.
Per chi vuole un libro fatto dai numeri uno

Dario Bressanini
OGM tra leggende e realtà
Zanichelli
pp 224
€ 11,80

Un bel libro da leggere assolutamente perché affronta di petto il tema degli OGM, cioè gli Organismi Geneticamente Modificati, senza il timore reverenziale di scontrarsi con il pensiero prevalente, molto ideologizzato, che vede negli OGM il male e il pericolo. Bressanini spiega come in molti casi gli organismi sono usati con beneficio da decenni, per esempio negli enzimi, ma si tace per la grande sfiducia da parte dei consumatori. Gli OGM, dice, dovrebbero essere trattati come i funghi, ce ne sono di buoni e di velenosi e invece trattandoli come una sola categoria si fa un cattivo servizio alla ricerca e ai consumatori.
Bressanini è un chimico che insegna e fa ricerca al Dipartimento di scienze chimiche e ambientali dell'Università dell'Insubria a Como, scrive per Le Scienze e ha un blog che tutti gli appassionati di cucina conoscono bene, Scienza in cucina.
Per chi vuole sapere la verità sugli OGM

Gian Luigi Beccaria
Misticanze
Garzanti
pp 234
€ 15,00

I nomi del pane solo per il Veneto, dice Beccaria, riempono una pagina perché alla ricchezza di prodotti corrisponde una ricchezza lessicale. L'autore, che è uno dei migliori storici della nostra lingua, ci accompagna in un viaggio tra le parole del cibo ma ci fornisce anche le notizie come quella sulla mortadella che nel Cinquecento e nel Seicento era un cibo di lusso e costava anche cinque volte il prezzo dei salumi.
Per chi non legge solo libri di ricette

Laurel Evans
Buon appetito America!
Guido Tommasi Editore
pp 182
€ 25,00

Una grafica americana, freelance, che vive a Milano e scrive un libro sulla cucina e i piatti d'America. Ecco allora gli hamburger ma non quelli dei fast food ma quelli fatti in casa, 300 g di manzo macinato, lattuga, pomodoro, cipolla, cetrioli e pane fatto a casa ed ecco un hamburger da far sbavare per la succulenza. Tutti i momenti della tradizione rivisitati da un'americana anticonformista che vive in Italia.
Per chi ama la cucina americana

Sorelle Simili
Sfida al mattarello
Vallardi
pp 124
€ 19,80 con Dvd

Loro sono due autrici classiche e imperdibili, il libro ha la solita grafica anni Cinquanta ma c'è in più il Dvd con le lezioni pratiche delle due sorelle, Margherita e Valeria Simili, e solo per questo motivo vale la pena fare l'acquisto e imparare a fare la sfoglia.
Per chi ama la tradizione

Di libri ce ne sarebbero sicuramente altri ma intanto guardate se tra questi titoli ci sono delle idee regalo per gli amici e familiari ma anche per voi.
Un bel libro non fa mai male.

commenti 27

Mi piacerebbe avere qualche notizia in più su questo libro, che mi sembrava si presentasse bene: "Cucina d'autore. I grandi chef italiani interpretano la cucina regionale", a cura di Vizzari e Meldolesi, Mondadori-Electa, 431 pp.,con ricette di Bottura, Esposito, Perbellini, Scarello e altri undici chef italiani di grosso calibro.
Qualcuno l'ha acquistato? Me lo può consigliare?
Grazie.

13 Dic 2009 | ore 16:55

A proposito di libri con DVD, ho appena ordinato su ibs "Storia di terre e di redzore"...purtroppo l'edizione di Artestampa piú cara ma fatta meglio é esaurita, quindi ho optato per la versione della cineteca di Bologna. Tra le lezioni di mia madre, il dvd delle sorelle Simili e i segreti delle sfogline modenesi, se non imparo a tirare la sfoglia questa volta, sono proprio irrecuperabile :) A proposito l'altro giorno preparando lagane e ceci e rivedendo il dvd di Massimiliano Mariola mi sono trovato in dissenso con lui. Non condivido affatto la sua scelta di fare le lagane solo con semola di grano duro. Stavo cercando anche qualche pubblicazione interessante sulla cucina abruzzese, qualche dritta?

