13
Dic 2012
ore 16:17

Approfittare del Natale per acquistare libri di gastronomia belli

< >

IMG_4090.jpg

Io fossi in voi sfuggirei le strenne, i libroni pieni di foto di piatti pornografici, l'attualità modaiola del cuoco televisivo di turno.
Magari proverei nei grandi negozi di libri usati alla ricerca di titoli curiosi e belli per chi ha voglia di approfondire la storia della gastronomia.
Sempre che la gastronomia e la sua storia vi interessi veramente e non sia solo una questione di ricette da cucinare per gli amici e fare bella figura.

Magari incominciando con Storia dei generi voluttuari - Spezie, caffè, cioccolato, tabacco, alcol e altre droghe di Wolfgang Schivelbusch, Bruno Mondadori 1999
L'autore è uno dei più importanti storici tedeschi e già dalla lettura dell'indice si capisce il taglio della pubblicazione: Il caffè e l'etica protestante - Cioccolata, cattolicesimo e Ancien Régime - L'asciutta ebbrezza del tabacco - La rivoluzione industriale, la birra e l'acquavite - I paradisi artificiali del XIX secolo, l'Oppio il proletariato e la poesia.

Quante volte avrete sentito nominare Apicio senza ben sapere situarlo e senza averlo mai letto.
Ecco allora Apicio L'arte culinaria - Manuale di gastronomia classica, Tascabili Bompiani, € 9,00 Il libro è interessante perché è un documento che fa capire la società del basso Impero Romano, ha un'introduzione importante e vi narra la storia di Marco Gavio soprannominato Apicio, nato forse il 25 a. C. erede di un enorme patrimonio sperperato per soddisfare la sua passione per la tavola e morto suicida quando si accorge che il suo patrimonio sta sparendo e non può più mantenere lo sfarzoso stile di vita.

Il piacere onesto e la buona salute di Bartolomeo Platina a cura di Emilio Faccioli, Einaudi Editore non si può non avere nella propria libreria.
De honesta voluptate e valetudine è il titolo originale ed è la summa del sapere gastronomico nel secondo Quattrocento.
Il Platina non fornisce solo ricette ma anche avvertimenti di dietetica e di igiene alimentare e attinge a tutta la pubblicistica precedente, da Apicio a Catone fino ai grandi maestri della medicina antica.

Nella Collana I Millenni di Einaudi è uscito nel 1987 un libro importante, anche questo si trova nelle librerie dell'usato,L'arte della cucina in Italia - Libri di ricette e trattati sulla civiltà della tavola dal XIV al XIX secolo a cura di Emilio Faccioli che ci narra la nascita di una dottrina gastronomica e quindi il sorgere di una letteratura specifica.
Maestro Martino da Como, Bartolomeo Platina, Teofilo Folengo, Cristoforo Messisbugo, Bartolomeo Scappi, Vincenzo Cervio, Bartolomeo Stefani, Antonio Latini e molti altri sono alcuni degli autori di questo grosso tomo di 878 pagine che costava lire 70.000

Altro volume da avere in libreria ovvero il primo libro da acquistare se si vuole iniziare ad approfondire la storia della gastronomia è, nella bellissima collana Einaudi Storia d'Italia, Annali 13 - L'alimentazione a cura di Alberto Capatti, Alberto De Bernardi e Angelo Varni, 1998 lire 140.000
La storia dell'alimentazione italiana contemporanea, la contrapposizione tra fame e abbondanza, necessità e gusto all'interno dei quali l'Italia fa la sua rivoluzione fino alla crescita dei consumi e allo sradicamento delle tradizioni di un'Italia contadina e  della cucina regionale.

Cercare un libro tra i vecchi titoli dell'usato e magari scoprirne qualcuno a prezzo stracciato, è un grande divertimento e se volete iniziare qualcuno alla materia valutate bene il soggetto perché questi non sono libri di lettura ma sei hai passione sono libri di gastronomia belli e da leggere.

commenti 4

Lo avevo visto ai tempi dell'uscita il bel volume degli Annali dedicato all'Alimentazione ma poi mi ero fermata perché costava una cifra per me alta, 140.000 lire.
Adesso che lo vedo segnalato e mi ritorna in mente che era un bellissimo libro lo cercherò nell'usato, sempre che si trovi, perché sarebbe un grande regalo.
Per me :-)

13 Dic 2012 | ore 17:18

grazie delle dritte...

