10
Mag 2012
ore 17:02

Nostalgia

< >

IMG_0390.JPG

A volte può essere un sapore, a volte è un paesaggio, più spesso è un ricordo che spunta dal nulla e non sai neppure il perché ma in ogni caso è un momento di nostalgia che è quasi dolorosa perché sai che quell'istante non tornerà più.

Quella volta che Mirella Cantarelli per ringraziarmi di un favore "Le mando in tavola due tagliatelle col ragù" mi disse con quel suo sorriso discreto e timido e io feci un'esperienza quasi mistica, io che di tagliatelle ero considerato un rabdomante, sempre a caccia delle migliori a Bologna e in provincia.

La prima volta da Adrià, una sera a cena al Bulli con Andrea Petrini e Ferran che ci cucinò i piatti della cucina catalana tradizionale e fuori la baia di Cala Montjoi al tramonto era emozionante e la strada sterrata per arrivare era stata una continua sorpresa, paesaggi nuovi a ogni curva e poi l'emozione di arrivare lì.

Gli agnolotti di Lidia Alciati la volta che andamma a Costigliole d'Asti, prima perplessi dal condominio dove stava il ristorante, poi travolti da una cucina che era famiglia, tradizione e passione.

La prima cena al Boccondivino di via della Mendicità Istruita con Carlin e Gigi a fare progetti. Era il 1986 e c'era una bella striscia di futuro davanti a noi.

I tre giorni a casa di Veronelli, a Bergamo Alta, nel 1999 per girare un servizio con lui come protagonista per il neonato canale televisivo del Gambero Rosso.

La zuppa mangiata al Mercato del pesce di Tokyo alle 7 del mattino dopo avere assistito alle 5,30 all'asta del tonno, uno degli spettacoli più unici e affascinanti. Era il 1992.


commenti 18

No, non ci siamo, articoli così non eccitano il lettore assetato di polemiche, non determinano spaccature e intimidiscono perché lei era a Tokyo già nel '92, andava a casa di Veronelli a fare la televisione e ha mangiato da Guido quando stava a Costigliole d'Asti.
Capirà che, messa così, succede che l'ego altrui si senta un po' frustrato.

10 Mag 2012 | ore 18:26

Lei è un uomo molto fortunato.
Non lo dimentichi mai.

Un saluto

10 Mag 2012 | ore 19:42

Concordo con Ambrogio Lei e' veramente un uomo fortunato,ma e' anche un Maestro e questo blog e' veramente fantastico, la seguo da un paio d'anni e devo dire che ho imparato un sacco di cose,ho visto fotografie meravigliose,ho provato ricette grazie ai suoi"Cucinare insieme"grazie a Lei ho conosciuto altri blog molto interessanti.
Grazie Sig.Bonilli.
Marina

10 Mag 2012 | ore 20:10

Chissà perché devo ricevere, quasi come ammonimento, la sottolineatura che sono un uomo fortunato :-))
Sono, molto più semplicemente, nato prima di molti dei lettori e quindi ho conosciuto tanti protagonisti della cucina.
Ma scrivere un proprio ricordo era la risposta più logica, invece di parlare di fortuna, o no?

11 Mag 2012 | ore 09:23

Direttore non smetta mai di farlo...

11 Mag 2012 | ore 10:14

non si arrabbi, hanno solo sottolineato un privilegio che le vita le ha offerto,
senza comunque mettere in dubbio le sue capacità e la sua lungimiranza, ma in questo momento così triste e frustante dove è difficile intravedere un futuro ci può stare o no?
ps: sembra uscire un pò di romanticismo! la ammiro!

11 Mag 2012 | ore 12:40


Mammia mia Direttore non pensavo di offenderLa,anzi volevo solamente elogiare Lei il suo bloog,mi spiace,non mi permettero'piu'di
disturbare.
Marina

11 Mag 2012 | ore 12:56

Nessuna offesa, tra l'altro c'era il sorriso, questo qui :-)) alla fine della seconda riga, a dimostrazione di una risposta divertita e non risentita, casomai un po' stupito anche perché non sono in rete da due giorni ma dal 2004, non penso che sia esatto dire fortunato, la fortuna se non aiutata da tanto lavoro non basta.

11 Mag 2012 | ore 13:12

Vede Direttore dai suoi ricordi, personalmente, ho appreso una passione, non dai termini ma dal coinvolgimento che le parole lasciavano trasudare...
Pochi giorni fa su FB sono intervenuta su un simpatico scambio di vedute esprimendo il mio pensiero sui food blog... sempre più spesso si leggono ricette e chi le scrive si sente un guru incontrastao del settore.
Personalmente trovo che manchino di passione, curiosità.
Nei miei ricordi per adesso posso annoverare la mia neonata all'Ora d'Aria prima esperienza stellata, in un ristorante di un certo livello... in quella cena ho capito la vera differenza tra un posto che eroga cibo per sopravvivere ed un luogo dove si respira cibo... quando arrivano le portate non puoi fare a meno di guardarle prima di assaggiarle... e nel sapore senti anche quella ricerca fatta per arrivare ad ottenere quel risultato ultimo di un lungo lavoro di ricerca e cultura...
Smetto che mi vengo anoia da sola ;-)

11 Mag 2012 | ore 13:37

Sbagli o manca la prima volta a Casa Vissani, quando sembrava di entrare in un ristorante di campagna e invece poi scoprivi che in una epoca in cui in Italia quasi non esisteva alta cucina questi gía utilizzava ostriche francesi, maialino spagnolo cose che allora nessuno nello Stivale conosceva...

