20
Set 2010
ore 17:44

Pici con le briciole

< >

Pici_1.jpg

Dopo tanto sud torniamo nell'Italia Centrale, in Toscana, per raccontare una bella ricetta semplice e popolare, i pici con le briciole.
La prima volta che ho mangiato i pici è stato a Pienza a una festa di matrimonio. I pici erano il terzo o quarto primo, era una di quelle feste contadine di altri tempi e altri fisici, ci siamo alzati da tavola alle 22 e ci eravamo seduti alle 12, un ricordo agghiacciante, già alle 16 io ero in coma gastrico ma attorno a me la festa impazzava.
Con un precedente simile la seconda volta ho voluto onorare il piatto, farmi spiegare dalla cuoca della trattoria di Siena la ricetta e godere del piatto di pici.
Per questo quando Annalisa Barbagli ha messo i pici tra le ricette del prossimo libro Pasta fresca e Gnocchi della collana Cucinare Insieme sono stato doppiamente contento.
La ricetta non è difficile.

Si inizia setacciando 300 g di farina 00 e 100 g di farina di grano duro (semola rimacinata) sulla spianatoia, facendo una fontana larga e versandoci una presa di sale e un bicchiere grande di acqua tiepida (circa 200 ml). Si amalgama un po’ con la forchetta portando un po’ di farina verso il centro e poi impastando energicamente per 10 minuti. La pasta deve venire piuttosto dura quindi se necessario aggiungete poca farina. Formate una palla e fate riposare la pasta per una mezz’ora avvolta nella pellicola.

Pici_2.jpg

Quando ha riposato, stendetela con il mattarello - se non l'avete acquistatelo, avere un mattarello in casa è sempre utile, magari imparate a fare la sfoglia -  formando un rettangolo grossolano di circa un cm di spessore, poi tagliate la pasta a striscioline e, una alla volta, rotolatele con le mani aperte sulla spianatoia formando dei grossi spaghettoni (3-4 mm). Spolverateli di semola e  metteteli su un panno tenendoli non ammucchiati.

Per il condimento, spezzettate 100 g di mollica di pane non condito e frullatela con il mixer. Scaldate 3 cucchiai d’olio extravergine d’oliva in una padella e fate rosolare a fuoco molto dolce 2 spicchi d’aglio schiacciati e poco peperoncino, poi rialzate un po’ la fiamma e unite la mollica che fate rosolare fino a leggera colorazione.

Pici_3.jpg

Cuocete i pici per 5-6 minuti in abbondante acqua salata in ebollizione e scolateli tirandoli su con un forchettone. Passateli nel piatto di servizio, cospargeteli con un filo d’olio, mescolate rapidamente e condite con le briciole e pecorino grattugiato (toscano, romano o sardo).

Pici all’aglione
L’aglione è un altro classico condimento dei pici toscani che si prepara in estate, e in questi giorni è ancora caldo, nella stagione dei pomodori. Tuffate 500 g di pomodori maturi in acqua in ebollizione, passateli nell’acqua fredda, poi spellateli,  privateli dei semi e spezzettateli. Tagliate a fettine 5 grossi spicchi d’aglio (per questo si chiama aglione!) e fateli rosolare molto dolcemente in una padella ampia con 3 o 4 cucchiai d’olio extravergine d’oliva, senza farli scurire. Quando sono appena biondi, unite i pomodori, rialzate la fiamma, insaporite con sale e pepe e fateli cuocere per una decina di minuti. Scolate i pici e fateli saltare per un minuto nella padella con il sugo.

FOTO PAOLO DELLA CORTE / FOODREPUBLIC

commenti 12

Sono sempre appagata quando inizio a leggere il paperogiallo perché, in particolare negli ultimi mesi, la qualità e quantità dei temi è stata un vero fuoco d'artificio e adesso questa ricetta, bella e facile.
Mi diverto molto e la farò nel fine settimana.

20 Set 2010 | ore 19:01

Sottoscrivo, belle recensioni, ricette veloci e gustoste (ottimi gli gnocchi di ricotta), viaggi da sogno e qualche tema di attualità. Papero in grande forma.

In bocca al lupo per domani.

20 Set 2010 | ore 20:08

Buonissimi i pici fatti così. Io li faccio fare ai miei corsisti stranieri e sono sempre tutti stupiti di quanto sia buono questo piatto fatto con materiali così poveri.

20 Set 2010 | ore 20:33

I pici all'aglione sono qualcosa di magnifico.

