31
Lug 2011
ore 06:00

Nostalgia

< >

001-MAU80216.jpg

E' quasi cancellato, è un disegno che si vede percorrendo la strada che da Roses porta a Cala Montjoi.
Una volta ce n'erano molti lungo la parete di roccia che costeggia la strada.
La strada non era asfaltata, e chi faceva quel percorso accidentato o andava alle spiagge belle e nascoste della Costa Brava, o stava seguendo proprio quel segnale, quel buldog dipinto sulla parete di roccia, per arrivare fino a una bella villa, proprio in riva al mare, che era/è un ristorante.
Oggi quel ristorante chiude.
Per me è un bel ricordo, era tutto più spontaneo e garibaldino in quel 1998 e anche la prima cena in quel ristorante è stata bella.
Mi ricordo che ho ordinato un piatto catalano, il coniglio con le vongole, terra mare, la tradizione locale.
Loro erano simpatici e entusiasti, noi capivamo di essere capitati in un posto speciale.
Poi sono successe tante cose nel mondo, lì a Cala Montjoi, e anche a me.
E adesso che guardo le cose da lontano, io che, per via del fuso orario sono già a domenica 31 luglio mattina, e guardo come dentro un canocchiale, e seguo su twitter le foto di Bottura che immortalano i cuochi che stanno cucinando in quel ristorante sulla riva del mare per l'ultima volta, mi viene una grande nostalgia di "come eravamo", dei tempi passati, di un clima diverso, di quell'entusiasmo che ci faceva scoprire ogni giorno cose nuove.
Deve essere la vecchiaia :-))

Foto Maurizio Camagna

commenti 5

Bello, bellissimo, non c'è che dire.
Credo che chiunque faccia il proprio lavoro con passione non ambisca che a questo. Essere ricordati per aver simboleggiato qualcosa e aver lasciato una traccia nei ricordi di un'altra persona. Certo non si può pensare di essere ricordati come uno dei geniali rivoluzionatori della storia gastronomica, negli ultimi dieci anni è riuscito solo ad Adrià, ma forse ci si puó accontentare di qualcosa di meno.
"quello è il posto della mia prima cena gourmet..."
"in quel locale ho mangiato il miglior secondo della mia vita..."
"era il ristorante preferito dai miei..."
"quel posto l'ho scelto per chiedere a mia moglie di sposarmi..."
Hai ragione, nei ricordi c'è sempre una vena di nostalgia che, ne sono certo, quando leggerà queste tue righe assalirà anche Adrià seppur affiancata dalla convinzione di aver usufruito di un grande privilegio.
Perchè è bello sperare di aver lasciato il segno, bellissimo sentirsi raccontare nei ricordi di qualcun altro.


31 Lug 2011 | ore 00:31

E' un momento di ricordi, di gioia e forse di rimpianti anche per me: per esserci stato, per non aver mai dimenticato quei giorni e per non essere riuscito a tornarci. In ogni caso, bravo Adrià!

31 Lug 2011 | ore 01:29

Capisco, viene la nostalgia a me che non c'entro nulla e che in fondo non ci ho nemmeno mai mangiato se non per quell'indimenticabile "hamburguesa" e che quel "Bulli" l'ho visto solo così, già scolorito al punto da sembrare quasi, in fotografia, un guerriero greco.
Adesso forse capisco perché in questi giorni essere agli antipodi era l'unica soluzione possibile!

31 Lug 2011 | ore 10:38

Mi ribello, simpaticamente, ma mi ribello al post.
Che la fine di qualcosa, di una bella storia, di un luogo, di simboli, produca nostalgia è sicuramente normale.
Però Ferran Adrià prima di essere un grande chef è abile uomo di marketing e ha capito che c'è un momento per ogni cosa, anche per chiudere, e con grande intelligenza lo ha fatto all'apice del successo. Averlo fatto in questo momento gli permetterà, sulla scia positiva, di andare oltre el bulli e di non distruggere una bella storia, ma di proseguirla, sotto altre forme.
Si è scritto, si scrive, che abbia chiuso perchè il suo ristorante non produceva utili. Balle. Se solo avesse voluto far girare soldi intorno al brand el bulli, il ristorante più famoso del mondo, avrebbe fatto fortune inimmaginabili. E forse lo sta facendo....
E ora vengo alla tua vecchiaia :-)
Beh, mi piacerebbe invecchiare con la tua curiosità, con la voglia che ci metti nel fare le cose, nonostante la tua grande avventura, pur recente, non sia finita nel migliore dei modi.
Sei andato oltre anche tu e lo dimostra il fatto che insieme stiamo lavorando per un altro progetto e la cosa che ho più volte notato è che lo stai facendo senza mai guardarti indietro, nemmeno per un momento. Certo, stiamo nascendo, c'è tanta strada da fare ma credo siano state messe delle buone basi, soprattutto per quanto riguarda le risorse umane. Parlo della nostra gazzetta gastronomica, che ti vede e ti vedrà protagonista. Ancora una volta. Nessuna nostalgia, quindi, dei tempi andati, anzi, affrettati a tornare!


31 Lug 2011 | ore 11:33

Obrigado, compañero :-))

31 Lug 2011 | ore 23:58

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Pasta_sarde_1.jpg Pasta con le sarde

Eccola qui la pasta con le sarde, una di quelle ricette che tutti conoscono e nessuno...


ultimi commenti

ultimi post

29
Apr
Le formiche del Noma, i tortellini di Bottura, The50 Best e l'Italia che gufa - Renè RedzepiIn questo post si parlerà di...
28
Apr
Il gelato da F1 di Carapina è sbarcato a Roma - Carapina ha aperto la sua sede...
23
Apr
Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie - Con Gaetano Cappelli ci siamo visti...
14
Apr
Le vite degli altri, cioè di tutti noi, spiate anche al ristorante - Una scena tratta dal film "le vite...
12
Apr
Assunta Madre, un ristorante di pesce fresco e "cimici" - Assunta Madre, Il ristorante di attricette tv,...
09
Apr
Panino, dove hanno venduto una tonnellata di pane di Matera - Fatti 50 metri, forse meno, dall'ingresso...
02
Apr
Josean Alija, il Guggenheim di Bilbao, il ristorante Nerua e la sua storia - Se non siete mai stati da...
31
Mar
Bonci fa traffico... e anche pane e pizza - Gabriele Bonci è un bravo cuoco...
Pollo_arrosto_erbe.jpg Pollo arrosto alle erbe aromatiche

In momenti di crisi il pollo è un'ancora di salvezza perché anche i polli buoni esistono...


ultime letture

IMG_3446.jpg Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie

Con Gaetano Cappelli ci siamo visti da...


IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


Twitter
Friendfeed