06
Lug 2012
ore 18:17

Red, paccheri, libri e iPad

< >

Bancone.JPG

Non è un nuovo bistrò nel cuore di Roma quello che vedete.
O forse si, forse si potrebbe dire che in via del Corso ha aperto un locale polifunzionale di quelli che la mia generazione quando andava a New York sognava di poter ritrovare al ritorno anche a Roma.
Questo è il bancone di Red, nuovo format della Feltrinelli sviluppato insieme con Antica Focacceria San Francesco di Palermo di cui Feltrinelli ha il 30% ma che, si dice, acquisirà totalmente già a fine d'anno.

banconi libri.JPG
Ristorante.JPG

I libri occupano molto spazio, come è ovvio, qui a Red, ma c'è anche un ristorante, come vedete qui sopra e poi c'è anche un giardino che, essendo nel cuore di Roma, è un atout eccezionale per il nuovo store feltrinelliano.

giardino.JPG

Paccheri.jpg

Il mangiare?
I paccheri di Gragnano con burrata e basilico, € 10, cucinati da Massimiliano Sepe, erano buoni ma comunque io ero solo lì a curiosare sapendo che il ristorante aveva aperto la cucina da un'ora e merita di poter fare un rodaggio prima di essere giudicato.

negozio.JPG
ipad.JPG

In conclusione si può dire che questo nuovo format della Feltrinelli, che comprende anche un negozio di alimentari - con prodotti simili a quelli che si trovano a Eataly Roma, ho notato - è destinato a sicuro successo e sarà una delle mie mete mattutine per colazione e lettura dei giornali visto che il wi fi è gratuito, ci sono a disposizione vari iPad e l'aria condizionata, in questi giorni di calure, è perfetta.


Foto di S. Bonilli

commenti 12

Bello, ci sono stata, ma per me è più vicino Eataly anche se la libreria di Red è più bella e fornita.
Comunque sapere che a Roma ci sono queste opportunità fa solo piacere e ci fa sentire più europei e meno africani.

07 Lug 2012 | ore 10:42

bello, gran progetto in tutti sensi, ho conosciuto Vincenzo Conticello ad un evento a Barolo lui e la sua scorta, una vita un esempio, specie per noi gente dle sud. ciao direttore.

07 Lug 2012 | ore 10:54

bello il progetto, bello come sia realizzato... diciamo che rispetto a eataly è più "umano"; qui ci si viene anche per rilassarsi, stare tranquilli a leggere un giornale, fare un aperitivo, leggere un libro! insomma sono due offerte che secondo me si completano... e ho visto il menu che sembra davvero interessante, per di più a costi accessibilissimi!!

07 Lug 2012 | ore 11:36

Grande casino, grande disorganizzazione, ragazzotti trucidi che monopolizzavano gli ipad, insomma, la Roma peggiore, quella di via del Corso, ha già preso possesso di un luogo molto bello.
Visto che sono analfabeti, passati i primi giorni, spero che scompariranno.

07 Lug 2012 | ore 18:42

La foto dei paccheri è intrigante: colore, gusto...freschezza. Ottimo, in questo spazio sempre ghiotte novità e tanta informazione. Buona estate a tutti!

08 Lug 2012 | ore 02:23

Ma il cuoco sepe non prestava servizio da qualche settimana al Castello Peroni (salotto culinario mi pare)?

08 Lug 2012 | ore 13:21

Omonimia, non è lo stesso Massimiliano Sepe ma un altro cuoco con lo stesso nome.

08 Lug 2012 | ore 13:52

parafrasando "lasciate che i pargoli vengano a me" io ce li lascerei li dentro, se ogni 100 uno, uno solo dei trucidi fosse formato ma anche solo informato della gastronomia di qualità sarebbe un bel successo.

10 Lug 2012 | ore 12:38

interessante il discorso "Read Eat and Drink" della feltrinelli, non ho capito se si tratta di una diversificazione o di un modo per liberarsi della libreria tradizionale, cmq ben vengano simili iniziative

10 Lug 2012 | ore 12:49

oppure "Read Eat and Dream"? chissà...

10 Lug 2012 | ore 12:53

secondo me è interessante perché di librerie feltrinelli non se ne sentiva altro bisogno - considerato che lì vicino c'è piazza colonna e largo argentina - mentre di una novità che unisca la cultura alla gastronomia (nel senso stretto visto che non solo lì la si legge, ma si mangia davvero) c'era bisogno eccome. e ce ne sarebbe ancora tanto. benvengano queste iniziative, la nostra cara città deve rinnovarsi, c'è poco da fare.

10 Lug 2012 | ore 14:04

Ho avuto purtroppo un'esperienza simile alla sua, aggravata da una folla numerosa e molto rumorosa con voci alte e squilli di cellulare, tanto che sono uscita dopo un quarto d'ora. Forse l'atomosfera è migliore nelle prime ore della mattina e penso che ci riproverò. Del resto anche l'altra Feltrinelli sul Corso non è l'ambiente ideale per chi ama la lettura ed ha il piacere di "razzolare" negli scaffali per leggiucchiare qua e là cercando un libro. Sono molto insofferente al rumore maleducato e alla fine ho diradato molto le mie passeggiate in libreria e compro di più attraverso la rete.

10 Lug 2012 | ore 14:27

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Risotto_barbera.jpg Risotto alla barbera

Il cielo è più grigio e la temperatura è calata, è tempo di piatti caldi e...


ultimi commenti

  • Alessandro - Lo stato italiano dovrebbe finanziare le banche ancor piu'...
  • piermiga - Quando Antonella entrò nel camerino lui era seduto e...
  • Raffaele - Mi tocca essere d'accordo con Gumbo Chicken!!!...
  • Roberto Bentivegna - :( Non più tardi di qualche mese fa ti...
  • gumbo chicken - Vista l'insensibilità del commento di Tristano - che condanna...
  • Tristano - Che strana gente è quella che si occupa di...

ultimi post

20
Gen
Una rosa bianca per il Maestro Abbado - Foto ANSAE' morto alle 8,30 del...
18
Gen
Prendere esempio da Ducasse? No, l'esempio sono i fratelli Roca - Avevano già le tre stelle Michelin...
16
Gen
Fool racconta l'Italia del cibo. Un po' come te l'aspetti, ma anche no - E' uscito Fool n. 4 dedicato...
14
Gen
La grande bellezza di Roma che piace agli stranieri e non agli italiani - La grande bellezza è un bel...
09
Gen
Aprire è un po' morire - Lo sai che Piripicchio ha aperto...
07
Gen
Spaghetti alla bolognese made in New Zealand - Venti giorni senza cucina italiana a...
04
Gen
15 giorni da Valerio M. Visintin senza passamontagna, occhiali e guanti neri - Lo sognavo da tempo ma in Italia...
04
Gen
Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina - Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli...
Pici_1.jpg Pici con le briciole

Dopo tanto sud torniamo nell'Italia Centrale, in Toscana, per raccontare una bella ricetta semplice e popolare,...


ultime letture

IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


IMG_0522.jpg Gianni Brera, il grande padano

Ho ripreso in mano La pacciada, il...


Twitter
Friendfeed