13 Dic 2012 | ore 17:33

Grazie per le segnalazioni.Che escono dalle "mode".
Segnalo il libro di Ippolito Cavalcanti, Duca e Gastronomo.
(il libro è gratis su google play)
"Cucina teorico -pratica "
con un'appendice di "Cucina Casereccia " in dialetto napoletano.
Fulgido esempio di un'aristocrazia che si sforza,anche utilizzando il dialetto,di divulgare la cultura grastronomica del tempo.Da questa parte,ho estratto due ricette per avere un assaggio.
(ma il libro è ,per la maggior parte, scritto in italiano).

1 Fritto de gra/so.
Piglia no fecato de piecoro , lo farraje a fellu:ce, doje cerveìle de piecoro, le scaure e le farraje a pezzulle, doji- paradebottune pure de piecoro , nne lieve cbella primma pella tosta, e po chiano chiano cheli* aula appriesso, li lavarrai, e li ttagli nquarto; piglia na pagnotta de pane , nne lieve la scorza , la Celle e P abbagnar-raje, po piglia ogni cosa e nfarina buono , doppo abbagnarraje co ova sbattute, a colore nnorato farraje sto bello fritto.

2 Arruste de pulle.
Piglia tre belle galline, ma de chelle giovane, e pe conoscere , mo te inparo coni' haje da fa , co l'ogna de lo dito pollice tocca la coscia de la gallina che tene lo polliere,si la pelle subito si rompe, chella è essa , si po è tosta, chella ò becchia ; le pullizzerraje bone , e le nfilarraje a lo spito e le farraje arrostcre suave suave, abbagnannole sempe co acqua, nzogna e sale.

16 Dic 2012 | ore 20:19

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Risotto_barbera.jpg Risotto alla barbera

Il cielo è più grigio e la temperatura è calata, è tempo di piatti caldi e...


ultimi commenti

  • devis assurance auto gratuit - Cette situation ne fort que moi Oegsameilleur assurance autouo,...
  • Poker - Hi my family member! I wish to say that...
  • Matteo M. D. - Le microspie possono installarle tranquillamente anche di giorno, è...
  • Stefano Bonilli - Io non uso mai la logica lombrosiana e quindi...
  • Ambrogio - Perdonate ma davvero credete a queste affermazioni? Non vi...
  • Stefano Bonilli - Sarebbe interessante capire come fanno polizia, carabinieri e guardia...

ultimi post

14
Apr
Le vite degli altri, cioè di tutti noi, spiate anche al ristorante - Una scena tratta dal film "le vite...
12
Apr
Assunta Madre, un ristorante di pesce fresco e "cimici" - Assunta Madre, Il ristorante di attricette tv,...
09
Apr
Panino, dove hanno venduto una tonnellata di pane di Matera - Fatti 50 metri, forse meno, dall'ingresso...
02
Apr
Josean Alija, il Guggenheim di Bilbao, il ristorante Nerua e la sua storia - Se non siete mai stati da...
31
Mar
Bonci fa traffico... e anche pane e pizza - Gabriele Bonci è un bravo cuoco...
26
Mar
San Carlo olet? - Non è uno spot pubblicitario ma...
25
Mar
Car sharing alla romana, quasi un'amatriciana - Dal 2008 io non possiedo un'automobile,...
21
Mar
Eataly Smeraldo, Milano vicino all'Europa - Sono stato a visitare Eataly Smeraldo...
Pici_1.jpg Pici con le briciole

Dopo tanto sud torniamo nell'Italia Centrale, in Toscana, per raccontare una bella ricetta semplice e popolare,...


ultime letture

IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


IMG_0522.jpg Gianni Brera, il grande padano

Ho ripreso in mano La pacciada, il...


Twitter
Friendfeed