13
Ago 2010
ore 11:17

Trastevere, di là dal fiume

< >

Roma_Via_Giulia_1.jpg

Se all'alba, giù per Via dei Pettinari, si va verso Ponte Sisto, quasi sul Lungotevere si incrocia sulla destra Via Giulia, bella, silenziosa, senza auto, come fossimo in una Roma del 1600.

Roma_Trastevere_1.jpg

Attraversando il ponte si entra in Trastevere in Piazza Trilussa, una delle zone che di giorno, e la notte sino a tardi, sono tra le più frequentate.
Sotto, lungo le rive del Tevere, le tende dei mille negozi e ristorantini che la notte trasformano il traffico del Lungotevere in un grande ingorgo, hanno chiuso da poco, c'è silenzio e una bella aria fresca.
Dovunque bottiglie e sporcizia ma per fortuna le scope elettriche sono già in azione e tutto sta per ritornare normale.

Roma_Trastevere_2.jpg

Roma_Trastevere_3.jpg

Vedere Via del Moro, Vicolo del Cinque e la stessa Piazza Santa Maria in Trastevere deserti, giusto alle sei del mattino può capitare, così come trovare la saracinesca del Forno di Via del Moro ancora abbassata.
Trastevere vive di giorno ma si trasforma la sera dalle 19 in poi quando turisti italiani e stranieri affollano bar, ristoranti e pizzerie.
Qui in questa parte di Trastevere c'è Glass, un bel ristorante per chi vuole mangiare alto, c'è il ristorante delle Sorelle Ferrara, c'è Checco er Carrettiere e più oltre Bir & Fud e per chi cerca un buona bar c'è Ombre Rosse e la Trattoria degli Amici, una bella iniziativa della Comunità di Sant' Egidio.

Roma_Trastevere_4.jpg

Il Mercato di Piazza San Cosimato fa tristezza in piena stagione, figurarsi ora che appare come uno spazio decaduto e abbandonato, ridisegnato dai soliti architetti presuntuosi.

Roma_Trastevere_5.jpg

Gli spazzini stanno pulendo scalinate, piazze e vicoli, tra un po' riprende il ritmo abituale di un quartiere che ha un nome importante, che nell'immaginario rimanda a personaggi e storie di un altro secolo.
Oggi Trastevere in questa parte vicino al fiume è un quartiere per i giovani con la bottiglia di birra in mano e per i turisti e anche per qualche gourmet curioso.
Quando i lampioni sono ancora accesi si riattraversa Ponte Sisto e si va a Campo dei Fiori, tra un po' gli spazzini passeranno anche qui, poi arriveranno suonatori e maghi e cani e il ponte riprenderà la vita di sempre.

FOTO S. BONILLI

commenti 12

Questi servizi su Roma vista all'alba sono uno più bello dell'altro.
Ben venga l'insonnia da fuso orario sballato.

13 Ago 2010 | ore 13:43

C'é un pó di invidia. Effettivamente Roma di mattina e in particolare Trastevere é 100 volte meglio che di sera. Ma ad alzarmi cosí presto...proprio non ci riesco. Io ho il sonno a comando e il jet lag non mi fa nulla...

13 Ago 2010 | ore 14:10

Certo che se Cameroon dice agli inglesi di fare le vacanze in Inghilterra per aiutare l'economia, gli italiani, con simili bellezze che magari non hanno visitato, se ne vanno in vacanza a Bangkok invece che a Roma perché costa meno.

13 Ago 2010 | ore 14:21

Porto dentro di me un'alba rosata a Piazza Navona e un'alba ghiacciata a Fontana di Trevi.

13 Ago 2010 | ore 14:29

Concordo con Serena: proprio belli questi servizi mattutini!
Una buona idea per un libro futuro? Raccontare la città attraverso percorsi ad orari inediti, viaggiando tra luoghi, locali, persone, ambienti, storie...
Insomma, ora prendo e vado a Milano a girare un po' anche io nel vuoto d'agosto ;-)

14 Ago 2010 | ore 06:50

Volevo ricordare un aneddoto che mi raccontava sempre mia Nonna Elena, Classe 1903.
Mia nonna è nata a Trastevere in Via L. Manara, e quando era ragazzina, gli abitanti di Campo de Fiori, chiamavano i Trasteverini >, solo perchè erano nati dall'altro sponda del Tevere.
Concordo pienamente con la bellezza di Roma, e grazie per questi reportage mattutini.

