28
Mag 2012
ore 16:17

Il cacio e pepe della Sora Margherita, quella vera

< >

sora-margherita-roma.jpg

Dalla Sora Margherita di Piazza delle Cinque Scole, nel cuore del Ghetto, voi non ci siete mai stati.
Chiariamo subito le origini del nome della piazza, le cinque scole in questione erano le sinagoghe dei cinque gruppi etnici ebraici presenti a roma ai tempi del ghetto: scola italiana, tedesca, spagnola, catalana e aragonese e si chiamavano scole perché il luogo della preghiera e quello dello studio, nella cultura ebraica, spesso coincidono.
Dicevamo della Sora Margherita ed è chiaro che molti di voi ci sono stati ma il locale è quello della nuova gestione che da una decina di anni è subentrata e ha rimodernato l'osteria.
Io invece parlo di un'altra Sora Margherita, parlo di quella trattoria unica in Roma, che non avrebbe mai potuto rimanere aperta più di un giorno, quella senza i bollini certificatori delle varie guide sui vetri della porta, dove ti capitava di sederti accanto ai muratori di un vicino cantiere e all'agente di borsa nel suo vestito sartoriale che osservavi con ironia perché poi lo avrebbe dovuto portare in tintoria per toglierli l'odore di fritto.
Quattro tavoli addossati al muro, pareti scrostate e nessun articolo incorniciato, cucina a vista, e che vista, i due fornelli dove Margherita cucinava, roba da far svenire qualunque ispettore ASL o Vigile Urbano, ma era un'altra Roma, era il 1992, in Via Arenula transitavano almeno trenta linee di autobus, del tram nessun progetto, l'angolo Argentina-Arenula era il più inquinato da smog di tutta la capitale e il divieto di sosta una suggestione.
La Sora Margherita era aiutata nel servizio a tavola dal parcheggiatore, ovviamente abusivo, della piazza delle Cinque Scole e noi che avevamo la redazione in via Arenula venivamo a mangiare qui quasi tutti i giorni.
Il cacio e pepe era in porzioni adatte ai muratori di cui sopra, poi c'era la pasta e fagioli, la pasta e lenticchie, gli aliciotti con l'indivia, le polpette e i carciofi alla giudia che il mio fegato ricorda ancora tutti uno per uno, ma il locale era divertente, si pagavano 20.000 lire per un pasto completo ma noi ce la cavavamo con 5.000/6.000 lire perché clienti abituali e poi a pranzo nessuno andava oltre un primo e poco altro.
Era un'altra Roma, o forse è solo il ricordo che la rende bella.
Ma quella Sora Margherita era unica.
 

commenti 15

Hai dimenticato gli gnocchi del giovedì. Anche quelli in porzioni mega.Forse hai ragione che è solo il ricordo a renderla bella, però che nostalgia.

28 Mag 2012 | ore 17:19

un giorno in fila fuori, perchè c'era sempre la fila fuori, passa un tipo in vespa e fa: "ma che se magna gratis?"

28 Mag 2012 | ore 17:29

Già, nostalgia di quel gruppo e di quei tempi.
Sarà vecchiaia ? :-))

28 Mag 2012 | ore 17:50

Studiavo al Liceo Virgilio, a volte ci andavo a pranzo con le compagne di scuola. Un giorno accanto al nostro tavolo abbiamo riconosciuto padre e figlio: Vittorio e Alessandro Gassman.

28 Mag 2012 | ore 17:53

Caro diretùr, ricordo benissimo. Ci siamo stati parecchie volte all'epoca, anche perché come accennavi era a circa sei metri e mezzo dalla vecchia sede del Gambero.

Avendo deformato fantasticamente la relativa immagine mentale con gli anni, mi piace alimentare il ricordo che il conto finale stesse più dalle parti delle 10/12.000 lirette italiche.

Per la stessa alterazione iperbolica direi che le porzioni non erano da muratori, ma da atleti di gare di resistenza (5 km a nuoto, poi 30 di corsa, poi 40 in bici, poi lotta libera con alligatori nel fango, poi disboscamento di tre ettari di foresta, eccetera).

