29
Dic 2010
ore 17:52

Minestra maritata di mia suocera

< >

minestra_maritata.jpg

Mentre io me ne sto disteso al sole pensando ad altro mi arriva una mail di Maurizio Cortese che contiene la ricetta della minestra maritata così come la prepara sua suocera.
Una pugnalata alle spalle del turista natalizio quale ormai sono diventato io perché proprio di una grande minestra maritata abbiamo disquisito con Maurizio e Cristina poco prima di partire e lo abbiamo fatto, guarda un po', davanti a un piatto di minestra maritata seduti ai tavoli della Masseria dei Trianelli.
Era buonissima ma Cristina mi ha detto che sua madre...
Ed eccola qui la ricetta della minestra maritata della mamma di Cristina Cortese che proditoriamente Maurizio mi ha mandato per email a Bangkok.
In questo caso si può dire che la globalizzazione nulla può in quanto le mail arrivano dovunque ma la minestra no.
E allora eccovi la ricetta e vedete di non sbavare troppo.



Minestra maritata di mia suocera      

INGREDIENTI PER 15 PERSONE
Mezzo cappone, mezzo chilo di manzo.
Per ogni persona calcolare mezzo chilo di verdure.
Queste: scarolella, cicoria, torzelle, broccoletti e in misura minore borragine e verza.
Salsicce di maiale, salsicce secche piccanti.

In acqua fredda e in pentole separate mettere a bollire il manzo e il cappone. Schiumare. Mettere cipolla, carota e sedano e far bollire per non più di tre ore.

Nel frattempo pulire accuratamente le verdure e lessarle per pochi minuti in acqua bollente, scolarle, e una volta fredde strizzarle il più possibile per fare defluire l’acqua assorbita durante la cottura.

Fare bollire le salsicce fresche e piccanti in poca acqua per trenta minuti.

Mettere in una grande pentola i due brodi filtrati, le verdure, le salsicce tagliate a rondelle e far sobbollire lentamente per trenta minuti.

Servire con una spolverata di pecorino a piacere.

PS – La carne usata per il brodo mia suocera la mette da parte perché insapore, la utilizza eventualmente solo per gli ospiti sgraditi :-)

TESTO E FOTO DI MAURIZIO CORTESE

commenti 18

Non posso che provare anche questa ricetta per vedere se la mamma di Cristina è in grado di stupirmi! :-) Auguri di buone feste Lisa

29 Dic 2010 | ore 18:54

Il riscatto delle suocere!!! In mancanza la farò fare da mammà!

29 Dic 2010 | ore 18:58

con il mio olio, a detta di maurizio, sarebbe super!
Proviamo?

29 Dic 2010 | ore 19:15

Non credo che con il tuo solo nome Stefano si ricorderà di te. Il tuo e' quel magnifico olio che abbiamo provato al nuovo ristorante di Antonella Iandolo, vicino Avelliino. C'è qualcuno che l'olio lo aggiunge a crudo, anche se a me non piace, ma il tuo starebbe bene ovunque!

29 Dic 2010 | ore 20:05

Ma le insalate che finiscono in elle si trovano anche fuori Campania? :-)
Ci si potrà adattare almeno la scarola "normale"?

29 Dic 2010 | ore 20:53

Vorrei prima di tutto ringraziare il Sig. Bonilli per aver pubblicato la mia ricetta, questi sono gli scherzi che mi combina mio genero!
Rispondo alla domanda che mi e' stata posta. Questa e' una ricetta profondamente legata al territorio, difficile da riprodurre alla lettera fuori regione. Il mio consiglio e' quello di adoperare verdure tenere bilanciando le dolci e le amare ed evitando quelle dal sapore ferroso tipo gli spinaci, magari reperendo verdure selvatiche laddove e' possibile.

29 Dic 2010 | ore 21:28

ecco anche il cognome che da il nome all'olio ;).
Complimenti alla suocera, spero di provare la sua minestra prima o poi.

30 Dic 2010 | ore 10:25

se e' facile trovare i "friarielli" al nord, credo che le Torcelle siano confinatissime

30 Dic 2010 | ore 16:18

Grazie, allora mediteremo una variante piemontese basandoci sui sapori e vediamo che succede.
Già che ci siamo, ancora una curiosità: ma la cicoria che si trova da quelle parti a quest'epoca che aspetto ha?
Perché io di solito d'estate qui vedo quella dei prati (Tarassaco?).
D'inverno quella cimata con i gambi piuttosto lunghi e spessi (che però mi pare ancora un po' diversa da quella delle puntarelle a Roma che a occasionalmente ho visto qui, chiamata con lo stesso nome).
Insomma che confusione con tutte queste erbe!

31 Dic 2010 | ore 12:26

Ma i friarielli e le cime di rapa sono la stessa cosa, solo più o meno cresciuti oppure no?
Senza contare i peperoncini verdi che a volte pure si chiamano allo stesso modo?

