04
Gen 2014
ore 17:21

15 giorni da Valerio M. Visintin senza passamontagna, occhiali e guanti neri

< >

replicas-the-phantom-full-costume-[2]-4274-p.jpg

Lo sognavo da tempo ma in Italia era difficile metterlo in pratica così ho preso due o tre aerei - pagando una notevole cifra il non scontato biglietto, viste le vacanze natalizie - e sono andato a pranzo e cena a Sydney, Bondi Beach, Auckland, Devonport da vero V.M.V, solo ed autentico esemplare di critico gastronomico esistente.
Abituato ad essere salutato e omaggiato ho finalmente scoperto la bellezza quasi mistica della solitudine del vero critico che entra, si siede, ordina, mangia, memorizza, non prende appunti e non fa foto per non destare sospetti.
Essendo l'unico a non fare foto ho subito insospettito il cameriere indiano del ristorante australiano di cucina Thai.
Quasi a bruciapelo mi ha chiesto, mentre serviva la birra in boccale:

Are you an Italian journalist?

Confuso, imbarazzato e avendo capito che la fama del Nostro era arrivata fino alla Baia dove si specchia la Opera House, ho bofonchiato:

I'm from Barcellona... and I love Messi!

Sistemata così la faccenda, nel secondo ristorante mi sono presentato con Canon Mark III e obiettivo 70-100, quaderno di appunti, camicia a fiori, braghe corte e sandali.
Scambiato in tal modo per un turista messicano ho aggirato il tam tam di allarme che si era già sparso tra Sydney e Melbourne, le due capitali australiane del cibo.
Le telefonate intercorse tra i vari ristoratori pare fossero di questo tono:

It seems that The Phantom is here!!!!

E così i miei pranzi e le mie cene si sono rivelate un inferno e via via ho dovuto interpretare la parte dell'emigrato svizzero, assai improbabile, dello scozzese in kilt e cornamusa, del barbiere greco in cerca dei parenti, del fazendero brasiliano disposto all'avventura, del professore di Praga esperto di Kaf-fè cercando ogni volta di seguire gli insegnamenti del grande Peter Sellers.
Appena mormoravo qualche parola in italiano attorno a me si faceva un silenzio imbarazzato e io dovevo rientrare nel personaggio che interpretavo in quel pranzo o quella cena.

Salito al fine sul volo di ritorno in Italia sono piombato in un sonno profondo e mi sono svegliato solo al momento dell'atterraggio a Fiumicino.
Mentre la lunga fila dei passeggeri si avviava lentamente verso il portellone di uscita ho sentito una hostess dire distintamente:

Goodby Mister Visintin

Ho cercato di arrivare il più presto possibile all'uscita e tutto quello che sono riuscito a vedere quasi alla fine del finger è stato un uomo col cappello indossato sopra il passamontagna.
Ho corso, ho guardato la fila al controllo passaporti, quella riservata agli equipaggi, quella degli extracomunitari, nulla da fare, ancora una volta The Phantom me l'aveva fatta.
Ma allora era vero, era lui che si aggirava per i ristoranti di Sydney e dintorni seminando il panico tra gli addetti ai lavori del cibo e della carta stampata.
Diavolo di un Valerio M. Visintin...


commenti 18

Innanzitutto l'ironia dell'articolo non è mai sfociata in sarcasmo : e questo è da sottolineare
,vista la lunga serie d'insulti che MVVisintin ha preso, specialmente da suoi colleghi ed addetti al lavoro.
Penso, come ho già detto più volte, che l'anonimato sia una garanzia in più, per il pubblico, di onestà intellettuale.
Ma di Visintin ho sempre apprezzato di più(e sottolineo di più) due cose :
1 lo stile di scrittura
2 il "contenuto" di alcune sue opinioni sul
"mondo del cibo"(non mi soffermo, ora, per analizzarle).Sono opinioni che vanno "controcorrente" "anticonformistiche", a volte, isolate.E, per questo, ferocemente invise al "sistema enogastronomico italiano".

In certi post ho intravisto anche in Bonilli queste "opinioni fuori dal coro" e le ho qui molto apprezzate.
Ma non durano molto nel tempo.

