07
Mar 2011
ore 21:34

Zeppole

< >

Zeppole_1.jpg

Stamattina c’è stata la presentazione di Slow Wine all’Open Colonna.
Io come al solito me me stavo al sole quando una sms mi ha risvegliato “come mai non sei da Colonna?”
Io ero convinto fosse nel pomeriggio ma mi sono precipitato, vuoi come ex editore di una guida dei vini, vuoi come amico del direttore editoriale della casa editrice di Slow Food.

Poi tornato a casa ho trovato una mail di un amico che mi ha scritto che domani è martedì grasso, ultima di carnevale, e voleva sapere quale ricetta avremo pubblicato.
Io che non sapevo nulla del carnevale, devo dire che almeno nel centro di Roma dove abito io non se ne vede traccia, mi sono rivolto alla mia autrice-cuoca-consigliera Annalisa Barbagli e qui è iniziato un dibattito su zeppole si – mia posizione – e lei che diceva che si fanno a San Giuseppe e io che dicevo ma chi se ne frega.
Alla fine l’ho convinta e così eccovi la ricetta di Annalisa e che sia un buon martedì grasso per tutti voi.

zeppole

Mettere sul fuoco una piccola casseruola a fondo pesante con 125 ml di acqua, 50 g di burro a pezzetti e una presa di sale. Quando l’acqua comincia a bollire e il burro è completamente fuso, unire in un colpo solo, 70 g di farina 00 setacciata e, contemporaneamente, mescolare con il cucchiaio di legno. Regolare la fiamma a metà e lavorare energicamente e senza interruzione, fino a quando il composto si stacca dalle pareti (circa 7-8 minuti).

A questo punto ritirare la casseruola dal fuoco e aggiungere 1/2 cucchiaio di zucchero e un uovo intero, battendo energicamente la pasta per un paio di minuti prima di unire un altro uovo. Continuare a battere fino a quando l’impasto è perfettamente omogeneo, liscio e leggero. (Con meno fatica si può fare questa operazione con la frusta elettrica montata con i ganci)

Zeppole_2.jpg

Preparare 12 piccoli quadrati di cartaforno. Trasferire l’impasto in un sac à poche con bocchetta spizzata da un cm e “disegnare” su ogni quadratino una piccola ciambella. Mettere sul fuoco una padella con abbondante olio di arachide (almeno 3 cm) e, quando è moderatamente caldo (160°), prendere un quadratino di carta da un angolo e tuffarlo capovolto nell’olio: la ciambella si staccherà immediatamente e la carta si può tirare via.

Mettere in padella 3 ciambelline alla volta e, quando sono belle gonfie, rialzare la fiamma e farle colorire dalle due parti. Sgocciolarle e passarle sulla carta da cucina.
Quando sono tutte pronte, spolverare le zeppole con lo zucchero a velo e guarnirle al centro con un ciuffo di crema pasticcera* e 2 amarene sciroppate.

crema_pasticcera.jpg

* crema pasticcera
Far bollire 250 ml di latte con 2 belle scorze di limone non trattato e lasciarlo intiepidire. Lavorare brevemente 2 tuorli con 60 g di zucchero e, di seguito, unire 40 g di farina 00. Continuando a mescolare, unire il latte tiepido versandolo a filo e far cuocere dolcemente la crema, mescolando, per 5 minuti fino a che si addensa. Versarla in una terrina e farci aderire un foglio di pellicola per evitare che si formi la pellicina.

La ricetta fa parte del volume Tipico italiano della collana Cucinare insieme

FOTO PAOLO DELLA CORTE

commenti 22

slurp slurp......in fondo quest'anno san giuseppe e carnevale sono coincidenti anche se la differenza è di pochi giorni....

07 Mar 2011 | ore 23:15

dalle mie parti (Belluno) si trovano, senza le amarene, e vengono chiamate "giuseppine". sono disponibili nelle pasticcerie durante il carnevale e secondo la tradizione fino al 19 marzo, giorno appunto di questo santo.

07 Mar 2011 | ore 23:49

Mi toccherà domani fare questo dolce, visto anche il grande freddo che c'è qui al nord.
E' un duro lavoro per noi golosi.