13 Dic 2009 | ore 17:45

:)
Mi piacciono i post librosi di questi giorni!
bei titoli Stefano, alcuni non li conoscevo.
Buona Santa Lucia

13 Dic 2009 | ore 19:19

Di Trish Deseine a me è piaciuto molto il primo libro, che ho trovato usato a un mercato nei dintorni di Nizza. In francese è "Petit plats entre amis", ricco di spunti e idee, dal picnic alla cena più formale, con una bella sezione dedicata al cioccolato da fare in casa. Non so però se esista un'edizione italiana...
Grazie per i nuovi consigli!

13 Dic 2009 | ore 19:38

confermo Alice. In italiano è piccoli spuntini tra amici, Guido Tommasi. delizioso!

13 Dic 2009 | ore 19:45

grazie, alcuni li ho, ma altri (tipo Fish di Mitch Tonks) non lo conoscevo e si, da queste 4 righe direi che è molto più che interessante. Del resto noi poveri utilizzatori finali aspettiamo spunti di riflessione e risvegli neuronici proprio da chi questo settore lo conosce a menadito. GRAZIE!

13 Dic 2009 | ore 20:07

Grazie per l'inclusione del mio libro nella lista :-) anche se, pur parlando di alimenti, non è di tipo gastronomico

13 Dic 2009 | ore 20:46

Per quanto riguarda i vini compro da sempre l'edizione aggiornata di Hugh Johnson, "Il libro dei vini".
Quasi un tascabile, molto utile soprattutto per i vini d'oltre frontiera, sono segnalati i vitigni di tutto il mondo con le migliori annate.
Quest'anno, non so perchè, l'edizione 2009 da Feltrinelli a Napoli non è mai arrivata.

13 Dic 2009 | ore 20:47

Sorelle Simili!!! Si, proprio loro saranno il mio regalo di natale. E se son fortunata, riuscirò anche a fare un corso da loro quest'anno. Mi piacerebbe moltissimo. Grazie per il suggerimento. :-)

14 Dic 2009 | ore 01:20

Ho solo Donna Hay. Una meraviglia!!!
Provvederò per gli altri.

14 Dic 2009 | ore 09:14

Caro direttore le posso
consigliare un altro libro, piu' recente e secondo il mio umilissimo giudizio anche molto ma stramolto piu' bello di quello della Trish Deseine che lei cita? Trattasi della sua ultima fatica appea apubblicata dai tipi -come si dice- della Maabout, "Comme au resturant", un libro dove la nostra Irlandese nazionale (un giorno le raccontero' nella mia autobiografia di quella notte del maggio 1995 quando incontrai per la prima volta la bionda i Trish Deseine che ancora si sballotttava tra l'Ambasciata e l'Ufficio Turistico della Repubblica d'Irlanda) interpreteta, rivede corregge e remixa proprio come pare a lei i piatti piu' interessanti incontrati girando pe' ristoranti girando per il mondo , piatti da fare e ripetere, semmai semplificandoli, a casa. Ed é un con una certa fierezza, he dico, con un vero orgoglio nazionale che porgo alla sua gentile attenzione che in questo volume tra creazioni di René Redzepi, INaki Auzputarte, Petter NIlsson, Raquel Carena, Pierre Jancou e via di questo passo c'é anche un emerito italiano: Riccardo Camanini della Villa Fiordaliso. Trish ha rivisto/riletto magistralmente la sua Coda di rospo alla vitelotte, una ricetta che l'aveva fatta impazzire quando vide il gig del marchesiano cuoco dalla platea dell'ultima edizione dell'Omnivore Food Festival nel febbrario scorso. A questo punto se c'é qualcuno nel coro greco che vuolefar risuonare la solita italica nenia "che non ci capisce nessuno, che noi italiani non siam neanche capaci di scoprire e promuovere i nostri talenti che al posto nostro ci pensano i forestici", beh per una volta l'autoflagellazione mi sembrerebbe filologicamente giusta. Lei che ne pensa?