16 Ago 2010 | ore 14:42

Si è perso un pezzo, volevo dire che i trasteverini venivano chiamati BURINI, dagli abitanti di Campo de Fiori.

16 Ago 2010 | ore 14:52

trastevere....non mi sono mai sentita sola..una bellezza dopo l'altra, tutta la storia, l' architettura e la poesia seguono i tuoi passi, sia di giorno che di notte...e tutto questo e'solo una parte di Roma...
Io ho sempre immaginato a vivere in questa citta'...ed infatti li' mi sono trovata per studiare i monumenti, poi per innamorarmi proprio forte di un trasteverino, poi per avere una bellissima trasteverina nata sull'isola tiberina...in mezzo ai ponti antichi..., e proprio li' io ho desiderato farla crescere, ..., ma poi sono tornata al mio paese, anche se non volevo...., e roma sta sempre il mio sogno nei miei sogni..., mi manca tanto..fa parte di me stessa..., e dico sempre che voi i romani siete proprio fortunati ad essere nati e vivere in questa citta'...

20 Ago 2010 | ore 08:06

Bel servizio e belle foto.
Credo di poterlo dire anche al netto delle emozioni che il tutto mi crea. Si vede casa mia in queste foto, e quella che avrei voluto prendere, i sanpietrini della piazza su cui corre mio figlio, il mio alimentari, il mio forno, la serranda abbassata su S.Egidio dietro alla quale fino a poco tempo fa sopravviveva uno storico fruttarolo. Non un granché, poca scelta, niente funghi, niente frutta e verdura strana, ma già solo il locale meritava una visita. Un viaggio nella memoria, le mura scrostate come il volto di chi vi passava la giornata pulendo puntarelle, foto in bianco e nero alle pareti, la Trastevere di 40 anni fa con quell'atmosfera da romanzo criminale in cui era difficile riconoscere i buoni dai cattivi.
Anche il mio piccolo trasteverino è nato sull'isola tiberina e tra un mese dovrebbe andare all'asilo a Santa Maria. Intanto sta crescendo bilingue e ho la netta sensazione che il mio ruolo di padre finirà presto. Sarà lui a spiegarmi i colori di questo nuovo mondo, il mio è rimasto come le foto di trastevere: con ampie zone in bianco e nero. :-)

20 Ago 2010 | ore 14:59

Mi piace questo commento e mi piace avere un lettore come te :-))

20 Ago 2010 | ore 17:55

Grazie Direttore, piacere ovviamente reciproco. Questa me la segno nel curriculum :-)

22 Ago 2010 | ore 13:06

Foto commoventi, belle da sembrare finte.
Son pratarolo, trastevere non è per me trans tiber, ci vado a piedi, passo da Fabio e Cristina, svicolo la folla, la mattina è sempre bello prendere un caffè o pranzare con l'antica sapienza di Frontoni.
Trastevere resiste, per fortuna...

25 Ago 2010 | ore 00:25

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Pasta_sarde_1.jpg Pasta con le sarde

Eccola qui la pasta con le sarde, una di quelle ricette che tutti conoscono e nessuno...


ultimi commenti

ultimi post

29
Apr
Le formiche del Noma, i tortellini di Bottura, The50 Best e l'Italia che gufa - Renè RedzepiIn questo post si parlerà di...
28
Apr
Il gelato da F1 di Carapina è sbarcato a Roma - Carapina ha aperto la sua sede...
23
Apr
Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie - Con Gaetano Cappelli ci siamo visti...
14
Apr
Le vite degli altri, cioè di tutti noi, spiate anche al ristorante - Una scena tratta dal film "le vite...
12
Apr
Assunta Madre, un ristorante di pesce fresco e "cimici" - Assunta Madre, Il ristorante di attricette tv,...
09
Apr
Panino, dove hanno venduto una tonnellata di pane di Matera - Fatti 50 metri, forse meno, dall'ingresso...
02
Apr
Josean Alija, il Guggenheim di Bilbao, il ristorante Nerua e la sua storia - Se non siete mai stati da...
31
Mar
Bonci fa traffico... e anche pane e pizza - Gabriele Bonci è un bravo cuoco...
Pollo_arrosto_erbe.jpg Pollo arrosto alle erbe aromatiche

In momenti di crisi il pollo è un'ancora di salvezza perché anche i polli buoni esistono...


ultime letture

IMG_3446.jpg Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie

Con Gaetano Cappelli ci siamo visti da...


IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


Twitter
Friendfeed