29
Nov 2011
ore 15:17

La morte di Lucio Magri, uno dei fondatori del Manifesto

< >

GR.jpg

La notizia l'ho sentita questa mattina alla radio mentre ero in dormiveglia e mi sono svegliato subito.
Lucio Magri è morto a Zurigo utilizzando il suicidio assistito, che nel Cantone di Zurigo è legale.
Aveva 79 anni e dopo la morte della moglie era entrato in una grave depressione.
Io ho conosciuto Magri nel 1969 quando è nato il Manifesto, non il quotidiano ma la rivista e il gruppo politico che ad essa faceva riferimento.
L'ho visto per l'ultima volta alcuni anni fa quando eravamo andati tutti a Bologna per festeggiare quel manifesto nato nel 1969.
Le scelte di vita erano cambiate e così le strade, io giornalista del manifesto dapprima e poi giornalista gastronomico, lui politico, deputato, segretario di partito.
Lui però aveva tenuto un legame con le cose che facevo perché era un grande gourmet, un bravo cuoco e anche in questo era un perfezionista, leggeva il Gambero Rosso e di un altro Gambero Rosso, quello di Pierangelini, era un grande ammiratore.
Il manifesto quotidiano aveva ospitato il primo numero del Gambero Rosso che io avevo fondato, scritto, impaginato e pubblicato per la prima volta e tra mille difficoltà il 16 dicembre del 1986 e da allora al febbraio del 1992 le strade tra manifesto e Gambero Rosso erano state comuni, uniche e irripetibili.
Una parte di quel mondo politico, piccola parte io penso, aveva scoperto attraverso quel supplemento la cucina, il vino, i prodotti italiani raccontati in un modo diverso dal solito ed era diventata fedele sostenitrice di quel giornale di 8 pagine dentro un quotidiano politico, di un giornale diverso, disegnato da Maoloni e unico nel panorama giornalistico italiano, e non solo italiano.
Oggi quel lettore appassionato è morto e io sono triste.

commenti 22

Era emozionante e sembrava un po' clandestino leggere di gastronomia sul manifesto. Anche se ero ragazzino ne ho un bellissimo ricordo.

29 Nov 2011 | ore 17:04

Grande insegnamento di vita e di discrezione...
L'articolo su la repubblica di oggi, con quell'indugiare sulla scrivania impero e le coppe martini era indegno! Mi ha disturbato e fatto male... Ma è una posizione personale che volevo condividere con voi...
Ciao A

29 Nov 2011 | ore 17:21

Suicidio assistito????
Robe da matti.

29 Nov 2011 | ore 17:43

Massimo rispetto per un gesto di estremo coraggio, checché se ne dica - e se ne dirà, temo. Ciao Lucio!

29 Nov 2011 | ore 18:16

Lei non ha creanza neppure di fronte alla morte, a lei interessa solo affermare le sue idee, spesso divergenti da coloro che scrivono su questo blog, ma per favore ci risparmi i suoi discorsi sulla vita e sulla morte in presenza di questo evento reale raccontato anche con estremo pudore.
Se lei è cristiano la sua crociata la faccia altrove e si vergogni per avere scritto robe da matti.
Matto colui che ha scelto di morire?
Matte le motivazioni?
Cosa ne sa lei e come si permette di giudicare.
In questo caso stia zitto, è molto meglio.

29 Nov 2011 | ore 18:33

un'altra occasione persa per tacere...

29 Nov 2011 | ore 19:18

Uberta, io non giudico.
Ma sono fiero che l'Italia non sarà MAI come la Svizzera.
Impara a rispettare le idee degli altri, tra l'altro la stragrande maggioranza, per quello che può contare.
Non ho mancato di rispetto a Lucio Magri, per il quale, parlandone da vivo, non potrei pensarne peggio, uno dei tanti proletari in cachemire che hanno rovinato l'Italia.

29 Nov 2011 | ore 20:13

Se un blog e la gente che lo frequenta non piacciono perché uno deve fare capolino, dire due o tre sciocchezze, quasi sempre da uomo di un altro pianeta, e poi andarsene?

29 Nov 2011 | ore 22:42

Rispetto e profondo dolore, x una persona che ho a mio modo amato e condiviso. Giornata triste. Ma sereno e' vissuto da uomo libero e da uomo libero e' voluto morire.

30 Nov 2011 | ore 08:51

Invece scelta importante e da ammirare
soprattutto da rispettare
almeno col silenzio degli stupidi

30 Nov 2011 | ore 09:29

Chi ha vissuto l'esperienza di veder morire una persona amata giorno dopo giorno, per anni, può capire la scelta di Magri. Ed evita di giudicare.

30 Nov 2011 | ore 10:25

Caro Luca, io odio entrare in polemica con chi non capisce, ma questa volta è proprio insopportabile che tu ti permetta di dire che siamo noi a dover rispettare le tue ridicole posizioni che tenti di far passare per maggioranza quando sei proprio tu a non rispettare quelle degli altri e prima di tutto quelle di Lucio Magri, obbligato ad andare all'estero per una cosa che dovrebbe invece essere possibile ovunque, visto che riguarda solo la sua persona e le sue opinioni.
Sono completamente d'accordo con quello che scrive Cappero. Basterebbe aver visto "Up" per capire un po' meglio.