07 Mar 2011 | ore 23:57

Le faro' ma a San Giuseppe: in qualcosa bisogna essere conservatori (della tradizione)! Ricordo vagamente la ricetta, ma mi pareva che ci fossero tante uova (troppe!), oppure forse se ne facevano a vagonate. Si portavano a tutti i Giuseppe e Giuseppina. Pero' io preferivo e preferisco ancora i babà.

08 Mar 2011 | ore 00:50

Zeppola di Carnevale? vabbè passi il desiderio del direttore. Ma, fatemelo pensare e dire, che ci azzecca?

08 Mar 2011 | ore 08:54

che golosità!

08 Mar 2011 | ore 10:54

Dalle mie parti (in sicilia) a San Giuseppe si fanno le sfingi di riso...quindi oggi posso fare le zeppole!
Grazie per la ricetta, se è della Barbagli è sempre una garanzia.

08 Mar 2011 | ore 11:06

commento di mia mamma, specialista in dolci: la ricetta è ottima, le amarene sono industriali, sono troppo tonde.

08 Mar 2011 | ore 12:49

È vero! Sono amarene Fabbri, quelle nel barattolo bianco e blu.

08 Mar 2011 | ore 13:09

mi piace... e molto!

08 Mar 2011 | ore 13:09

Madonna che voglia!!

08 Mar 2011 | ore 13:45

Io stavo per rifare le frittelle di riso, ma mi sa che mi lancio nelle zeppole (mai fatte). Grazie dell'idea!

08 Mar 2011 | ore 16:03

Saranno anche le zeppole di S.Giuseppe ma sono buonissime anche a carnevale! Bravi bravi
Vi posso chiedere di dare un'occhiata al mio blog? Ho avviato un contest che è si dedicato all'unità d'Italia ma è un progetto molto particolare e cosa molto bella è a scopo benefico.
Grazie

08 Mar 2011 | ore 19:01

Buone, ma di San Giuseppe. A Carnevale so' chiacchiere e basta, magari con il sanguinaccio

08 Mar 2011 | ore 23:06

che golosità le farò nel fine settimana e poi vi dico

09 Mar 2011 | ore 22:44

si magari con il sanguinaccio che si poteva gustare fino a metà anni 80

altro che bustine solubili

10 Mar 2011 | ore 17:03

Carnevale è passato... ci rifaremo a San Giuseppe!

10 Mar 2011 | ore 21:54

Semplicemente meravigliose!!! :-)

19 Mar 2011 | ore 20:28

Sono spettacolari!!

20 Mar 2011 | ore 22:28

Queste le proverò sicuramente! Devono essere buonissime!

21 Mar 2011 | ore 17:40

troppo goloso il vostro sito ......

09 Apr 2011 | ore 21:40

è uno dei dolci più buoni che siano mai stati fatti,a mio giudizio,e questa è la vera e più fedele ricetta .COMPLIMENTI

19 Gen 2013 | ore 12:26

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Pasta_sarde_1.jpg Pasta con le sarde

Eccola qui la pasta con le sarde, una di quelle ricette che tutti conoscono e nessuno...


ultimi commenti

ultimi post

29
Apr
Le formiche del Noma, i tortellini di Bottura, The50 Best e l'Italia che gufa - Renè RedzepiIn questo post si parlerà di...
28
Apr
Il gelato da F1 di Carapina è sbarcato a Roma - Carapina ha aperto la sua sede...
23
Apr
Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie - Con Gaetano Cappelli ci siamo visti...
14
Apr
Le vite degli altri, cioè di tutti noi, spiate anche al ristorante - Una scena tratta dal film "le vite...
12
Apr
Assunta Madre, un ristorante di pesce fresco e "cimici" - Assunta Madre, Il ristorante di attricette tv,...
09
Apr
Panino, dove hanno venduto una tonnellata di pane di Matera - Fatti 50 metri, forse meno, dall'ingresso...
02
Apr
Josean Alija, il Guggenheim di Bilbao, il ristorante Nerua e la sua storia - Se non siete mai stati da...
31
Mar
Bonci fa traffico... e anche pane e pizza - Gabriele Bonci è un bravo cuoco...
Pollo_arrosto_erbe.jpg Pollo arrosto alle erbe aromatiche

In momenti di crisi il pollo è un'ancora di salvezza perché anche i polli buoni esistono...


ultime letture

IMG_3446.jpg Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie

Con Gaetano Cappelli ci siamo visti da...


IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


Twitter
Friendfeed