04 Gen 2014 | ore 08:58

A me Visintin piace quando, come si suol dire, non se la tira.
L'ultimo intervento lo trovo imbarazzante perché non esercita il mestiere del cronista ma spiega a noi umani come deve andare il mondo, cioè il suo mondo.
A me dell'anonimato non frega nulla perché faccio un altro mestiere e ho una storia totalmente diversa dalla sua.
Penso ci sia posto per tutti, non ho motivi di sarcasmo o peggio, mi piace scherzare e vedo con preoccupazione che invece il nostro eroe dimostra di provare rancore nei confronti di chi osa scherzare su di lui e comunque resto della mia idea: uno che va alla presentazione di un suo libro con passamontagna, occhiali neri e guanti neri non ha il senso del ridicolo o è Totò.
E lui non è Totò

04 Gen 2014 | ore 11:09

In questo concordo con te, Stefano.
Credo che Visintin scriva davvero bene, facendo anche uso di sottile ironia, cosa che a me piace molto e infatti lo leggo sempre con piacere.
Tuttavia, avendo letto anche il suo ultimo libro e pur trovandomi d'accordo con lui riguardo l'opportunità dell'anonimato in alcuni casi, trovo però che il suo disconoscere chi opera in un modo diverso dal suo, sia fuori luogo.
Ci sono diversi modi di esercitare il lavoro di "critico gastronomico", soprattutto nel senso più ampio del termine, il suo richiede sicuramente l'anonimato, perché è garanzia di giudizio libero e sereno, ma ci sono tanti e tanti altri modi di raccontare un'esperienza, un piatto, una cena, un luogo.
Senza poi trascurare che ognuno ha la sua storia, un suo percorso, e se passasse per tutti "il metodo Visintin" non esisterebbe, probabilmente nel bene e nel male, tutto quello che è stato fatto in ambito gastronomico negli ultimi trent'anni, compreso quanto di importante hai saputo fare tu.

04 Gen 2014 | ore 13:14

boh, c'è una cosa che mi sfugge da sempre in questa querelle annosa: qualcuno ha api preteso ch Quadri andasse in anonimo ad una piece? o che Bonito Oliva non fosse amico e sodale di Cucchi, Di Clemente, Chia e co (la transavanguardia)? O ancora che Thompson si mascherasse per entra al CBGB? Persino Adam Platt ha recentemente abiurato all'anonimato. Credo che la critica sia da sempre vicina al suo oggetto, che la sua funzione sia anche quella di ausilio e specchio, lo è da sempre, non serve avere letto Lukacs (ma magari aiuta ;))... Piuttosto quello che vedo con crescente sospetto è che la critica gastronomica italiana non eserciti il diritto di critica negativa, il famoso adagio del non si parla piuttosto, ma non si parla male, secondo me sta mostrando il suo limite, con il rischio del famigerato "sistema gelatinoso", la critica gastronomica, dovrebbe iniziare a prendere i suoi rischi e a separare il grano dall'Oglio, e per fare questo la faccia sarebbe importante, sono buoni tutti a criticare sotto nickname... ;)
ciao A

04 Gen 2014 | ore 13:50

uno che va alla presentazione di un suo libro con passamontagna, occhiali neri e guanti neri non ha il senso del ridicolo o è Totò

Perché, uno che vuole mantenere anonima la propria faccia come dovrebbe andare? mettendo i manifesti elettorali 200x300?

mah...

04 Gen 2014 | ore 14:39

Sempre che non sia il subcomandante Marcos, o Kriminal dopo un drastico cambio di carriera!

04 Gen 2014 | ore 15:57

Sempre che non sia il subcomandante Marcos, o Kriminal dopo un drastico cambio di carriera!

04 Gen 2014 | ore 16:01

Onestamente trovo il post divertente ed ironico. Vorrei solo che tutti i critici in erba e quelli ormai 'avviati' descrivessero non solo i piatti ma tutto quello che compone una serata o un pranzo all' interno di un ristorante, stellato o no che sia.

04 Gen 2014 | ore 16:01

Posso chiederti se sei il Marco Torri di Semplice e Novikov?

04 Gen 2014 | ore 17:24

Bonilli, che noia. E' brutto essere drop-out, vero? Non ti segue più nessuno.

04 Gen 2014 | ore 19:35

:-)

04 Gen 2014 | ore 19:44

Basta fare come il critico francese Francois Simon, del quale nessuno ha mai visto il volto e di cui non esistono foto, che ha scritto bei romanzi, saggi e guide, in totale fino ad oggi 35 pubblicazioni: non fare la presentazione dei libri o farla fare ad altri.
Ma vuoi mettere entrare col passamontagna... come diceva Moretti, mi si nota di più ... :-D

04 Gen 2014 | ore 20:02

Ma dai, e' solo un innocuo tocco di umoristica teatralita'.
Certo che di critici anonimi ce ne sono pochi: VMV in Italia, Simon in Francia, la Marina o' Loughlin del Guardian qui in UK, e in US Platt che pero' era un finto anonimo. Tutti qui o sono io che non li conosco? Famosi, dico, non noi, il grande popolo di Tripadvisor :)

04 Gen 2014 | ore 21:32

sulla credibilità delle guide, blog, ng ecc s'è scritto tanto, sulla credibilità ed autorevolezza degli autori s'è scritto meno ma cmq a sufficienza, quindi faccio solo notare che ognuno ha il proprio target e a quello si rivolge scegliendo ie modalità che ritiene opportune, così come credo sia ovvio che chi legge V. non legga lei o altri del suo calibro. periodicamente tira fuori articoli così, sinceramente non capisco mai sei è un modo per ottenere autorevoli interventi o se più semplicemente è la parte del "vecchio brontolone" quella più ancorata alle tradizioni, che ogni tanto prende il sopravvento. take easy.

