09
Apr 2011
ore 17:06

La frittata di cavolfiore col violetto di Sicilia

< >

IMG_7421 - Version 2.jpg

Andare al mercato è anche un'esperienza visiva e cromatica.
Per esempio il cavolfiore Violetto di Sicilia ti colpisce perché spicca tra le altre verdure, si trova solo tra febbraio e marzo ed è chiamato anche Cimone o Bastardone.
Oltre che bello a vedersi è anche buono ed è adatto per la preparazione di molte ricette, dal cavolfiore gratinato, al cavolfiore fritto, alla frittata di cavolfiore.
Ecco la ricetta presa dal libro di Jeanne Caròla Francesconi La cucina napoletana Edizioni del Delfino pag 308:

Frittata di cavolfiore

Uova 6
Cavolfiore mondato Kg 1
Parmigiano 2 cucchiai e 1/2
Formaggio romano mezzo cucchiaio
Olio gr 100
Cipolla mezza
Prezzemolo un ciuffo
sale e pepe

Lavate e tagliate a pezzi il cavolfiore.
Fate rosolare la copolla con l'olio, aggiungete il cavolfiore crudo e il sale e fate cuocere lentamente a recipiente coperto. Lasciate poi raffreddare.
Battete le uova con il parmigiano, il romano, il prezzemolo, sale e pepe e mischiatevi il cavolfiore ben sgocciolato.
Mettete in una padella non troppo grande (la frittata dovrà avere circa 3 cm di spessore) usando come grasso metà dell'olio di cottura del cavolfiore, le uova sbattute e il cavolfiore e a fuoco lento, mescolando continuamente, fatelo rapprendere. Spianate la frittata e fatela rosolare prima da una parte e, dopo averla rivoltata e messo il resto del condimento, dall'altra.

commenti 11

Mi sembra una ricetta interessante, il libro di Carola Francesconi ce l'ho anche io ed è molto bello perché suggerisce ricette della cucina napoletana autentiche e che sui libri di ricette di solito non si trovano.

10 Apr 2011 | ore 00:39

Che gran bel libro è quello della Jeanne Caròla Francesconi, La Cucina Napoletana, io ho l'edizione della Newton ma temo proprio che i suoi lettori ignorino questi titoli di nicchia e come la maggior parte di chi usa il web siano attratti solo dal gossip, da argomenti facili e di libri ne sappiano assai poco.

10 Apr 2011 | ore 12:05

Non credo proprio che i lettori di questo blog ignorino i libri e i migliori titoli del settore, anzi, quando faccio delle recensioni c'è grande interesse.

10 Apr 2011 | ore 12:29

Nemmeno io ritengo che gli affezionati di questo bel sito disertino libri e opuscoli di cucina qualificata.Un briciolo di considerazione in più per i lettori è segno di buon gusto. La gastronomia è talmente un’angolazione di nicchia che il frequentatore di "lidi" come questo è necessariamente un fan del buon desinare. Come avviene un po’ ovunque quando “si esce” con una notizia piccante o esclusiva automaticamente i commenti dei blogger salgono; come la febbre:-) Idem quando ci sono diatribe o polemiche. Spero, invece, che la gente (anche non appassionata) frequenti di più i portali e blog di cucina. In questi anni 'sfigati' saper cucinare e quindi risparmiare è un vantaggio. La ricetta presentata è davvero squisita.

10 Apr 2011 | ore 18:12

Anche io possiedo da molti anni (credo più di 10) il libro della Carola Francesconi. Volume fondamentale: è l'unico di cucina napoletana dove ho trovata la ricetta della frittata di vermicelli (senza uova!) che è una ricetta che si tramanda nella mia famiglia.

E aggiungo anche che mi è arrivata proprio ieri La cucina napoletana di Tubelli, ordinata fidandomi della segnalazione del direttore (purtroppo non sono ancora riuscita neanche a sfogliarla!).

Può bastare per qualificare il lettore di questo blog? :-))

10 Apr 2011 | ore 19:13

Sempre simpatico Tristano.
Deve aver fatto una scuola apposta.

10 Apr 2011 | ore 21:38

Non si è capito che io non volevo offendere nessuno ma sottolineavo lo scarso interesse, cioè la scarsa attenzione dei lettori di questo blog per i libri segnalati dal direttore e quello che dico è confermato dai pochi interventi.
Strano che Luca non sia intervenuto per insultare, come fa di solito.

10 Apr 2011 | ore 23:39

parli per sé, la prego.

11 Apr 2011 | ore 00:29

che bella ricetta, cercherò il libro!

11 Apr 2011 | ore 11:28

Veramente i pochi interventi non confermano un granché: mi pare logico che un argomento più gossiparo o tendente al dibattito abbia molti più interventi.
Quando si parla di un libro...a me pare normale prendere nota senza dire niente, che dovrei dire?

11 Apr 2011 | ore 12:38

Ricetta semplice, interessante il violetto di sicilia che non conoscevo.

11 Apr 2011 | ore 16:11

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Risotto_barbera.jpg Risotto alla barbera

Il cielo è più grigio e la temperatura è calata, è tempo di piatti caldi e...


ultimi commenti

  • Alessandro - Lo stato italiano dovrebbe finanziare le banche ancor piu'...
  • piermiga - Quando Antonella entrò nel camerino lui era seduto e...
  • Raffaele - Mi tocca essere d'accordo con Gumbo Chicken!!!...
  • Roberto Bentivegna - :( Non più tardi di qualche mese fa ti...
  • gumbo chicken - Vista l'insensibilità del commento di Tristano - che condanna...
  • Tristano - Che strana gente è quella che si occupa di...

ultimi post

20
Gen
Una rosa bianca per il Maestro Abbado - Foto ANSAE' morto alle 8,30 del...
18
Gen
Prendere esempio da Ducasse? No, l'esempio sono i fratelli Roca - Avevano già le tre stelle Michelin...
16
Gen
Fool racconta l'Italia del cibo. Un po' come te l'aspetti, ma anche no - E' uscito Fool n. 4 dedicato...
14
Gen
La grande bellezza di Roma che piace agli stranieri e non agli italiani - La grande bellezza è un bel...
09
Gen
Aprire è un po' morire - Lo sai che Piripicchio ha aperto...
07
Gen
Spaghetti alla bolognese made in New Zealand - Venti giorni senza cucina italiana a...
04
Gen
15 giorni da Valerio M. Visintin senza passamontagna, occhiali e guanti neri - Lo sognavo da tempo ma in Italia...
04
Gen
Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina - Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli...
Pici_1.jpg Pici con le briciole

Dopo tanto sud torniamo nell'Italia Centrale, in Toscana, per raccontare una bella ricetta semplice e popolare,...


ultime letture

IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


IMG_0522.jpg Gianni Brera, il grande padano

Ho ripreso in mano La pacciada, il...


Twitter
Friendfeed