28 Mag 2012 | ore 18:03

Che belli che sono questi ricordi scritti in poche righe, in rete non si trova nulla di simile e capisco che sono frammenti del libro che sta scrivendo, ma a questo punto la domanda è d'obbligo: quando esce?

28 Mag 2012 | ore 18:08

Direttore,attendo anch'io il suo libro,i suoi scritti e le sue foto ci istruiscono, ci rallegrano,grazie.Marina

28 Mag 2012 | ore 18:38

In fondo al locale, la foto con l'"Osteria del tempo perso" c'è ancora ...

28 Mag 2012 | ore 19:47

E la sera prima di andare a teatro, l'unico e definitivo panino con il pastrami o con la lingua al baretto davanti al Ministero della Giustizia...

28 Mag 2012 | ore 20:56

Vero, quello era il nostro bar, accanto alla redazione, e il pastrami arrivava dalla Germania. Il barista era un grande professionista e il bar era sempre pieno, era l'inizio dei '90

28 Mag 2012 | ore 21:31

Mamma mia, sono passati vent'anni...e c'era anche la concia di zucchine...non amo la parola, ma nostalgia ci vuole..

28 Mag 2012 | ore 22:21

Ho fatto in tempo ad andarci una sola volta, per conto mio a pranzo, e il ricordo è ancora vivissimo, sia del pasto, proprio le polpette e anche il carciofo alla giudia, la bottiglia di Peroni, sia dei modi burberi ma anche affabili e famigliari, e quasi protettivi verso il ragazzetto forestiero che ero. In seguito sono tornato e l'ho trovata chiusa, poi sapevo che era stata riaperta da una specie di cooperativa o associazione, ma forse mi sbaglio. Gran ricordo.

29 Mag 2012 | ore 02:15

Ora la loro cacio e pepe è ancora abbondante, ma secca, una mega porzione di ottime tagliatelle con pecorino grattugiato sopra... ah, la fanno anche con la ricotta, ma non migliora. il resto però è tutto buono, forse per i carciofi restano i migliori

29 Mag 2012 | ore 07:31

Galeani,si chiamava galeani,io e sandrino gli portavamo la pizza e ci sparavamo pastrami e pizza con salmone e salsa rosa

29 Mag 2012 | ore 14:01

buono il panino con il pastrami...si può avere un suggerimento su dove mangiarne di molto buoni a roma? grazie :)

31 Mag 2012 | ore 14:43

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Risotto_barbera.jpg Risotto alla barbera

Il cielo è più grigio e la temperatura è calata, è tempo di piatti caldi e...


ultimi commenti

  • Alessandro - Lo stato italiano dovrebbe finanziare le banche ancor piu'...
  • piermiga - Quando Antonella entrò nel camerino lui era seduto e...
  • Raffaele - Mi tocca essere d'accordo con Gumbo Chicken!!!...
  • Roberto Bentivegna - :( Non più tardi di qualche mese fa ti...
  • gumbo chicken - Vista l'insensibilità del commento di Tristano - che condanna...
  • Tristano - Che strana gente è quella che si occupa di...

ultimi post

20
Gen
Una rosa bianca per il Maestro Abbado - Foto ANSAE' morto alle 8,30 del...
18
Gen
Prendere esempio da Ducasse? No, l'esempio sono i fratelli Roca - Avevano già le tre stelle Michelin...
16
Gen
Fool racconta l'Italia del cibo. Un po' come te l'aspetti, ma anche no - E' uscito Fool n. 4 dedicato...
14
Gen
La grande bellezza di Roma che piace agli stranieri e non agli italiani - La grande bellezza è un bel...
09
Gen
Aprire è un po' morire - Lo sai che Piripicchio ha aperto...
07
Gen
Spaghetti alla bolognese made in New Zealand - Venti giorni senza cucina italiana a...
04
Gen
15 giorni da Valerio M. Visintin senza passamontagna, occhiali e guanti neri - Lo sognavo da tempo ma in Italia...
04
Gen
Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina - Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli...
Pici_1.jpg Pici con le briciole

Dopo tanto sud torniamo nell'Italia Centrale, in Toscana, per raccontare una bella ricetta semplice e popolare,...


ultime letture

IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


IMG_0522.jpg Gianni Brera, il grande padano

Ho ripreso in mano La pacciada, il...


Twitter
Friendfeed