15
Ago 2011
ore 20:17

Ferragosto e la lasagna partenopea

< >

IMG_9899.jpg

Il sogno dell'appassionato di cucina per il giorno di Ferragosto è un ristorante in riva al mare, deserto e con una grande cucina affollata di bravi cuochi a disposizione.
Spiagge gremite, parcheggi esauriti, eppure questo ristorante esiste, è il Quattro Passi di Nerano, e noi alle 13 di un Ferragosto solare ne siamo gli unici e felici ospiti.

IMG_9830.jpg

Terminata la ristrutturazione da pochi giorni il Quattro Passi di Tonino e Rita Mellino è un bellissimo ristorante affacciato sulla Baia di Marina del Cantone.
Noi ci siamo capitati dopo avere letto la annuale intervista di Licia Granello a Mastro Vizzari su Repubblica circa lo stato della cucina italiana, i piatti migliori, il cuoco dell'anno, i giovani emergenti.
Piatto dell'anno, secondo la Guida dell'Espresso è  la Lasagna Partenopea di Tonino Mellino dei Quattro Passi e noi che stiamo a Sant'Agata non possiamo che scendere verso Nerano per verificare di persona.

IMG_9842.jpg
IMG_9867.jpg

Certo, il piatto non è di quelli da agosto pieno, è il tipico piatto di Carnevale ma Tonino ne aveva preparata una pirofila in previsione dell'articolo di Repubblica.
E noi ne abbiamo goduto appieno e dopo di noi altri clienti, loro con orari più napoletani, arrivati verso le 15.

IMG_9887.jpg

Pasta sfoglia, classico ragù napoletano, ricotta, mozzarella, polpettine e uova sode, un piatto importante, impegnativo, buono e che d'ora in poi al Quattro Passi si farà oltre che nei periodi dell'anno canonici anche il 15 di agosto.
IMG_9872.jpg
IMG_9875.jpg

L'antipasto per preparare lo stomaco  all'arrivo della lasagna è stato un piatto di carpaccio di ricciola con ovuli, julienne di sedano e rape rosse e una mozzarella di bufala di Rivabianca con pomodori cuore di bue da fare invidia a quelli di Peppino dello Scoglio.
Poi, dopo la lasagna, sorbetto e frutta.

IMG_9912.jpg
IMG_9905.jpg

Un pranzo incredibile sia per la bellezza del ristorante, per la vista, per il clima di assoluto relax, sia per i piatti, lasagna in testa, che parlano di una grande cucina.
Se vedere la lasagna partenopea insignita del titolo di piatto dell'anno da parte della guida dell'Espresso fa pensare che la tradizione segna un grande punto a suo favore, la cucina del Quattro Passi dice anche che ormai questa zona è ai vertici della cucina nazionale perché qui in Costiera c'è il Don Alfonso a Sant'Agata, La Torre del Saracino a Marina di Seiano, la Taverna del Capitano a Marina del Cantone, il Buco a Sorrento, Nonna Rosa, l'Accanto dell'Hotel Angiolieri, il Bikini a Vico Equense.

Quattro Passi
Baia Marina del Cantone:
40°3455,60 N - 14°2127,55 E
tel 081 8082800
info@ristorantequattropassi.com
Sempre aperto in estate
Menù degustazione € 100


Foto S. Bonilli

commenti 11

Mi ha molto colpito che la scelta del piatto dell'anno sia caduta su una lasagna, piatto che più tradizionale non si può, cosa che da napoletano, fra l'altro, non può che farmi piacere. Non so se questa scelta sia stata fatta per indicare una strada, dare un segnale, ovvero di un ritorno alle tradizioni, oppure perché quel piatto è stato semplicemente il classico colpo del ko e basta.
Un'altra cosa mi ha molto colpito dopo aver visitato negli ultimi giorni due ristoranti reduci da importanti e riuscite ristrutturazioni come il nuovo Reale di Niko Romito e il Quattro Passi di Tonino Mellino. Si è data molta importanza all'accoglienza, al pre e al post cena, entrambi gli chef hanno curato e studiato tutto nei minimi particolari. A proposito di nuove tendenze....

15 Ago 2011 | ore 21:37

La forza della storia, del territorio, manco da molto ci andrò presto.

