12
Nov 2011
ore 15:17

Bologna, in via Santa Caterina, l'Osteria Bottega e il mago Daniele

< >

Osteria_bottega_2011_1.jpg

Una sera a cena la settimana scorsa, a Bologna.
Sono arrivati gli antipasti, la polenta con la coppa, i carciofi, il salame, Dio che salame, e la salsiccia fresca perché con Daniele non riesci a sottrarti al rito degli antipasti, che poi è un rito libidinoso, perché la materia prima è sempre grande perché a Daniele Minarelli piace giocare in grande in questa piccola Osteria Bottega che a Bologna ha pochi rivali e dove è sempre difficile andare se non si prenota per tempo.

Osteria_bottega_2011_2.jpg

Il rito è sempre uguale e sempre divertente, Daniele si avvicina al tavolo e inizia a raccontare i piatti e i prodotti, chi fa cosa e da dove proviene il formaggio o il salame poi scrive dei geroglifici che solo lui capisce e iniziano ad arrivare piatti su piatti di salumi e poi i primi e i 24 fortunati bevono e mangiano sotto i vigili occhi di Daniele e dei due bravi camerieri.
Gnocchetti e stricchetti sono dei grandi primi, i tortelloni sono perfetti e il cotechino è così buono, delicato, di grana giusta e morbida che ti verrebbe voglia di farti male e riprenderne un secondo piatto.

Osteria_bottega_2011_3.jpg

E mentre gli altri prendono il dolce io riprendo la gramigna con salsiccia, come capriccio, come perversione gastronomica, è buona, dopo due forchettate il piatto fa il giro del nostro tavolo.
Una bella serata, come sempre, questa volta niente tortellini in brodo, niente tagliatelle col ragù, niente lasagne e niente l'immensa cotoletta alla bolognese, i piatti mitici dell'Osteria.

FOTO iPhone ELISIA MENDUNI


Osteria Bottega
Via Santa Caterina 51
Bologna
Tel 051 585111
chiuso domenica e lunedì
€ 35/40 vini esclusi

commenti 15

Che meraviglia, ci voglio andareeeeeee

12 Nov 2011 | ore 15:59

Ai "tortellini in brodo di cappone" già ci avevo pensato io, qualche settimana prima. È stato il primo piatto invernale dell'anno, non poteva esserci partenza migliore!

12 Nov 2011 | ore 16:43

Libidinoso, se voleva ingolosirmi c è riuscito in pieno.
Grande osteria,ottimo post e fan belle foto.

12 Nov 2011 | ore 17:00

Però ti sei perso la cotoletta...che è veramente il top!! Mi sa che ti tocca riandarci....che sacrificio! :-)

13 Nov 2011 | ore 11:07

Lo so, me lo aveva detto anche Stefano. La cotoletta è in agenda :-)

13 Nov 2011 | ore 12:54

Bhe potevi "non fidarti" del mio giudizio....ma se te lo dice il direttore vuol dire che è proprio così! :-)

13 Nov 2011 | ore 13:15

potrei farmi un viaggio anche solo per quella polenta con la coppa!!!

13 Nov 2011 | ore 15:51

Beh... come si fa a dimenticare l'Osteria Bottega? Impossibile... dal mitico pranzo dei tortellini in poi... quando torniamo a Bologna andiamo sempre lì...

13 Nov 2011 | ore 18:27

Beh, che dire, io c'ho lo studio a nemmeno 300 metri dall'Osteria... Evitare di andarci almeno due volte a settimana è esercizio di autocontrollo ascetico! Ma dal vecchio oste, ai tempi, si andava con grande goduria anche fino a Tintoria, nebbia e zanzare canterebbe qualcuno. E mi ha fatto venire in mente che devo avere ancora un paio di bocce di quelle buone della mia cantina lasciate in "conto deposito" da Daniele, da aprire insieme a chi capita, prossimamente, come scusa per raccontarsela un po'. Perché lo spirito vero dell'osteria è rimasto, come luogo di incontro e di confronto (anche di scontro, perché no...), di certo per chi può viverla con una certa frequenza, ma anche coinvolgendo il visitatore occasionale. E a questo aspetto "sociale" della bottega, che magari non tutti hanno modo di cogliere, oltre che alla grande qualità di quello che porta in tavola, Daniele tiene molto. E' l'eredita di posti come la Marièina o il Sole, che ormai non ci sono più.

14 Nov 2011 | ore 11:05

Fantastica, per me ha anche un valore affettivo... nel caso quello gastronomico non bastasse!

14 Nov 2011 | ore 13:02

Questo e' il tipo di posto per cui chi come me e' emigrato all'estero prova la nostalgia piu' forte.
Un patrimonio unico dell'Italia che spero si conservi.

14 Nov 2011 | ore 14:43

la prossima volta a Bologna due tappe d'obbligo: l'osteria Bottega e l'Apple Store!

14 Nov 2011 | ore 17:33

Dandi è sempre il numero uno!
l'ultima volta ho assaggiato anche un nuovo e fantastico brasato..

14 Nov 2011 | ore 18:50

Giulia ma dai una come te che va a mangiare all'apple store!!! mauhahahah

15 Nov 2011 | ore 15:25

Ci sono stato oggi a pranzo prendendo spunto proprio da questo post.
La cotoletta è davvero ottima come anche le tagliatelle. Un posto dove tornare sicuramente.
Grazie per la dritta

17 Nov 2012 | ore 23:12

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Risotto_barbera.jpg Risotto alla barbera

Il cielo è più grigio e la temperatura è calata, è tempo di piatti caldi e...


ultimi commenti

  • Alessandro - Lo stato italiano dovrebbe finanziare le banche ancor piu'...
  • piermiga - Quando Antonella entrò nel camerino lui era seduto e...
  • Raffaele - Mi tocca essere d'accordo con Gumbo Chicken!!!...
  • Roberto Bentivegna - :( Non più tardi di qualche mese fa ti...
  • gumbo chicken - Vista l'insensibilità del commento di Tristano - che condanna...
  • Tristano - Che strana gente è quella che si occupa di...

ultimi post

20
Gen
Una rosa bianca per il Maestro Abbado - Foto ANSAE' morto alle 8,30 del...
18
Gen
Prendere esempio da Ducasse? No, l'esempio sono i fratelli Roca - Avevano già le tre stelle Michelin...
16
Gen
Fool racconta l'Italia del cibo. Un po' come te l'aspetti, ma anche no - E' uscito Fool n. 4 dedicato...
14
Gen
La grande bellezza di Roma che piace agli stranieri e non agli italiani - La grande bellezza è un bel...
09
Gen
Aprire è un po' morire - Lo sai che Piripicchio ha aperto...
07
Gen
Spaghetti alla bolognese made in New Zealand - Venti giorni senza cucina italiana a...
04
Gen
15 giorni da Valerio M. Visintin senza passamontagna, occhiali e guanti neri - Lo sognavo da tempo ma in Italia...
04
Gen
Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina - Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli...
Pici_1.jpg Pici con le briciole

Dopo tanto sud torniamo nell'Italia Centrale, in Toscana, per raccontare una bella ricetta semplice e popolare,...


ultime letture

IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


IMG_0522.jpg Gianni Brera, il grande padano

Ho ripreso in mano La pacciada, il...


Twitter
Friendfeed