11 Mag 2012 | ore 13:55

Dovendo scegliere i ricordi più emozionanti senza farla troppo lunga questo è quello che mi è venuto in mente di getto.
Pensavo che altri come te avrebbero completato il mosaico di ricordi.

11 Mag 2012 | ore 14:00

Senza saperlo ho cenato a Costigliole l'ultima sera prima della chiusura del ristorante nel condominio, indimenticabile.
Ma quelle stesse emozioni le provo tutte le volte che vado da Andrea Alciati a Santo Stefano Belbo, come essere a casa ma in un posto e con una cucina fantastica.
Le altre grandi emozioni da Vissani, da Alajmo e all'Olivo del Capri Palace.
Saluti e baci.

11 Mag 2012 | ore 15:32

personalmente ho un bellissimo ricordo di quando siamo stati insieme a Su Gologone a girare l'isola del Presidente... un caro saluto CV

11 Mag 2012 | ore 20:35

Fine anni ottanta. Tante, tantissime curve, da Campiglio su, poi giù, e ancora una volta, fino alla fine di tutto; posti di una bellezza sconvolgente, rimasti per assurdo intatti nei decenni anche a causa della violenta presenza di una diga e di una centrale idroelettrica. Fin lassù, dove finiva la val d'Ultimo, per trovare un omino di gesti antichi, quali solo certi piemontesi sanno avere, che tra montagne non sue ci faceva partire di nuovo per un viaggio tra sapori a noi allora sconosciuti. E quella sua specie di baracca si trasformava d'incanto in una casa delle fate...

15 Mag 2012 | ore 00:09

Riesco a comprendere pienamente il tuo sentimento. Non è facile liberarsi da emozioni così forti perché è anche piacevole ricordarle. Entrare in una grande cucina, quella del Hotel Hilton, in pieno svolgimento di una grande manifestazione: la presentazione della guida più importante d'Italia. E con il fotografo cercare di documentare il lavoro di tanta gente, catturare le emozioni degli chef, la tensione dei camerieri, l'entusiasmo e la gioia degli invitati di trovarsi li. Un vortice di sentimenti e tanto tanto lavoro. Dopo vent'anni ti rendi conto quell'emozione la provi solo nel ricordo, ed è bello averla vissuta. E non era solo la fortuna di trovarsi lì, ma tanto tanto tanto lavoro.

17 Mag 2012 | ore 08:30

chissà perchè, quando ho letto il titolo del post, ero convinto di trovare tra le righe qualche ricordo da San Vincenzo...

27 Mag 2012 | ore 11:08

Dovendo scegliere i ricordi più emozionanti senza farla troppo lunga questo è quello che mi è venuto in mente di getto.

28 Mag 2012 | ore 07:44

la polenta che faceva mia nonna materna, più mangiata così buona, nonostante la cerchi sempre

28 Mag 2012 | ore 13:20

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Risotto_barbera.jpg Risotto alla barbera

Il cielo è più grigio e la temperatura è calata, è tempo di piatti caldi e...


ultimi commenti

ultimi post

14
Apr
Le vite degli altri, cioè di tutti noi, spiate anche al ristorante - Una scena tratta dal film "le vite...
12
Apr
Assunta Madre, un ristorante di pesce fresco e "cimici" - Assunta Madre, Il ristorante di attricette tv,...
09
Apr
Panino, dove hanno venduto una tonnellata di pane di Matera - Fatti 50 metri, forse meno, dall'ingresso...
02
Apr
Josean Alija, il Guggenheim di Bilbao, il ristorante Nerua e la sua storia - Se non siete mai stati da...
31
Mar
Bonci fa traffico... e anche pane e pizza - Gabriele Bonci è un bravo cuoco...
26
Mar
San Carlo olet? - Non è uno spot pubblicitario ma...
25
Mar
Car sharing alla romana, quasi un'amatriciana - Dal 2008 io non possiedo un'automobile,...
21
Mar
Eataly Smeraldo, Milano vicino all'Europa - Sono stato a visitare Eataly Smeraldo...
Pici_1.jpg Pici con le briciole

Dopo tanto sud torniamo nell'Italia Centrale, in Toscana, per raccontare una bella ricetta semplice e popolare,...


ultime letture

IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


IMG_0522.jpg Gianni Brera, il grande padano

Ho ripreso in mano La pacciada, il...


Twitter
Friendfeed