31 Dic 2010 | ore 12:33

Le verdure che si usano qui da noi per fare la minestra sono quelle "novelle". La cicoria in particolare (detta anche cicorietta) è filiforme lunga dai 15 ai 20 cm. ed è simile alla scarolella che però, pur avendo le stesse dimensioni, ha la foglia un pò più larga.
Gli erbivendoli la vendono legata a mazzetti!

31 Dic 2010 | ore 17:08

Buon anno Maurì.
Nella ricetta mia nonna aggiungeva e io pure ritendendoli indispensabili per il "maritaggio": cotica e piedino di maiale, salsiccia 'e purmone e la 'nnoglia.
In quanto alle verdure è meglio dirlo a Gumbo che i broccoli sono varietà locali e son chiamati: vruoccoli p'a menesta e vruoccolilli (l'uno amaro e l'altro appena dolce). Ah poi c'è pure il cavolo verza. La tecnica di cotture è la stessa con la fatica di un'intera giornata. Buon capodanno intanto che c'è tempo per la minestra mmaritata fino a Pasqua.

01 Gen 2011 | ore 09:58

Buon anno Maurì.
Nella ricetta mia nonna aggiungeva e io pure ritendendoli indispensabili per il "maritaggio": cotica e piedino di maiale, salsiccia 'e purmone e la 'nnoglia.
In quanto alle verdure è meglio dirlo a Gumbo che i broccoli sono varietà locali e son chiamati: vruoccoli p'a menesta e vruoccolilli (l'uno amaro e l'altro appena dolce) e che friarie4lli non son cime di rapa. Ah poi c'è pure il cavolo verza. La tecnica di cotture è la stessa con la fatica di un'intera giornata. Buon capodanno intanto che c'è tempo per la minestra mmaritata fino a Pasqua.

01 Gen 2011 | ore 10:01

Buon anno anche a te, Tommaso. I tuoi appunti sono da vero intenditore, per la verità anche mia suocera mette il piedino di porco ma lo considera un di più perciò non l'ho scritto. Le ricette poi sono tante, variano da paese a paese, l'unica cosa certa e' che certe verdure fuori dalla Campania non si trovano.

01 Gen 2011 | ore 12:53

Per le verdure mi sa che l'unica soddisfazione qui è la verza, che non solo si trova, ma ha pure la sua sagra a Montalto Dora! :-)€

01 Gen 2011 | ore 16:53

Credo che nei vari commenti ci sia stata un pò di confusione col termine "friarielli" che designa a Napoli e provincia una varietà di broccolo molto primitiva in cui, il broccolo appunto, è molto piccolo e con un sapore che si presta molto al passaggio in padella in abbondante olio aglio e peperoncino senza preventiva lessatura da cui il nome. Lo stesso termine friariello designa nel resto della Campania e in altre regioni del Sud, credo, una varietà di peperoni verdi dalla carne particolarmente sottile che si presta appunto anche in questo caso ad essere consumata fritta. E' il secondo che si trova anche nei supermercati nordici col nome italianizzato in "friggitelli" mentre il friariello napoletano è, credo, confinatissimo tra il Sele e il Garigliano!! ;-)

02 Gen 2011 | ore 15:02

A Roma è possibile utilizzare trovare una versione dei broccoletti simile ai friarielli, vengono da Sezze.

Non tutti li vendono e vanno in genere prenotati.

03 Gen 2011 | ore 11:54

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Pasta_sarde_1.jpg Pasta con le sarde

Eccola qui la pasta con le sarde, una di quelle ricette che tutti conoscono e nessuno...


ultimi commenti

ultimi post

29
Apr
Le formiche del Noma, i tortellini di Bottura, The50 Best e l'Italia che gufa - Renè RedzepiIn questo post si parlerà di...
28
Apr
Il gelato da F1 di Carapina è sbarcato a Roma - Carapina ha aperto la sua sede...
23
Apr
Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie - Con Gaetano Cappelli ci siamo visti...
14
Apr
Le vite degli altri, cioè di tutti noi, spiate anche al ristorante - Una scena tratta dal film "le vite...
12
Apr
Assunta Madre, un ristorante di pesce fresco e "cimici" - Assunta Madre, Il ristorante di attricette tv,...
09
Apr
Panino, dove hanno venduto una tonnellata di pane di Matera - Fatti 50 metri, forse meno, dall'ingresso...
02
Apr
Josean Alija, il Guggenheim di Bilbao, il ristorante Nerua e la sua storia - Se non siete mai stati da...
31
Mar
Bonci fa traffico... e anche pane e pizza - Gabriele Bonci è un bravo cuoco...
Pollo_arrosto_erbe.jpg Pollo arrosto alle erbe aromatiche

In momenti di crisi il pollo è un'ancora di salvezza perché anche i polli buoni esistono...


ultime letture

IMG_3446.jpg Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie

Con Gaetano Cappelli ci siamo visti da...


IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


Twitter
Friendfeed