14 Dic 2009 | ore 10:00

Noto con dispiacere che mancano i nomi dei traduttori. Recensire un libro di autore straniero senza citare il traduttore è un po' come recensire un concerto senza citare gli esecutori. Sempre negletti, i traduttori.
:-(

14 Dic 2009 | ore 14:28

Mi dispiace per voi, ma sinceramente non ricordo di aver quasi mai visto recensioni in cui fosse citato il traduttore - a meno che non fosse a sua volta uno scrittore, o non ci fosse un motivo particolare per parlarne!

14 Dic 2009 | ore 15:23

Caro Andy, non mi resta che acquistare il libro, peccato che con quel titolo non esista nè su google nè da Marabout :-))

14 Dic 2009 | ore 15:36

Comunque un post di questo genere ci vorrebbe almeno ogni trimestre, perché io non riesco a star dietro a tutto quello che esce sull'argomento nel mondo - se c'è qualcuno del giro che mi informa è decisamente molto comodo! :-)

14 Dic 2009 | ore 15:45

...Stupendo...oltre ai singoli titoli ho trovato interessante il sito dell'editore Guido Tommasi... Spunto utile per ampliare sia le prospettive che la libreria

14 Dic 2009 | ore 17:36

Il titolo esatto è "Comme au Resto" casa editrice Marabout.
E' uno degli ultimi libri che mi sono regalata durante una mia recente escursione Alsaziana.
Mi ha colpito in mezzo all'offerta natalizia di libri di cucina della FNAC di Strasburgo.
Non ho ancora provato niente, ma confermo belle foto, bei piatti e ricette semplificate
Mi hanno inoltre colpito i cofanetti natalizi francesi con libro e gadget in tema tipo ricette cioccolato-stampini, ricette cocotte-mini cocottine, ricette tajine-mini tajine e via così.
Intriganti e deliziosi da regalare anche ai profani.

14 Dic 2009 | ore 18:36

Eh, parlarne (del traduttore) è quasi sempre pretendere troppo, si sa. Ma citarlo, almeno, vivaddio, non è che costi questa gran fatica!

14 Dic 2009 | ore 18:38

Estou fazendo uma Campanha de Natal para crianças necessitadas da minha comunidade carente,são crianças que não tem nada no Natal,as doações serão destinadas a compra de cestas básicas-roupas-calçados e brinquedos. Se cada um de nós doar-mos um pouquinho DEUS multiplicará em muitas crianças felizes. Se voce quiser ajudar é fácil,basta depositar qualquer quantia no Banco do Brasil agencia 3082-1 conta 9.799-3 Voce verá como doar faz bem a Alma,obrigado. meu email asilvareis10@gmail.com

15 Dic 2009 | ore 08:58

Salve, anche io consiglio Bressanini e il ricettario di Blumenthal...

Visto che ci siamo mi unisco alla richiesta di Chefclaude, qualcuno ha la minima idea di come sia il libro a cura di Vizzari? Sulla carta sembra interessante ma in tutte le librerie che ho tentato è "sigillato"...

15 Dic 2009 | ore 12:30

Caro direttore,
ho dato un'occhiata ai video da lei pubblicati su Ustream, o come diavolo si chiama. Quelli che lei ci dice di andare a guardare tramite la sua pagina Twitter. Da quel poco che riesco a vedere, perchè si bloccano continuamente o l'audio prosegue mentre il video si impalla, osservo cose di cui non comprendo bene il senso. In uno si vede l'ingresso in un treno italiano, prima classe, mentre lei parla con "la controllora". Prospettiva IPHONE. In un altro una pila di libri di gastronomia, guide e affini, con in sottofondo una fisarmonica che sembra vada verso il tango. E così via. Mi sono chiesto, direttore. A cosa serve? Cosa devo vedere visto che non c'è didascalia alcuna? Le consiglierei di regolare la luminosità e il contrasto della fotocamera dell'iphone. A seconda se lei si trova in un luogo con più luce o meno luce. Non è interessante la sua offerta di video fatti col cellulare. Non ne capisco il senso. Sembra di osservare i video di un giovanetto alle prese con la tecnologia. Un giovanetto che si sofferma sulla grafica che indica Carrozza 1 e che quindi ci vuole dire che viaggia in prima classe, che ci fa vedere un bancone colmo di formaggi mentre qualcuno dice "che ficata", un altro giovanetto. Insomma direttore, che cosa significa?