Li ho mangiati ospite di amici a Gaiole in Chianti e me li ricordo ancora con la bava alla bocca.

20 Set 2010 | ore 21:47

L'ideale è cucinare l'aglione con le piantine di aglio primaverile, che non ha ancora gli spicchi ed è ancora un bulbo unico ( aglione ). Almeno così mi hanno spiegato... Se può interessare, a Celle sul Rigo vicino S.Casciano de' bagni c'e la sagra dei pici l'ultimo fine settimana di maggio.

20 Set 2010 | ore 22:08

I Pici! Quanti me ne feci sul Giglio, solo "sale e pepe" o col papero... (pici su papero) meglio che non vi dica eh???

20 Set 2010 | ore 22:45

buoni buonissimi.
c'è sempre l'Osteria Il Papavero (http://www.osteriailpapavero.it/), da provare, Dir!!! a Gaiole in chianti.
I miei pici erano di là.
;)


21 Set 2010 | ore 00:14

La rete è piena di ricette, viene quasi la nausea.
Io ormai leggo pochi blog perché voglio che le ricette siano ben scritte, siano facilmente eseguibili e abbiano belle foto.
Se si seguono questi criteri, di blog così ben fatti ne restano al massimo una quindicina ad essere generosi.
Mi piacerebbe sapere da chi legge il paperogiallo quali altri blog di ricette e di cucina segue regolarmente.

21 Set 2010 | ore 09:48

Dunque: io seguo il Cavoletto di bruxelles, Kitty's kitchen, spigoloso, Erborina in cucina, Uno me lo sono fatto con un gruppo di amici: ciricette

21 Set 2010 | ore 10:17

A casa mia (nonna montalcinese) non si mette il formaggio sulle briciole.

21 Set 2010 | ore 10:19

Questa ricetta,BUONISSIMA!!,in puglia la chiamiamo
"pasta di s.Giuseppe" perche la si fà, in genere, per la ricorrenza del santo.Ciao,rosa

09 Ott 2010 | ore 20:37

l'aglione si chiama così non perchè trattasi di grossi spicchi d'aglio, è proprio una particolare pianta che viene coltivata qui in Toscana (tra la val d'orcia e la valdichiana) è molto meno forte e più delicata dell'aglio e anche se è vero che sembrano dei grossi spicchi d'aglio è proprio un'altra cosa sia nel sapore che nella consistenza (infatti si scioglie praticamente nella salsa di pomodoro durante la cottura)......fidatevi....ve lo assicura una toscana che mangia pici all'aglione da quando a messo i primi denti!!!!!!!!...........

15 Ott 2011 | ore 15:10

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Risotto_barbera.jpg Risotto alla barbera

Il cielo è più grigio e la temperatura è calata, è tempo di piatti caldi e...


ultimi commenti

  • Alessandro - Lo stato italiano dovrebbe finanziare le banche ancor piu'...
  • piermiga - Quando Antonella entrò nel camerino lui era seduto e...
  • Raffaele - Mi tocca essere d'accordo con Gumbo Chicken!!!...
  • Roberto Bentivegna - :( Non più tardi di qualche mese fa ti...
  • gumbo chicken - Vista l'insensibilità del commento di Tristano - che condanna...
  • Tristano - Che strana gente è quella che si occupa di...

ultimi post

20
Gen
Una rosa bianca per il Maestro Abbado - Foto ANSAE' morto alle 8,30 del...
18
Gen
Prendere esempio da Ducasse? No, l'esempio sono i fratelli Roca - Avevano già le tre stelle Michelin...
16
Gen
Fool racconta l'Italia del cibo. Un po' come te l'aspetti, ma anche no - E' uscito Fool n. 4 dedicato...
14
Gen
La grande bellezza di Roma che piace agli stranieri e non agli italiani - La grande bellezza è un bel...
09
Gen
Aprire è un po' morire - Lo sai che Piripicchio ha aperto...
07
Gen
Spaghetti alla bolognese made in New Zealand - Venti giorni senza cucina italiana a...
04
Gen
15 giorni da Valerio M. Visintin senza passamontagna, occhiali e guanti neri - Lo sognavo da tempo ma in Italia...
04
Gen
Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina - Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli...
Pici_1.jpg Pici con le briciole

Dopo tanto sud torniamo nell'Italia Centrale, in Toscana, per raccontare una bella ricetta semplice e popolare,...


ultime letture

IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


IMG_0522.jpg Gianni Brera, il grande padano

Ho ripreso in mano La pacciada, il...


Twitter
Friendfeed