30 Nov 2011 | ore 11:00

Neppure i politici più litigiosi e settari se la sono sentita di discutere la scelta di Magri e tutti hanno rispettato un gesto individuale e drammatico.
La vita è mia e così la morte, non può appartenere alla chiesa e tantomeno allo stato o a una maggioranza che vota una legge illiberale.

30 Nov 2011 | ore 11:26

Un modo onorevole di andarsene. Una scelta di libertà portata fino in fondo. Con Lucio Magri ho condiviso il PDUP ed il Manifesto, con lei, Bonilli, ho condiviso soltanto il Manifesto ( ma questo lei, giustamente, non lo puo' sapere), visto che la mia collaborazione con la redazione milanese iniziava quando quella del gambero rosso terminava.
Oggi siamo tutti un po più' soli. grazie per avercelo ricordato.

30 Nov 2011 | ore 12:49

Non possiamo scegliere la vita da vivere, lasciateci la scelta della morte.

30 Nov 2011 | ore 13:29

bellissimo commento che condivido in pieno; la vita era sua, così come la scelta di come morire, non bisogna condannarlo per come ha scelto di morire, anzi, va ammirato per il coraggio provato, quasi non si può scegliere come vivere, almeno che uno abbia la libera scelta di come finire la sua vita; poi, ognuno la pensi pure come vuole, le idee sono sue e nn bisogna condannarle, però sarebbe necessario imparare a rispettare le idee degli altri!

30 Nov 2011 | ore 15:03

lucidità, dignità, coerenza e coraggio: qualità oggi forse svuotate d'ogni significato, ma davanti alle quali provo ancora ammirazione e commozione. Lucio Magri stella cometa.

30 Nov 2011 | ore 15:55

Sapete cosa ho provato quando ho letto la notizia?
Rispetto, massimo rispetto, per quella scelta e desiderio di avere altrettanto coraggio per scegliere allo stesso modo, ce ne fosse bisogno.
un grande insegnamento, secondo me

30 Nov 2011 | ore 17:35

Ce ne fosse uno ogni cento, di uomini così.

30 Nov 2011 | ore 21:20

Tra l'altro ho fatto un commento al signore del commento numero 3 direttamente sul suo blog/sito e, per la precisione, senza nessuna volgarità o offesa, solo una domanda. Che strano, il commento era prima in attesa di moderazione, poi se adesso ci torno non è proprio più presente, quasi coe se fosse stato cancellato. Stranezze della rete.
Buon tutto, Direttore.

01 Dic 2011 | ore 16:18

Lui è uno di quelli che "chiagne e fotte", gli altri li cancella e qui viene a dire le sue sciocchezze e parla di censura.

01 Dic 2011 | ore 16:23

Una volta Steve Jobs disse che la più grande innovazione della vita era la morte. Buon viaggio dott. Magri e che la terra le sia lieve. Una prece da chi crede.

01 Dic 2011 | ore 20:30

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Risotto_barbera.jpg Risotto alla barbera

Il cielo è più grigio e la temperatura è calata, è tempo di piatti caldi e...


ultimi commenti

  • Alessandro - Lo stato italiano dovrebbe finanziare le banche ancor piu'...
  • piermiga - Quando Antonella entrò nel camerino lui era seduto e...
  • Raffaele - Mi tocca essere d'accordo con Gumbo Chicken!!!...
  • Roberto Bentivegna - :( Non più tardi di qualche mese fa ti...
  • gumbo chicken - Vista l'insensibilità del commento di Tristano - che condanna...
  • Tristano - Che strana gente è quella che si occupa di...

ultimi post

20
Gen
Una rosa bianca per il Maestro Abbado - Foto ANSAE' morto alle 8,30 del...
18
Gen
Prendere esempio da Ducasse? No, l'esempio sono i fratelli Roca - Avevano già le tre stelle Michelin...
16
Gen
Fool racconta l'Italia del cibo. Un po' come te l'aspetti, ma anche no - E' uscito Fool n. 4 dedicato...
14
Gen
La grande bellezza di Roma che piace agli stranieri e non agli italiani - La grande bellezza è un bel...
09
Gen
Aprire è un po' morire - Lo sai che Piripicchio ha aperto...
07
Gen
Spaghetti alla bolognese made in New Zealand - Venti giorni senza cucina italiana a...
04
Gen
15 giorni da Valerio M. Visintin senza passamontagna, occhiali e guanti neri - Lo sognavo da tempo ma in Italia...
04
Gen
Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina - Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli...
Pici_1.jpg Pici con le briciole

Dopo tanto sud torniamo nell'Italia Centrale, in Toscana, per raccontare una bella ricetta semplice e popolare,...


ultime letture

IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


IMG_0522.jpg Gianni Brera, il grande padano

Ho ripreso in mano La pacciada, il...


Twitter
Friendfeed