21
Dic 2012
ore 03:17

Natale a 30 gradi e lontano

< >

IMG_7389.jpg

Questa volta a Buenos Aires, altre volte a Sydney o Bangkok, più spesso da solo, come il Natale di alcuni anni fa con pranzo alle Calandre, tavolo singolo ma ben accudito.
Io il Natale l'ho sempre subito e mai amato e non per darsi un tono ma perché da bambino festeggiavo Santa Lucia e Natale era solo l'occasione di un grande pranzo, i regali erano già tutti arrivati il 13 dicembre.
Poi anche il grande pranzo è cominciato ad andare stretto e alla fine, con gli anni e l'autonomia, il Natale era alzarsi presto ed essere i primi sulle piste di sci della Val Badia, quella con le strade ancora sterrate e la cabina scoperta a due posti che portava alla partenza della Gran Risa.

IMG_3923.jpg
IMG_7116.jpg

Se dici che non ti piace il Natale rischi di diventare antipatico anche perché chi ti ascolta quasi sempre dal Natale è stritolato per via dalla cena della vigilia e dal pranzo di Natale con moglie, figli, suoceri, magari qualche zia vedova e tutto il rito che si ripete abbastanza stanco.
Se vai lontano e non hai la preoccupazione della tradizione il Natale lo puoi fare in piscina, in spiaggia, in viaggio e senza televisione, benedizione papale e regali vari.
Quest'anno il mio Natale è a 12 ore di volo da Roma, +4 di fuso orario e 28° di temperatura.
Probabilmente un Natale a spasso per Buenos Aires o, se c'è il sole, in piscina a leggere e dormicchiare.
E per voi che lo festeggiate e per chi il Natale lo ama

TANTI AUGURI DAL PAPEROGIALLO


Foto di S. Bonilli

commenti 12

Mi raccomando: una visita alla bombonera è d'obbligo.

21 Dic 2012 | ore 08:32

e c'e' invece chi, come me, dalla stanca atene se ne andra' a Roma per il capodanno.

1 ora di volo e -1 ore di fuso orario

e un bel po di indirizzi golosi che mi aspettano...

consigli??

21 Dic 2012 | ore 08:58

buona milonga

21 Dic 2012 | ore 11:55

A me invece, malgrado tutto, il Natale piace ma mi piacerebbe anche allungarmi in una di quelle chaise longue davanti al mare (quella all'ombra). Auguri anche a lei direttore.

21 Dic 2012 | ore 14:04

Contraccambio gli auguri... mi piacerebbe avere una vita come la sua, per il momento me la sogno leggendo i suoi reportage qui o di là sulla GG...

21 Dic 2012 | ore 17:44

La vita come la mia arriva quando uno ha lavorato 30 anni e arriva anche per fortuna, come a dire con un po' di culo :-)) Poi, a pensarci bene, ormai viaggiare è un'arte della prenotazione, come i miei biglietti Lufthansa presi tre mesi prima e quindi a tariffa molto interessante.
Qui la mia stanza, in un bel albergo, costa $ 170, in Italia costerebbe il doppio.

21 Dic 2012 | ore 17:59

Difficile dare un consiglio sul dove andare a mangiare per Capodanno a Roma, so che Romeo, il nuovo locale di Roscioli & Bowerman fa il cenone di Capodanno, ma altri indirizzi li userei nei giorni seguenti e allora dico Roscioli di via dei Giubbonari, non mi perderei Cesare al Casaletto, andrei a visitare il nuovo locale Porto Fluviale, farei una visita a Eataly fermandomi a mangiare i panini di Ino e proverei la matriciana di Pipero al Rex.
Buone scorribande comunque :-)

22 Dic 2012 | ore 12:19

Buon natale, caro Stefano.
una sua affezionata lettrice.

24 Dic 2012 | ore 09:52

anche a me il Natale non mi piace
e per questo ti invidio
ma ti abbraccio

24 Dic 2012 | ore 17:13

Purtroppo Natale con bronchite e forse si accorcia la vacanza

24 Dic 2012 | ore 18:05

Tanti auguri Stefano!
Piermiga

24 Dic 2012 | ore 19:43

Direttore anch'io febbre e bronchite da quando siamo arrivati. Qui i termoconvettori nei motel sono micidiali. Ma resisto.... Oggi -11 a Durango... Buona permanenza al caldo, che invidio pure io ;-)

26 Dic 2012 | ore 03:43

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Risotto_barbera.jpg Risotto alla barbera

Il cielo è più grigio e la temperatura è calata, è tempo di piatti caldi e...


ultimi commenti

  • Alessandro - Lo stato italiano dovrebbe finanziare le banche ancor piu'...
  • piermiga - Quando Antonella entrò nel camerino lui era seduto e...
  • Raffaele - Mi tocca essere d'accordo con Gumbo Chicken!!!...
  • Roberto Bentivegna - :( Non più tardi di qualche mese fa ti...
  • gumbo chicken - Vista l'insensibilità del commento di Tristano - che condanna...
  • Tristano - Che strana gente è quella che si occupa di...

ultimi post

20
Gen
Una rosa bianca per il Maestro Abbado - Foto ANSAE' morto alle 8,30 del...
18
Gen
Prendere esempio da Ducasse? No, l'esempio sono i fratelli Roca - Avevano già le tre stelle Michelin...
16
Gen
Fool racconta l'Italia del cibo. Un po' come te l'aspetti, ma anche no - E' uscito Fool n. 4 dedicato...
14
Gen
La grande bellezza di Roma che piace agli stranieri e non agli italiani - La grande bellezza è un bel...
09
Gen
Aprire è un po' morire - Lo sai che Piripicchio ha aperto...
07
Gen
Spaghetti alla bolognese made in New Zealand - Venti giorni senza cucina italiana a...
04
Gen
15 giorni da Valerio M. Visintin senza passamontagna, occhiali e guanti neri - Lo sognavo da tempo ma in Italia...
04
Gen
Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina - Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli...
Pici_1.jpg Pici con le briciole

Dopo tanto sud torniamo nell'Italia Centrale, in Toscana, per raccontare una bella ricetta semplice e popolare,...


ultime letture

IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


IMG_0522.jpg Gianni Brera, il grande padano

Ho ripreso in mano La pacciada, il...


Twitter
Friendfeed