07
Nov 2012
ore 16:17

Mauro Colagreco, lo chef argentino e un po' italiano, un grande in Francia

< >

IMG_0067.JPG

Fine settimana al Mirazur di Mauro Colagreco, due stelle Michelin, uno dei nuovi astri della cucina francese, che poi, volendo essere precisini precisini, stiamo parlando di uno chef che è argentino, ha lavorato con Bernard Loiseau, in Borgogna, e dopo uno stage da lui, è rimasto a lavorare nel suo ristorante, una Maison che aveva le tre stelle Michelin, e ci è rimasto fino al giorno del suicidio di Loiseau, nel 2003.
Un trauma superato in parte trasferendosi a Parigi a lavorare all'Arpege da Alain Passard, una cucina di prodotto quella di Passard, così come quella di Loiseau era una cucina basata sulla tecnica.
Poi, sei anni fa, Mauro Colagreco apre il suo ristorante a Mentone, che è in Francia, non ci sono dubbi, ma a 50 metri dal confine con l'Italia, così come il suo orto, e inizia l'avventura imprenditoriale con 25.000 euro e in cinque persone tra sala e cucina.
E' il ristorante Mirazur, grande cucina e grande vista sul mare e sulla costa, e in sei anni raggiunge le due stelle Michelin - lo abbiamo recentemente raccontato sulla Gazzetta Gastronomica - e pare proprio che la storia del Mirazur non si fermi qui.

IMG_0013.jpg

Una bella squadra affiatata con una giapponese, un argentino, un venezuelano insieme con i francesi per dare il senso di un ristorante che è anche un ponte tra i due emisferi, la patria di origine di Mauro, l'Argentina, e quell'Europa dove sono nati i suoi nonni, l'Abruzzo, e la Francia che lo ha accolto e dove ha successo.


IMG_0030 - Version 2.jpg
IMG_0033 - Version 2.jpg

Due piatti della nostra cena, in alto Oeuf de poule, una spuma di mais con tartufo bianco, e sotto Jardin d'hiver nel suo bouillon al Parmigiano.
Cucina di verdure, cucina dove prevale la meditarraneità, cucina di sapori netti e grande precisione.

In treno o in auto bisogna venire dal prossimo febbraio al Mirazur a visitare questo luogo d'incanto e conoscere Mauro, non il solito cuoco, che magari un po' se la tira, ma invece uno simpatico, mix formidabile delle sue molte patrie.
Lui va in Brasile a sposare Giulia, che già lavora con lui, poi a febbraio lo ritroverete in pista.

Nel suo menù è riportata l'Oda al pan di Pablo Neruda che inizia così:

Pan,
con harina,
agua
y furgo
te levantas.




Foto di S. Bonilli

commenti 6

un francese o un quasi francese, tra l'atro con origini argentine, che predilige le verdure, molto interessante.
Quali tecniche usa soprattutto?

07 Nov 2012 | ore 17:26

Non capisco la domanda, un grande cuoco usa tutte le tecniche e non smette mai di imparare.
Uno chef che ha lavorato da Passard impara da un tale maestro ma poi ci mette del suo.

07 Nov 2012 | ore 17:56

m'insegna che molti cuochi prediligono alcune tecniche rispetto ad altre nei piatti che compongono i loro menu, forse non è questo il caso
E' un menu che comprende tecniche molto diverse

07 Nov 2012 | ore 18:31

Che grande paese la Francia, in Italia con 25.000€ non si apre nemmeno una bancarella di olive e lupini.

08 Nov 2012 | ore 09:46

Mi piace Colagreco, mi piace il suo Mirazur. Che vista meravigliosa, accentua ancora di più la bontà dei suoi piatti.

09 Nov 2012 | ore 17:14

Si, loro accolgono sempre al meglio i grandi talenti, storicamente, la libertà d'espressione è salvaguardata. Massima libertà, però ricordarsi di pagare quei 6 o 7000 euro al mese d'affitto e tutte le tasse. Ma in un sistema che evidentemente funziona, anche se stai ad un metro dalla frontiera.

09 Nov 2012 | ore 19:15

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Risotto_barbera.jpg Risotto alla barbera

Il cielo è più grigio e la temperatura è calata, è tempo di piatti caldi e...


ultimi commenti

  • Alessandro - Lo stato italiano dovrebbe finanziare le banche ancor piu'...
  • piermiga - Quando Antonella entrò nel camerino lui era seduto e...
  • Raffaele - Mi tocca essere d'accordo con Gumbo Chicken!!!...
  • Roberto Bentivegna - :( Non più tardi di qualche mese fa ti...
  • gumbo chicken - Vista l'insensibilità del commento di Tristano - che condanna...
  • Tristano - Che strana gente è quella che si occupa di...

ultimi post

20
Gen
Una rosa bianca per il Maestro Abbado - Foto ANSAE' morto alle 8,30 del...
18
Gen
Prendere esempio da Ducasse? No, l'esempio sono i fratelli Roca - Avevano già le tre stelle Michelin...
16
Gen
Fool racconta l'Italia del cibo. Un po' come te l'aspetti, ma anche no - E' uscito Fool n. 4 dedicato...
14
Gen
La grande bellezza di Roma che piace agli stranieri e non agli italiani - La grande bellezza è un bel...
09
Gen
Aprire è un po' morire - Lo sai che Piripicchio ha aperto...
07
Gen
Spaghetti alla bolognese made in New Zealand - Venti giorni senza cucina italiana a...
04
Gen
15 giorni da Valerio M. Visintin senza passamontagna, occhiali e guanti neri - Lo sognavo da tempo ma in Italia...
04
Gen
Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina - Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli...
Pici_1.jpg Pici con le briciole

Dopo tanto sud torniamo nell'Italia Centrale, in Toscana, per raccontare una bella ricetta semplice e popolare,...


ultime letture

IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


IMG_0522.jpg Gianni Brera, il grande padano

Ho ripreso in mano La pacciada, il...


Twitter
Friendfeed