15 Dic 2009 | ore 12:32

Erano delle prove che non dovevano andare in rete, sono state cancellate e dedicare tante righe all'episodio con anche notazioni psicologiche - il viaggiare in prima - mi sembra buffo.
Mi dedicherei al Natale e ai regali, è meglio :-))

15 Dic 2009 | ore 13:31

Certo direttore.
Se erano delle prove che non dovevano andare in rete mi chiedo perchè c'era pubblicato l'indirizzo su Twitter per andare a guardarle. Se a seguirla si inciampa, sotto suggerimento twitteriano, in questi filmati, si prova a dire la propria opinione ed eventualmente a chiedere spiegazione. Si dedichi anche lei ai regali di Natale, o ci twitti filmati che valga la pena guardare.

15 Dic 2009 | ore 14:07

Caro Stefano è andato su twitter e fb automaticamente dal programma per filmare e quando me ne sono accorto ho cancellato.
Contento?
Ci facciamo sopra un altro paio di interventi? :-))

15 Dic 2009 | ore 19:06

Bonilli ma perchè si infastidisce.
Senza volerlo son venute fuori delle cose divertenti.
Lei mi è apparso come un giovanottone, che filma e pubblica i suoi ingressi in prima classe divertito dalla tecnologia del suo telefonino.
Il suo vicino di banco dei formaggi che dice "che ficata!", con la C e non con la G, che giovanottoni, che goliardia.
A dir la verità, e tornando, quasi, sui miei passi, un significato a pensarci bene l'ho trovato! Questi stralci video del ghiottone paperotto, questi momenti di autocompiacimento grassoccio - quanti bei cd, complimenti, adesso scopro che quella fisarmonica è Richard Galliano & Michel Portal - eventualmente possono divertire, intenerire i suoi lettori. Avrei voglia di darle un pizzicotto sulla guancia. Faccia una cosa, crei un medley e ci incuriosisca, ci regali per Natale i b-sides del Paperogiallo.

15 Dic 2009 | ore 19:53

A proposito di Libri:
Ho comprato Il grande libro dei cuochi" RCS spendendo ben a 80€.
Dopo 4 mesi lo vedo in edicola suddiviso in 4 fascicoli da 9,90 € ciascuno.
Protesto con l'editore... che non si degna neppure di rispondere.
Attenti a RCS !!!

18 Dic 2009 | ore 11:13

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Risotto_barbera.jpg Risotto alla barbera

Il cielo è più grigio e la temperatura è calata, è tempo di piatti caldi e...


ultimi commenti

  • Alessandro - Lo stato italiano dovrebbe finanziare le banche ancor piu'...
  • piermiga - Quando Antonella entrò nel camerino lui era seduto e...
  • Raffaele - Mi tocca essere d'accordo con Gumbo Chicken!!!...
  • Roberto Bentivegna - :( Non più tardi di qualche mese fa ti...
  • gumbo chicken - Vista l'insensibilità del commento di Tristano - che condanna...
  • Tristano - Che strana gente è quella che si occupa di...

ultimi post

20
Gen
Una rosa bianca per il Maestro Abbado - Foto ANSAE' morto alle 8,30 del...
18
Gen
Prendere esempio da Ducasse? No, l'esempio sono i fratelli Roca - Avevano già le tre stelle Michelin...
16
Gen
Fool racconta l'Italia del cibo. Un po' come te l'aspetti, ma anche no - E' uscito Fool n. 4 dedicato...
14
Gen
La grande bellezza di Roma che piace agli stranieri e non agli italiani - La grande bellezza è un bel...
09
Gen
Aprire è un po' morire - Lo sai che Piripicchio ha aperto...
07
Gen
Spaghetti alla bolognese made in New Zealand - Venti giorni senza cucina italiana a...
04
Gen
15 giorni da Valerio M. Visintin senza passamontagna, occhiali e guanti neri - Lo sognavo da tempo ma in Italia...
04
Gen
Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina - Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli...
Pici_1.jpg Pici con le briciole

Dopo tanto sud torniamo nell'Italia Centrale, in Toscana, per raccontare una bella ricetta semplice e popolare,...


ultime letture

IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


IMG_0522.jpg Gianni Brera, il grande padano

Ho ripreso in mano La pacciada, il...


Twitter
Friendfeed