13
Set 2012
ore 14:17

Cesarina, Fellini e i tortellini

< >

-2.jpg

Vedete nella foto qui sopra Cesarina nel suo ristorante di Roma, in Via Sicilia 209, accanto a Via Veneto.
Vi si era trasferita nel 1959, chiudendo il suo storico ristorante di Via Santo Stefano, a Bologna, ed era stato un successo immediato, andare dalla Cesarina era diventata una moda.
A questo successo aveva contribuito la cucina con i tortellini, le tagliatelle, i passatelli, la galantina, la cotoletta alla bolognese, la crema fritta che avevano sedotto i clienti, ma al successo aveva contribuito non poco un cliente famoso, Federico Fellini, che aveva eletto da subito la Cesarina come suo ristorante quotidiano, punto di incontro, quasi un secondo ufficio.

fellini 1.jpeg

Nel libro dove i clienti scrivevano i loro commenti c'è questa pagina vergata da Federico Fellini dove si capisce che il rapporto di amicizia tra la cuoca e il regista era profondo e di vecchia data.
I clienti famosi della Cesarina non si contano, c'è il mondo della politica e quello del cinema e poi nobilli, industriali e buongustai, e così Saragat, che prima di diventare Presidente della Repubblica, frequentava la Cesarina per i bolliti, Amintore Fanfani si presentava molto tardi, verso le 15, ordinava tagliolini in brodo, due uova in tegame e via al lavoro, Nenni ordinava sempre una minestra in brodo e un poco di pollo lessato, Colombo ordinava o la bistecca o le polpette, Rumor prendeva una mezza minestra e una mezza pietanza, Aldo Moro ordinava i tagliolini in brodo, Zavattini amava il roastbeaf e i bolliti, Federico Fellini ordinava passatelli in brodo o i tagliolini e comunque sempre la crema fritta mentre Giulietta Masina andava pazza per la galantina di pollo, Carlo Ponti mangiava estate e inverno tagliatelle col ragù.

-3.jpg

La Cesarina diventa un'istituzione, Cavaliere della Repubblica, amata da attori di Hollywood e da nobili di tutto il mondo, dai romani affascinati dalla sua cucina emiliana e meta turistica per vedere i volti famosi.
Da Via Sicilia si trasferisce in Via Piemonte, il successo continua ma gli anni passano e nel 1980, all'età di 76 anni, Cesarina Tosi decide di lasciare.
E' stanca, ha lavorato duramente tutta la vita, la sua clientela piange l'abbandono della Cesarina e Fellini ne fa questo ritratto per spiegarne il successo: "la Cesarina è sempre stata come una grande mamma, l'atmosfera da casa che si respirava nel ristorante e il suo odio divertentissimo per le donne appariscenti erano unici così come la sua promessa di riaprire un locale piccolissimo, magari per far mangiare me e pochi eletti".

-1.jpg
Cesarina con la figlia Paola e la nipote

Cesarina, che ha inventato i tortellini alla panna
Eataly Roma, martedì 18, ore 20
ESAURITO


commenti 4

Vedere il tagliere con i bimbi che piegano i tortellini, mi fa venire in mente il Natale.
In casa mia ancora oggi, la domenica prima di Natale, le donne fanno i tortellini, mentre gli uomini vanno appena fuori Modena (è un segreto...) a prendere il cappone.
Beati voi che potete andare ad ascoltare Bonilli!

13 Set 2012 | ore 16:49

Ancora un esaurito per una storia che non avevo letto da nessuna parte.
Che voglia di venire a Roma, ma si farà mai a Milano una bella iniziativa così?
Lei è ormai lo storico della cucina italiana contemporanea.

13 Set 2012 | ore 18:10

Ma il locale in Via Santo Stefano a Bologna era lo stesso dell'attuale ristorante chiamato Cesarina?
E quel ristorante e' stato almeno per un po' degno del nome che portava?
Io ci stato varie volte negli anni 2000, mi e' sembrato una trattoria discreta, corretta, con qualche prodotto speciale se si e' abituali, ma niente di memorabile. C'e' stato un passato piu' glorioso fra il 59 e il 00?

13 Set 2012 | ore 18:38

Il locale è sempre quello, le varie gestioni sono state decenti, l'ultima mi sembra la migliore.

13 Set 2012 | ore 18:48

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Pasta_sarde_1.jpg Pasta con le sarde

Eccola qui la pasta con le sarde, una di quelle ricette che tutti conoscono e nessuno...


ultimi commenti

ultimi post

29
Apr
Le formiche del Noma, i tortellini di Bottura, The50 Best e l'Italia che gufa - Renè RedzepiIn questo post si parlerà di...
28
Apr
Il gelato da F1 di Carapina è sbarcato a Roma - Carapina ha aperto la sua sede...
23
Apr
Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie - Con Gaetano Cappelli ci siamo visti...
14
Apr
Le vite degli altri, cioè di tutti noi, spiate anche al ristorante - Una scena tratta dal film "le vite...
12
Apr
Assunta Madre, un ristorante di pesce fresco e "cimici" - Assunta Madre, Il ristorante di attricette tv,...
09
Apr
Panino, dove hanno venduto una tonnellata di pane di Matera - Fatti 50 metri, forse meno, dall'ingresso...
02
Apr
Josean Alija, il Guggenheim di Bilbao, il ristorante Nerua e la sua storia - Se non siete mai stati da...
31
Mar
Bonci fa traffico... e anche pane e pizza - Gabriele Bonci è un bravo cuoco...
Pollo_arrosto_erbe.jpg Pollo arrosto alle erbe aromatiche

In momenti di crisi il pollo è un'ancora di salvezza perché anche i polli buoni esistono...


ultime letture

IMG_3446.jpg Cappelli, un romanziere che ama l'Aglianico, i paccheri e le frattaglie

Con Gaetano Cappelli ci siamo visti da...


IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


Twitter
Friendfeed