05 Gen 2014 | ore 10:52

Dio mio ma la vita è anche scherzo, divertimento, smorfie, linguacce.
Su, si tolga l'abito grigio e allenti il nodo :-)
Io ho già dato, e non poco, non devo rappresentare nulla e nessuno e se ho voglia di sfottere qualcuno lo faccio.
Peace and Love, come si diceva a Frisco ai miei tempi :-))

05 Gen 2014 | ore 11:49

Beh ! divertente il fatto che ,'quasi', il primo pensiero dell'anno sia dedicato al nostro in passamontagna . Bonilli e Visintin sono due cose diverse e parlano di cose molto diverse , Visintin parla di cibo , ma non lo descrive Bonilli descrive quello che mangia e parla meno di cibo . Visintin : .... Bonilli : .....In fondo non ci vuole molto ad essere anonimi , su questo sono d'accordo , Ti riconoscono solo se ti seguono o sei nel giro . Non ve lo raccontate a vicenda , voi due, ma io di blog che parlano di cibo leggo quasi esclusivamente voi due , a parte davide cassi e pochi alri . E non me ne volete se tra i miei gusti ci sono cose che nessuno dei due menziona nè sembra apprezzare ...... .
mi fermo quì perchè quel :"se è una sciocchezza posso cancellarlo" mi intimorisce :D

05 Gen 2014 | ore 14:15

gentile bonilli, la rispetto assai più per ciò che è stato (so che la circostanza non le leverà il sonno né le guasterà la digestione). buon anno.

05 Gen 2014 | ore 15:05

Mi sono appena svegliato, no problem, viaggio in un altro fuso orario.
Buon anno :-)

05 Gen 2014 | ore 19:11

scrivi un commento

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza posso cancellarlo. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un breve messaggio per avvisarmi, appena posso recupero tutto.

Risotto_barbera.jpg Risotto alla barbera

Il cielo è più grigio e la temperatura è calata, è tempo di piatti caldi e...


ultimi commenti

  • devis assurance auto gratuit - Cette situation ne fort que moi Oegsameilleur assurance autouo,...
  • Poker - Hi my family member! I wish to say that...
  • Matteo M. D. - Le microspie possono installarle tranquillamente anche di giorno, è...
  • Stefano Bonilli - Io non uso mai la logica lombrosiana e quindi...
  • Ambrogio - Perdonate ma davvero credete a queste affermazioni? Non vi...
  • Stefano Bonilli - Sarebbe interessante capire come fanno polizia, carabinieri e guardia...

ultimi post

14
Apr
Le vite degli altri, cioè di tutti noi, spiate anche al ristorante - Una scena tratta dal film "le vite...
12
Apr
Assunta Madre, un ristorante di pesce fresco e "cimici" - Assunta Madre, Il ristorante di attricette tv,...
09
Apr
Panino, dove hanno venduto una tonnellata di pane di Matera - Fatti 50 metri, forse meno, dall'ingresso...
02
Apr
Josean Alija, il Guggenheim di Bilbao, il ristorante Nerua e la sua storia - Se non siete mai stati da...
31
Mar
Bonci fa traffico... e anche pane e pizza - Gabriele Bonci è un bravo cuoco...
26
Mar
San Carlo olet? - Non è uno spot pubblicitario ma...
25
Mar
Car sharing alla romana, quasi un'amatriciana - Dal 2008 io non possiedo un'automobile,...
21
Mar
Eataly Smeraldo, Milano vicino all'Europa - Sono stato a visitare Eataly Smeraldo...
Pici_1.jpg Pici con le briciole

Dopo tanto sud torniamo nell'Italia Centrale, in Toscana, per raccontare una bella ricetta semplice e popolare,...


ultime letture

IMG_2291.JPG Viaggiare in aereo con 200 romanzi, saggi e libri di cucina

Leggendo sul New York Times alcuni autorevoli pareri...


Ferricuoco.JPG Maria Antonietta Quaresima ovvero Marie-Antoine Careme detto Antonin

Poco tempo fa parlavo con un giovane...


IMG_0522.jpg Gianni Brera, il grande padano

Ho ripreso in mano La pacciada, il...


Twitter
Friendfeed