15 Ago 2011 | ore 22:57

Mi incuriosisce questa lasagna paternopea (il nome è bellissimo),
cosa ci possa essere di tanto buono.

E' da provare!!!

16 Ago 2011 | ore 14:19

Finalmente la rivalorizzazione della lasagna e che lasagna, sono strafelice che sia stata proposta da Tonino Mellino.

16 Ago 2011 | ore 21:06

Mah la classica lasagna campana non capisco quale sia la novita'!,

17 Ago 2011 | ore 00:48

la ricetta della lasagna citata è la più classica in assoluto, quella che trovi in qualunque casa napoletana.
Inoltre la lasagna è storicamente il piatto del pranzo dell'Assunta, a Napoli e in quasi tutta la Campania.
Insomma, non vedo il motivo di tanto entusiasmo e sorpresa che permea questo post.

17 Ago 2011 | ore 18:25

Sempre più "Costiera mood" mi verrebbe da dire Sig. Bonilli. Che bello vedere finalmente un'eccellenza (che affiancata da una seria politica turistica darebbe il suo vero contributo a questa ns Italia tanto bistrattata) del sud a farla da padrone, forse in aggiunta al Salento e alla Sicilia, le ns ricchezze turistiche-alimentari-culturali dimenticate.
Io se posso suggerire ho cenato divinamente dallo Chef Danilo Di Vuolo di Capo la Gala, una persona incredibile.
A quando una sua visita/opinione vista la vicinanza del già così pubblicizzato Bikini?
I miei migliori saluti.

18 Ago 2011 | ore 11:17

concordo con il Sig. Roberto,ho cenato anche io al Maxi del Capo la Gala, che penso possa entrare a pieno nella lista del Sign. Bonilli.suggerisco a tutti di andarci.

19 Ago 2011 | ore 19:56

x il Signor Bonilli : MA COME SI FA A PARLARE DEL OMONIMO BIKINI E NON DEL MAXI CHE TRA L'ALTRO GODE DI UNA STELLA MICHELIN???
Sinceramente sconcertato....

20 Ago 2011 | ore 10:47

Il "Quattro Passi": se ne parla poco, molto meno di quanto meriterebbe.
Tempo fa ne parlavo in tale senso su un noto glog e molti mi hanno riso dietro...

21 Ago 2011 | ore 19:17

Tonino è grandissimo, come cuoco e, sopratutto, come persona. Ricordo con nostalgia le cene nel giardino e le colazioni nella fantyastica terrazza che abbiamo avuto il piacere di inaugurare. Sono veramnetye contento di vedere che, finalmente, si comincia a parlare anche di lui in una zona piena di geni, alcuni esgeratamente sopravalutati, della cucina.

24 Ago 2011 | ore 18:17

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Risotto_barbera.jpg Risotto alla barbera

Il cielo è più grigio e la temperatura è calata, è tempo di piatti caldi e...


ultimi commenti

ultimi post

26
Feb
Gastrofighetti e radical-chic a noi? Meglio che fare giornalismo d'accatto - Mi si nota di più se...
20
Feb
MasterChef il programma Buono Pulito e Giusto - Stavo pranzando da solo e invece...
18
Feb
Un'insalatina e due spaghetti, così tanto per mangiare - L'insalata di Enrico Crippa non è mai...
17
Feb
Le frattaglie di Cazzullo - Nella sua rubrica su Io Donna, Aldo...
07
Feb
Un bel romanzo di cuochi, piatti arcaici e provincia - Stelle Starlet e Adorabili Frattaglie è...
04
Feb
Benvenuti negli hotel di Roma di proprietà della camorra - Benvenuti negli hotel della camorra, in...
29
Gen
Voglio imparare a fare la sfoglia, riscoprire la manualità e divertirmi - Una scuola per insegnare a fare...
23
Gen
A Roma si va a pranzo dalla camorra - Siamo in Piazza della Maddalena, alle...
Pici_1.jpg Pici con le briciole

Dopo tanto sud torniamo nell'Italia Centrale, in Toscana, per raccontare una bella ricetta semplice e popolare,...


ultime letture

IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


IMG_0522.jpg Gianni Brera, il grande padano

Ho ripreso in mano La pacciada, il...


Twitter
Friendfeed